La bella Rosina

Scritto da , il 2020-07-31, genere etero

Da un po’ di tempo andavo a prendere mio figlio a scuola per poterla vedere. Era la maestra più sexy della scuola, mi piaceva un sacco…….avrà avuto 22 o 23 anni, aveva i capelli di un bel biondo scuro, tutti a ricciolini, era incredibile il volume della sua capigliatura….si poteva distinguerla in mezzo a gruppi di persone cercando i suoi capelli. Io ne andavo pazzo. Si vestiva in modo piuttosto banale, vestitini leggeri e piuttosto corti, spesso portava degli stivaletti un po’ pesanti, almeno per la stagione, ma che le conferivano una forte carica erotica. Il viso era da brava ragazza, pulito e senza trucco, con un’espressione un pò maliziosa. Io pensavo a lei come una madonnina troia, proprio il tipo che piaceva a me. Si chiamava Rosina e soltanto guardandola da lontano mi ero preso una cotta per lei. Adoravo anche le sue tettine dritte e il suo corpo delizioso, le sue gambe snelle e mature, la forma del suo culo sempre ben disegnata sotto le sottanine leggere.

Ogni giorno cercavo di vederla, se non arrivava l’aspettavo. Insomma,in alcuni locali della zona ma anche era diventata un’ossessione per me. A 42 anni, con uno studio di commercialista, non avrei dovuto pensare alle ragazze, ma niente…..non riuscivo a schiodarmela dalla testa. La bella Rosina era diventata il mio pensiero fisso e per tutta la mattina pensavo al momento in cui, davanti alla scuola, avrei potuto vederla. Avevo anche chiesto informazioni su di lei attraverso un amico fidato che flirtava con una bidella della scuola. Sapevo che aveva una specie di fidanzato, uno studente fuori corso di sociologia che faceva parte di una compagnia di tipi poco raccomandabili. Infatti si diceva che in quel gruppo girasse la droga. Pare che Rosina trascorresse molte serate con queste persone in alcuni locali della zona, ma anche nelle bettole di campagna dove si potevano fare canti e schiamazzi, bevendo alcolici e fumando le canne.

Accidenti, quanto mi piaceva….non so cosa avrei dato per conoscerla, per poter almeno parlare con lei, solo starle vicino sarebbe stata per me un’emozione fortissima. Invidiavo questo suo fidanzato che avevo visto un paio di volte davanti alla scuola. Lui se la poteva godere a volontà….aveva la possibilità di trastullarsi con quella bella figliola così attraente, mentre io mi dovevo accontentare di guardarla da lontano e farmi un sacco di malinconiche seghe di consolazione.

“mi scusi, aspetta suo figlio?”
Ero fermo sulla mia lexus, con l’aria condizionata accesa. Con una scusa avevo mandato a casa mio figlio a piedi ed io mi ero fermato per aspettare di vedere Rosina. Avevo sentito la voce e il battito delle nocche sul vetro…..ho girato la testa e per poco il cuore non mi si è fermato…..
“i ragazzi sono andati via tutti, non c’è più nessuno”
“salve….ehm….buongiorno…..no, sto aspettando una telefonata….”
“ah….capisco…so che di solito aspetta un alunno….ho riconosciuto la sua macchina…”
“davvero?....”
“si…certo….è una lexus, non si può non guardarla, è una macchina bellissima, ce l’ha anche un mio amico, ma è un modello molto vecchio”
“se vuole può salire, così vede anche l’interno…..se vuole….naturalmente…”
“ah….si, perché no?...grazie…..io vado matta per le belle auto….mi scusi se sono un po’ sfacciata”
“non si preoccupi….ecco, venga…”

La bella Rosina stava salendo sulla mia auto….da non credere…forse stavo sognando.
Il cuore mi sbatteva nel petto e facevo fatica a parlare per l’emozione.
Ho seguito come al rallentatore le fasi della sua seduta…..prima il bellissimo culo che si accomodava sul sedile, a seguire una gamba che girandosi verso di me ha fatto risalire non poco il corto vestitino bianco. Infine la gamba destra che si è appoggiata alla sinistra andando chiudere, almeno al centro, lo spettacolo delle cosce quasi completamente esposte. Anche gli adorati stivaletti non mancavano….nell’insieme era una visione incantevole, ma anche molto erotica. Almeno, io la percepivo così…..
Si è girata verso di me sventagliando la sua lunga dotazione di riccioli biondi.

“ma è lei il dottor Cantalamessa?...il commercialista?”
“piacere, Luigino, per gli amici Gino”
“io sono Rosina. La maestra di suo figlio mi ha detto alcune cose di lei…. che ha una bella macchina e che da un po’ di tempo viene a prendere il figlio a scuola……certo che aveva ragione, è proprio un’auto di gran lusso….non capita spesso di metterci il culo sopra…….ops…mi scusi….qualche volta mi scappa qualche parola poco elegante…”
“non si preoccupi……anzi, dato che è una collega della maestra di mio figlio e che la mia macchina le piace così tanto, se vuole posso portarla a fare un giretto”
“oohh….quale onore…..beh, se non è troppo disturbo, potrebbe accompagnarmi a casa, non abito lontano, stavo per andare alla fermata dell’autobus……ho aspettato un po’ per vedere se arrivava il mio fidanzato, mi ha detto che veniva…. invece niente….non è arrivato….”

