Gli occhi della notte

Scritto da , il 2020-07-25, genere dominazione

La luce al neon dell’insegna della tavola calda dove ci eravamo fermati a prendere qualcosa per scambiare ancora qualche chiacchiera prima di andare a casa continuava a lampeggiare come in un vecchio film di detective.
Fuori la pioggia dava una mano a farci percepire una strana elettricita’ nell’aria, come se tutti i presenti sapessero che stava per succedere qualcosa.
Ci sedemmo ad uno dei tavolini della zona dei separe’, non tanto per avere piu’ privacy quanto per stare piu’ comodi.
Sul tavolo c’erano gia’ i menú che Cristina inizio’ a sfogliare distrattamente mentre io davo un’occhiata ai pochi clienti presenti per vedere se conoscevo qualcuno.
Due coppiette stavano per i fatti loro a parlare sottovoce e ridacchiare, mentre tre uomini di mezza eta’ chiacchieravano al banco intanto che finivano le loro birre.
Il locale era illuminato sul banco e sui tavoli, ma tutto il resto era alquanto buio, ed andava bene cosi’. La musica swing di sottofondo sembrava piu’ adatta ad un ascensore che a quel locale quella sera, ma nessuno sembrava farci caso tranne me.
Ad un certo punto iniziai anch’io a sfogliare un menu’ cercando di decidere se mi bastava una birra o magari un toast mi avrebbe fermato la fame fino a colazione quando all’improvviso comparve la cameriera. Se ne stava in piedi al lato del tavolo ed il suo viso era nella penombra, per cui non riuscivo a vedere i suoi occhi. Ci chiese con un tono distratto cosa volevamo da bere o se pensavamo anche di mangiare qualcosa.
Cristina senza staccare gli occhi dal menu’ ordino’ una birra rossa e delle patatine fritte, cosi’ anch’io mi decisi per una birra scura ed un toast. La cameriera scrisse tutto e spari’.
Riprendemmo a parlare dei viaggi che avevamo in progetto di fare nei mesi successivi e di come riuscire a farli senza dissanguare le nostre gia’ scarse finanze quando ritorno’ la cameriera con le birre dicendo che il cibo sarebbe arrivato a momenti.
Continuammo i nostri discorsi entrando sempre piu’ nei dettagli fino a che finimmo le birre. Quando realizzo’ la cosa, Cristina inizio’ ad agitarsi dicendo che nei locali lo facevano sempre apposta per farti ordinare un’altra birra. Cosi’ si guardo’ attorno per individuare la cameriera a cui avrebbe fatto il solito pistolotto sull’approfittarsi dei clienti… finalmente arrivo’ la cameriera con il mio toast e le sue patatine in mano e mentre Cristina si stava caricando per farle la tirata, questa si abbasso’ fino a sotto la luce per porgerci meglio i piatti ed a quel punto sia Cristina sia io rimanemmo senza fiato riuscendo solo a biascicare un grazie mentre quella si allontanava.
E’ difficile riuscire a descrivere quel viso e quegli occhi. La línea del volto di quella ragazza era di una delicatezza da farla sembrare di porcellana fine, incorniciato da dei capelli neri corvini tagliati a carre’, un naso che sembrava intagliato da mani delicatissime, mentre il leggero trucco degli occhi risaltava un colore degli iridi che sembrava preso dalla coda di un pavone. Un momento sembravano blu, ma in un secondo cambiavano sul verde con dei riflessi dorati. Erano occhi ipnotici ed affascinanti.
Anche Cristina era rimasta senza parole a quella vista, ma si riprese in pochi istanti ed inizio a dirmi sottovoce se avevo visto anch’io quegli occhi e di cosa avevo pensato…
Sul momento non sapevo cosa risponderle, d’altra parte stavamo assieme solo da un paio di settimane e non avevo idea di come avrebbe potuto reagire se le avessi detto veramente tutto quello che mi era passato per la testa in quei pochi istanti.
Ma mentre correvo dietro a questi pensieri, sentii Cristina stessa dirmi qualcosa che non mi sarei mai aspettato… Mi disse che con una ragazza cosi’ le sarebbe piaciuto anche andarci a letto, magari assieme a me… Poi candida candida mi chiese di nuovo cosa ne pensavo…
Scrutandola ben bene negli occhi per capire se stava scherzando o se mi stava mettendo alla prova oppure ancora se parlava sul serio…. Mi decisi, stava parlando seriamente. Cosi’ decisi di rischiare e le risposi che stavo pensando esattamente la stessa cosa…
Un lampo le baleno’ nello sguardo rendendomi ancora piu’ difficile capire a cosa voleva arrivare…
Dopo qualche minuto in cui rimanemmo in silenzio a mangiare e rimuginare, finalmente mi disse che ora che ci eravamo arrivati poteva dirmi cosa le piaceva di piu’ a letto. Da quando stavamo assieme avevamo gia’ fatto sesso un paio di volte, in macchina ed una volta a casa sua, ma con l’ansia che entrasse qualcuno nella stanza … e quindi non c’era ancora stato modo di conoscerci meglio e scoprire le reciproche fantasie e passioni segrete…
Ora mi stava confessando che a lei piacevo moltissimo essere legata, magari bendata ed essere usata in tutti i modi possibili dal suo padrone. Al suono di questa parola fu come se si accendesse una lampadina dentro di me, dal fondo della mia mente inizio’ ad emergere un pensiero che ben presto sarebbe diventato passione fino quasi ad ossessione.
