“ Tino: l’apoteosi” - 8° capitolo del romanzo “L’amica di Tino Segoni”

Scritto da , il 2020-07-01, genere comici

Cap. 8 – “ Tino: l’apoteosi” - 8° capitolo del romanzo “L’amica di Tino Segoni”
Dopo aver bevuto l’ennesimo drink, Tino riuscì finalmente a far ballare Alessia, che però aveva la testa come in un pallone da quanto girava, ogni tanto si appoggiava a lui, e Tino con soddisfazione poteva finalmente abbracciarla come intendeva: le mani scendevano sul sedere e sollevavano la minigonna, gli appoggiava il suo cazzo sul basso ventre e glielo strofinava, poi afferrava le due mele del culetto scoperto e se le spingeva addosso, anche se, facendo così la sua eccitazione arrivava a punti troppo prossimi alla catastrofe: se avesse eiaculato, la serata poteva dirsi finita. Doveva stare attento! Si discostò dal suo corpo ballando in modo più decente, ma le lasciò la mini sollevata sul culetto, in modo che tutti potessero ammirarla e invidiare lui, il conquistatore!
Alessia era ancora abbastanza lucida, in fondo la testa non le faceva male, si sentiva solo molto rilassata ma non aveva sonno, come succede altre volte avendo bevuto troppo.
“Magari tra un po’ crollo” pensò “Però fino ad ora la situazione è gradevole, non vorrei dare a credere a Tin che ci sto facilmente, non ho intenzione di fare sesso con lui, vista la vicinanza sarebbe un disastro… e poi non mi piace tanto come uomo” riflettè se fosse il caso farsi toccare in quel modo in mezzo alla gente o se era il caso di dirgli che non si faceva così, “No… devo dirgli gentilmente di non strapazzarmi in mezzo a tutti”.
Però erano passati diversi minuti e qualcuno dietro di lei, vedendole il culetto che appariva completamente nudo, con la borsetta a tracolla che ballonzolava sulle sue mele come per sculacciarla, si avvicinò con intenzioni birichine. Allungò il braccio, scostò la borsetta e le sollevò ancora di più la gonna fino a scoprire l’elastico del perizoma che la cingeva in vita, accorgendosi del filo interdentale che le si infilava in mezzo alle natiche dalle quali spuntavano le prime perline della fila, afferrò l’elastico e lo tirò dolcemente verso l’alto, ma così facendo le due file di perle si incunearono ancora di più nel culetto e nella figa, fino a strofinarle il clitoride, come per un effetto “domino”.
Alessia si sentì penetrare dal suo stesso perizoma, provò a lasciar fare e continuò a ballare, ma quello insisteva nel movimento. “Oh mamma!” pensò “se questo porco dietro continua, mi fa eccitare da matte! Mmhhh mi sta facendo entrare dentro il filo di perline…ohhh mi scorrono sul clitoride… “ sentiva i brividi salirle lungo la schiena e la pressione dei capezzoli aumentare insieme a quella del clitoride “Oddiomio! Mi sto bagnando” pensò ancora “forse è meglio farli smettere”. Intanto Tino che aveva smesso di abbrancarle il culo, allunava la mano sulla sua patatina infilando il dito in mezzo alla doppia fila di perle e salendo su fino al clitoride, gliela sentiva unta e bagnata e sarebbe bastato poco per penetrarla, il dito sarebbe scivolato dentro con facilità, ma temeva di schizzarsi dentro i pantaloni e cercò anche di distrarsi, così si mise di fianco a lei restandole leggermente avanti e con il braccio dalla sua parte continuava il lavoretto in figa, così facendo poteva osservare le immagini del maxischermo e non fissarsi su di lei, inoltre la cosa appariva più “nonchalance”.
Sul maxischermo intanto scorrevano immagini flashate e posterizzate di video porno, che nell’intento di rendere meno esplicite le immagini non facevano altro che accendere anche l’immaginazione. Alessia continuava a ballare muovendosi dolcemente e adesso si sentiva tirare le file di perle da dietro che andavano a ripercuotersi sul clitoride e scorrere le dita di Tino sulle piccole labbra, con la chiara minaccia di entrarle dentro “Mmmmmmh… che carina questa situazione… sembrano tranquilli… li lascio fare ancora un po’….. mi sono bagnata come una troia, mmh ssiii… mi fanno sentire troia… oohhh quanto mi piace….” Poi pensò che poteva bastare, e non doveva continuare.