Ho acceso il motore e sono partito, prima che cambiasse idea.
“sa che cosa penso?...che il suo fidanzato dovrebbe essere più attento…”
“vuol dire più puntuale?…..o magari meno distratto o smemorato?...è vero, magari anche meno stronzo….avrà trovato qualche amico e si sarà dimenticato….non è la prima volta…”
“come si chiama il suo fidanzato?”
“Paolino…ma io lo chiamo Poldo”
“e di cosa si occupa?”
“in teoria sarebbe uno studente universitario, ma studia poco. In pratica si occupa di andare in giro a divertirsi e sostanzialmente non fa un cazzo”
“eccellente come occupazione….e lei va in giro a divertirsi con lui?...mi pare che lei….anzi, possiamo darci del tu?....
“ma certo, stavo per chiedertelo, di solito do del tu a tutti….ma tu mi metti un po’ di soggezione….”
”non è davvero il caso, sono più grande di te ma non così vecchio….allora, dove andate a divertirvi, tu e Poldo?”
“spesso in qualche locale, un paio di volte la settimana, lui ha una compagnia di amici, per lo più maschi, andiamo a mangiare, bere e fare un po’ di baldoria. Lui pensa solo a questo, se faccio dei discorsi un po’ seri lui si scazza….non vuole fare progetti, se devo dirti la verità io non sono convinta di questa relazione….è vero, lui mi piace ma credo che sia solo un fatto di chimica. Credo che mi piacerebbe molto di più se fosse diverso, più serio, meno spavaldo e maschilista…..più equilibrato, insomma….”
“invece è squilibrato?”
“un po’ lo è, purtroppo, alle volte è anche aggressivo e prepotente…..lo sai che qualche volta mi ha anche picchiata?.....tre mesi fa l’ho trovato con una ragazza, era ubriaco…….l’ho insultato e lui mi ha mollato prima un cazzotto in faccia e poi un pugno nello stomaco. Mi ha fatto vomitare…..che bastardo.
“ ti deve piacere davvero tanto se riesci a sopportare queste cose…..le donne spesso hanno questa debolezza….per amore si fanno mettere sotto i piedi…”
“in un certo senso è vero….credo che lui si approfitti di me. Per questo ti dicevo che sto valutando la situazione…non sono convinta….ecco, scusa, siamo arrivati, puoi fermarti qui. Grazie del passaggio…..anzi, se ti fa piacere puoi salire a casa mia, ti posso offrire da bere, dato il caldo che fa…che ne dici?”

Scendendo velocemente dalla macchina Rosina non ha certo badato alla sottanina già abbondantemente rialzata…..è balzata fuori con grande sventolio di gambe e cosce nude, lasciando balenare anche per un breve attimo il candore delle mutandine….cosa che mi ha procurato un brivido giù per la schiena nonostante il caldo afoso….appena scesa, si è girata lanciandomi un’occhiata difficilmente decifrabile, ma che ho istintivamente interpretato come maliziosa, come se volesse chiedermi “allora?…ti piaccio?”

Salendo le scale della palazzina vetusta e senza ascensore, continuavo a sentirmi emozionato. Stavo facendo amicizia con Rosina, il mio desiderio segreto, era il mio giorno fortunato. La guardavo salire agile davanti a me e divoravo con gli occhi il suo bel culo che ondeggiava e le gambe belle sode…anche i capelli biondi e ricci erano per me un’icona di sesso…..ah, quanto mi piaceva quella ragazza…

“che ne dici se apro una bottiglia di vino bianco gelato?......”
“a dire la verità io di solito non bevo vino…..ma magari solo mezzo bicchiere…per questa volta…”
“la vuoi una sigaretta?”
“grazie, non fumo…..”
“ti dispiace se fumo io?...se non ti dà fastidio, però…”
“no, no, fuma pure”
Ho visto che ha preso una canna e l’ha accesa, poi si è sdraiata sul divano dove ero seduto, con le gambe verso di me. Abbiamo cominciato a parlare, della scuola, dei ragazzi e di quanto le piaccia il suo lavoro. Ma alla fine l’argomento è tornato alla sua vita sentimentale. Rosina si stava aprendo con me…..

