Amsterdam - Sexy Shop

Scritto da , il 2020-07-29, genere etero

Lo so che è terribilmente stupido, ma togliermi l’accappatoio di fronte a Debbie mi imbarazza. Non perché lei mi veda come mamma mi ha fatta, no, che cazzo andate a pensare. Sarà che siamo nel suo appartamento, sarà che da quando siamo atterrate ad Amsterdam lei ha ripreso il controllo delle operazioni, muovendosi e portandomi in giro quasi come se fossi al guinzaglio. Del resto è giusto che sia così, è normale. Lei gioca in casa, io invece non capisco un cazzo di quello che mi accade intorno, a cominciare dalla lingua.

Nulla però mi toglie dalla testa che in lei ci sia anche un desiderio di vendetta per quello che le ho fatto fare mentre eravamo a Fiumicino. Non solo l’ordine di baciarci sul marciapiede dell’aerostazione scandalizzando tutti i passanti. Né solo quello di averle detto di andare alla toilette a togliersi le mutandine, come lei aveva fatto con me il giorno prima. All’imbarco, approfittando della ressa, mi ero schiacciata su di lei e le avevo infilato una mano sotto la mini. L’avevo sentita irrigidirsi, appiattire la schiena addosso a me. “Sletje, questa me la paghi…”, aveva sussurrato tirando la testa un po’ all’indietro. “Può darsi – le avevo risposto bisbigliando al suo orecchio – ma da come ti sei bagnata penso proprio che la tua punizione mi piacerà moltissimo”. Poi le avevo infilato un dito nella fica. In quella posizione non potevo vederla, ma giurerei che si sia morsa le labbra. E il modo in cui la sua vagina si era contratta intorno al mio dito mi aveva fatto venire una voglia pazzesca di infilargliene un altro e farla strillare.

Al check in avevano fatto casino, o forse lei lo aveva fatto troppo tardi, non so. Sta di fatto che non avevamo viaggiato stando sedute una accanto all’altra. Io ero sul corridoio, accanto a una coppia di pensionati. Lei un paio di file più avanti, al finestrino, insieme ad un uomo con una bambina. Mi ero divertita parecchio a vedere quel padre di famiglia osservare le cosce di Debbie mentre lei piazzava il suo trolley nello scomparto dei bagagli a mano. La gonna era davvero corta ed era salita tanto. Mi ero persino domandata se quell’uomo avesse potuto vedere qualcosa della sua fica scoperta e sicuramente ancora lucida dei suoi succhi. Da come teneva la testa mentre lei gli passava davanti per sedersi al suo posto, avrei giurato che avesse tenuto per tutto il tempo gli occhi ad altezza-fica. Mi ero persino domandata se avesse potuto sentirne l’odore di femmina in calore. Perché ci avrei scommesso qualsiasi cosa: in quel momento Debbie era ancora in calore. E colante. Le avevo anche mandato un messaggio su WhatsApp, divertendomi a provocarla: “Secondo me se gli metti una mano sul pacco lo senti di marmo. Scommetto che gli faresti un pompino davanti alla bambina”. La sua risposta era stata: “Sei una sgualdrina da quattro soldi e te la farò pagare”. Poi abbiamo dovuto spegnere i telefoni. Ho fatto tutto il volo cercando di immaginare in quali e quanti modi Debbie avrebbe potuto farmela pagare. All’atterraggio avevo le mutandine fradice.

– Hai fatto la stronzetta, eh? – dice lei divertita quando mi vede entrare nella sua camera.

Le sorrido un po’ intimidita mentre lei avanza verso di me. Eccezion fatta per un perizoma davvero stellare è nuda anche lei, sta scegliendo cosa mettersi. A sorpresa, mi afferra la nuca con una mano e mi attira a sé. Mi bacia, un bacio anche più passionale di quello che ci siamo date in aeroporto. Porta una mano in mezzo alle mie cosce e mi trova bagnata all’istante. “Slet…”, sussurra. Puttana, senza diminutivo. Mi infila un dito dentro e mi fa miagolare. Con molta delicatezza me ne infila un secondo e a me pare proprio di non riuscire a reggermi sulle ginocchia. Sfila le dita e mi afferra la mano, la porta sulla sua fica. Le mutandine non riescono a contenere l’umido, credo che sia ancora più eccitata che in aeroporto.

