La Zia Zitella ( 1° Parte )

Scritto da , il 2012-06-18, genere prime esperienze

La Zia Zitella (1° Parte)

Mi chiamo Marina ho poco più di quaranta anni , sono ben fatta , rossa di capelli e , devo dire sono abbastanza carina, ma sono “zitella “e la cosa, devo dire, mi pesa un po’, in verità ho una esistenza piena di rimpianti per le occasioni mancate e per il fatto che alla fine mi ritrovo da sola e senza un affetto ,un compagno vicino . Penso sempre che in fondo sono molto più bella di tante donne che pur essendo , diciamoci la verità un po’ bruttine, si trovano sposate e sistemate , una di queste è mia sorella Anna che è sicuramente molto meno bella di me , però si ritrova con un bell’ uomo per marito. Vivo in casa con mia sorella e la sua famiglia , lei è più grande di me ed essendosi sposata molto giovane si ritrova oggi con figli già grandicelli : Giulio di diciotto anni e Chiara di 15 . Io in questa casa in effetti ho la mia autonomia ,anche se economicamente dipendo da mia sorella non avendo alcun reddito ad eccezione di una piccola pensione sociale . Ho una mia stanza e devo dire sono trattata bene , e per i ragazzi sono come una sorella maggiore e ho, anzi avevo , tutto il rispetto dovuto .
Dico “avevo” perché ci sono stati una serie di episodi che hanno cambiato il corso della mia vita e mi hanno portato ad una nuova situazione di rapporto difficile specialmente con il ragazzo più grande : Giulio .
La storia che sto per raccontare inizia quando una sera rimasi sola in casa con mio nipote e lui, con una gran faccia tosta, si rivolse verso di me dicendo che aveva scoperto la mia relazione con suo padre , mio cognato , e che aveva le prove ,foto e filmati, disse che ormai erano mesi che mi sorvegliava e aveva capito tutto . Io rimasi di stucco ,senza parole ,inebetita con lo sguardo nel vuoto . In effetti era vero, un paio di volte solamente di notte mio cognato era venuto a trovarmi nella mia camera approfittando del sonno pesante di mia sorella e del fatto che avevamo un po’ bevuto troppo a cena , ma furono episodi senza significati per di più rapidi ,furtivi ed eccezionali . Immediatamente io negai tutto e quasi mi sentivo offesa da queste insinuazioni , ma Giulio con un sorriso beffardo mi mostrò delle foto agli infrarossi inequivocabili . Sentii il mondo crollarmi addosso , pensavo alla reazione che avrebbe avuto mia sorella ,cominciai in un attimo a prefigurarmi quello che poteva accadere , mi videvo cacciata di casa , con mio cognato . un tipo senza spina dorsale, non mi avrebbe minimamente difeso , pronto ad accettare senza discutere qualsiasi decisione di mia sorella . Cominciai a piangere e disperarmi con lo sguardo a terra e piena di vergogna con gran confusione nella testa . Lui venne verso di me e mettendomi una mano sulla spalla , disse …” Non ti preoccupare zia , non mostrerò a nessuno , proprio a nessuno, questi documenti , .... diciamo che abbiamo un piccolo segreto in comune …. Non temere c’è un sistema per liberarti di questo incubo e risolvere il problema … dipenderà solo da te , … domani, con calma, ne parleremo e, vedrai, … che , ….. se tu vuoi , una soluzione ci sarà sempre” …. Erano parole all’apparenza rassicuranti , ma come potete capire , nascondevano un disegno ricattatorio che non tardò ad emergere quando il giorno dopo io e lui ci sedemmo in un bar del centro a prendere un aperitivo . ….” Vedi zia , noi siamo una bella comitiva composta da sette otto ragazzi ,tutti circa della mia età , e ci piace divertirci , … no! Non fare quella faccia , non devi preoccuparti , …. quello che a noi piace è vedere gli “spogliarelli” delle signore per bene , ecco cosa vogliamo da te , … noi distruggeremo tutto