“E così mi sento davvero costretta, senza un futuro, usata….è vero che con Poldo il sesso è appagante e mi sento sempre intrigata da lui. Direi che non ne posso quasi fare a meno, forse mi piace essere sottomessa, credo che sia uno dei tipici atteggiamenti femminili…..so bene che molte donne amano essere schiave a letto, sentirsi dominate dal maschio…probabilmente anch’io ho questa debolezza. Al momento dell’accoppiamento godo e sono felice, ma poi subentra un senso di inutilità e di sconforto, soprattutto quando l’uomo è carente nel darmi sicurezza e gratificazione.
“perché mi racconti tutte queste cose piuttosto intime?....hai bisogno di aiuto?”
“non lo so…magari inconsciamente cerco un appoggio esterno alla mia situazione ingarbugliata, una via di fuga magari…..gli amici di Poldo non sono il massimo per una come me….non mi sembra gente per bene, vivono alla giornata, bevono, si drogano, per quanto ne so io un paio fanno anche di peggio…credo che spaccino….tra le poche donne che li frequentano un paio fanno le prostitute. La mia paura è anche quella che Poldo, prima o poi, mi voglia spingere su quella strada….non mi stupirebbe, credimi. E temo anche che potrei finire col cedere alla sua volontà….perdere il lavoro e rovinarmi in modo definitivo”
“capisco…..il tuo problema è piuttosto serio. Se vuoi ti posso offrire la mia amicizia e cercare di darti dei consigli per aiutarti…per quello che posso, almeno”
“un aiuto morale mi farebbe comodo, credimi….mi hanno detto che tu sei un uomo intelligente, serio, capace, equilibrato…..senza vizi particolari. E poi sei più grande, hai esperienza….un amico come te per me sarebbe davvero prezioso”

Rosina si è girata sul divano ed è venuta ad abbracciarmi, posandomi un dolce e delicato bacio sulla guancia. Ho ricambiato il suo bacio, abbracciandola teneramente e facendole posare la testa sulla mia spalla. Ero abbracciato con la mia bella Rosina, il mio sogno proibito e volevo gustarmi a fondo quel momento, volevo godere del suo profumo e del contatto con la sua guancia…con la stoffa del suo vestito…volevo sognare che fosse mia….
In quel momento è arrivato un messaggio sul suo telefono.
“E’ Poldo, dice che stasera andiamo a ballare con gli amici…vuole che mi metta sexy perché vuole fare bella figura con un amico nuovo. E’ un po’ che mi parla di questo tipo….a dire il vero la cosa mi inquieta un po’…..”
“ma come si comporta Poldo con te?”
“come se fosse il mio padrone….vuol far vedere che mi comanda e che io sono sottomessa al suo volere….mi bacia spesso in pubblico e dice cose volgari, spiattella spesso le nostre intimità…..”
“ad esempio?”
“racconta quante volte abbiamo scopato, dice cosa facciamo a letto, descrive le posozioni…..racconta anche che mi ha fatto prendere la pillola per non ingravidarmi….sollecita i commenti dei suoi amici su di me….io mi vergogno, non sono il tipo, non sono come quelle puttane che girano sempre intorno alla compagnia….ogni tanto qualcuno mi mette una mano addosso e a me dà fastidio. Lui recita la parte del fidanzato geloso, ma io sono convinta che se avesse un buon motivo mi lascerebbe anche scopare da qualche suo amico…..mi considera una sua proprietà…..”

Rosina parlando si era sdraiata sul divano. Io ero molto attratto da lei e quasi involontariamente mi sono trovato allungato di fianco al suo corpo, in una posizione fin troppo intima considerata la situazione. Capivo che la cosa era un po’ azzardata…
“quando siamo soli, Poldo pensa solo a scopare….è instancabile in questo….in macchina, nei cessi, a letto…….è sempre col cazzo duro, richiede continuamente che glielo succhi….ma poi non si accontenta, non perde vigore…..comincia a leccarmi tra le gambe per un tempo interminabile. Gli piace leccarmi la figa…..poi mi mette in tutte le posizioni perché lui dura tanto. E’ in grado di chiavarmi anche per tre ore senza pausa…..pensa che una volta a casa mia ne abbiamo fatte nove…..alla fine mi ha ridotta uno straccio….ero piena di sperma…ma ero soddisfatta, su questo bisogna dargli atto”

La mia testa ronzava, ero sconvolto dall’erotismo, il cuore mi sbatteva impazzito per l’emozione…..sentivo le parole di Rosina, ma mi sembrava che arrivassero da lontano….facevano una specie di eco nel mio cervello…..io ero come avvolto dalla lussuria, come se qualcosa di soffice mi ricoprisse tutto il corpo. Mai sentito niente di simile….capivo le sue parole ma non realizzavo molto bene il senso delle frasi…..
Non controllavo il mio corpo, sentivo qualcosa di caldo sotto la mia mano….ho guardato ed ho visto che stavo percorrendo col palmo una gamba di Rosina….anzi, ero già sulla coscia e stavo trascinando in alto l’orlo della sua vestina.
Volevo fermarmi, ma non riuscivo, la mano non mi obbediva…..ho percepito il tenero contatto con la stoffa delle mutandine e la forma rotonda e soda del suo culo…..
“Devo ammettere che Poldo scopa bene…..mi fa godere molto….sono succube del suo cazzo…..vengo in continuazione mentre lui mi chiava e lo imploro di scoparmi senza smettere…..a letto sono molto troia, lo ammetto….mi piace il cazzo….mi piace essere riempita di sborra calda, è una mia debolezza…..lui mi dice che sono la sua maestra del cazzo…..”

