Un caldo, caldissimo pomeriggio

Scritto da , il 2020-07-29, genere dominazione

Luglio, 28
Una delle poche giornate afose di questo 2020, mi trovavo stesa sul divano assieme al mio uomo con tanto di condizionatore accesso. Era anche impossibile stare vicini dato il caldo, perciò goffamente mi adagiai sull'altro divano assieme a sua sorella che prontamente andò in camera sua a riposarsi. Tra il divano su cui ero appoggiata e la sua cameretta a separarci c'era solo un muro soltanto e lei in quel momento era impegnata a guardare il suo telefono, io guardavo la TV e il mio ragazzo si stava lamentando del troppo caldo; all'ennesima lamentela si alzò, tolse la maglietta e il pantaloncino e rimase solo con lo slip bianco. Avevo sempre pensato che quello slip fosse troppo aderente e che mettesse anche troppo in risalto il suo membro, ma in quel momento non facevo altro che fissarlo lì a petto nudo e con il cazzo in risalto. Quest'immagine mi fece dimenticare il sudore, l'afa e tutto ciò che mi teneva lontano da lui; l'unico problema era sua sorella che ancora era li a giocare con il telefono. Non la persi di vista neanche per un secondo e aspettai insistentemente che prendesse sonno, nel frattempo io ero stata divorata dall'eccitazione e cercavo senza sosta e senza dare troppo nell'occhio un elastico che da li a poco mi sarebbe servito per raccogliere i miei capelli ricci e fiondarmi sul suo cazzo e spompinarlo a dovere.
Ad un certo punto, intravidi un bell'elastico rosso tra le cose di sua sorella e senza fare troppo rumore mi alzai e lo andai a prendere mentre cercavo di vedere se si fosse addormenta, e così fu.
Presi l'elastico e mi diressi verso di lui, mi stava aspettando e infatti mi accolse con un bacio lungo, appassionato e carico di voglia di sesso; cercavamo di non far rumore perché ansimavamo già come due animali, ed eravamo ancora al bacio.
Gli toccai il cazzo ed era enorme, mi pulsava in mano ed io ero un fiume in piena ma proprio sul più bello sua sorella si svegliò lasciandoci a bocca asciutta, forse più me.
Si iniziò a preparare perché doveva (fortunatamente) andare a lavoro, non vedevo l'ora di rimanere da sola con lui che per tutto il tempo non faceva altro che lasciarmi sguardi carichi di sesso.
Mi voleva mangiare, mi voleva soffocare con il suo cazzo e glielo leggevo negli occhi.
Appena sua sorella varcò la soglia della porta, non ebbi il tempo a girarmi verso di lui che era già dietro di me a strusciasi il cazzo contro e sussurrandomi di buttarmi sul divano con la testa poggiata sul bracciolo.
Andò via e poco dopo tornò con la nostra "cinepresa" in mano, dicendomi: "io devo fartelo vedere quanto sei troia, quanta voglia del mio cazzo che hai. Sei pronta?"
Senza neanche darmi il tempo di rispondere, si mise a cavalcioni su me e me lo infilò dritto in gola provocandomi il senso del vomito. Volevo sottometterlo, volevo che mi mettessi io su di lui ma non potevo mi teneva il busto bloccato con il suo peso mentre io a fatica riuscivo a respirare con il suo cazzo che mi premeva le tonsille; dopo un pò mi arresi, feci finta di fermarmi e riuscii a liberare una mano per afferragli le palle e stringerle forte, lui sembrò apprezzare e a quel punto mi sparò il flash in faccia e non lo vidi più anzi a stento riuscivo a tenere aperti gli occhi per quanto mi bruciassero. Gli strinsi le palle ancora più forte per fargliela pagare ma lui invece emise solo gemiti di piacere e non di dolore mentre con ritmo si muoveva nella mia bocca, riuscii a sfilarmi il cazzo dalla bocca ed ingenuamente mollò la sua presa su di me e ciò mi permise di liberare anche l'altra mano con cui afferrai il suo cazzo e che presi a muovere nuovamente su e giù. Lui mi stava guardano tramite la fotocamera del telefono e non riusciva più a parlare ma gemeva solo di piacere e questo mi eccitava ancora di più. Cercai il suo cazzo con la bocca e lo infilai dentro, poi con le mani lo presi dalle natiche e lo alzai in modo da creare dello spazio tra il mio petto ed il suo sedere e puntai piano piano con le dita di una mano verso il suo ano accarezzandoglielo e con l'altra ripresi a stringergli le palle. Mentre il suo ano mi pulsava tra le dita che muovevo delicatamente, decisi che era arrivato anche il suo turno e con tutta la forza che avevo alzai il suo culo e puntai il suo ano verso la mia lingua; iniziai a muoverla da prima con movimenti circolatori fino a penetrarlo completamente con la lingua. Avevo anche afferrato con l'altra mano il suo enorme e durissimo cazzo che stavo facevo scivolare su e giù andando a ritmo con quella che stava impugnando le palle. Era fuori controllo, ed io aumentavo l'intensità di tutto l'amplesso gemendo all'unisono con lui. Cazzo quanto amo spompinarlo in quel modo. Mi resi conto che non ce la stava facendo più, il mio viso era in fiamme e le lacrime mi scendevano all'impazzata per quanto stessi sforzando le mie tonsille e la gola a subirmi il suo cazzo. A quel punto, con una mano mi afferrò per i capelli e con l'altra mi puntò ancora più vicino il flash e mi disse "adesso, aprirai la bocca ed io ti verrò dentro e mi raccomando non far cedere neanche una goccia di sperma per terra altrimenti ti costringerò a raccoglierla con la lingua. Intesi?" Annuiì. Questa volta il suo cazzo stava premendo oltre le tonsille con ritmo animalesco, gli strinsi ancora più forte le palle mentre il mio anulare era completamente nel suo ano che presi a muovere senza controllo. Venne e urlò forte, il suo sperma era sceso dritto nella mia gola che ingoiai fino all'ultima goccia. Il mio trofeo.
Quando la situazione prese a calmarsi, chiesi di rivedere il mio video; aveva ragione, ero stata davvero una gran troia.