il materiale che abbiamo in cambio del fatto di vederti nuda avanti a noi una di queste sere . Non temere , nessuno saprò niente , sono piccole festicciole innocenti che noi organizziamo e delle quali non resta traccia , già abbiamo fatto questa esperienza con la matrigna di uno di noi e poi , un’altra sera ,con la sorella grande di un altro ed è andato tutto benissimo , per noi e per le signore” …. Rimasi di senza parole , non sapevo cosa dire , accennai qualche parola ma senza senso , lui continuò …. “ Vedi zia ,ti prometto che ci limiteremo a guardarti , non ti toccheremo con un dito senza il tuo consenso …. in questo momento i miei amici sono qui mescolati tra la folla del bar e già mi hanno fatto cenno della loro approvazione , tu piaci e sono desiderosi di “conoscerti meglio”, …. Questa frase fu un altro colpo , mi sentivo osservata e forse spogliata con gli occhi , mi feci tutta rossa di vergogna e cominciai ad agitarmi , feci l’unica cosa che c’era da fare in quel momento , presi tempo , gli dissi che ci avrei pensato e che ne avremmo riparlato il giorno dopo , in quel momento ero troppo nervosa e volevo andarmene a casa , pagai il conto , gli diedi ,da brava zia, due bacetti, sulla guancia e salutai , avviandomi verso casa , però di nascosto ritornai da una via laterale e lo spiai da lontano , c’era al mio tavolo con Giulio una mezza dozzina di ragazzi, tutti della sua età ,che confabulavano e ridacchiavano con entusiasmo . Erano tutti bei ragazzi , ben piantati e carini , rimasi un po’ a spiarli e poi me ne andai .
Tornai a casa con il cervello in fiamme , non sapevo cosa fare , e mi accorsi mio malgrado che non avevo solo il cervello in fiamme , anche le mie parti intime , cominciavano a farsi sentire , sentivo uno strano calore che saliva dal mio basso ventre e si irradiava per tutto il corpo per il seno fino al collo , sentivo i capezzoli irrigidirsi e il sesso inumidirsi , il solo pensiero di quello che avrei dovuto fare mi dava un strano piacere non controllabile , più pensavo all’esibizione che andavo a fare ,più provavo turbamento e piacere . Basta , decisi di non accettare , succedeva quel che succedeva , però proprio mentre decidevo di mandarli a quel paese , mi ritrovavo a scegliere mentalmente il tipo di biancheria intima che avrei messo , mentre pensavo come cacciarli via , stavo comprando tutti i prodotti per il corpo per apparire più bella , tipo creme depilatorie , cerette ecc. , alla fine capii che mentre il cervello diceva di no il mio inconscio moriva dalla voglia di farlo , mentre la mente decideva di lasciarli perdere ,la mia natura mi gridava internamente di farlo , scoprii di avere un istinto esibizionista che alla fine ebbe i sopravvento e decisi di accettare tutto quello che mi avevano chiesto .
Il giorno dopo Giulio venne in camera mia , e senza mezzi termini disse solo … “ e allora ? “ cercai di portarla per le lunghe , dissi che io lo avrei fatto però non potevo farlo, potevo eventualmente farlo solo per lui, se voleva, perché mi vergognavo , avanti a tanta gente , ma fu irremovibile , disse che era proprio il pudore “ per bene “ che faceva la cosa più eccitante ,e che non dovevo preoccuparmi che erano tutti ragazzi per bene , gli dissi pure che provocandoli in questo modo potevano pure perdere il controllo e “saltarmi addosso “ , insomma avevo paura , lui subito mi tranquillizzò dicendo che nessuno aveva intenzione di fare sesso con me , loro avevano le loro ragazze , anzi questi spettacolini servivano proprio per eccitarsi al massimo per poi “sfogare alla grande la sera con le loro donne , alla fine , calai gli occhi e dissi con un filo di voce ,…” va bene, … , allora cosa devo fare? , dove si deve andare ? “ rispose euforico , … “ brava Zia , domani sera alle sei a via /…/ numero /../ è una casetta isolata e tranquilla con ingresso dalla strada , dove abita il mio amico Luca , mi raccomando , fammi fare bella figura , ho detto che sei grandiosa ed eccezionale , non deluderci , …. , a proposito mettiti biancheria sexy e reggicalze , … ciao a domani , grazie Zia … ! “
