Una pompa occasionale

Scritto da , il 2020-07-28, genere gay

Da dopo la quarantena sto dedicando più tempo a me stesso. Ciò significa che mi concedo più riposo e relax. Settimana scorsa vado a trascorrere il pomeriggio in una piscina, indossavo uno slip giallo che mostrava un po' la forma. Il pomeriggio passa molto velocemente, tra nuotate e sole! Avevo adocchiato qualche ragazzo ma tutti accompagnati dalle loro compagne, quindi tutto procedeva tranquillamente. Mancavano circa 15 minuti alla chiusura della struttura, quindi presi il mio zaino e mi recai nei bagni per cambiarmi. Arrivato nel bagno entro nella cabina per pisciare e poi cambiarmi. Finisco di pisciare e vado per togliermi lo slip, quando vedo la porta aprirsi. Cazzo, avevo dimenticato di chiudermi. Alzo lo sguardo e vedo un ragazzo tutto rosso per la vergogna che mi chiede scusa per non aver bussato, ma mentre parla non mi guarda in faccia ma guarda il mio cazzo moscio nudo. Non ci faccio tanto caso, anche perchè appena finisce di parlare chiude la porta e credo sia andato in un altra cabina. Ripensandoci a quello che era appena successo mi venne duro ed essendo appartato mi massaggio il cazzo, fino a quando mi accorgo che la porta era socchiusa. Indovinate chi c'era a spiarmi? Il tipo di prima che si palpava. Allora lo invito ad entrare e questa volta chiudo a chiave. Il tipo si libera dal costume e comincia a segare il suo cazzo, quando ad un certo punto si mette in ginocchio e si mette la cappella in bocca guardandomi per avere l'ok per proseguire. Invece di dirgli si, prendo la sua testa e gli metto il cazzo in bocca lasciandolo lavorare. Faceva su e giù per la mia mazza, facendo delle pause per succhiarmi le palle. Mi accorgo che era tardi e non volevo andare via senza aver sborrato, allora gli acchiappo la testa per scopargli la bocca, e dopo circa 2 mimuti gli sborrai in bocca e lui sborrò per terra senza toccarsi. Il ragazzo si rimise il costume e uscì mentre io mi misi il cambio. All'uscita dai bagni non lo vidì più e tornai a casa visto che la struttura era in chiusura

Questo racconto di è stato letto 3 2 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


racconti sottomissione gayerotico raccontoerotici raccracconti confessioniracconti fistingsega al cinema pornoracconti calci nelle pallegay porno storieracconti erotici signorami sono scopato mia suoceraracconti frocisesso con mia cuginaracconti eros 69racconti hotraccontidimilustorie etoticheracconti di femminilizzazione forzataraccinti eroticierotici racconti gratissesso raccontieroticiraccontiracconti di cornutiracconti eorticiracconto erotico veroeroticiraccontilibri eros gratissuocera troia raccontistorie porneracconto di miluracconti fi milustorie di sesso con suoceraracconti lussuriosiracconti eroticviracconti cognataracconti erotracconti porno gratisstorie di feticismoracconti pronogisella donadoni sposatastorie pornracconti erotiiracconti porno segheracconti erotici umiliataracconti a69racconti erotici di incestisesso69porn raccontimia cognata raccontiracconti mamma padronastori erotichestorie hot gratisracconti erotici animaliculi rotterotici raccontravconti eroticiracconti erotici mareporno italiani storieerorici raccontiracconnti eroticiracconti erotici donne incinteraccoti pornoracconti sesso incestosito racconti eroticistorie porno con immaginirscconti eroticiracconti ingesticonfessioni erotiche realiracconti eroticcistorie eroticaracconti clisterixxx storiei racconti del clisteretest pompiniracconti porno+racconti di sessoracconti erotici madre figlio