La chat cin Gianni 7 parte

Scritto da , il 2020-07-27, genere bisex


7^ EPISODIO

(TIENI PRESENTE, ANONIMO LETTORE, CHE QUESTA SERIE DI RACCONTI, NON SOLO SONO REALI, MA APPARTENGONO AD UN CONTESTO DI ATTUALITA’ PER CUI, SUSCETTIBILI A SITUAZIONI CHE ANDRANNO A VERIFICARSI E CHE, SE RITENUTI DEGNI E PIACEVOLI DA RACCONTARE, VERRANNO PUBBLICATI. QUESTA ERA UNA PRECISAZIONE DOVEROSA. POI STA A VOI, CREDERMI O NON. GRAZIE E BUONA LETTURA A CHI LEGGERA’. NEL FRATTEMPO, VI INVITO A LEGGERE TUTTI GLI ALTRI MIEI RACCONTI SIA QUELLI COME Carlo63 che quelli come carlo63. SONO SEMPRE IO.)

Alle 18.10 sia io che Gianni terminammo un lavoro che normalmente avremmo terminato almeno per le 19.30 motivoi per cui, decidemmo di protrarci in ufficio almeno fino a quell’ora visto che il capoufficio il giorno dopo non avrebbe avuto nulla da dire se ci fossimo addirittura protratti oltre le otto. Io telefonai anna per dirle che mi sarei dovuto trattenere e quindi di non aspettarmi ed altrettanto fece Gianni telefonando Antonella. Il primo watsapp lo mando’ Gianni: carlo io ho finito se appena finisci scendi giu da me passiamo alla macchinetta e ci prendiamo un caffè, ti va?” ed io: “Gianni, sto chiudendo il pc scendo subito…nemmeno il tempo di mandarci una fotina oggi..se le vedessimo insieme ti va? Poi ce ne andiamo”. La risposta di gianni fu prevedibile: carlo io mi sono trattenuto solo per vedere le nostre amate sposine insieme, guardandoci negli occhi. Dai scendi fai presto..mmhhh”. Quel mmhhh scritto da gianni non era solo una forma di eccitamento di cui voleva rendermi partecipe. Era un esplicito invito non solo alla visione diretta delle foto delle nostre amate puttane, ma l’invito esplicito al piacere che per farti gemere, si sa, ha bisogno di una qualsiasi forma di “contatto”. Il cuore prese a battermi selvaggiamente nemmeno avessi appuntamento con Miss Italia. Spensi la luce dell’ufficio e scesi. L’azienda presso la quale lavoriamo io e gianni ha un ingresso custodito da una guardia giurata che periodicamente fa dei giri in scooter nel perimetro interno dopo aver chiuso l’ingresso principale. Quando rimane qualcuno in azienda oltre il normale orario, durante questi controlli, non si permette in alcun modo di bussare agli uffici perché sa che potrebbe disturbare chi in quel momento sta ancora lavorando ma chiamerebbe al telefono solo per avvisare a chi sta dentro, che magari sta per arrivare il proprietario o qualche responsabile. Questo è importante per quello che tra poco accadrà e che vi racconterò. Una volta sceso, vedo subito gianni già vicino alle macchinette del caffè. Mi saluta cordialmente e mi porge un bicchierino con del caffè..attende che la macchinetta finisca di erogare il suo e sinteticamente mi dice: “andiamo?”..Io nemmeno lo rispondo e sorseggiando il caffè lo seguo nel suo ufficio. Gianni si siede alla sua scrivania dove trovo una sedia a fianco la sua. Mi invita ad accomodarsi. Lo faccio e subito gli occhi vanno a finire sul monitor del pc di Gianni. In primo piano Antonella sul letto a pancia in giu, con il volto girato verso l’obiettivo. Alle gambe un paio di autoreggenti nere. Nessuno slip. Solo un culo stupendo in primo piano. Il volto era piacevolmente erotico, sorridente, gli occhi lucidi. Si vedeva che la moglie del mio amico era eccitata dal fatto di farsi fotografare, di sapere che si sarebbe vista o rivista, che il marito l’avrebbe vista e rivista in foto. Ma immaginava che un suo amico, io, l’avrei guardata seminuda ed ammiccantemente vacca? Non ebbi quasi il coraggio di guardare in faccia gianni che invece impunemente si massaggiava il cavallo del pantalone dal quale riuscii a scorgere un consistente gonfiore. Aveva il cazzo duro. Sicuramente. Gianni lancio’ una seconda foto. Stessa foto della moglie con la differenza che aveva dischiuso le gambe. Al termine delle sue cosce che seguivo lentamente con gli occhi si scorgeva chiaramente una fica rossa, lucida, eccitata, dischiusa. La mano di gianni prese la mia facendomela poggiare sul mio pacco. Gianni mi invitava senza parole ed in maniera molto eccitante, a toccarmi, a darmi piacere davanti a lui guardando sua moglie. Altra foto. Antonella sempre nella stessa posizione ma con le gambe oscenamente divaricate. Una mano sulla natica allargata dove si vedeva, anzi, si ammirava molto chiaramente, oltre che la sua fica con qualche piacevole e bellissimo pelo, un buco di culo scuro, liscio…bellissimo. Gianni non staccava gli occhi dal monitor, la sua mano aveva afferrato l’intera sagoma del suo cazzo duro iniziando a segarlo lentamente. Iniziai a fare lo stesso anche io con il mio che avevo sentito già emettere una goccia lucida e scivolosa pre sborra. Gianni interruppe il silenzio: allora carlo..che ne pensi della mia mogliettina?..la vedi quanto è vacca?...dimmi cosa stai guardando dai…ed io: si gianni..hai una vacca come moglie..una vera vacca da monta..vuoi sapere cosa sto guardando? Chiedimelo cornuto!...”si si..per piacere carlo..dimmi cosa stai guardando..ed io: gianni sto guiardando tua moglie come si offre..sto guardando le cosce di tua moglie..la schiena di tua moglie..il sorriso da troia della tua sposa…le chiappe grosse e sode..mmhh…che voglia mi mette tua moglie…ecco..guarda..si vedono i peli della fica di tua moglie…ed anche il buco del culo..guarda come si allarga le chiappe questa stronza che hai sposato…gianni ando’ in estasi..vedevo che ansimava alle mie frasi oscene e spingeva con la mano sul cavallo del pantalone per darsi il massimo del piacere. Fui io a quel punto a rivolgermi a lui: cornuto tira fuori il cazzo..fammi vedere quanto ce l’hai duro a mostrare senza rispetto tua moglie nuda a me…ma ci pensi?..quando incontrero’ tua moglie pensero’ che la conosco per bene davvero..so come sono le sue chiappe…la sua fica rossa..il suo buco di culo liscio e scuro..e tu lo immaginerai che io sto pensando a tua moglie come una svuotasborra..vero cornuto?..slacciati il pantaloni e fammi vedere il cannone che hai in mezzo alle gambe porco cornuto!...gianni eseguì l’ordine e in un attimo aveva le braghe calate e un cazzo grosso e dritto tra le gambe che prese in mano scappellandolo e mostrandomelo con orgoglio. Mi disse: guarda che bestia di cazzo si becca in corpo questa troia di mia moglie…lo vedi?..che ne pensi carlo?...ed io: come mi piacerebbe toccare la fica di tua moglie, il buco del culo di tua moglie mentre tu ti seghi gianni mmhh…e poco dopo mi alzai e feci lo stesso: mi abbassai i pantaloni e tirai fuori il mio cazzo, durissimo ma, sinceramente, ben al di sotto le misure e la grossezza del mio amico cornuto. Gianni emise un gemito alla vista del mio cazzo. Carlo..seghiamoci dai…facciamoci una bella sega in onore della mia puttana. Come due adolescenti iniziammo a segarci a cosce aperte..ci toccavamo i capezzoli..ansimavamo e pronunciavamo frasi oscene guardando le altre foto di antonella che gianni faceva scorrere sul monitor. Fui io a fare il passo successivo dicendo: immagina se adesso ci fossero a guardarci le nostrte mogli: vedrebbero due mariti aspiranti cornuti e segaioli come due checche vero?..e gianni: siiii…siii..hai detto bene..due cornuti checche…guardami il cazzo carlo…dimmi…ed io: mmhh..che bel cazzone che hai gianni..il tuo cazzone farebbe la felicità certamente di mia moglie..sai come te lo imboccherebbe bene..mia moglie ha sempre fatto dei pompini stupendi sai?...segati piano gianni..non vorrei sborri subito..abbiamo ancora un po di tempo per divertirci. Gianni si alzò e si denudo’ completamente. Sapevamo che nessuno sarebbe venuto nemmeno la guardia giurata. Ero per la prima volta in compagnia di un maschio nudo ma non come puo’ capitare nelle docce della palestra. Questa volta il maschio che stava vicino a me era nudo ed eccitato, con il cazzo duro fuori, arrapato..con me che ero a braghe abbassate e con il cazzo in mano. Senza pensarci due volte mi spogliai nudo anche io.