Arrivai puntuale , fui accolta con molta educazione , avevo un notevole imbarazzo , si vedeva che ero arrivata timidamente e un po’ impaurita ,loro facevano di tutto per mettermi a mio agio , c’erano un sette ,otto ragazzi , mi trattarono con molto garbo , mi offrirono da bere e dei pasticcini che avevano preparato , una musica di sottofondo rendeva l’ambiente più carino anche se già lo era di suo , si cominciò a parlare del più e del meno , loro mi davano rigorosamente del “ lei” e devo dire che la situazione mi dava una certa eccitazione , anche perché stavo un po’ esagerando nel bere . A un certo punto, il volume della musica cominciò a salire , le luci divennero più basse , solo una poltrona al centro della stanza venne fortemente illuminata con dei fari , venne al centro mio nipote e disse ad alta voce , … Allora ragazzi , vogliamo cominciare ? , forza Zia , avanti , datti da fare , se no perché sei venuta?, … era giunto il momento , mi feci tutta rossa , mi fecero mettere al centro della stanza , abbassai lo sguardo e con un fil di voce sussurrai ….”e va bene , ragazzi , però avete promesso che non mi toccavate , mettetevi tutti lì di fronte sul divano e io farò quello che mi dite , però senza esagerare “… ovviamente non ci entravano tutti , alcuni si sedettero altri si misero in piedi a fianco o attorno al divano , dalla parte mia rimase solo la poltrona dove mi sedetti . …” zia , dicono che vogliono innanzitutto vedere le gambe “ mi alzai in piedi piena di pudore e pian piano cominciai ad alzare la gonna , apparvero le ginocchia ,le gambe ben tornite , le cosce con il reggicalze fino all’attaccatura delle mutandine , e mi fermai , Giulio subito disse , …” avanti zia continua , voltati , gira un po’ … comincia a girare su te stessa , … fatti vedere bene . … insomma le vuoi mostrare queste belle mutande? , o no ? “ , alzai la gonna fino alla cintola e cominciai a girare ancheggiando un po’ , poi slacciai la cerniera laterale e feci cadere la gonna a terra , con un calcetto la lanciai verso di loro , rimasi in mutande che erano anche leggermente trasparenti nere e si intravedevano il piccolo triangolo di peletti pubici , mi vergognavo da morire , anche perché arrivò un altro ordine , …” Signora , si tolga la camicia , piano piano , forza , non abbia pudore . …” cominciai a sbottonarmi lentamente , fino a toglierla del tutto , cominciavo eccitarmi molto e da sotto cominciavo a bagnarmi , ero piena di vergogna e temevo che vedessero le mutandine bagnate , ero rimasta con solo la biancheria intima , slip reggiseno e reggicalze oltre ovviamente alle calze velate nere un po’ retrò con la cucitura posteriore . Mi arrivò pure qualche commento sussurrato , tipo , …” Giulio , ma sai che tua zia è proprio “bona “ , “ oppure … “ ma trasuda sesso da tutti i pori , …. , Guarda è già tutta bagnata sotto , … diciamoci la verità tua zia è un po’ puttanella ,… “ l’ ultima frase fu quella che doveva offendermi di più però sortì l’effetto di farmi eccitare maggiormente, poi arrivò ancora un’ altra disposizione , …” forza con il reggiseno , signora , … ma insomma non ci faccia dire a noi , vada avanti lei come le dice il suo istinto esibizionista e le sue capacità sexy , non aspetti i nostri ordini , ci faccia vedere tutta la sua natura la sua depravazione …” questa ultima