– Pensi che non abbia voglia anche io? – mi sussurra sulle labbra – sì, se non ci fosse stata la bambina quello me lo sarei portata al bagno e mi sarei fatta scopare, anche se non mi piaceva…

Baciandola, la tocco da sopra le mutandine e si contorce. Mi abbasso a succhiare i suoi capezzoli induriti e geme, mi spinge la testa al suo petto. All’improvviso mi respinge ansimando.

– Prendi quell’ovetto vibrante che hai portato, Sletje…

Attimo di gelo. Oh cazzo, dico a me stessa. Cazzo, cazzo, cazzo me lo sono dimenticato a casa. Rivedo perfettamente la scena di me stessa che decide di lasciarlo nel cassetto fino all’ultimo per non farselo sgamare. E lì l’ho lasciato, distratta dalla fretta di andare a prendere Debbie all’aeroporto. Cazzo, cazzo, cazzo…

– Io… Debbie… io mi sa che l’ho lasciato a casa… me lo sono dimenticato.

Mi guarda all’inizio con un po’ di disappunto, poi sul volto le si disegna un sorriso quasi perverso.

– Credo che grazie a questo tuo piccolo errore ci divertiremo parecchio, Sletje…

Prende un vestitino a pois bianchi e blu piccolissimi che è disteso sul letto e lo indossa. Non è corto come la mini che portava stamattina ma, credetemi, è abbastanza corto e con la gonna un po’ svasata. Una volta fatto, si toglie le mutandine e me le fa vedere. Hanno una larga macchia umida. Me le mostra e ridendo mi fa “per colpa tua non le potrò mettere, Sletje, ahahahah”. Conciata così è una strafiga pazzesca e l’idea che in qualsiasi momento potrei infilare la mano sotto la sua gonna e trovarla pronta mi fa impazzire.

– Debbie, così mi fai colare… – riesco a dirle quasi tremando. Ed è vero, non un modo di dire.

Allunga ancora una volta la mano tra le mie gambe e io devo chiudere gli occhi e trattenere il fiato per non cadere, tanto mi tremano le ginocchia. Mi dice “datti un’asciugata e vestiti, Sletie, quello che ti devi mettere te lo scelgo io”. Eseguo, mentre lei tira fuori dal mio trolley un peri nero, una mini di jeans e, dopo avere valutato un po’ gli altri indumenti, una bralette molto ridotta. Me la allunga dicendo “tieni” con un tono un po’ perentorio. Sembra tornata la Debbie di ieri mattina all’aeroporto, quando mi comandava a bacchetta. La situazione si è rovesciata, ormai.

Mi infilo tutto e vado al trolley. Mi domanda “che cerchi?” e le rispondo che cerco la camicetta che uso per abbinarla alla bralette. Mi risponde “tu non metti nessuna camicetta… piuttosto mettiti questo, che pioviccica… carino!”. Mi allunga il mio Kway fucsia. Protesto dicendo che mi si appiccica alla pelle e che comunque la bralette è talmente striminzita che qualche cosa devo mettermela, anche perché non è che potrò tenere sempre addosso il Kway. La sua è una risposta che non mi lascia possibilità di replica: “Sletje, non fare la bambina e sbrigati”.

Eseguo ancora, quasi piagnucolando. Prima di tirarmi su la zip mi ferma e mi accarezza con estrema leggerezza il fianco nudo mormorandomi con uno sguardo da gatta “sei la perfezione assoluta”. Poi mi lecca il lobo e sussurra “anche la perversione assoluta”. Tutto il lavoro che avevo fatto prima per asciugarmi diventa completamente inutile in pochi secondi.

