Grazie Prof.

Scritto da , il 2020-07-30, genere etero

GRAZIE PROF.


E’ vero, sono una professoressa di italiano, latino e greco al liceo classico, ho appena compiuto i quarantadue anni, sono sposata con un agricoltore di 60 anni, ho un figlio di 19 che ha voluto andare a studiare a Berlino……quindi dovrei ritenermi soddisfatta della mia vita. Ma in realtà da alcuni anni sono inquieta, mi sento frustrata, ho l’impressione che mi manchi qualcosa di sostanziale, ho un terribile senso di vuoto. Più passa il tempo, più sono attanagliata dalla paura di perdere il treno della mia vita, temo che qualunque sia la cosa che potrebbe riempire questo mio vuoto, non potrò averla perché ho aspettato troppo a riconoscerla.

A volte, pensando a questo mio problema, credo che in fondo derivi solo dalla mia paura di invecchiare….forse è così….forse tutte le donne prima o poi devono affrontare questa crisi …ma questo non mi consola più di tanto. Vorrei riuscire a liberarmi da questo incubo indistinto e misterioso, la mia impressione è che potrebbe trattarsi di una ribellione a tutto ciò che magari inconsciamente mi è stato imposto. Ma da chi?...bella domanda….da tutti e da nessuno…sono stata sempre diligente, studiosa, obbediente, ho sempre fatto tutto ciò che i genitori, i parenti e tutti gli altri si aspettavano da me, senza mai ribellarmi o fare nulla che non fosse ritenuto giusto e lodevole dalle altre persone. Mi sono persino sposata con l’uomo che tutti ritenevano giusto per me e ci ho fatto un figlio, perché era giusto che fosse così….ma chi ha deciso che tutto ciò fosse giusto?…e che lo fosse anche per me?...io no di certo, io ho solo accettato, non ho deciso.

Ecco, forse adesso mi sto ribellando a tutto quello che ho fatto solo per compiacere gli altri. Forse cerco solo la mia vendetta per non aver saputo o potuto ribellarmi imponendo la mia volontà. Ma la volontà di fare cosa?....ecco, a dire il vero questo è il punto debole della mia ribellione….io la risposta non ce l’ho…o almeno non l’ho ancora trovata.

“ professoressa, le potrei parlare per favore?”
Uno dei miei allievi di quinta, Filiberto, mi chiedeva udienza per la terza volta in un mese….e sempre per motivi futili o banali.
“ ma si….però poi basta Filiberto, ti ho già detto che se vai avanti così, all’esame di maturità te la vedi brutta….dai, vieni in sala professori…”
“ prof. lei mi deve aiutare….se non passo bene l’esame mio padre non mi manda a studiare in America… mi mette a servire nella latteria…”
“ bene…mio marito produce latte, qualcuno dovrà pur occuparsi di preparare il cappuccino alla gente…”
“ per favore prof, lei sa che sono debole in letteratura, deve fare qualcosa per aiutarmi, se no sono rovinato…”
“ che ne diresti di…..studiare un po’?....non ti sembra un’idea brillante?....”
“ oh, si, io studierò tantissimo d’ora in avanti, ma lei mi dovrebbe dare qualche lezione. Così io potrei trovare la…giusta carica”
“ ma no, sei un mio allievo, non si può…”
“ ma perché?...guardi che io non lo direi a nessuno….sarebbe un segreto tra noi…”

Dicendo questo, Filiberto mi guardava in modo strano, il suo sguardo mi sembrava fintamente disperato, in realtà era complice, allusivo, mi stava mettendo persino a disagio….
Lui è un bel ragazzo, piuttosto alto e magro, col pizzetto, modaiolo nell’aspetto e nel vestire….ho visto spesso ragazze che lo osservano con interesse….credo che volendo potrebbe fare una strage….e magari lo fa anche…..chissà….
Oddio…..ma non avrà mica preso una cotta per me?....è un pensiero che a volte mi viene, succede spesso agli insegnanti….anche agli uomini. Si, è vero che io sono un tipo assai attraente, è quasi normale che i miei allievi maschi provino desiderio per me…ci sono abituata da sempre. Le mie tette abbondanti sono una tentazione forte per i ragazzi…anche le gambe e il culo credo che siano davvero appetibili per loro, mi sento sempre i loro occhi puntati sulle natiche quando passo loro davanti…. smettono persino di parlare…..io lo capisco, il testosterone devasta il loro cervello.

