Nuda

Scritto da , il 2020-07-28, genere masturbazione

La casa è stranamente silenziosa oggi.
L'unico rumore che più che rumore, è baccano, lo fai tu nella mia testa affollata e piena di cose. Le poche e ovattate voci che sento, arrivano dalla strada rovente e assolata. Risuonano in lontananza, al di là dei vetri spessi, indefinite. L'orologio sul cellulare segna le tre in punto di un pomeriggio davvero troppo afoso e soffocante. Sola e, svestita quasi di tutto, mi aggiro per casa dando voce a pensieri sparsi.
È una libertà a cui non riesco a rinunciare questa, un momento tutto mio di cui non posso a fare a meno.
È il mio diritto alla confusione, il diritto al tempo che mi serve per metabolizzare qualcosa che ancora mi toglie il fiato. Cammino scalza passando da una stanza all'altra, gli occhi si incantano e si inceppano sul calendario appeso alle mattonelle bianche della cucina. 28 luglio e non c'è spazio per altro oggi. Per altro che non sia la stessa voglia di spogliarmi ancora davanti a te e toccarti come fosse la prima volta.
Nuda, completamente nuda. Abbandonata a quello stesso fottuto desiderio che, da quando ti ho conosciuto, ha iniziato a consumarmi lentamente.
Desiderio che è diventato smania, smania che è diventata bramosia. Di averti. Di sentirmi tua. Di togliermi i vestiti mentre mi guardi e con gli occhi già mi scopi, farmi mettere le mani addosso prendendomi finalmente, ciò che ho sempre voluto dal primo istante che sei apparso nella mia vita.
Come tutte le sere di quelle famose sere. Quando mi piombavi davanti e sussultavo, quando ricambiavo il tuo sguardo e mi bagnavo, quando mi parlavi, serio, professionale e io ascoltavo. E mi toccavo i capelli nervosa perché la mia testa, cazzo, mi portava già altrove. Nel tuo letto, fra le tue braccia, a fare l'amore per ore. Mi immaginavo fra le tue cosce, già nella tua bocca e la tua pelle che mi sfiorava, nelle mie fantasie, io, già la leccavo.
Ho voglia delle stesse sensazioni ora, ed è un piacere che fa male, fisicamente, come tutte le volte che non lo posso soddisfare. Sfilo via anche le mutande, la fica fradicia e gonfia pulsa violentemente, mi sfioro, raccolgo i copiosi umori, porto le dita alla bocca, lecco il mio sapore.
Ritorno in camera da letto per mettere i sandali neri col tacco, sempre quelli.
Ma tu lo sai che voglia ho di succhiarti il cazzo? Di prenderlo in mano, annusarlo. Segarlo, ingoiarlo, ficcarmelo fino in gola.
Se venissi ora mi troveresti come tanto ti piace.
Nuda, completamente nuda.
E non perché ho tolto i vestiti ed ogni cosa. Non perché ho lasciato le tette libere come tutto il resto. Nuda perché scoperta, nuda perché vera, nuda perché senza vergogna mi offro a te sbattendoti in faccia tutta la mia eccitazione.
Come la prima volta, con la stessa frenesia. Con il fuoco negli occhi di chi non desidera altro che chiudersi in casa con te, farti godere e godere. Con l’irragionevole impeto di chi non pensa ad altro che averti addosso e dentro.
Alzo la gamba e poggio il piede sul comodino.
Le unghie corte e smaltate, il tacco 12 bene in vista.
Mi penetro, il bacino ondeggia sulle dita, la mano sbatte sul culo pronto.
Ma tu lo sai che voglia ho di mettertela in bocca? Di sentire la tua lingua entrare, farsi strada, scavare. I denti accarezzare, mordere, farmi male.
Mi spingo leggermente in avanti, i capelli sciolti cadono e mi coprono il viso. Li sposto di lato, li tengo fermi mentre sento il culo schiudersi e i respiri intensi diventare gemiti.
Vorrei sentirti dentro come la prima volta, assaggiare il tuo corpo nudo e adorarlo come la prima volta. Abbassarti le mutande e trovarmi di fronte al tuo cazzo svettante e fiero, quel cazzo grande e duro che mi fa godere scopandomi ogni buco.
Sentire il rumore della tua carne che sbatte sulla mia carne, perdermi nel suono di ogni parola sporca sussurrata all'orecchio, detta in bocca, soffocata in gola.
Ma tu lo sai che voglia ho di fare l'amore?
Di cavalcarti forte, impalarmi sul tuo cazzo. Mentre ti guardo negli occhi, mentre mi abbasso in avanti solo per sputarti in bocca e metterti le tette in faccia.
Di sbatterti il culo sulle cosce mentre mi afferri, mi stringi e torturi i capezzoli turgidi.
Di toccarmi sinuosa e lasciva mentre danzo al ritmo dei tuoi colpi decisi.
Il piacere che provo pervade ogni centimetro di questa pelle, le dita affondano più velocemente, sento il tuo fiato sul collo.
Mi sento molle come la prima volta a casa tua, quando ti ho avuto davanti, quando mi hai baciato, toccato, scopato. La voglia di te mi inchioda a questo assolo, a questo orgasmo vecchio e nuovo che, monta, monta e mi riporta a quel dannato giorno in cui fra noi è cominciata veramente.
È tutto sulla mia schiena il caldo di questa estate. Gocce di sudore scivolano dal collo lentamente, fino al culo e alle cosce aperte. Sono bagnata e sfatta, sto per godere. La saliva che lascio colare dalla bocca, scende piano sulla pelle già fradicia. La spalmo sulle tette, sul viso, poi la riporto alla bocca. Le dita nella fica vanno sempre più a fondo, allargo le gambe e spingo con foga.
È un orgasmo antico il mio, come la canzone che da giorni mi risuona in testa. Mi sembra di sentirla ora, come accompagnamento triste al mio godimento. Il testo aumenta le mie paranoie, forse dovrei ingoiarle, rimandarle indietro, anche se l'unica cosa che ho voglia di ingoiare ora è la tua sborra calda e densa. Una morsa insopportabile mi stringe lo stomaco. Le emozioni si confondono, sorrido, gemo, godo, urlo e mi dispero.
Come la prima volta a casa tua, quando ti ho guardato e ho capito che non avrei più saputo farne a meno.

