La noia dell'estate

Scritto da , il 2020-07-29, genere orge

L’estate aveva portato con sé un senso di noia perenne.
Per far fronte a questa noia avrei potuto dedicarmi allo studio o allo sport come tutte le persone che conoscevo. Sarei potuta uscire, divertirmi in compagnia; invece passavo le mie giornate guardando video porno su internet.
Passavo con facilità da una categoria all’altra: etero, lesbo, bdsm… non avevano molta importanza, tutto mi eccitava. Avevo però una certa predilezione per attori grossi, nerboruti, dai membri vigorosi.
Aprivo le gambe e cominciavo a toccarmi guardando quelle scene.

Talvolta sostituivo i video con i racconti erotici. Setacciavo diversi siti alla ricerca di qualcosa che mi sorprendesse e mi eccitasse. Ne trovavo a bizzeffe.
Gli autori avevano una fantasia perversa che io non avrei mai posseduto.
Ciò che mi incuriosiva di più di questi siti erotici era non tanto il prodotto in vetrina, ossia i racconti, quanto la possibilità di instaurare veri e propri rapporti epistolari con sconosciuti.
Non solo i video, anche i loro racconti, i loro messaggi mi eccitavano da morire.
Capitava, allora, che spesso passassi il mio tempo a masturbarmi.
Eppure più lo facevo, più la cosa mi sembrava insoddisfacente. Sentivo il desiderio di mettere in pratica alcune di quelle fantasie.
Ma come?

L’occasione mi si presentò qualche tempo dopo, quando la mia vicina, in pieno delirio da pulizie e cambi di stagione, aveva saggiamente deciso di assumere alcuni operai perché le ritinteggiassero casa.
Ad essere sincera, all’inizio il loro lavoro mi innervosiva. Chiacchieravano, fumavano, si scambiavano battute sconce ad un passo dal mio terrazzo.
Lì dove di solito andavo a prendere il sole e mi lasciavo andare a ditalini fantastici.
Poi, piano piano, cominciai a pensare che la loro presenza non fosse un fastidio, ma anzi poteva diventare un facile pretesto per fantasie più eccitanti.

Tornai a prendere il sole, nonostante la loro presenza, in un costumino azzurro striminzito, che mettesse bene in risalto le forme e lasciasse scoperta quanta più pelle possibile.
Potevo vedere con la coda dell’occhio il loro sguardo posarsi sulle mie cosce, sul sedere, sulle tette. Io godevo e mi bagnavo al solo pensiero. Tornavo in casa e mi davo da fare fino a venire con orgasmi potenti.
Il più giovane dei tre una volta si azzardò addirittura a sorridermi, ed io ricambiai con un sorrisetto malizioso. Decisi a quel punto che avrei potuto osare anche di più.

Il giorno dopo mi presentai sul terrazzo non più con il costume, ma con un asciugamanino bianco che ricopriva a stento la mia figura.
Mi lasciai cadere sulla sdraio e aspettai di notare nuovamente i loro sguardi su di me. Non tardarono ad arrivare.
Li sentivo ridere e bisbigliare ed intuii che facessero commenti sconci su di me.
Giurai di aver sentito uno dire all’altro che mi avrebbe volentieri sfondato la fighetta giovane e calda.
Sorrisi tra me e me, spostando un lembo di tessuto e lasciando intravedere l’inguine e buona parte del fianco.
Mi beai un altro po’ dei loro commenti, poi mi alzai di scatto e feci per tornare dentro.
Il più giovane, quello che mi aveva sorriso il giorno prima, mi bloccò.
“Ehi,” disse. “vai già via?”
“Mmh sì, mi annoio” risposi fintamente seccata.
“E’ un peccato, mi stavo divertendo”.
“Ah, davvero? E cosa ti ha fatto divertire così tanto?”. Lo vidi sorridere in imbarazzo. Non riuscivo a capire se il rossore sul suo viso dipendesse da me o dal caldo asfissiante.
“Non sei male…” borbottò. Non risposi, mi limitai a posare il mio sguardo sul suo busto senza maglietta. Nemmeno lui era male, dovetti ammettere a me stessa. “Mi chiedo però come sia il resto…”
“Il resto? Non capisco”.
“Facciamo così: ti do trenta euro se apri l’asciugamano e mi fai vedere cosa c’è sotto”.
Scoppiai a ridere. E non per la spavalderia, ma perché mi sarei denudata per molto meno.
Non dissi nulla, spostai l’asciugamano e gli feci vedere tutto.
Lui divenne ancora più rosso, ma pareva apprezzare. Assaggiò con lo sguardo ogni angolo, ogni curva del mio corpo.
“Piaciuto?” domandai ridendo. Non fece in tempo a rispondere che tornai in casa, ma prima di entrare lasciai cadere a terra l’asciugamano.
Lo sentii scavalcare in fretta il muretto che separava il mio terrazzo da quello della vicina ed entrò in casa. Aveva il fiatone dall’eccitazione.
Mi voltai, falsamente stupita. La mia vagina già pulsava.
“Cosa vuoi?” chiesi.
“Scoparti”.
Apprezzai la sincerità.
Gli slacciai in fretta i pantaloni e cominciai a segarlo. Ben presto il suo cazzo divenne duro e pronto per penetrarmi. Lui, intanto, mi toccava voluttuosamente.
“Prendimi” gli soffiai in un orecchio.
Non se lo fece ripetere due volte. Con forza mi spinse al tavolo e mi piegò a novanta, mentre con un piede mi apriva le gambe.
Sentii la punta del suo pene esitare un po’ davanti all’apertura della mia vagina bagnata di umori, ma poi entrò con un colpo secco.
“Ah!” esclamai. Da quanto tempo non avevo un cazzo dentro di me…
Prese a scoparmi con foga. Gemeva, si reggeva ai miei fianchi e spingeva con forza inaudita.
I miei gemiti si mescolavano ai suoi.
“Ma che cazzo sta succendo??”.
Una terza voce mi fece trasalire. Era un altro degli operai. Il più anziano, forse il capo. Poco dopo entrò anche il terzo.
Il giovane non smise comunque di scoparmi. Anzi l’arrivo dei colleghi l’avevano infoiato ancora di più.
Il più anziano si avvicinò a noi con i pantaloni già abbassati e la verga giù eretta.
Il suo cazzo era diverso: era tozzo, largo, ruvido. Mi eccitò da morire.
Disse a quello giovane di spostarsi e, quando quello rifiutò, lo spinse via con la forza. Sentii il suo cazzo scivolare via dal mio sesso e provai un moto di frustrazione.