Questo racconto di è stato letto 5 2 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


morenasex coppieraccontineroticistorie erotiche cognataannunci69 storieracconto erracconti calci nelle palleracconti erotici pulpracconti bisessualifemdom raccontila mia ragazza esibizionistastorie di pompinicornuto e guardonesega al cinema pornoamoreinfamiglia.blogspot.it.raccontisessualifaccio l'amore con mio figliomogli troie raccontistorie eccitanticognata provocanteracconti incesto mamma e figliaraconti eroticivideo racconti porno gratisracconti erorticiho scopato con mia suoceraracconti casalinghii racconti di milúraconti erosracconti mamma padronastorie di incestieroticoraccontiracconti erotici con donne matureseghe tra cuginiracconti piedinimasturbazione raccontiracconti erotici caneracconti di travestitiputtanonaerotici racconti.itstorie porno con immaginistorie di sesso pornoracconi eroticiracconti eriticiracconti per adulti gratisstorie eroticheracconti erotici mistressracconto erotico 69mamme incestuoseracconti erotici suoreracconti milu comerotici raccomtiracconti incesti suocereeroticiracconti.itho scopato mia nonnaeroticiracconti.itracconti lesbistorie di sesso incestiracoonti eroticigeneri di racconti eroticijncestiracconti gratis eroticiracconti erotici famosistorie milfi racconti di luluracconti:eroticiracconti seximamma racconti eroticiracconti porno milfracconti erotici di sessoracconti porno culoerotici raccotimoglie racconti eroticiracconti scopate in famigliagang bang raccontistorie footjobracconti porno freestorie di scambio di coppiaracconti porno ragazziannuncio 69 itracconti di milu'racconti la ziaincesto con mia zia