Tino intanto stava impazzendo: la situazione era per lui oramai insostenibile, le immagini del video e il tatto delle sue dita con la vagina bagnata e scivolosa di Alessia rischiavano di farlo schizzare, si sarebbe bagnato i pantaloni facendo una figura di merda. Doveva smettere: gli venne in soccorso proprio Alessia che si staccò la mano del maiale dietro di lei, si abbassò la minigonna dove doveva stare, e allontanò la mano di Tino, poi gli disse che era stanca e che voleva distendersi un attimo.
Tino, arrapato come le bestie, dovette accettare e si incamminarono verso una zona nuova del locale, che nessuno dei due aveva mai frequentato fino a quella notte.
Gimmi intanto continuava a vagare e mentre si dirigeva nella direzione del black passage, vide davanti a sé una coppia che gli camminava davanti a distanza di una decina di metri, non potè essere sicuro di conoscerli, e sulle prime non gli venne neanche in mente chi fossero, anche perché seguiva con lo sguardo incantato il sedere della ragazza bionda la cui minigonna saliva da sola mentre camminava, scoprendo man mano delle calze autoreggenti nere con quattro strisce più scure in alto.
“ Cazzo! Che figa!” pensò parlando a voce alta, sentì un forte impulso all’erezione e dovette infilarsi la mano dentro le mutande per mettere il pene in posizione verticale, visto che si sarebbe eretto in poco tempo, a quella vista. Seguì il culo della ragazza bionda mentre una mano dell’uomo che le stava accanto scese lungo la schiena posandosi su quel bel culetto, andò a prenderle l’orlo della minigonna proprio alla fine delle mele e cominciò a sollevare lentamente, scoprendo alla sua vista il sedere apparentemente nudo, “Cazzo!” pensò ancora “che figa! E che culo! Andiamo a vedere cosa combinano questi due là dentro… anche se non si vede un cazzo, magari con il buio posso partecipare”.
Durante le serate per soli soci aveva già fatto esperienze simili nel black passage, ma se fosse capitata durante una serata normale, sarebbe stata mille volte più eccitante. Vide i due entrare scostando le tende del locale, vi entrò a sua volta attendendo qualche secondo e si mise in piedi a pochi metri dall’entrata, cercando di capire cosa facessero i due. La sua abitudine a quel locale gli faceva percepire le presenze che apparivano di tanto in tanto grazie ai flash che rischiaravano per una frazione di secondo il buio, e potè accorgersi subito che su un lato, sopra al divanetto laterale, c’era un’altra coppia che scopava. Con lei distesa sul divano, la testa sulla spalliera e le gambe aperte fuori dello stesso, lui inginocchiato tra le sue gambe la stantuffava di santa ragione, la ragazza di tanto in tanto gemeva e dava urletti eccitanti. “Cazzo!” pensò Gimmi Sganassa “la situation è calda… eh eh eh!”.
Alessia a Tino entrarono esitanti in quel locale oscuro, e lei esclamò ridendo
- “Ma è buio pesto! Ah ah!”
- “No no! ci sono dei flash ogni tanto…”
disse il Segoni, convinto di aver trovato proprio il posto giusto; provarono a guardarsi attorno e intravidero in un lampo di luce il divanetto lungo che scorreva lungo la parete del corridoio, poi Tino percepì che stavano facendo sesso a pochi metri da loro perché, confuso con la musica martellante sentì un mugolio di una donna, questo lo fece impazzire: ora aveva davanti a sé Alessia nel buio in una zona di sesso libero…
In quel preciso istante suonò il cellulare di Alessia, che si tolse da tracolla la borsetta, l’appoggiò sul divanetto davanti a lei e si chinò per aprirla ed estrarre il cellulare:
- “Hallo?”
- “Ciao passerina bella! Indovina chi sono?” Alessia si portò la mano libera sull’altro orecchio, perché la musica martellante le disturbava l’ascolto,
- “Chi è?”
- “Sono Alfio, il caponegozio di StripMode… ma non avevi registrato il mio numero, gnocchetta deliziosa?” Alessia stralunò dallo stupore: che cosa voleva a mezzanotte passata il Sig. Trombetta?
- “oh… sì… il signor Alfio Trombetta, buonasera… anzi buonanotte, ma cosa c’è?” Alessia si raccolse istintivamente in avanti per sentire meglio restando in piedi con ambo le mani sulle orecchie per sentire meglio
- “Fighetta succosa bellissima, come stai? Cosa stai facendo?” Il signor Trombetta era uno dei clienti più importanti di Alessia, a capo di una serie di negozi nel suo portafoglio; più volte le aveva fatto proposte indecenti, ma sempre con quel tono giocoso che Alessia prendeva sul ridere, in fondo le stava simpatico, anche se le aveva dimostrato in modo evidente di essere un grande porco, come quando per firmarle la fornitura di una collezione di intimo, le chiese di indossare alcuni capi che preferiva lui e le chiese di sfilare di fronte ai suoi direttori per la dimostrazione con il test del tatto sul tessuto da parte di tutti, e Alessia dopo molte indecisioni dovette accettare…
- “Oh signor Trombetta, sono in discoteca con amici… perché mi telefona? C’è qualcosa di urgente?” Alessia cercava di far capire che stava disturbando, ma non voleva apparire scortese, intanto approfittando di quella sua posizione raccolta piegata in avanti sul divanetto e stimolato dai gemiti sempre più goduriosi della donna sul divanetto dell’altro lato del corridoio, Tino non voleva perdere tempo, e aiutato dall’oscurità aveva cominciato a tastare il culetto di Alessia.