Mentre eravamo immersi in questi pensieri ritorno’ la cameriera a prendere i piatti ormai vuoti ed a chiederci se volevamo ancora birra, visto che anche la mia era ormai finita. Approfittando ordinammo il secondo giro di birra che arrivo’ in pochi istanti visto che ormai il locale si stava svuotando.
Nel momento in cui appoggio’ i bicchieri pieni sul tavolo Cristina la guardo’ dritta negli occhi e le chiese di getto come si chiamava dicendole anche che era molto gentile.
Al contrario di quanto mi aspettavo, la ragazza abbasso’ inmediatamente lo sguardo e quasi sottovoce disse che si chiamava Elisa e che ci ringraziava per il complimento, poi quasi di corsa prese i bicchieri vuoti e scappo’ letteralmente via dal nostro tavolo. Anche Cristina rimase interdetta a quella reazione, ma si vedeva dal colore del suo viso che il comportamento sottomesso della ragazza l’aveva eccitata molto.
Continuando a parlare delle pratiche master-slave che aveva provato ed a quelle che le sarebbe piaciuto provare, finimmo anche le altre birre, cosi’ ci alzammo ed andammo al banco per pagare ed andarcene. Cercammo con lo sguardo Elisa, ma non la vedemmo da nessuna parte, cosi’ chiedemmo al suo collega dov’era e che volevamo pagare il conto a lei e ringraziarla, ma lui ci disse che era in pausa per qualche minuto e che potevamo pagare il conto a lui.
Visto che era molto tardi e che dovevamo andare a lavorare l’indomani pagammo e ce ne andammo, ma con il pensiero ancora rivolto alla dolce e sottomessa Elisa.
Quella será sotto casa di Cristina penso che ci senti’ tutto il vicinato mentre in macchina facemmo di tutto nascosti nell’ombra del parcheggio in mezzo agli alberi.
Cristina volle che trovassi un pezzo di corda nel bagagliaio dell’auto cosi’ mentre lei si spogliava in auto io rovistai nel casino che avevo nel baule trovando delle cinghie per legare i pacchi sul tetto dell’auto, con quelle rientrai in auto, tirai giu’ i sedili mentre il mio sguardo e la mia mente erano gia’ distratti dal corpo nudo accanto a me che emanava odore di sesso per l’eccitazione che stava provando e che mi stava ovviamente contagiando.
Poi la bendai usando la mia sciarpa di lino e le presi le mani legándole le cinghie ai polsi e fissandole agli anelli nel baule dell’auto. Quindi le presi le caviglie e le legai ai capi dell’altra cinghia che feci passare sui montanti dei sedili davanti. Cosi’ facendo iniziai a tirare la cinghia da sotto il sedile ottenendo una specie di sistema di pulegge che costrinsero Cristina a divaricare completamente le gambe lasciandola totalmente legata ed inerme alla mia merce’.
La cosa sembrava eccitarla da morire, come mi stavo eccitando io. Cosi’ inizia a susurrarle nell’orecchio che ora avrebbe goduto come non mai, ma che prima doveva meritárselo… e per meritárselo avrebbe dovuto soffrire un pochino…. Cosi’ dicendo iniziai a passare la punta delle dita sulla sua pelle. Partii dalle piante dei piedi dove sapevo soffriva il solletico, ma passai inmediatamente a carezzarle i polpacci, poi le cosce, salendo sempre di piu’….ma evitando accuratamente le zone piu’ “centrali”… cosi’ passai ai fianchi ed all’addome e scivolando attorno all’ombelico sentii e vidi che la sua pelle era scossa dai brividi mentr eil suo respiro diventava sempre piu’ profondo.
Per prolungare l’attesa ed il Desiderio, interruppi le carezze e mi venne in mente di trovare qualche altro strumento da utilizzare su di lei. Guardandomi attorno mi ricordai degli attrezzi per le piccole riparazioni che tenevo sempre in auto, un paio di cacciaviti ed una pinza. Tutti di metallo, tutti freddi, tutti molto adatti a divertirsi. Cosi’ presi per primo il cacciaviti a taglio ed inizia a passare la lama del cacciaviti sulla sua pelle iniziando dalle ascelle.