Questo racconto di è stato letto 1 5 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


porno racconti realiracconti ragazzi gayracconti sexracconti di ricatti sessualiracconti hard suoceraracconti erotici harry potterracconti gay scuolasculacciate storieracconti guzzon 59signore arrapantimia moglie racconti eroticiracconti feetprofessoressa zoccolasegarsi in compagniaporn raccontiracconti caldiracconti di femminilizzazione forzatagenere racconti eroticistorie di masturbazione femminileracconti eroracconti erotici con il caneracconti storie erotichestorie fetishracconti erroticiracconti di mariti cornutiracconti erotici gratuitiincesto italiano padre figliaraccontisessualiraccomti eroticiraccontihoterotici raccontracconti gay veridal ginecologo raccontieros raccontiracconti zoofiliaraccon ti eroticiracconti transessualierotici raccontoracconti erotici di donne maturesesso porno raccontiracconti eroticeracconti a69erotica raccontierotici racvontistorie di matureracconti moglie condivisaracconti pormofidanzata esibizionistaracconti erotici incesto gayerotico raccontoperizoma raccontiracconti d'incestiracconti erotici gratuitistorie di sesso con canisottomessa racconto di una segretariatua zia quella porcastorie di sesso gratisrcconti gayerotci racconticconti eroticiannunci69 incestoracconti di cazziraccontieroticocane scopa moglieracconti eoritciracconti di mistressracconti erotici pulperoti raccontiinculo mia suoceraracconti ballbustingraccont eroticporno racconti hardi generi di racconti inceatovolluttuosogenere dei racconti eroticiracconti erotici gay eterocuck storiestori pornocconti eroticidonne che scopano con cavalloracconti massaggioracconti eeoticicconti pornostorie porno gratissesso con mio nipoteracconti casalinghecome diventare cuckoldracconti di sesso con ziaracco ti eroticiracconti porno piedi