“beh…..vediamo….magari potresti venire a casa mia, in cascina, sabato pomeriggio, così esaminiamo la situazione….ma non ti prometto niente….”


“ salve prof, eccomi qui, ha visto che puntualità?....”
“ ciao Filiberto….ma i compagni ti chiamano Berto, vero?... o sbaglio?...”
“ certo, tutti mi chiamano Berto, signora Iole….è questo il suo nome, no?...”
“ si, ma non per te…..tu continua con professoressa, è molto meglio…”
“ si professoressa Iole….anzi, volevo dire….si, prof…”

Dopo quasi un’ora di verifica, ho capito che Berto, pur studiando poco, in realtà non era così indietro con la preparazione, perché è intelligente e ha molta memoria….la sufficienza l’avrebbe comunque rimediata. Infatti con la prova orale, la sua spavalderia lo avrebbe certamente aiutato.

“ guarda Berto che io ti posso dare qualche ripetizione, cinque o sei al massimo…..ma non voglio essere pagata….lo faccio come dovere professionale aggiuntivo….come un supplemento didattico per un alunno, chiaro?....”
“ limpido prof, non le darò un centesimo….ma le sarò riconoscente, magari potrò ricambiare, esserle utile, qualche piacere, qualche servizio glielo potrei fare anch’io…o no?...”
“ma che dici?”
“dicevo…anzi, chiedevo se le potrei fare un servizio…”

Ora ne ero quasi sicura….Berto mi stava bussando la porta…..forse si era infatuato delle mie tette quinta misura…chissà….fatto sta che mi stava mettendo in confusione. Io ho avuto da ragazza qualche storiella sentimentale, ma nulla di serio. Per intenderci, sono arrivata vergine al matrimonio. E’ quasi incredibile, ma è così….i ragazzi mi piacevano, ma ero troppo timida, pudica, vergognosa…..ne avevo avuti intorno tanti che sbavavano per le mie tette e il mio culo, ma al di là di baci, leccate ai seni e qualche mano sulle natiche, niente di più…..le mutande nessuno è riuscito a sfilarmele e tantomeno mi sono prestata a fare pompini, benchè supplicata e implorata. Poi magari mi sfogavo da sola masturbandomi come una pazza….

Berto è ritornato per la seconda lezione il sabato successivo . Ci siamo accomodati nel mio studio situato al primo piano del grande appartamento che Bartolomeo, mio marito, ha ricavato ristrutturando un vecchio granaio della cascina, di forma circolare. All’interno diversi locali hanno almeno una parete circolare, come anche il mio studio. Mio marito ha fatto realizzare da un falegname una libreria su misura proprio sulla parete circolare, una vera meraviglia di artigianato, tutta in noce massello.
“fantastica la sua libreria, prof…..mai visto niente del genere….un’autentica meraviglia”
“grazie Berto, lo sai?...il mio hobby è la raccolta e la collezione di libri rari, anche veramente antichi, che trovo nei mercatini specializzati o anche su internet. Recentemente ho acquistato ad un’asta tutta la libreria di un collezionista fiorentino, che comprende volumi storici raccolti e custoditi per secoli dalla sua famiglia nobiliare”
“i miei complimenti, non solo per la libreria ma per tutto lo studio…è grande e bellissimo, si capisce che è stato realizzato da bravissimi artigiani e con materiali molto pregiati. Suo marito evidentemente ha voluto il meglio per lei, diciamo che ha voluto accontentarla….soddisfare tutti i suoi desideri…..vero?...”
“ehm…già. Bartolomeo, cioè mio marito, cerca sempre di accontentarmi in tutto….per quanto gli è possibile, naturalmente…”
“e ha ragione….il marito di una moglie così intelligente e anche….diciamo pure… attraente, deve fare tutto il possibile per farla felice, per soddisfarla…”