La mia mano stava ormai palpando appieno il suo culo, intanto avevo avvicinato la bocca al suo seno e leccavo il suo reggipetto. Non so chi dei due abbia preso l’iniziativa…forse io, ma non saprei dire…..ero stregato dalle sue labbra carnose color rosa naturale, senza rossetto. Mi sono trovato con la sua lingua in bocca a slinguare come un pazzo….ero fuori di me per la lussuria. Lei rispondeva bene alla mia ansia di sesso, dimostrava una carica erotica notevole, si capiva che le piaceva…
Sono riuscito a strapparle il reggipetto ed ho imboccato famelico le sue tette. Belle, vellutate e morbide, con la pelle profumata…..ho risucchiato i suoi capezzoli chiari e rosati sino a sfinirmi, facendola miagolare di piacere….

“vedo che ti piaccio, Gino….sei molto carico, forse è da un po’ che mi desideri…”
“si Rosina, è da più di un mese che ti guardo uscire da scuola….sei diventata la mia ossessione…..”
“lo so, Gino….non credere che non ti abbia visto, che non mi sia accorta che mi facevi la posta….”
“ma pensa….allora sapevi già che mi piaci da morire”
“si, certo….era evidente…..ti piace baciarmi?”
“molto…non mi sembra vero….”
“vuoi fare… qualcosa, Gino?...”
“mi piacerebbe scopare, Rosina…..se ti va, naturalmente…”
“allora aspetta….mi tolgo le mutande”
“grazie Rosina…..è tanto che lo desidero….potrei chiederti di farmi prima una succhiata?”

Rosina in un attimo si è messa nuda….io anche, poi si è infilata il cazzo in bocca.
Ho infilato le mani tra i suoi folti riccioli e le ho dato il ritmo….oohh come succhiava bene….vedere la sua testa bionda andare su e giù sul mio cazzo è stato sconvolgente, è stata la realizzazione del mio sogno.
“bella Rosina, sei la mia maestrina superfiga…..che meraviglia sentire la tua lingua sul cazzo….sento che sei molto calda…..e che ti piace prenderlo in bocca….fallo entrare fino in fondo, Rosina….oh, che bello….godo Rosina…..lasciami palpare il culo…aah, com’è morbido….hai due chiappe favolose…ah…ah…aaaahh…….ferma, ferma Rosina, se no sborro. Scusami, ma si era detto di scopare, io ci tengo molto.
“scegli tu la posizione?...”
“ve bene…..sali sopra tu, mi piace guardare le tette che ballano…..è una mia debolezza…”
“ognuno ha le sue preferenze, Gino. Allora ti faccio una bella cavalcata al galoppo, così tu ti godi le mie tette che sbattono”

A me sembrava un sogno, o meglio…un film erotico. Rosina mi stava montando con ardore, facendo un vigoroso su e giù, mentre ansimava e gemeva di piacere. Le tette erano uno spettacolo incredibile…..sballottavano in modo scomposto, estremamente erotico. Mi piaceva afferrarle a turno con la mano e impastarle….poi lasciavo che si avvicinasse fino a farmele sbattere in faccia…allora non perdevo l’occasione di leccarle e succhiare i capezzoli.
“che belle tette, Rosina…..quanto me le godo….sono così morbide….non smetterei mai di succhiarle”
“ooohh…si…si…io godo Gino…..le mie tette sono molto sensibili….se vai avanti a succhiarle io vengo….si, si….guarda che adesso io vengo……spingi bene in fondo il cazzo, tesoro, intanto io vengo….ecco….aaaaaaaaahh….oooooooooooohhhhh…..”

Sentire, vedere e percepire sopra il cazzo l’orgasmo di Rosina è stato troppo per me…..ho pensato che quello era il momento più bello della mia vita e mi sono conficcato in fondo alla sua figa, ho cacciato la faccia in mezzo alle sue tette stringendomi furiosamente contro il suo corpo. Mentre schizzavo la mia semenza dentro di lei percepivo, insieme ad un godimento purissimo, la sensazione di fondere il mio corpo col suo. Questa cosa mi donava una intensa felicità….attraverso la compenetrazione carnale, finalmente la possedevo……era tutta mia.

Forse ci siamo addormentati….forse no…non ricordo, ma dopo quella furiosa monta eravamo entrambi stremati e siamo rimasti parecchio tempo nudi, abbracciati sul divano.

“tra poco mi devo preparare per la serata. Sarà una festa privata in un locale riservato”
“ma che gente ci sarà?....non è che vai in mezzo a persone poco raccomandabili?....magari potrebbe girare della droga…”
“mah….e chi lo sa?....ceerto che quasi tutti si fanno le canne, può darsi che giri anche qualcos’altro. In gran parte sono studenti e parecchi di loro hanno molti soldi in tasca”
“come ti dovresti vestire?....Poldo ti ha dato istruzioni precise?
“si….ma è inutile che ti spieghi….mi preparo e così puoi vedere direttamente”