frase mi fece capire che ero ancora troppo imbranata , mi fermai , e abbassai gli occhi e sussurrai , “… non ci riesco , ho troppa vergogna , …” allora quello che sembrava il capo del gruppo disse , ....” Uffa , signora , ma che cazzo è venuta a fare? , anzi , ripeto , …. Grande puttanona , ma che cazzo sei venuta a fare? , spogliati e non rompere , e fallo con molta sensualità altrimenti ci arrabbiamo,…” questo scatto, da un lato mi fece vergognare ancora di più , ma dall’altro mi provocò una certa eccitazione , che mi portò ad una nuova scarica di umori vaginali che mi inzupparono le mutandine , ero rimasta ferma a guardare nel vuoto portandomi le mani a coprire la mutandina sul pube , quando intervenne Giulio , …” calma calma ragazzi , si vede che è un po’ timida , però vi assicuro che se riusciamo a liberarla , verrà fuori una gran puttanona , vedete infatti come si sta sciogliendo sotto ? , avanti facciamo come facemmo con Rita la sorella di Tobia , mi metto io vicino a lei ad aiutarla e vedrete che, come avvenne con Rita, si rivelerà tutta la sensualità da grande zoccola . … “
Venne vicino a me e mi sussurrò , un po’ arrabbiato , …”ssss.. ti avevo chiesto di farmi fare bella figura e invece mi stai tradendo , … forza non ti abbattere c’è tutto il tempo per recuperare , forza mettici tutta la tua sensualità e vai avanti .. ssss.”… poi ad alta voce …” Ora mi metto qui accovacciato e cerco di aiutarla … le darò qualche consiglio su cosa fare ” si mise vicino alla poltrona a terra , la musica ricominciò a salire e io seminuda come ero iniziai nuovamente ad accennare qualche passo di danza , Giulio da dietro cominciò a sussurrarmi dei consigli che io puntualmente eseguivo suscitando finalmente l’interesse dei presenti . ora vi racconto lo spogliarello attraverso i suoi consigli che venivano sussurrati in modo che solo io li potessi sentire .
….Avanti ,zia Marina , su , girati , comincia ad ancheggiare , su , su , più forte , sculetta , fa vedere che hai un gran culo , ora voltati spalle al pubblico continua ad ancheggiare e porta le mani dietro la schiena alla fibbia del reggiseno , continua a sculettare ti ho detto , forza su , sgancia e buttalo in aria all’indietro verso i maschi che ti stanno guardando , sculetta più forte , fa capire che piace anche a te , ora girati pian piano , … no , no non coprirti le tette con le mani , falle vedere , … togli le mani su non farti pregare , ecco così brava , ti sei fatta rossa in faccia , ma non ti preoccupare questo è un fatto più sexy , … ora porta le mani sopra la testa e fai danzare le tette , vedi come si stanno arrapando i maschi , e credo che ti stai arrapando anche tu , non negare che si vede da come sono turgidi e duri i capezzoli , ora abbassati un po’ in avanti e fa dondolare le zizze , ecco così brava , non ti fermare , senti che bell’applauso è arrivato , adesso metti le mani a coppa sotto le tette , alzale verso l’alto , come se le volessi offrire al pubblico , vai verso di loro per farle vedere bene , fa vedere come sono ritti i capezzoli , vai un po’ avanti e indietro , continua ad ancheggiare , quando torni sculetta in maniera provocante , poi girati sempre offrendo le tette al godimento dei maschi. Ora tira una tetta verso l’alto e vedi se ci arrivi a leccare il capezzolo , tu le hai belle grandi sicuramente ci arrivi , … brava così continua con l’altra tetta , ma sei proprio brava , si vede che ti stai eccitando , ti piace leccartele , eh? …. Bravissima , ora rimetti le mani sopra la testa e sbattendo il tronco fai danzare queste grandi zizze che hai , va di nuovo verso di loro e fa vedere come le fai danzare fatti un altro passaggio , su forza vai , puttanella mia .