Questo racconto di è stato letto 2 7 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


racconto bondageerotici raccomtistorue pornoerotici racconriracconti erotici gang bangracconti erotici gay giovanierotici racconti.itracconti di ragazze che si masturbanostorie feticismoracconto bondagemia moglie racconti eroticiracconi eroticiraccontieroticiracconti porno sadomasoracconti lussuriosieroticiraccontracconti porno vacanzeracconti erotici canestorie di incesto vereracconti tradimenti annunci 69racconti erotici coppiastorie di sesso con animaliinculata raccontiletture erotiche gratisstorie eroricheerotici racconti.comraccont eroticstotie pornoerositalia raccontistorielle pornoracconti erotici superdotatoeroticiracontiracconti erotici vedovasesso con mia cuginainculo mia cognatazia perversaracconti porno zoofiliaracconti lesbiciio miluracconti erotici madre e figliaracconti con la ziaracconti di donne infedeliracconti porno zoogolosa di spermamogli dominantibrevi racconti pornoracconti esibizionistiraccinti pornoerotici raccontracconti di sesso incestiracconti erotici.storie pronoracconti erotici esibizionistastorie porno al cinemastorie porracconti di sesso tra parentiracconti erotici storie di sesso incestoracconti erotici 69 itscritti pornostorie di sexporno mogli al cinemaeroriciracconticagami in boccacagna sottomessafidanzata esibizionistaracconti erotici prime volteracconti di sesso con animalimio nonno mi scoparacconti erotici prima volta analeracconti erotici di transstorie porno a fumettiesibizionismo in spiaggiastorie di sesso analeracconti dal ginecologoracconti erotici lesbicaravconti eroticiraccontiiomilustorie erotiche lesbostorie osèraccontieroticannunci69.iystoriw pornoracconti erotic iracconti di sogni erotici