Quando Rosina è uscita dalla camera il mio respiro si è bloccato. Non indossava nulla di elegante o particolare…..era un vestitino rosso scuro con dei disegnini bianchi, molto corto, con una cinturina in vita. L’ampia scollatura lasciava bene in vista le tette sode lasciate libere senza reggiseno. Il pezzo forte però, secondo me, erano gli stivaletti rossi, lucidi, eleganti e sexy.
Già da ferma era uno spettacolo di maliziosa femminilità, ma quando si è mossa camminando per la stanza ho capito che io, in tutta la vita, non avevo mai visto una ragazza così sensuale…..mi catturava lo sguardo con ogni parte del corpo, era fantastica. La sua selva di riccioli biondo scuro attirava certamente lo sguardo per la sua unicità, ma anche il suo culo in movimento aveva una propria personalità….in pratica era formato da due mezzi culi che si muovevano in perfetta sincronia e la loro forma veniva riprodotta fedelmente dalla leggera stoffa del vestitino. L’ancheggiamento era un capolavoro di perfezione, stupendo, misurato e assolutamente naturale……le natiche perfettamente rotonde disegnavano il movimento danzando con sensualissima alternanza in cima alle gambe belle piene e carnose.
Se pensavo che mi ero appena scopato quel pezzo di figa mi sentivo fortunato e nello stesso tempo mi tornava la voglia.

“che ne dici?...può andare?....”
“sei uno schianto, Rosina….attenta perché avrai molti occhi addosso stasera…sei troppo sexy e desiderabile”
“come al solito dovrò fare come vuole Poldo, lui mi dice sempre come comportarmi con le varie persone. Gli piace comandarmi e controllarmi in tutto. Gli piace soprattutto che gli uomini mi desiderino, è una cosa che gratifica la sua vanità maschile. Dopo che tutti hanno sbavato per me lui magari, se gli va, concede qualcosa a qualcuno….magari di darmi un bacetto a stampo, una toccatina alle tette, oppure anche una palpatina sul culo…..credo che voglia lasciare tutti pieni di desiderio e di invidia….in modo che si ammazzino di seghe per me. Infatti sono queste le cose che mi dice quando andiamo a casa dopo la serata, mentre mi monta furiosamente…..puoi capire quanto la cosa mi ecciti…..è un gran bastardo ma mi fa sentire donna…..”
“Rosina, ti vorrei chiedere una cosa…..perchè non ti metti il rossetto?”
“perché le mie labbra sono già rosa e a Poldo piacciono naturali. Anche a me sembra di stare meglio senza trucco”
“giusto…..quindi adesso, senza che tu debba sciuparti il trucco, vieni qui e prendimelo in bocca…”

Non potevo lasciarla uscire in quell’abbigliamento acchiappamaschi senza approfittare….il mio cazzo sembrava di marmo, dovevo soddisfarmi di lei ancora una volta. Mi sono seduto in poltrona e l’ho fatta inginocchiare…..lo specchio del soggiorno appena dietro di lei mi restituiva la vista del suo corpo da un’angolazione interessante. Rosina ha imboccato decisa il mio cazzo ed io ho infilato le mani nella selva dei suoi riccioli, spingendo la sua testa in basso e facendole inghiottire l’asta fino in fondo alla gola. A quel punto ho sentito una potente fitta di piacere, che mi ha provocato un lungo gemito……subito dopo lei ha iniziato a pompare e succhiare, facendomi rabbrividire di godimento. Al quale contribuiva la deliziosa visione del suo culo che rimbalzava ai miei occhi dallo specchio…..vedevo le belle cosce e le natiche rotonde completamente esposte dalla gonnellina risalita ai fianchi. Lo slippino leggero e sottile, di color verde acqua, era delizioso….pensavo tra me che chiunque, guardandole il culo da dietro, avrebbe desiderato scostare quelle sottili mutandine ed inserire il cazzo durissimo direttamente nel suo fiore…..dove, per l’erotismo sconvolgente della situazione e per la bellezza della donna, sarebbe durato giusto il tempo di assestare pochi colpi….al massimo, pensavo, una decina di affondi prima di morire dentro la sua figa con una lunga sbrodolata….

Il pensierino era malizioso e intrigante…forse un po’ troppo, poiché ha indebolito parecchio le mie difese….infatti mi sono arreso in fretta e dopo alcuni minuti di intensa pompa ho emesso un lungo e soffocato grido di piacere, riversandole in gola parecchi getti di sbroda calda, che Rosina ha ingoiato con diligente bravura.

“cazzo Gino, quanta sborra mi hai fatto bere…..sei bravo…adesso però devi andare, tra poco viene a prendermi Poldo….ci sentiamo domani, se vuoi…”

Quella sera non ho pensato ad altro che a lei. Ero perdutamente innamorato e cominciavo a sentire i primi sintomi della gelosia. Non era buona cosa e sapevo che se non avessi ostacolato con tutta la mia forza questa crescente passione, avrei potuto commettere una serie infinita di sciocchezze, arrivando anche a rovinarmi la vita. Dovevo assolutamente evitare la gelosia e il desiderio di possesso ponendo un limite invalicabile alla mia ossessione, tenendola limitata entro il confine di un forte coinvolgimento sessuale. Avrei cercato di soddisfare in ogni modo il mio desiderio di lei possedendola solo carnalmente, senza cercare pericolose gratificazioni sentimentali. Un’amica di letto, ecco che cosa potevo trovare in lei, da scopare fino all’esaurimento soddisfacendo ogni mia voglia. Nient’altro.


