Storie di una brava bambina -6

Scritto da , il 2020-07-26, genere incesti

Parte sesta


Il viaggio in treno mi sembrò interminabile. Quando finalmente arrivai, corsi verso l’uscita. Lì c’era mio zio ad aspettarmi. Gli saltai letteralmente addosso, presi a baciarlo e abbracciarlo incurante di quello che potessero pensare gli altri passanti.
Con la sua auto giungemmo a casa sua. Conoscevo molto bene quella casa: ci ero stata tante volte a giocare con i miei cugini, a mangiare il risotto di mia zia, a guardare la tv sul divano con l’intera famiglia. Ora, invece, ero lì con intenzioni completamente diverse.
Mi sentivo completamente diversa.
L’eccitazione mi stava divorando. Mio zio avrebbe potuto chiedermi di gettarmi nel fuoco ed io l’avrei fatto senza pensarci due volte.
Cominciammo a baciarci con grande foga. Io gli sussurravo del viaggio e di quello che avevo fatto sul treno pensando a lui.
“Cosa mi farai adesso?” domandai.
“Lo vedrai” mi disse.
Mi prese in braccio e mi portò in camera da letto. Cominciò a spogliarmi ed io a spogliare lui mentre le nostre bocche e le nostre lingue continuavano ad avvinghiarsi in un gioco di baci estremamente eccitante.
Dalle labbra di mio zio fuoriuscivano già dei gemiti. Notai, abbassandogli i pantaloni e le mutande, che il suo membro era già duro. Presi comunque a massaggiarlo con delicatezza per risvegliarlo ulteriormente.
“Ti voglio” gli mormoravo all’orecchio. “Prendimi come hai fatto l’altra volta, ti prego”.
Mi fece sdraiare sul letto, mi allargò le gambe e rimase qualche secondo fermo ad ammirare il mio sesso bagnato.
“Quanto avrei voluto essere il primo per te” disse. “Non sai quanto ti desidero”.
“Anche io” sussurrai. Vidi il suo volto abbassarsi verso la mia intimità. Cominciò a leccarla con lentezza partendo dall’esterno, dall’inguine, passando poi alle grandi labbra e solo infine prese a stuzzicare con la lingua il clitoride.
Io, intanto, mi accarezzavo i capezzoli ritti. Potevo sentire i peli ispidi della sua barba sulla pelle morbida della mia fighetta.
I suoi movimenti regolari mi donavano un piacere che ormai conoscevo. Con una mano cominciai a spingere il suo capo verso il mio sesso, come a suggerirgli di aumentare il ritmo: volevo godere di più.
Lui mi accontentò infilando prima un dito, poi due, senza smettere per un attimo di leccare.
Inarcai la schiena in preda un piacere crescente. Non avevo nemmeno la forza di tenere gli occhi aperti. Desideravo solo godere e concentrarmi su quel godimento.
L’orgasmo arrivò piano, ma poi esplose all’improvviso. Sentii i muscoli del ventre tirarsi e le pareti della vagina avere degli spasmi fortissimi.
Mi zio si rialzò, aveva le dita sporche del mio piacere. Le avvicinò al mio volto, le passò lungo il mento e poi sulle labbra. Me le aprì con forza, poi infilò un dito.
“Succhia, avanti” mi ordinò. Ed io obbedii. Assaggiai con voluttà il mio stesso nettare. Lo feci con entrambe le dita.
Il membro di mio zio era ormai duro. Vedere la sua erezione così vicino alla mia vagina mi eccitò nuovamente.
“Fingi di essere una verginella” mi disse. Alzai leggermente il busto, puntellandomi con i gomiti. Lo guardavo smarrita.
“Cosa?” farfugliai perplessa. Lui mi spinse nuovamente sul letto ed io rimasi lì, ferma, non sapendo bene cosa fare.
“Fingi che sia la prima volta. Fingi di essere una verginella che non conosce il sesso, ma che vuole godere”.
Non avevo ben chiaro come avrei dovuto esaudire il suo desiderio, ma ci provai. Gli afferrai timidamente il membro con le mani, presi ad accarezzarlo con un’espressione stupita.
“E’ così grosso…” mormorai con una vocina finta.
“Prendilo in bocca”.
“No, non riesco… è troppo grosso”.
Mio zio sorrise, io intanto continuavo a massaggiargli il membro.
“Non ne hai mai visto uno, eh? Sei una brava bambolina innocente”.
Sorrisi a mia volta; poi avvicinai piano le labbra alla sua cappella. La bagnai con la punta della lingua mentre con lo sguardo osservavo la reazione di mio zio.
“Avanti, prendilo tutto. Voglio vedertelo in gola” disse con voce roca. La sua eccitazione si percepiva a pelle.
“Non riesco, è troppo per me” risposi. Lui, allora, mi afferrò per la nuca e cominciò a spingermi il capo contro il suo cazzo. Non potei fare a meno di prenderlo in bocca.
Lo lasciai scivolare mentre le labbra aderivano bene alla sua pelle. Era grosso e duro e il ritmo che la mano di zio mi imponeva era davvero troppo per me. Per un attimo temetti di strozzarmi; ma poi mi abituai, la mia bocca succhiava, la mia lingua percorreva tutta l’asta ormai bagnata di umori e saliva. Con una mano gli stuzzicavo le palle, con l’altra accompagnavo il movimento della bocca.
“Oh sì, continua… mi stai facendo godere”.
Non stentavo a crederlo. Mi stavo impegnando e stava venendo fuori uno dei migliori pompini mai fatti.
Dopo un po’ mio zio mi disse di smettere. Pensai subito di aver fatto qualcosa di sbagliato.
“No, ora voglio prenderti” mi disse. Io allargai immediatamente le gambe, offrendogli la vista della mia vagina di nuovo eccitata. “E’ la prima volta che lo prendi, vero?”
“Sì, è la prima volta” mentii.
Con la punta del suo cazzo mio zio dava colpetti alle mie grandi labbra e al clitoride. Lo stuzzicava, rendendo il mio piacere una terribile agonia.
Mi afferrò con forza le gambe, me le allargò per bene, poi entrò dentro di me con un colpo secco. Mi uscii fuori un urletto. Il suo cazzo mi era entrato dentro con violenza e, anche se ero molto lubrificata e certamente non vergine, il colpo mi aveva fatto male.
Mio zio rimase qualche secondo fermo dentro di me, poi prese a muoversi con colpi secchi e violenti. Sentivo sbattere la sua pelle contro la mia.
Ben presto il dolore lasciò posto al piacere.
Il suo ritmo era frenetico. Entrava ed usciva da dentro di me con una violenza che non aveva mai usato. Mi sentivo stordita, eppure gemevo con una gattina in calore.
Il letto, sotto ai colpi secchi di mio zio, tremava. Potevo sentire le guance in fiamme e il sudore formarsi sulla fronte.
“Ti piace?” mi domandò.
“Sì, mi piace… sì, sì” borbottai tra i gemiti.
Mio zio mi diede un altro paio di colpi che mi fecero tremare di piacere, poi scivolò via.
Pensai che avrebbe terminato da solo, segandosi. Invece mi fece stendere a pancia sotto. Con terrore sospettai volesse prendermi da dietro. Stavo già per implorare di non farlo, ma lui si limitò a venirmi sulle natiche.
Si stese, stremato, al mio fianco. Io potevo ancora sentire sulla mia pelle il suo sperma scivolare lungo l’incavo del sedere, fino alle cosce.
“Non sei una brava attrice” mi disse. “Non sembravi una verginella alle prime armi”.
“Mi dispiace” risposi un po’ triste.
“Non preoccuparti, ci sono altri buchi vergini, che aspettano di essere penetrati”.
Con una mano prese ad accarezzarmi il sedere ed io intuii cosa mi sarebbe aspettato.