Io, come ho già detto, non sono mai stata un’assatanata di sesso…anzi….mi ritengo una donna seria e senza fronzoli per la testa….ma sentire quelle frasi di Berto, così sfacciate anche se non prive di una formale educazione ed eleganza….beh, mi ha dato qualche brivido inconsueto….ho sentito anche un po’ di umido tra le cosce e la cosa mi ha francamente preoccupata….in un istante ho realizzato anche che stavo indossando un vestitino particolare, semplicissimo ma piuttosto sexy, abbastanza corto ma non tanto da essere sfacciato, scollato quanto basta per far vedere, anzi, intuire, quale meraviglia sia nascosta sotto la leggera stoffa. Ricordavo che me l’aveva regalato Bartolomeo per un anniversario di nozze, che avevamo festeggiato in camera da letto. Dove, peraltro, avevo dovuto tenerlo indossato per accontentare mio marito, il quale, tenendomi in sella sopra di lui nudo, voleva vedere le mie tette ballare senza reggiseno ma ancora coperte dal vestitino con le spalline abbassate….
Ecco, la domanda era perché mi ero infilata quel vestito sapendo che sarebbe arrivato Berto?... non sapevo rispondermi…..almeno non con la parte razionale del mio cervello…

Era chiaro però che mi sentivo strana, ero intrigata dalla sfacciataggine vagamente erotica di Berto, capivo che ero sensibile alle sue allusioni sessuali….. il mio istinto di femmina veniva provocato e sollecitato dalle sue parole fino ad indurre risposte sessuali sul mio corpo. Ormai sentivo le mutandine tutte bagnate….quel ragazzino mi stava completamente erotizzando…e pensare che aveva un anno meno di mio figlio…

“bello il suo vestito, prof…..posso dire che è molto sexy?....spero che lei non si offenda, però….è solo un complimento per il vestito, niente di più….ma anche niente di meno….”
“oh, ma che dici, Berto…..è un vestitino qualunque, l’ho comprato al mercato, e poi a me non sembra nemmeno sexy”
“e invece a me sembra molto femminile, attraente…..attira lo sguardo…ma forse sono un po’ sfacciato, prof……se è così, me lo dica….senza problemi, me lo dica in faccia, guardandomi dritto negli occhi….”
“senti, ragazzo….si può sapere dove vuoi arrivare?....stai dicendo delle frasi un po’ azzardate, piuttosto allusive, direi….guarda che io ho più del doppio dei tuoi anni e sono anche la tua insegnante….”

Berto era in piedi davanti a me….mi guardava con i suoi occhi verdi lanciando messaggi erotici subliminali che mi stavano paralizzando, mi sentivo ipnotizzata dal suo sguardo….sentivo le gambe molli, probabilmente nei prossimi minuti sarei rimasta priva delle mie capacità di reazione, sarei stata assolutamente passiva e docile, come una femmina preda che non sa opporsi alla volontà del maschio….

“ si, prof, lei ha il doppio dei miei anni, ma proprio per questo è così affascinante…lei è una vera donna, bella e desiderabile….mentre io sono solo un maschio giovane, un cucciolo ancora un po’ immaturo, ma scalpitante…”

Berto si è avvicinato, sempre mantenendo lo sguardo fisso sui miei occhi, poi con estrema naturalezza ha appoggiato le sue labbra sulle mie…..ho sentito il cuore partire al galoppo…una tempesta ormonale ha raggiunto ogni angolo del mio corpo facendomi tremare per l’emozione….
Quando ho sentito la sua lingua bussare alla mia bocca non ho opposto neppure uno straccio di resistenza…..ho avuto l’impressione di baciare un uomo per la prima volta, ho intrecciato la lingua con la sua ed ho lasciato libero il mio corpo di seguire l’istinto.
Il ragazzo mi ha baciata a lungo e profondamente, gustandosi ogni angolo della mia bocca. Percepivo la sua forte passione….era colmo di voglia, di desiderio….potevo comprendere come fosse emozionante per lui baciare in bocca una donna come me, capire che poteva avermi…la sua professoressa, una donna matura ed attraente, sposata, fino a quel momento inarrivabile, proibita per lui e per tutti i ragazzi della sua età….un colpo da maestro, un’esperienza che avrebbe potuto sconvolgere i suoi sensi e la sua mente.

