Dissoluta

Scritto da , il 2020-06-29, genere tradimenti

Sono sul divano distesa cercando di smaltire i postumi di una sbornia colossale che mi sono presa la sera prima con le amiche in discoteca.
Ho la testa che mi scoppia, la bocca impastata, le orecchie mi fischiano ancora per la musica alta, mi sento sudicia, puzzo di sigaretta, sudore ed alcool, indosso ancora le calze autoreggenti, le scarpe con il tacco altissimo e il mini abito stretch della serata.
Quella santa donna di mia sorella, da cui sono ospite da ormai un anno in attesa di trovare un lavoro o meglio, facendo finta di cercarlo, come ogni domenica sta per andare al cimitero ad onorare i nostri genitori e prima di uscire, visto che ormai è quasi mezzogiorno, mi chiede cosa mi va di mangiare a pranzo, le rispondo con un grugnito inferocita, lei sa benissimo che non è il caso di insistere e se ne va.
Finalmente posso chiudere gli occhi per un pò ma, la mia tranquillità non dura molto.
Dopo qualche minuto, arriva mio nipote resta un pò a guardarmi e poi mi chiede qualcosa, sono su un fianco con il culo all’aria dovrei ricompormi per non turbare un ragazzino poco più che adolescente ma, non ho nessuna voglia di farlo e dopo averlo invitato a farmi una foto così gli sarebbe durato di più ,lasciandolo molto confuso, lo mando via in malo modo e lui evapora.
Poi è il turno di Charly il beagle di mia sorella che viene in cerca di coccole e invece si prende un pestone per avermi leccato la faccia, povera bestia, alla fine arriva mio cognato a rompermi le palle e sembra toro scatenato per quanto è arrabbiato.
Non so cosa ha da strepitare tanto, cosa pretende, è incazzatissimo quello lo capisco bene, me ne resto stesa a sentirlo imprecare senza neanche degnarlo di uno sguardo, non ho nessuna voglia di ascoltare la sua ennesima predica e il ennesimo suo rimprovero.
So che è un morto di figa, ha un debole per me e così per calmarlo un pò, visto che funziona sempre gli offro qualcosa per distrarsi, un bell’osso visto che lui adesso sembra cane rabbioso.
Mi giro, mi metto supina e spalanco le cosce sotto al suo naso, lui non se lo fa ripetere due volte.
Come un fulmine, lo ritrovo accucciato tra le gambe ad annusare le mutandine umide.
All’alba dopo la discoteca nel parcheggio ho provato a fare la pipì ma, ero talmente fuori che ho finito per bagnarle tutte, a pensarci bene non mi sono neanche accucciata o spostato di lato gli slip come farebbe chiunque altro, ho semplicemente tirato su il vestito allargato le cosce e lasciato andare la vescica davanti a tutti, in piedi appoggiata contro l’auto del ragazzo della amica, ragazzo a cui credo di aver fatto una sega per scusarmi, prima di salire in macchina.
Mio cognato si è azzittito mentre fa aderire la sua bocca alla mia passerina, sono troppo fusa per sentire qualcosa ,ci mette impegno ma, non provo praticamente nulla quando superato l’ostacolo delle mutandine, affonda la lingua dentro la mia fica, mi viene in mente un altro flashback sul buttafuori della discoteca, un ragazzone di colore che a metà serata l’aveva farcita di sperma fino all’orlo e anche se, l’abbondante pisciata nel parcheggio aveva fatto pulizia, probabilmente insieme agli umori della mia fica ,alle tracce di urina ,quell’imbecille stava leccando via anche i residui di ciò che restava di quell’incontro.
Ma a che serve avvisarlo, a lui sembra piacere il mix di aromi è meglio non complicare le cose e cosa più importante, sono troppo stanca per parlare.
Sono letteralmente tra sonno e veglia quando mio cognato, liberatosi dei pantaloni si stende sopra di me e mi sbatte il suo uccello nella bernarda.
Mi chiava senza sosta, tiene in mano le mie mutandine e le annusa, ho un dejavu del suo matrimonio quando abbiamo scopato nel capanno mentre la sposa, mia sorella si domandava dove eravamo finiti e distribuiva confetti.
Non provo niente mentre mi scopa, se non la nausea per essere sballottata come un flipper, il caldo terribile dei nostri corpi l’uno sull’altra, ho una sete bestiale e l’urgenza di fare pipì, spero che finisca in fretta.
Ormai siamo entrambi completamente nudi ,lui chiede se mi piace quello che mi sta facendo, gli rispondo che come sempre mi fa schifo e gli dico di sbrigarsi e che ho una seta pazzesca, lui si incazza come una iena e mi fotte con tanta forza che finalmente ora lo sento, le pareti della mia vagina si stringono attorno al suo cazzo fino a stritolarlo, incapace di trattenersi oltre viene e mi infarcisce la passera regalandomi a mia volta un acuto istante di piacere.
Finito si rialza, raccoglie le sue cose e mi dice di togliermi di lì prima che mia sorella torni a casa, io annuisco ma, resto ancora un pò e mi assopisco, pensando che tanto c’è tempo.

Questo racconto di è stato letto 3 6 0 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


racconti erotici mstorielle erotichestorie di incesti veriracconti erotico gayracconti gay maturiracconti erroticiporno lettureracconti ertici 69racconti lesbirotici raccontiracconti erotici toplessschiava cagnail culo di mia cognatadonne che fanno amore con animalinonna e nipote incestoracconto eccitanteraccoti eroticiraconti erotici 69erotivi raccontiracconti erotici lavororacconti particolariraccontineroticiracconti incesto 69storie si sessoracconti erotismowww.eroticiraccontiinculatinegenere racconti eroticiracconti cinema luci rosseracconti erotici sorellinaero raccracconti picantiraconti xxxannunci racconti 69masturbazineracconti eoriticperetta raccontiracconti eteroracconti erotici con la cognataracconti di scambi di coppiaporno racontiracconti porno tradimentoracconti prima esperienza gaysorella esibizionistaracconti di escortracconti sesso sfrenatostorie vere porno69 it raccontistorie lesbicheracconti amatoriali sessola zia racconti eroticiracconti inceatoracconti erotici zoofiliapiedi femminili raccontistorie erotiche incestiracconti scambio di coppieracconti trasgressiviracconti erotici pornomia moglie esibizionista al mareracconti hard69raccontimilùracconti pompini gayracconti zoccoleracconti erotici milfa69 gayho sverginato mia sorellaracconti erotico incestoracconti erotici amatoriali gratisincesto storie vereracontieroticiracconti hotracconti e storie erotiche1001 racconti eroticiurgulonincesti con zieincesti racconti eroticiracconti erotici suppostebdsm storieracconti erotticiracconti di coppie con transracconti cucoldracconti gay nonnoannuncio 69 itracconti erotici dominazionelettere hard da leggere gratismoglie scopata dal ginecologoracconti di sesso lesboracconti di storie di sessomasturbazione tra amicheracconti ornoin culo alla suoceraracconti di moglie troieracconti gay bear