Questo racconto di è stato letto 8 4 4 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


racconti hard gayincesto racconti veristorir pornorcconti miluracconti porno 69racconti dominazione lesboracconti hard gratisracconti erotici segaracconti porno vecchieincesti gay raccontiracconti erotici generiannuncio 69 itiomiluraccontierotciracconti erotici proibitiracconti fetish piedigenere dei racconti eroticistorie erotivheracconti porno donne matureracconti erotici travestitoracconri pornoracconti erotici 2017racconti erotici visitaracconti porno piediracconti gay pornstorie hard gratissrorie pornoracconti eccitantiraconto pornoraccontiardmasturbazione femminile yahoonuora porcaracconti hard mogliemeccanico gayi generi dei racconti eroticiracconti eroticiracconti del cazzoracconti erotici gangbanguomo bifallicoracconti di slaveincesto italiano padre figliaracconti mamma figliastorie di sesso amatorialiracconti eoticiracc erosracconti moglie porcazia raccontoracconti di sesso incestuosoracconti di scopateerotici racconti gratisprima volta nel culo racconticugine maialeracconti erotici lunghiracconti erotiraccpnti pornorcconti milui generi di racconti eroticiracconti erotici cuginoracconti veri tradimentiracconti sesso analeragazza scopa con caneracconti porno con fotoeracconti eroticifaccio sesso con mammaracconti eroticaracconti sporchieritici racconticornuto e guardonestorie di corna e tradimentierotociraccontia 69 raccontistorie mogli troiearrizzacazziraccontieroticoracconti:eroticistorie di sottomissione