Gimmi, anche lui a favore di buio si era messo a pochi metri da loro e dalla voce, ma soprattutto grazie ai lampi di luce che rischiarono per un attimo il viso di lei, riconobbe la ragazza: “Cazzo! Cazzo! Guarda chi è!!!!!” si stupì della scoperta, perché non l’aveva riconosciuta prima, ma ora era sicuro, era proprio lei! “Ma guarda un po’…” pensò Gimmi, che avrebbe voluto chiamare l’amico, “ne parlavo prima ed ecco che questa appare quì… dove tra l’altro non l’avevo mai vista”, Gimmi si ricordava di essere stato invitato tramite una sua amica e non da lei stessa ai suoi aperitivi in terrazza, poi si ricordava che Alessia l’aveva trattato male davanti a tutti e quasi sbattuto fuori di casa, poi non l’aveva più invitato, si ricordò anche che una volta la incontrò in estate alla fermata di autobus, in città, che era pieno di gente, tanto da dover stare in piedi uno pigiato all’altro come acciughe, e che in quell’occasione la troia non protestò circa la sua mano dentro le mutandine, e che ne uscì con le dita bagnate“ e ora “guarda guarda, questa puttanella boriosa… grandissima fregna, in che locali viene? Viene a invadere il mio campo?” la voglia di rivincita gli stava montando “E questo coglione chi è? Vediamo cosa sa fare…”.
- “Oh nessuna urgenza oggettiva, mia regina delle passere, semmai un’urgenza del mio uccellone che aspirerebbe poterti incontrare eh eh eh!” , che il Trombetta fosse un tipo eccentrico Alessia lo sapeva, e talvolta anche volgare, ma restava il suo cliente più importante, lei cercava di tenere un tono professionale, ma le molestie di Tino cominciavano ad essere pesantucce: aveva abbassato le maniche del vestito scoprendole tutti e due i capezzoli e glieli succhiava con avidità, poi le portava le mani sulla figa, gliela accarezzava con le dita facendole entrare dentro e riportandole fuori bagnate, in modo da andare a stimolarle il clitoride che sentiva sempre più sporgente. A lei non ci voleva molto per eccitarsi visto che in parte era già pronta per i trattamenti ricevuti durante tutta la serata, ma doveva capire anche il significato di quella strana telefonata, eppoi le girava la testa
- “Oh Signor Trombetta, mi dica …. Cosa… mmhhhh…. Cosa vuole dirmi a quest’oraaaaahhhhh….ohhhh! “ le dita avide di Tino la stavano facendo godere,
- “Ma carissima, volevo solo sapere se stanotte sei a giro in zona e se potevamo vederci… bella patatina da leccare tutta… ma sento dalla tua voce che stai facendo delle belle cosine, vero?”