Scendiamo e camminiamo per un ventina di minuti su delle stradine strette che costeggiano i canali, fermandoci ogni tanto a guardare le vetrine di negozi di tendenza e boutique. Per strada è tutto bagnato ma per fortuna ha smesso di piovere. Mi indica un pub davanti al quale passiamo e mi dice “ero qui quel pomeriggio, quando sei tornata dalla Croazia e mi hai chiamata, posto molto carino”. Dopo un po’ mi indica un ristorantino dall’altra parte del canale e mi dice “lì invece ci sono stata qualche sera fa con uno che ho conosciuto su Tinder, non esattamente un cervellone ma sapeva il fatto suo… mi ha portata da lui e mi ha scopata tre volte, e l’ultima gli era rimasto ancora tanto di quello sperma che mi ha letteralmente lavato la faccia… lo adoro… Ma stasera mi devi raccontare meglio delle tue vacanze, Sletje”. Mentre mi parla ho la vagina che mi pulsa, le mutandine talmente fradicie che mi danno fastidio e faccio fatica a camminare. E in più la mia mini è talmente mini che mi sembra che tutti mi guardino le cosce e che capiscano perfettamente cosa sono in questo momento. Se pensate che questo mi dia fastidio, in parte avete ragione. Ma solo in parte. C’è tutto un altro lato di Annalisa che è super eccitato, invece.

Di colpo Debbie si ferma davanti alla vetrina di un negozio, una delle tante. Guardo meglio e mi rendo conto che non è per niente una delle tante, è la vetrina di un sexy shop. Tranquillamente esposti – come se fosse, che so, la vetrina di un negozio di orologi – cazzi finti, plug, manette e altri oggetti che non so assolutamente a cosa cavolo possano servire. Oddio, magari concentrandomi qualcosa potrei pure capirla, ma se proprio devo essere sincera la prima sensazione che ho è che per quasi tutti gli articoli l’attenzione al design prevalga addirittura sull’utilizzo cui sono destinati. Improvvisamente però, mentre li osservo, sento che quasi mi vergogno di quello che sto facendo.

Mi fa “dai, entriamo”. La guardo e le chiedo “in che senso ‘entriamo’?”. “Entriamo, vuoi restare qui sul marciapiede?”, risponde prendendomi per un gomito e portandomi dentro. La prima cosa che mi colpisce è che, a differenza dei sexy shop sbarrati all’esterno che ho visto a Roma (solo da fuori) e che ho sempre immaginato sordidi, qui non è per niente così. Per restare al paragone con gli orologi, se non fosse per la merce esposta sugli scaffali potremmo benissimo essere nella boutique IWC di piazza di Spagna, dove sono entrata qualche mese fa con Martina. Anche la gente nel negozio, poca, è normalissima. Turisti, direi. Più una tipa con un vestito rosso molto scollato e strafighissimo che si aggira con un sacchetto in mano. Bellissima, alta di sicuro più di un metro e ottanta e con due spalle così. Un trans, a occhio, ma di una femminilità che un sacco di donne si sognano. Debbie aggancia una commessa e anche lei è un personaggetto che vi raccomando: fisico minuto, non tanto alta, capelli rossi chiaramente tinti e con due tette, che giurerei rifatte, che sembrano volere esplodere sotto la t-shirt con il logo della catena e che gliela sollevano ben sopra l’ombelico. Avrà più o meno la stessa età di Debbie, parlano in olandese. Io ovviamente non capisco un cazzo anche se il tono della conversazione, e il modo in cui la mia amica mi indica, sembrano più quelli di una mamma che chiede, che ne so, un paio di scarpe resistenti per la bambina scapestrata piuttosto che quello di una giovane donna che vuole acquistare una cosina che prima o poi finirà nella fregna della sua amante. Mi sembra tutto vagamente surreale. Dallo sguardo accondiscendente e dai sorrisi che ogni tanto la commessa mi rivolge mi sembra di essere un animaletto ai suoi occhi.

Su uno scaffale vedo un oggetto bellissimo nella sua semplicità e linearità fatta di cristallo Swarovski, un oggetto che starebbe bene come soprammobile in qualsiasi salotto se non si trattasse di un fallo. Liscio, dritto, iperrealisticamente preciso nella sua parte finale, con la cappella scoperta, il glande gonfio e incavato dal taglietto. E soprattutto molto ma molto grosso. Ricordo bene il king size di Edoardo, il Capo, e di come mi sventrava lasciandomi senza fiato. Ricordo la sodomia lacerante che mi obbligò a subire a Nizza, e per un momento mi sembra di sentirmelo dentro. Mi contraggo, mi schiudo, mi bagno di nuovo in pochissimi secondi. Poi osservo quell’oggetto e mi dico che non è possibile, che è anche più grosso, che non ce la farei mai. Poi invece mi dico che no, chissà, penso che forse metà lo potrei prendere e mi chiedo cosa proverei a sentire la mia carne strappata e tirata in quel modo. Poi faccio un passo in più e immagino Debbie che mi fa mettere doggystyle e che mi dice “vediamo se riesci a prenderlo tutto”. E io che nonostante il terrore la imploro di non risparmiarmi nulla. La boutique sembra quasi girarmi attorno per un momento, io mi sento talmente viscida e dilatata che alla fine mi convinco che potrei pure sedermi sopra a quell’affare e che mi scivolerebbe dentro senza problemi. Trenta secondi di follia pura provocati da un cazzo di cristallo e dalla mia fica in calore per Debbie.