“salga sui gradini della scaletta….quella della libreria….”
Ho obbedito ai suoi ordini, come un’automa. Saliti due gradini Berto mi ha fermata. Poi ha stretto entrambe le braccia intorno alle mie gambe ed ha appoggiato la bocca sul mio ventre…….ho sentito che mi stava attirando verso di se e ad un tratto i miei piedi hanno perso il contatto col gradino. Per un attimo sono rimasta sorretta tra le sue braccia, ma subito dopo mi sono sentita scivolare lentamente in basso.
Finchè i miei piedi hanno toccato il pavimento…..solo che Berto non aveva mollato la stretta e il vestitino era tutto arricciato sui miei fianchi, mentre le mani di Berto vagavano indisturbate tra cosce nude, natiche e mutandine…..
Sia pur sorpresa e in totale confusione, gli ho fatto mentalmente i complimenti per l’operazione condotta con sfacciataggine ma anche con indiscutibile maestria.
Berto ha ripreso a slinguazzare nella mia bocca, mentre mi palpava il culo in modo spasmodico, in preda ad una evidente furia erotica incontrollabile.
Ero sorpresa, impreparata, ma non offrivo resistenza. Anzi, ho cominciato a sentire l’impulso di muovermi e prendere qualche iniziativa di tipo erotico per dare corpo ad un desiderio che stava crescendo dentro di me con prepotenza. Stavo cercando di capire che cosa potevo fare quando ho sentito prima l’ingombrante presenza di un cazzo durissimo che premeva contro le mutandine….e poi la dolce ma decisa spinta delle mani di Berto sulle mie spalle….capivo che mi stava facendo scivolare in basso, ma il mio cervello non ne accettava il motivo. Non che non sapesse, solo rifiutava l’idea per un innato senso di pudore e allora cercava invano altre improbabili, miserande spiegazioni…..

Il cazzo duro di Berto si ergeva davanti ai miei occhi, in quel momento finalmente capivo cosa si aspettava da me, senza alcun dubbio o confusione. A conferma di ciò ho sentito le sue mani posarsi sul mio capo e tirarlo lentamente in avanti.
La mia lingua allora si è posata sull’asta alla sua radice, appena sopra ai coglioni, e da lì ha iniziato una lieve, lenta leccata risalendo verso la cappella turgida. Non sono brava coi pompini, ne ho praticato qualcuno a mio marito , ma in casi eccezionali, forse in tutto una dozzina di volte, sempre però togliendomi quando veniva, quindi senza mai sentire il sapore dello sperma in bocca.
Quando mi sono decisa ad imboccare il cazzo, Berto me lo ha infilato in gola, spingendolo in avanti e contemporaneamente trattenendo la mia testa con le mani.
Praticamente ha iniziato a scoparmi in bocca, credo spinto dal fortissimo impulso erotico che lo stava travolgendo. Da parte mia ho fatto qualche movimento con la lingua, cercando di leccare l’asta mentre scorreva dentro e fuori e tenendo la bocca piuttosto aperta per non fargli male coi denti, ma serrando il più possibile le labbra per rendere più succulento il pompino.
Berto mugolava di piacere e i suoi gemiti mi stavano facendo eccitare al massimo. Sentivo l’impulso di toccarmi ma non ne avevo il coraggio.
“ si prof, brava, mi sta succhiando bene…..forza, lo faccia andare fino in fondo…ah..ah..ah..ah..ah…. che bella lingua….che labbra turgide…..

La pompa è durata diversi minuti e la mia eccitazione ha raggiunto l’apice…ero completamente allagata tra le cosce….poi ad un tratto Berto ha accelerato il ritmo e con un improvviso grido ha piantato il cazzo in fondo alla mia gola, imprigionandomi la testa con le mani. Lo sperma caldissimo ha invaso la mia bocca…..ero stravolta per l’erotismo e questo ha fatto sì che trattenessi tutto il liquido saggiandone la consistenza e il sapore con la lingua. Dopo che il cazzo ha cessato i suoi impulsi, Berto si è ritirato….
“ adesso però non deve sputare, prof….non è educato e lei lo sa….meglio un bell’ingoio, come fanno le donne di classe….le donne vere che apprezzano anche la semenza del maschio come un dono alla propria femminilità….”
Non è stato facile per me inghiottire tutto lo sperma, peraltro abbondante, che riempiva completamente la mia bocca, ma l’ho fatto senza troppo esitare. Non avrei mai creduto di eserne capace, ma l’avevo fatto….e forse non mi era neppure dispiaciuto.
“ bravissima, prof, lei è una buona pompinara, dolce e delicata….non come certe ragazzine che sembra debbano gonfiare un pallone…”
“ adesso però la lezione è finita, Berto, anche se non è neanche cominciata”
“ a me invece sambra che la lezione sia appena cominciata, prof…..comunque avremo modo di…approfondire la prossima volta, per adesso grazie”