- “Noooo… ohhhhh! No, nel senso che….mmhhhh….” Alessia non riusciva reprimere alcuni gemiti di piacere, e Tino la stava penetrando con due dita,
- “Ohhh sììì! Troietta mia… sento che ti stai divertendo… lasciami immaginare che ti stai facendo scopare da due…tre…quanti bei cazzoni eretti e duri dentro di te…!” Quel linguaggio scurrile finiva con eccitarla ancora di più, si trovava stavolta in una doppia trappola, da un lato non poteva troncare la telefonata, dall’altro non riusciva a fermare il Segoni arrapato,
- “Nooooo….ohhhh”… signor tro…trombetta la prego… sto solo…. Ahhhhh…sto solo giocando un po’…mmhhhh” Tino era arrapatissimo, sia dalla situazione che si era creata, sentendola al telefono con qualcuno cui non doveva far trasparire il proprio piacere sia dal corpo eccitato di Alessia; l’aveva afferrata con un dito nel culetto e due in vagina, dalla quale usciva di tanto in tanto per stimolarle il clitoride, e poi succhiava quei capezzoli che erano diventati oramai comignoli a cui mancava solo il fumo da tanto erano caldi,
- “Siii fighetta … dai gioca… gioca mentre sei al telefono con me… dimmi cosa ti fanno, dai racconta… se me lo dici ti prometto un acquisto gigantesco tesoro… dimmelo, ssììì”
- “Ohhh … mi…mi sta leccando i seni….e poi… poi, mhhhh …aahhh le dita dentro la passerina, mi mmhhh masturba il clito….ohhhh”
- “Siiii bella… mi stai facendo diventare il cazzo grosso come un cannone, dai su fammi sparare…”
- “Mmhhhh … mi sono…tutta bagnata…ohhhhh…ah! ” Tino non reggeva più e si tirò fuori l’uccello duro, glielo appoggiò tra le natiche e si strofinò su quelle mele perfette, proprio sopra ai due fili di perle che le entravano dentro; intanto Gimmi Sganassa si godeva la scena nei pochi istanti dei flash luminosi colorati, troppo pochi, ma oramai era abituato a vedere e intravedere la vasta gamma di azioni erotiche che si consumavano nel black passage al limite della visibilità, e ora poteva passare lo sguardo negli istanti dei lampi, dai preliminari di Alessia, all’atto in pieno svolgimento della coppietta sull’altro divano,
- “Siii bella fregna, bagnati tutta che poi ti scopano… oooh mi sto sto facendo un raspone incredibile pensando a te e sentirti mugolare come una troia…sssiiii!”
- “Mmmhhh… ssiiiii! Ma ..si signor Trombettaaa aahhhh… cosa fa?!” Tino stava segandosi con il cazzo pronto a schizzare, tra le mele del culetto di Alessia allargandole, e in quel modo le due file di perle gli strofinavano sul dorso esterno del cazzo eretto, mentre con due dita la penetrava nella figa, lei muoveva il culetto sul suo arnese che non tardò a inondarla di una serie di getti caldi, Alessia si sentì premere le natiche sul suo cazzo e gli schizzi arrivarle fin sul fondo schiena per colarle giù, “Oh mamma come sono eccitata… ma questo è già venuto… mhhh” pensò, e non gradì molto il fatto che per qualche istante lui continuasse a strofinare il suo uccello che si stava ridimensionando velocemente, “ma forse è meglio così… in fondo possiamo considerarlo un incidente senza conseguenze… però io ho voglia… mmhhhh è tutta la sera che mi stuzzicano… ohhh mamma!”. Tino non ci mise tanto a rendersi conto di aver sbagliato tempi e modi, ma volle una rassicurazione da lei:
- “Cara, sono venuto, tu come stai?”
- “Mhhhh…. Lasciami sola ora, per favore… vattene a bere qualcosa…”, Alessia si accasciò sul divanetto a gambe allargate, sdraiata con la schiena sulla seduta e la testa appoggiata allo schienale, toccandosi il clitoride, Tino che si sentiva un po’ in colpa e un po’ ridicolo, seguì prontamente il suo consiglio e uscì.

Questo racconto di è stato letto 4 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti di tradimenti coniugalimia moglie raccontiracconti intrigantiraconti picantiracconti erotici canera cconti eroticibondage raccontistorie di e per adultiracconti erotici gay stuproscambio di mogli tra amicistoriedi sessoracconti di donne che si masturbanoracconti porno gratisracconti club privestorie sensualiracconti.gaydonna inculata da un cavalloracconti erotici.commarito schiavo raccontiracconti hard cuckoldracconti di sesso realierotici rccontistorie erotiracconti travestaracconti zozziraccontidisessostorie eroticheincrstiracconti gay neriracconti erotici tettonaprima esperienza cuckoldracconti casalingheraconti pornoracconti di sesso con ziaracconti erotici iniziazioneracconti erotici safficiculo rotto raccontiracconti eriticiracconti feticismomia moglie esibitaracc inceracconti infermieraracconti incesto lesbicoracconti porno con transracconti erooticiracconti sesso con la ziavicina tettonamoglie esibizionista raccontiracconti di bullraconti erosracconti di mariti cornutigeneri raccontiracconti sado masostorie hot gratisracconti erotici mia cognataporno racconti eroticierotico raccontipornoinfamigliaracconti erotici itraconti69erotici pornoracconti moglie inculatastorie eroticaracconti erorticiracconti erotici tra madre e figlioracconti sexracconto erosstorie porno bisex1001 racconti eroticiho sverginato mia cuginawww.eroticiracconti.itraccontierotici.itracconto eroticimariti bsxstorie di sesso incestopornoinfamigliaerotica raccontirracconti eroticistorie zoofiliastorie feticisteracconti di sesso gratistradimenti a69racconti sexracconti sesso suoceranonno racconti eroticiculo raccontiminidotato