“Pronto….Rosina, sono Gino, ciao, com’è andata la serata?...ti sei divertita?”
“ciao Gino…..scusami, sono un po’ assonnata….Poldo è appena uscito e io sono rimasta a letto…..dato che è domenica credo che resterò qui per un bel po’ a sonnecchiare”
“posso venire a trovarti? Così mi racconti della festa”
“va bene….ti tengo il letto caldo allora….”

Mi sono precipitato subito fuori di casa, eccitatissimo e con la testa piena di lei.

“eccoti qui…sei stato velocissimo…..dai spogliati e vieni a letto…il posto di Poldo è ancora caldo….magari la cosa ti eccita….”
“si, mi eccita….voglio prendere il suo posto….voglio godermi il tuo corpo Rosina…..ecco…lasciati stringere tutta nuda contro di me…..voglio baciarti e leccarti tutta tesoro…..sei fantastica….mmmmmmhhh…..la tua pelle ha un sapore delizioso….fammi spazio, voglio leccarti la figa…”
“ehm….non so se è il caso, Gino….ecco…insomma…..ti ho detto che Poldo è appena uscito…”
“e allora?...c’è pericolo che ritorni?”
“no, no, non è questo….è che quando si sveglia ce l’ha sempre duro e allora….quasi sempre vuole fare la sveltina del mattino….capisci?”
“ah….come dire che…..insomma….ti ha già dato una botta prima di uscire?”
“eh già…..e mi ha lasciata anche…piena….non credo che ti piaccia andarla a leccare….magari a qualcuno potrebbe anche piacere…ma dipende dai gusti…credo…”
“ecco….leccare magari no, ma non mi voglio troppo formalizzare perché ti ha appena chiavata….un po’ di sborra nella figa non deve essere un ostacolo insormontabile per chi vuole scoparsi la fidanzata di un altro….non bisogna essere schizzinosi….e poi la cosa ha comunque una sua valenza erotica e trasgressiva….”
“oh, tesoro….grazie….sei fantastico….adesso allora te lo succhio…”

“ooohhh….Rosina…..ma così mi fai morire di piacere….oooohhh, che bella bocca….aaahhhh….aaahhhhh……come godo, Rosina….ti ho pensata tutta la notte…aaahhh….succhia amore…..aaaaahhh……attenta che così però sborro, Rosina……piano…..perchè non facciamo una pausa, intanto mi racconti di ieri sera…”
“va bene….abbiamo tutto il tempo…..vieni qui, abbracciami, intanto che ti parlo tu accarezzami tutto il corpo….palpami bene il culo….mi piace tanto quando mi toccano il culo in un certo modo….se vuoi ogni tanto io te lo smanetto un po’, così rimani sempre ben eccitato della tua Rosina puttanella…”
“allora comincia subito a menarmelo piano piano…. intanto racconta….”

“niente, ieri sera abbiamo cenato, eravamo circa una ventina di persone, la maggior parte giovani, ma c’era anche un gruppetto di 3 persone più grandi, diciamo tra i 50 e i 60, che parlavano spesso con Poldo. Lui dice che sono amici….vorrebbe concludere un certo affare con loro, li ha invitati apposta….uno di loro si chiama Calogero, è un tipo massiccio, piuttosto primitivo, con una grossa pancia…..abbastanza simpatico….però sembra avere l’ossessione delle ragazze giovani….toccava le gambe alla cameriera e diceva sconcerie….Poldo mi ha fatta sedere vicino a lui, continuava a parlarmi…sembrava che ci volesse provare…mi ha anche messo una mano sulla coscia e ha cominciato a carezzarmi salendo sempre di più….allora gli ho levato la mano e gli ho detto che sono fidanzata e che potrebbe essere mio padre…lui in un primo momento è diventato tutto serio, poi è scoppiato in una grossa risata e i suoi amici anche…..mi ha detto che sono una ragazza in gamba, poi mi ha preso la testa e mi ha stampato un bacio sulla bocca….ho guardato Poldo e ho visto che rideva anche lui.
Dopo cena Poldo e Calogero sono andati in una saletta riservata a parlare di affari. Io ero rimasta con gli altri, ma dopo una ventina di minuti mi è arrivato un messaggio da Poldo : < vieni da noi e comportati bene, sii gentile con Calogero, gli ho chiesto un grosso favore > allora ho risposto : < va bene, guarda però che non ho intenzione di dargliela > < non dire sciocchezze, devi solo essere gentile >”

“ecco qui la bellissima Rosina….lo sai?...sei uno splendore….”
Calogero era seduto su una enorme poltrona con in mano un bicchiere di liquore. Poldo, semisdraiato su un divano, ha parlato con la voce alterata dall’alcool…
“Rosina, Calogero si è innamorato di te e ti vorrebbe sposare. Che ne dici?....”
“sposare?....ma così, senza neppure fidanzarci?.....mi sembra un po’ avventato…dovremmo conoscerci meglio io e Calogero, non credi?...”
“ma certo….cominciate subito a fare..ehm…conoscenza, allora…..”
“giusto. Rosina, dobbiamo prendere confidenza se ci vogliamo sposare….vieni qui, fatti guardare….sei davvero una bellezza…”

Sono andata davanti alla poltrona di Calogero e sono rimasta lì a guardarlo con un po’ di malizia, appoggiandomi su una gamba e mettendo un braccio sul fianco.