Al primo tocco vidi che lei trasali’ dal freddo contatto del metallo sulla pelle, ma non disse nulla e súbito inizio ad apprezzare quel freddo amico che la carezzava dappertutto… ma dopo qualche minuto decisi che lei stava apprezzando un po’ troppo, cosi’ presi la pinza e con molta delicatezza la aprii ed iniziai a pizzicarle i capezzoli che ormai definiré turgidi era riduttivo. Al primo pizzico emise solo un leggero Ah!, ma sottovoce mi disse di continuare, cosi’ passai all’altro seno, dai capezzoli alla pelle, ai lobi delle orecchie, poi passai alla bocca, che lei apri’ leggermente leccando con la punta della lingua il ferro della pinza allora feci scivolare piano la pinza fredda verso il basso e finalmente le pizzicai le labbra della vagina.
Il contatto freddo ed il tenero dolore provato la fece singhiozzare piu’ volte finche’ mi disse solo una parola: “dentro!”.
La pinza non era adatta a quello scopo, quindi ripresi il cacciavite dal grosso manico di plástica e mentre iniziavo a passarglielo in mezzo alle labbra del sesso, mi aprii i pantaloni per stare piu’ comodo visto che avevo un’erezione sufficiente a sfondarmi la patta. Lei percepi’ il suono della zip e si preparo’ a riceverlo in bocca mentre io iniziavo a penetrarle il sesso con il cacciavite ormai reso scivoloso dalle sue secrezioni….
In questo modo con la vagina inondata di umori e piena del manico del cacciavite mentre io stavo entrando ed uscendo dalla sua bocca, inizio’ a mugolare di piacere ed io capii dai suoi movimenti che stava raggiungendo l’apice come anch’io considerato lo stato di eccitazione assurda che avevamo raggiunto.
Venimmo insieme, lei con degli spasmi delle gambe ed un rantolo profondo ed io quasi con un urlo nella sua bocca…
Poi crollai disteso ed ansimante accanto a lei, le tolsi la benda ed allentai (senza toglierle del tutto) le cinghie.
Giacemmo cosi’ per forse 20 minuti prima di avere la forza di alzarci e ricomporci dopo essersi scambiati effusioni e baci profondi ed intensi.
Ormai era notte fonda quando ci separammo e lei ritorno’ a casa con ancora i segni delle cinghie sui polsi e sulle caviglie e quasi barcollando dai postumi della passione e dell’energia che avevamo appena finito di sprigionare.
Io arrivai a casa guidando in uno stato misto di annebbiamento mentale ed eccitazione post orgasmo. Ma mentre salivo le scale di casa mi ritorno’ in mente Elisa ed i suoi meravigliosi occhi.
Per il momento pero’ dovevo accantonare il pensiero, quella sarebbe stata un’altra storia…

Questo racconto di è stato letto 2 3 5 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


voyeur camerinii racconti milustorielle erotichetroioeracconti erotici.racconti incestuosi realiracconti porno 69racconti erotici piccolastorie porno vereraccont gayracconti erotici ripetizioniracconti erotici fotoracconti orge gayavventure matureracconti erotivi gayracconti erotici incestuosiracconti erotici famosiraccoti pornoracconti di zoofiliaracconti erotici nudaracconti eoriciracconti porno gratissesso69racconti porno gay gratisracconti erotici casalingheracconti dal dottoreacconti eroticiracconti por noracconti erotici di incestiprima volta scambio di coppiaracconti eropticieriticiraccontistorie erotiincesto 69raccoti eroticicane incula ragazzaporno racconti realistorie di incesti veriraccontisessualieacconti eroticiracconto eccitanteracconti poroiomilùracconti piedi femminiligay eroticiracconti sexracconti eoriticpiccole trasgressioni storie di vitaracconto amatorialeracconti erotici analieroticoraccontidonne incestuoseracconti hard al cinemaracconti priveracconti bisex gayracconti oseestorie di donne inculateconfessioni erotiche realiracconti erotici con anzianiracconnti eroticila cognata vogliosaconnilinguossculacciate racconti eroticirocconti eroticiracconto scambio coppiaracconti porno di incestoracconti porno analstorie eroticacconti pornoracconti erotickracconti mamma padronaracconti anzianeracconti porno realiracconti milmoglie inculata raccontiracconti erotici harry potterracconti trasgressiviracconti porno+racconta eroticiracconti erotici cognatastorie pornoracconti erotici scatsrorie pornorqcconti eroticieroyici raccontiraccontilesboracconti eeroticiletture hardstorie di chiavaterscconti pornoracconti padre figliaracconti porno freepiedi femminili raccontiraccoti pornoho inculato mia suoceraracconti softracconti erotici stupro