La mia reazione a quanto avvenuto è stata di due tipi. Dapprima ho dovuto sfogare, appena rimasta sola, la fortissima carica erotica che avevo accumulato, masturbandomi ferocemente più e più volte, sino a sfinirmi. Poi, una volta riacquistato il controllo di me stessa, ho iniziato a pensare e a ragionare…..era stata una follia lasciarmi andare a quel modo…lasciare che un ragazzino sfogasse la sua libidine su di me…sulla sua professoressa….ma come si era permesso?....era pazzesco, inammissibile, io non avrei dovuto lasciarlo fare, dovevo mollargli un ceffone e cacciarlo dalla porta….non riuscivo a crederci, avevo succhiato il cazzo ad un alunno….oh no…no….ero stata debole, avevo ceduto all’istinto….forse per via del grande vuoto che sento dentro di me….mi ero lasciata travolgere dai sensi.
Una professoressa non può, non deve cadere in una trappola così stupida, volgare, vietata, immorale……
L’avrei messo a posto io quello scolaro impertinente, gli avrei fatto vedere io chi comanda…..quello stupido, presuntuoso donnaiolo in erba….gliela avrei fatta pagare…..


Il sabato successivo ero pronta a dargli il fatto suo. Ero preparata, avevo persino fatto delle prove davanti allo specchio. Non vedevo l’ora di risolvere la situazione una volta per tutte.

“salve prof, bentrovata….tutto a posto?....mi sembra talmente seria….c’è qualcosa che non va?...”
“ tutto non va, Berto….ti voglio parlare, dobbiamo chiarire la faccenda”
“quale faccenda?”
“quello che è successo lo scorso sabato….perchè, non ti ricordi?”
“dunque, vediamo….ah sì….eravamo rimasti all’ingoio, se non sbaglio….vero prof?...”
“ ma che dici?...mi vuoi provocare?....allora smettila, adesso mi devi stare a sentire…”
“e va bene…d’accordo….se mi deve dire qualcosa di importante allora me lo deve dire in faccia…intendo dire che mi deve guardare negli occhi….”
“ma certo che ti guardo…cosa credi?...che abbia paura di te?....”
“ no, non di me, prof……..no di certo…”
“ e di chi, allora?....”
“ di lei, prof……lei ha paura di essere troppo libera, troppo espansiva, troppo istintiva, troppo donna, insomma…..ha paura di liberare la femmina che c’è in lei, di lasciare da parte tutte le repressioni che hanno condizionato sin qui il suo modo di vivere…lei è sempre stata schiava degli altri e della loro sostanziale bigotteria. Quindi non ha potuto mai essere veramente se stessa…..ora si potrebbe liberare…io la potrei aiutare a farlo, ma non deve lottare contro di me…io non sono suo nemico…io le sto porgendo un aiuto, un’ancora di salvezza , una lima per segare le sbarre della sua prigione…”

Stavo quasi per svenire quando Berto mi ha sorretta ed accompagnata sul divano…le gambe non mi reggevano….sentivo il suo corpo, la sua presenza, le sue mani che mi tenevano per i fianchi, sentivo il suo respiro, mi girava la testa….e guarda caso sentivo un’altra volta le mutandine completamente inzuppate…ero disperata…mi ero preparata per rifiutare quel maschio con tutte le poche forze che avevo e poi mi ritrovavo bell’e pronta per essere montata….

Poi ho realizzato che Berto era sopra di me, pazzo di emozione e di desiderio, nudo e col cazzo inalberato. Io cercavo di riordinare la mia mente senza riuscirci….non capivo neppure perché mi ero messa il completino bianco col pizzo che mi aveva regalato mio marito per il compleanno….il più delizioso che avevo…e che ora giaceva a terra dopo che Berto me lo aveva velocemente sfilato…
“adesso te lo metto in figa, prof…sei felice?....vero che non aspettavi altro?...che non vedevi l’ora di essere inforcata dal mio cazzo?...lo so, ti piace il mio cazzo...”
“ma come parli?...ti sembra il modo?....e poi chi ti ha dato il permesso di darmi del tu?...” ho risposto con la voce che tremava…
“mi scusi, prof, sono sfacciato….ma è per l’emozione…sa, non mi capita tutti i giorni di scoparmi una professoressa…e con un corpo come il suo, poi….
“tu devi essere pazzo….ma non si può….sono la tua insegnante, tu sei un ragazzino…e poi io sono sposata, questo almeno lo capisci?...”
“è vero, prof, lei ha ragione…non si può…allora mi rimetto ai suoi ordini, le appoggio il cazzo sull’imbocco e poi mi fermo. Poi lei decide…dentro o fuori”

Berto ha quindi posato la cappella sulla mia figa e l’ha fatto scorrere in giù, strusciandolo, fino a raggiungere l’ingresso della mia vagina. L’operazione mi ha dato una martellata al cervello, facendo crollare le ormai esilissime barriere del mio virginale pudore.
“brutto porco…. maiale….vuoi violentare la tua insegnante, vero?....vuoi approfittare di me, piccolo bastardo maniaco sessuale….e allora fallo, se hai il coraggio….ma scommetto che non ce l’hai il coraggio, vediamo se..aaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhh….”