“che bellezza…che gambe….sei un bocconcino prelibato, tesoro….io ti sposerei anche subito…..”
Così dicendo Calogero si è alzato in piedi con tutta la sua mole ed è venuto contro di me, abbracciandomi. Mi ha stretta forte aderendo completamente al mio corpo e senza tanti complimenti mi ha cacciato la lingua in bocca…ma non solo….ha cominciato a palpeggiarmi il culo a due mani e mentre mi slinguazzava come un porco mi ha infilato una mano sotto il vestito…..
“mmmmh….mmmmhhh….che bel culo…..sei troppo figa, Rosina….è un piacere accarezzarti le mutandine……aaahhhh…..che meraviglia, è come toccare il paradiso…..”
Io cercavo di resistere allo schifo…..non volevo rovinare gli affari di Poldo e soprattutto non volevo che si infuriasse con me….però pensavo a come avrei potuto liberarmi di quel maiale. Intanto ho sentito che si stava slacciando la cintura….dopo un attimo i suoi pantaloni e i boxer erano alle caviglie e lui aveva appoggiato contro la mia pancia un cazzone grosso e abbastanza teso, munito di due coglioni lunghi e neri, rivestiti di peli.
Cercando di vincere il ribrezzo, mi sono concessa un minuto ancora di sopportazione, prima di scappare. Non ero certo disponibile a farmi scopare dal bestione. Il quale ha ripreso a slinguarmi e a sfregare il cazzo contro il mio corpo.
“che bella troia……come sei profumata….perchè non mi fai vedere che sei brava con la bocca?....lo senti il mio cazzo?...ti piace?....lo vuoi leccare?....aaahhh….aaahhh….”

Il gorilla sfregava il cazzo a tutta forza contro il mio vestitino…..forse è stata la mia salvezza….ad un tratto ha ragliato come un asino e si è come afflosciato contro di me. Ho sentito umido sulla pancia e ho capito che era venuto….mi aveva completamente imbrattato il vestito di sborra, che iniziava a colare sul pavimento.
Poi Calogero con un rantolo si è sprofondato sulla poltrona rimanendo con il cazzone per aria. Allora Poldo è venuto a soccorrermi….

“vieni, andiamo da Berto e chiediamogli se può sistemarti il vestito”
Berto è il gestore del locale, un ragazzo sveglio sui 35, vive al piano di sopra con la moglie. Ci conosciamo appena ma è un tipo che mi piace.
“ah….Rosina….accidenti, che disastro….avanti, andiamo nello spogliatoio”
Berto è stato molto efficiente, mi ha fatto togliere il vestito e lo ha portato di corsa di sopra da sua moglie per farglielo sistemare. Poi è tornato giù. Poldo era tornato da Calogero ed io ero rimasta sola, in mutande e stivaletti nello spogliatoio. Ero davvero uno spettacolo, devo ammetterlo….da scopare subito…..

“cazzo, Rosina…..come sei bella nuda…..ma stai tranquilla, mia moglie ti sistema il vestito in mezz’ora. Adesso stiamo qui e aspettiamo”
“grazie Berto, quel maiale mi ha messa in una situazione imbarazzante….se non c’eri tu ero davvero in difficoltà.....non so come ringraziarti….”
“beh, pensandoci magari un modo si trova…..per ringraziarmi, intendo…”
“ma dai, Berto…..non farai il cascamorto anche tu?....come quell’orso selvatico?...”
“certo che no…lo sanno tutti che io sono un tipo distinto ed educato….e di massima fiducia. Con questo, una debolezza posso averla anch’io, ma chi non ce l’ha?...”
“e quale sarebbe questa debolezza?”
“le belle ragazze. Mi fanno impazzire….ma solo quelle davvero belle, però….come te, ad esempio”
“ e rieccoci……vedi che avevo capito bene?....ma tua moglie è al piano di sopra e tu ti metti a sbavare per me?.....ma ti sembra il caso?”
“a me si…..senti, Rosina….tu mi sei sempre piaciuta un sacco…..ti ho vista qui cinque o sei volte e mi hai fatto andare la lingua a terra dal desiderio….sei talmente sexy….adesso poi ti vedo mezza nuda e non resisto più……potresti ricambiarmi il piacere, tanto che ti costa?....Poldo è ubriaco e ormai non connette più….potremmo farci una sveltina, una cosetta semplice, veloce…..tu mi fai contento e ti sdebiti per il favore”
“oh cazzo, Berto……ma come si fa?......se viene giù tua moglie prima strozza te e poi accoltella me……”
“dai Rosina, non perdiamo tempo a disquisire sui massimi sistemi…..dammi una leccata per farmelo intostare e poi ci sbrighiamo in pochi minuti. Ti prego….ho l’ossessione di vedere le tue gambe alzate per aria con quei bellissimi stivaletti rossi col tacco…..adoro quegli stivaletti così lucidi e sexy……mi piacerebbe baciarli e leccarli e poi scendere con la lingua sulle tue belle gambe….sono così femminili e lisce….come vorrei assaggiarle e vederle lucide della mia saliva….arriverei alle mutandine e dopo averle annusate e leccate, te le sfilerei lentamente. A questo punto potrei finalmente assaporare il tuo fiore, sciacquandolo con lingua e saliva fino a procurarti l’estasi del piacere….solo allora andrei ad accomodarmi tra le tue cosce col cazzo pronto per la monta. Sarebbe un accoppiamento carnale estremamente eccitante…intenso e veloce. Tu mi dai la lingua ed intanto io ti faccio gustare l’inserimento in figa, rapido e potente……venti colpi di cazzo…al massimo trenta, non di più…a meno che, a gentile richiesta, tu non voglia un supplemento….un rinforzino…..poi finalmente godo e schizzo fuori, onde evitare guai con Poldo quando arrivi a casa. Tutto qui. Facile, no?...”