Comincio a sentire caldo e a sudare sotto il Kway. Prima abbasso la zip poi me lo tolgo del tutto rimanendo praticamente in minigonna e reggiseno. Sticazzi, non mi sembra il posto dove si possano formalizzare più di tanto. Mentre mi spoglio si appartano in un angolo del bancone. La rossa mostra a Debbie una serie di cose che non vedo. Arrivata a questo punto nemmeno sento più le loro parole incomprensibili. Ogni tanto la commessa si volta verso di me e sorride, poi fa cenno di sì con la testa. Debbie invece, lei, nemmeno mi guarda, si limita a indicarmi ogni tanto con la mano e anche molto sobriamente. Alla fine la vedo dirigersi verso la cassa e pagare con la carta di credito. Torna verso di me dopo essersi scambiata una battuta con la commessa e essersi messa a ridere indicandomi con un cenno del capo. Le domando “cosa vi siete dette?” e lei risponde abbastanza sbrigativa “le ho detto che ero contenta di regalare un giocattolino al mio giocattolino… tieni, te lo devi mettere”. La parola “giocattolino” mi fa scaldare e squagliare in mezzo alle gambe, le parole “te lo devi mettere” invece mi gelano. “Che vuol dire che me lo devo mettere?”, domando. “Sei un po’ torpida stasera, Sletje… significa che te lo devi mettere”. “Ma… qui?”, protesto. “Ci sono dei camerini…”. Le dico che no, non voglio, che voglio farlo a casa e che voglio farlo con lei. Piagnucolo che me l’ero immaginata così, questa cosa, e che invece qui dentro mi vergogno e mi sembra che mi guardino tutti. Debbie tira un sospiro e alza gli occhi al cielo, la commessa si avvicina sorridendo. Si scambiano ancora un paio di battute. “Cosa le hai detto?”, domando. Invece di Debbie risponde la commessa, lasciandomi basita. “Sei italiana, mi ha detto la tua amica… dice che è la solita morale cattolica che viene fuori, ma le ho detto che non è vero, ho fatto male?”. Resto di stucco, non riesco nemmeno a risponderle. “Mi chiamo Clara, vieni”, dice tendendomi la mano. “Dove? Io… io mi chiamo Annalisa”. “Ciao Annalisa, vieni con me… ai camerini, no?”.

La seguo mano nella mano e completamente ipnotizzata, nel pallone. Entriamo in un camerino dalle pareti rosa e lei tira fuori l’ovetto dalla scatola e dal cellophane. “Senti ragazzì, ma quanti anni hai? Sedici? Non è che sei scappata di casa?”. Non le rispondo nemmeno, tanto mi devo ancora riprendere dalla sorpresa. “Senti – mi fa abbassando la voce – non è che sei… sì, insomma, vergine, vero?”. Scuoto lentamente la testa mentre lei mi mostra l’ovetto. E’ più o meno come quello che mi ha regalato Giancarlo, ma senza l’antenna bluetooth. Forse anche più piccolo. “Tieni – mi dice porgendomelo – sai come fare?”. Le faccio segno di sì e lo afferro. Ma sono contratta, intimorita dalla situazione e anche da lei, nonostante sia molto dolce. Continuo a sentire addosso un certo senso di vergogna. E’ un gioco intimo, non sto mica provando un paio di jeans da Zara.

“Aspetta, ti mostro io – mi fa – innanzitutto devi stare più rilassata, apri un po’ più le gambe e abbassa di più le mutandine… brava, stai tranquilla, è un bel giochetto… aspetta, non ti preoccupare, non è la prima volta che… santo cielo, ma sei zuppa! Come fa a non entrarti?”.