Berto mi ha sprofondato il cazzo fino in fondo alla figa arrivando sino all’utero e il mio urlo di sorpresa è risuonato altissimo…….
“che bello, Iole, sei la mia professoressa troia….è bello chiavarti…aahh…quanto ho sognato questo momento Iole……prendi tutto il mio cazzo, te lo sei meritato….so che ormai non ne potevi fare a meno….adesso è tuo, è il mio regalo per te tesoro….voglio farti godere i piaceri dell’inferno e del paradiso….sarai la mia femmina, per te sarà come cadere in un profondo burrone, ti sembrerà di morire per il troppo godimento”
“ si..si..scopami…scopami più forte, fammi tua, voglio sentire se sei un vero maschio…ah..ah..ah..ah..ah…….dai forza, aumenta il ritmo, cavalca la tua professoressa, lo vedi come è bella nuda?...fammi vedere cosa sai fare, dimostrami che sai scopare una donna più grande...."
“si mio tesoro, il tuo Berto ti sta scopando finalmente….si realizza il tuo sogno…e il mio, naturalmente….puoi godere tanto, il mio cazzo è duro e resistente…ti farò gridare e squittire di piacere…..pensa, potrai mettere delle belle corna a tuo marito…ma si…tanto che te ne importa?....anzi, le belle chiavate che ti farai con me potrebbero far bene al vostro rapporto….tu sarai più felice e soddisfatta e lui non si sentirà inadeguato vedendoti qualche volta col muso imbronciato perché non ce la fa a chiavarti”

Berto ha proseguito la cavalcata al gran galoppo, palesando un desiderio quasi incontrollabile ed una vera e propria furia erotica…..non credeva ai suoi occhi, non poteva immaginare un piacere più esaltante di quello….montarsi la sua insegnante preferita, la più figa del liceo, la tettona col succoso culo rotondo che faceva sbavare alunni e professori……tra cui magari anche parecchie femmine…
Sentiva il mio profumo e ne veniva inebriato, lo capivo dall’espressione stravolta del suo viso….guardava le mie tette, le baciava, le palpava, percorreva con le mani le mie gambe e soppesava la mia carne soda sulle cosce, godeva della mia pelle bianchissima e liscia….senz’altro era la prima volta che scopava una figa così attraente e inarrivabile per posizione sociale ed età. Era il suo momento di gloria e se lo stava godendo fino in fondo….

“ vengo…vengo, Berto….accidenti, mi fai godere…..non posso trattenermi….godo…ti vengo sotto…..aaaahhhh…..aaaaaaaahhhhhhh………aaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhh…”
Sussultando di piacere e gemendo come una vacca ho provato uno degli orgasmi più violenti ed emozionanti della mia vita….alla fine ero senza forza, come una marionetta senza fili…..
“ E’ bello vederti godere, prof……sei fantastica….che botta di orgasmo…..allora il mio cazzo giovane sta funzionando e ti fa contorcere di piacere…. beh…sai che ti dico?....che tra un attimo vengo anch’io…..non credere che io possa reggere a lungo questa fantastica chiavata….anch’io ho dei limiti tesoro……ti avverto che ti vengo dentro, ti schizzo una bella dose di sborra tutta in figa….”
“ma sei pazzo?.....vuoi mettermi incinta?....vuoi completare il tuo assalto sessuale coronandolo con un bel disastro?....”
“ andiamo, non esagerare, prof……vedrai che non succede niente, ma nel caso fortuito tu hai sempre la scappatoia del marito….stasera o domani ti fai incaprettare da lui e il problema, eventuale, svanisce……”
“sei una canaglia…..non posso accettare una cosa simile…”
“ma neppure io posso accettare di tirar fuori il cazzo dalla tua figa e schizzare fuori…..non questa volta…..è una chiavata troppo importante, la migliore della mia vita…la devo concludere segnando il mio territorio ed esalando il mio ultimo respiro di piacere dentro di te, per farti mia completamente”
Dicendo ciò, Berto ha aumentato i colpi, affondando fino ai coglioni ed ansimando come un animale……
“godo, godo, mia bella professoressa puttana….non posso più trattenere la sborra….aaaahhh….aaahhhhh….che bello….vengo….vengo…..tra un attimo ti riempio prof……è la sborrata più bella della mia vita…..goditi il mio cazzo duro e tutta la mia semenza bella calda….aaaahhhhh…..aaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhh………..”