Stavo ascoltando il racconto di Rosina, ormai sconvolto dall’erotismo di quello che diceva…..lei parlava e intanto mi menava il cazzo, che ormai era come di ferro…..
“e allora?....cos’hai deciso?...hai accettato di soddisfare quest’altro porco?....”
“io non capivo più niente, Gino…. lui mi ha toccata per capire se ero eccitata ed ha detto che ero tutta un lago, allora mi ha stesa per terra, sopra un tappeto. Si è fatto spompinare e poi ha cominciato a leccarmi tutta, seguendo meticolosamente il suo programmino. Io ho goduto, poi lui mi ha scopata a tutta forza, come un disperato……ha pompato gemendo e mugolando finchè io sono venuta ancora. Devo dire che è un bel tipo e scopa bene….mi ha fatto gridare di piacere, poi l’ha tirato fuori, mi ha spruzzato sulla faccia e me l’ha infilato in bocca per farselo lucidare”
“ma che troia……..basta che il primo che passa te lo chieda e tu ti sfili le mutande…..allora ti piace davvero tanto il cazzo e non ti perdi le occasioni buone per farti buttare a gambe all’aria”
“forse hai ragione…sono un po’ troia, Gino……ma che ci posso fare?....non è colpa mia…”
“beh….adesso basta….girati di fianco e alza la gamba che te lo metto in figa da dietro….e guarda che io non lo tiro fuori, ti faccio un bello shampoo in figa, adesso sei la mia puttana personale e ti chiavo quando mi pare, in cambio dei miei consigli di cui hai davvero un gran bisogno. Io ti faccio da consulente e da tutore, tu fai la mia troia, quando ho voglia tu apri le gambe e io ti infarcisco la figa. Se mi va mi fai anche qualche bello spettacolino, con le sottanine corte e gli stivaletti “chiavami” che ti piace portare.
“si Gino……va bene….quello che vuoi tu, Gino….”











Questo racconto di è stato letto 5 5 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


racconti esibizionismoracconti gay papàrqcconti eroticiracconti di donne inculateracconti di mamme incestuosecuck raccontiracconti porno videoracconti sesdoraccont gay69 it raccontiracconti pronoeroti raccontiracconti erotici addio al nubilatoracconti hard gratuitii raccomti di miluerotici racconti gratisinculata da un cavallostorie cuckracconti erorici gayracconti pirnoracconti erotivcimio marito bisexcuckold storiaraccontiiomiluiomilu raccontiracconti animalracconi eroticiwww.eroticiracconti.itracconti erotici in vacanzastirie pornoracconti erotici segretariaraccpnti eroticiracconti erotici violentataraccontisessualiracconti erotici segretariaporno racconti incestoracconti porno gratisracconti i miluracconti erotici vedovaiincesti italianircconti miluracconti eeoticiracconti cunnilingusracconti porcateracconti erotici di moglieanimal zoofiliastoriw pornostorie di sesso con animalira cconti pornoracconti erotici ragazzi gayeroticiracconti.itstorie erorichebdsm raccontiracconti gangbangal cinema porno con mia mogliecconti pornostorie erotiche amatorialicuckold sottomessiracconti fetishracconti porno cognataracconti eroticiistorie sesso lesboracconti efoticistirie pornostorie femdomracconti di troielaura panerairaccontiincestiracconti gratis eroticiracconti erotici gay gratisracconti eroricii racconti eroticistorie safficheracc eroticiracconti di coppiei generi di racconti gaysadomaso raccontistorie lesbrecconti eroticiracconti erotici matureracconti addio al nubilatoracconti eorticiguardoni maniageneri dei racconti eroticirqcconti gayeracconti eroticirracconti eroticiracconti erotici sessostorie porno italiano