E infatti entra, scivola dentro, non mi dà nemmeno fastidio. Sono concentrata su queste sensazioni quando sento la sua mano scorrermi sulla fica. “Dio che bella micetta che hai”, sussurra avvicinandosi un po’. Le sussurro a mia volta un “grazie” assolutamente fuori luogo. I due palloni che porta sul petto me li sento addosso. Mi sfiora e basta, poi toglie la mano. Mi accarezza il viso con quella stessa mano bagnata di me. “Non avere paura, lasciati fare tutto dalla tua amica, penso proprio che ci sappia fare…”, dice sorridendomi. “Anche se per la verità io farei prima vedere a lei cosa so fare io e poi a te, ahahahah… scusa, non è molto professionale”. Improvvisamente, senza controllo, sbotto. “Voglio venire, non ce la faccio più… sono giorni che sto sulla corda…”, frigno in modo tale che non sono nemmeno sicura che mi capisca. Clara mi abbraccia, nonostante io sia molto più alta sento che in qualche modo mi sovrasta. Mi mette un dito sotto al mento e mi fa alzare la testa, dice “dai, dai, non ti preoccupare, fidati della tua amica, lo so che anche lei non vede l’ora…”. Poi mi rimette la mano sotto la gonna ma stavolta mi sfiora il culo. “Dio che bocciolo di bambina… beata lei”. La vagina mi si contrae intorno all’ovetto e per l’ennesima volta ho l’impressione che le gambe mi possano cedere da un momento all’altro.

Usciamo dal camerino con Debbie che ci aspetta di fuori. Mi lancia un’occhiata ironica, poi chiede qualcosa in olandese alla commessa, facendosi consegnare il telecomando. Un attimo dopo mi parte da dentro una vibrazione che quasi mi fa urlare e per un momento scatto quasi disarticolata. Sento Debbie che fa “ops” e Clara che ride dicendole qualcosa. “Scusa Sletje, volevo vedere se il telecomando funzionava, ma non immaginavo arrivasse subito al massimo… bisogna fare un po’ piano”. Mi riprendo un po’ mentre Clara ancora ride. Lei e Debbie si salutano. Mi guarda, abbasso gli occhi e dico “ciao Clara, grazie…”. “Ciao Annalisa, alla prossima – risponde con un sorriso – ciao Sletje…”.

CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 1 3 7 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


racconto erotico moglieanimalsessorscconti pornoracconti erotici di zoofiliageneri di racconti eroticimamme racconti eroticistorie feticisteracconto lesbicheracconti erorticiracconti erotici gay gratiswww.racconti-erotici.itracconti di culi rottieroticoraccontiracconti erotici mracconti erotici.racconti porno troieracconti schiavodonna si scopa un cavallostorie di ragazzi gayla prima volta nel culo raccontiracconti erotici di zoofiliamasturbazinewww.eroticiracconti.itracconti slaveracconti porno zoofiliaracconti eroticuracconti di incesti veriracconti sroticiracconti erotic iincesto con cuginaerotico incestovideo racconti hardracconti pirnoclistere racconti eroticiracconti erotracconti spankinculate atrociracconti erotici moglie infedeleiomilu raccontiracconti erotici cuckracconti di storie di sessoerotica raccontistorie di dominazioneracconti erotici.racconti schiavei generi dei racconti gayracconti eoriticannunci 69 racconti incestofilm porno storie vereracconti gay eroticiracconti sesso scuolaracconti porno con animalii segreti della ziaracconti incesti gayeroticraccontiracconti eroticazie incestierotici racconti i generiracconti al cinema pornopornoinfamigliageneri di racconti eroticiracconti rroticiscopateconanimaliracconti erotici pretesesso tra fratelli italianiho scopato con mammaracconti erorticiraccontidimilusculacciate sessualiracconti deflorazioneracconti erotici anzianoracconti erotici estremisesso storiestore pornoracconti dominazione lesbocuckold feliceracconti porno mogliemeccanico gayracconti picantiracconti eroticeracconti eroticvierotici raccnon c'è cosa più divina che scoparsi la cuginaracconti erotiicistorie porno gratisracconti di mogli zoccole