Berto ha concluso l’azione restando conficcato dentro di me. Sentivo chiaramente i sussulti del suo cazzo che fiottava sperma…..sembrava non finire mai….lo tenevo stretto, abbracciato…..mi rendevo conto che mentre lo supplicavo di non venirmi dentro stavo intrecciando le gambe al di sopra del suo culo nudo…inconsciamente lo stavo trattenendo, incatenandolo a me, stavo costringendolo a completare l’accoppiamento inseminandomi a dovere la figa.
Compreso ciò, mi sentivo come una vacca riempita dal toro…..infatti come una vacca mi ero offerta alla monta e avevo goduto….
“guarda prof, un bel po’ di sborra ti sta colando fuori…..forse ho esagerato un po’ con la quantità….te l’ho riempita fino all’orlo….ma sono sicuro che ti piace perché ti fa sentire bella piena….”
“accidenti, Berto….che scopata….e che copiosa sborrata…..”
“puoi andare a lavarti se vuoi….ma se fossi in te non lo farei, ti rovineresti il piacere di sentirti piena del maschio. Camminare con le mutandine inzuppate può essere molto eccitante per una donna. Pensa che intenso piacere erotico puoi provare se stai vicino a tuo marito con qualche gocciolina della mia sborra che ancora ti cola lentamente sull’interno cosce…..ti ecciterebbe molto. Rivivresti per molte ore il piacere di essere stata chiavata da me, proveresti l’effetto erotizzante della trasgressione da poco compiuta, ti sentiresti una professoressa vacca che si lascia sopraffare dal desiderio e concede la figa a un ragazzetto, ad uno dei suoi alunni. Proveresti la deliziosa e sublime sensazione di essere una troia….questo pensiero potrebbe farti macerare di peccaminoso piacere. E poi la vicinanza del marito appena cornificato non potrebbe che amplificare queste sensazioni e prolungare il godimento che ne deriva. Accetta la verità e goditi la tua liberazione, finalmente hai avuto quello che desideravi da molto tempo, pur senza saperlo…..sei donna, sei troia e d’ora in avanti ti si aprirà una nuova prospettiva di vita.
Il tuo caro Berto è sempre qui per aiutarti a trarre sempre più piacere dalla tua essenza di femmina appena riscoperta…….dalla tua essenza di gran troia da letto”.












Questo racconto di è stato letto 6 1 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


incesto tra mamma e figlioracconti piccanti gratisvicine di casa troieracconti erotici zio nipoteracconti eoriticraccontieriticiracconti porno xxxannunci 69 storieracconti di sesso con animalistori erotichein culo alla suoceramarito e moglie bisexracconti etoticiracconti erotici analircconti eroticiracconti oornoracconti di mariti cuckoldracconti eriticila troionaracconti mikuracconti milu comstorie di donne matureraccconti pornoracconti di chiavateracconti sesso con sorellapissing itaracconti incestuosistorie scabroseracconti rroticistorie erorichepiccole trasgressioni raccontiracconti piedilettere hard da leggere gratisstorie di sessstorie di tettonestoriw pornostorie gay romantichestorie vere di incestosorie pornovoglio vederti sborrarescopate e tradimentiracconti scambio di coppiasuocera troia raccontiracconti erotici animalzietta porcaracconti solleticoracconti moglie infedeleracconti gay prima esperienzaracconti erotici per adultiracconti pornoracconti eeoticiracconti lesbo incestoracconti di donne inculateracconti hard con animalistorie hot gratisacconti pornoracconti erotici stupro gayraccontierrracconti eroticiracconti erotici al mareracconti eroticincrstiracconti porno di incestistorie di e per adultistorie erracconti erotici genereracconti milúracconto eroracconti erotocogeneri di racconti eroticimasturbazionrmammeincestimia suocera è una troiapiccole trasgressioni racconti