Feci vedere bene le tette , con i capezzoli tesi e dritti e poi tornai verso la poltrona sculettando , ci furono diversi commenti che riuscii a percepire , sembravano degli insulti , ma io li sentivo come complimenti …” Grande Marina, che puttanona che sei , …. Certo che hai delle tette imperiali , … , lo sapevo che bastava poco per farti sciogliere , … ah ah in tutti i sensi , guardate come si sta sciogliendo da sotto la Porca , … Signora le faccia ballonzolare ancora un po’mi piace assai vedere una signora per bene far queste cose , ”… da dietro Giulio ricominciò con i consigli sussurrati , …
Avanti Zia , forza ora voltati con le spalle al pubblico e metti i pollici nell’elastico delle mutandine , continua ad ancheggiare , forza che hai un gran culo , poi incorniciato così dalle giarrettiere diventa bellissimo , abbassa pian piano le mutandine , … avanti , cosa aspetti , ricominci ancora con la vergogna , forza , senti, è arrivato un altro applauso di incoraggiamento , e .. dai forza abbassa queste mutande che hai un culo che è meglio delle tette , ecco , finalmente da brava , calale fino a metà coscia , non di più è più sexy , che gran culo che hai , forza ancheggia fai vedere che sei una gran puttana , ancheggia , sculetta che li stai mandando in visibilio ,ora datti qualche pacca sul sedere da sola , fai bene sentire i “ciaff”, brava , sei grande zia . ora metti le mani sopra la testa e continua ad ancheggiare . adesso lentamente girati e fa vedere il davanti , attenta a non far cadere le mutande a mezza coscia , … forza bella , cosa aspetti , … uffa, di nuovo con questa storia della vergogna , forza non temere , non fa niente che si vede che sei tutta bagnata sotto , si lo so che ti cola in mezzo alle cosce , significa che sei tutta arrapata e questo va tutto a tuo merito , di grande zoccola , ecco brava ti sei girata ,ma che cazzo fai , … leva quelle mani dal pube fai vedere quella bellissima fica dai peletti rossi , … leva le mani ti ho detto , … ecco brava metti le mani sopra la testa , non dimenticare di continuare ad ancheggiare che la fica sembra più bella . … senti i commenti come i maschi apprezzano il tuo spogliarello , … fai cadere le mutande ai piedi e liberatene , bravissima , le hai gettate con un calcio verso il pubblico , sei proprio grande . fatti un’altra passeggiata verso il pubblico , vedi ti stai liberando pian piano da tutti i tabù , su vai , sculetta un po’ tutta nuda e poi torna qui . siediti sulla poltrona e allarga le gambe per far vedere ben il gran ficone che hai , carissima “zia zoccola” , io torno tra il pubblico penso che sei ora abbastanza eccitata e spudorata da poter fare da sola .

Questo racconto di è stato letto 1 4 8 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici femdomracc erotracconti di cazzierotici racvontii racconti di milu incestoracconto sessoerotic raccontistorie analigay racconti eroticifisting raccontimoglie inculata da amanteerotici raccontiracconti scambioraccontifetishracconto erotico lesboracconti erotici nudistiracvonti eroticiracconti per adulti gratisannunci69 .itracconti pornograficiracconti:eroticipiaceri analiporno racconti vericoppie raccontiporno racconti al cinemai racconti pornoracconti sesso gratisracconti erotici coppiaracconti erosracconti di sesso con suoceraracconti erotici suocera generoerotici racconti.itracconti sesserositalia raccontifoto racconti gayracconti culoracconti porno sexstorie erotivheracconto amatorialei generi dei racconti eroticiracconti erotici freeracconti erotivciracconti erotici tra fratelliracconti erotici bsxracconti incesto pornoracconti erotici lesbicierostorieracco.ti eroticipadrone bastardoprof zoccolavere storie eroticheracconti matrignaracconti sexracconti efoticiil cazzo di mio cognatoracconti erotici con anzianiracconti lesbo gratisraconti erotici 69racconti erotici estremiracconti erotici prima segastorie sessualiavventure eroticheerotici raccontiracconti incentuosiracconti eeroticii generi dei racconti gayracconti donne troiegeneri di racconti eroticiracconti erotici domesticamia suocera che troiastorie pirnoracconti muluracconti erotici di zoofiliaracconti eritici gayrqcconti eroticicognate lesbicheracconti porno di casalingheraccpnti pornoa69 raccontistorie di sesso lesboporno racconti amatorialistorie sesso incestoracconti pormostorie sex