Fu subito sostituito dall’altro cazzo.
Il capo non era come il ragazzo. Spingeva con ancora più forza, con così tanta forza che temevo mi sfondasse.
Mi teneva con una mano per i fianchi, mentre con l’altra mi dava schiaffi al sedere. Nessuno mi aveva mai schiaffeggiato durante un rapporto, eppure lo trovai eccitante oltre ogni misura.
Ad ogni colpo sentivo la mia fighetta bagnarsi sempre di più, fino a quando, un po’ inaspettatamente, venni con un urlo di piacere.
Sentii le pareti della vagina contrarsi su quel bellissimo cazzo che mi stava trapanando.
“Guarda, guarda questa puttanella… è venuta!” esclamò il capo con sorpresa.
“Sono una puttanella, sì, continua… continua a sfondarmi!”.
Potevo sentire gli altri segarsi dietro di noi.
“Ehi, voglio provarla anch’io!” protestò il terzo.
Il suo cazzetto piccolo non mi entusiasmava, ma il capo non la pensava allo stesso modo. Mi fece stendere sul tavolo con le gambe ben aperte.
“Ora facci godere tutti” disse.
Il terzo si avvicinò al mio sesso col suo cazzetto piccolo, diede un paio di colpi e poi mi penetrò. Non sentivo molto, non era minimamente paragonabile al piacere che avevo avvertito prima.
Il ragazzo giovane mi mise il suo cazzo, ormai bagnatissimo, in mano ed io presi a massaggiarlo.
Il capo, invece, mi infilò il suo grosso membro in bocca.
Stavo facendo godere contemporaneamente tre uomini. Nemmeno nelle mie fantasie più perverse avrei mai immaginato nulla del genere.
In un nulla tornai ad eccitarmi. E non erano i colpi del cazzetto a rendere la mia vagina un lago, ma quel grosso cazzo che avevo in bocca.
Il primo a venire fu il giovane che schizzò tutto il suo liquido sulla mia mano; poi fu il turno del cazzetto piccolo, che venne copiosamente sul mio ventre.
Infine, il capo. Sfilò il membro dalla bocca e mi spruzzò tutto il suo sperma sulle tette sudate. Il suo liquido era denso e bianco.
“No, ti prego, continua!” lo supplicai. Io ero eccitata e volevo venire ancora.
Lui, allora, con la mano prese a spalmarmi il suo seme su tutto il corpo, massaggiando per bene le tette, i capezzoli e poi, alla fine, il clitoride.
Io immaginavo che al posto di quella mano ci fosse il suo bellissimo cazzo.
“Ah, ah, aaaaah!”
Venni nella sua mano.
“Che puttanella…” disse sorridendo.




Questo racconto di è stato letto 4 2 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


mamme eroticheracconti spanki racconti di milu'zoofilia raccontiracconti 69.itstorie porracconti erotici i generinonnigayracconti erotimi sono scopato mia cognataracconti di masturbazioneultimi racconti eroticierotici racconti.itracconti erotici casalinghestorie di incestoracconti erotici donnastorie potnoracconti erotici con il caneracconti hard gratisstorie pornofumetti incestistorie erotichracconti bullgeneri racconti gayho scopato mia ziageniv storiestorie sessracconti harstori erotichestorie pornmogli raccontiracconti maritoracconti di dominazioneblog marito cornutosex done con animaliracconti erotici sui piediracconti zoofiliascopata casarecciaracconti erraccontieroticoracconti erotici stupriraccontisessualiconnilinguoseracconti eroticiracconti cuckold realiracconti camionististorie di sesocane scopa moglielesbo storieracconti eroriciforum feticismoricatto analeporno racontibondage storiesinculata involontariaracconti pronoraccconti pornoi generi di racconti inceatoracconti erotici nonneracconti sissytacconti eroticimilu raccontosega eroticaracconi pornomi chiavo la suocerageneri dei racconti eroticiraccinti eroticistorie hardscambi di coppia raccontimilu incestoracconti trioporno video raccontiraccontierotici.itsorellina porcellinaerotico storieincesti eroticierotici racconticuli rotti raccontiracconti erotici storie di sesso incestoraccontiannunci69storie di bondage