Seppuku

Scritto da , il 2020-06-29, genere sentimentali

La ragazza, nuovamente delusa, decise che quella sarebbe stata l'ultima volta.
Stabilito il “perchè” ed il “come”, aveva completato gli ingredienti con il “quando”.
Preparato il materiale da roccia, incurante del tempo che da ovest si faceva minaccioso, con volute di grosse nuvole grige che stavano fagocitando l'orizzonte delle montagne a ovest, zaino sulle spalle si diresse alla volta delle pareti.

“Di fronte a te eseguo la mia danza, indosso il mio miglior furisode per la maggior libertà dei movimenti, i miei capelli raccolti da kanzashi dorati che riproducono conchiglie di mare che racchiudono perle. Sul mio furisode il ricamo del pavone che si alza in volo, il tuo kimono preferito tra quelli che mi hai regalato.
Ma anche oggi i tuoi occhi non sono per il pavone, né per la ragazza che con la sua katana, ancora esegue la sua danza di fronte ai tuoi occhi.
Preso dal lavoro mi guardi con svogliatezza; rapito dal freddo monitor mi trascuri e il mio sogno svanisce, la mia giovinezza sfiorisce.
Con passi leggeri, sulla punta dei piedi nudi, leggiadra, nelle larghe maniche del furisode, armeggio la katana perchè tu mi ammiri. Guizza il mio seno e il pavone sembra librarsi. Brillano i kanzashi nei miei capelli, ma tu non sollevo lo sguardo dalla tua tastiera.
A nulla è valsa la musica antica, i ritocchi del koto, le melodie delle arpe degli anziani maestri giapponesi.
Ballo sublime, svolazzante intorno a te, ma i tuoi occhi non si degnano dei miei volteggi.”

Incurante del cielo che andava coprendosi e del vento che cominciava a sferzarle il volto, la giovane alpinista affrontò il ripido zoccolo roccioso, arrampicando slegata i primi tiri di corda della parete di roccia friabile. Ad ogni passo qualche sasso si muoveva rendendo incerta la progressione. Rumore di ghiaia che precipitava a valle con suoni sinistri, per spegnersi sul ghiaione sottostante. La cima era già avvolta da nubi grigie, foriere di tempesta, ma il proposito era ben radicato.
Al termine del tratto friabile ed appoggiato, la ragazza attaccò lo zaino ad un chiodo di sosta.
Lo aprì estraendo imbragatura, caschetto, corde, chiodi e moschettoni. Se doveva essere un suicidio, sarebbe stato combattendo, e se ne fosse uscita viva, allora avrebbe avuto una vita nuova ed insperata, una nuova esistenza tutta da ricostruire. Legò la corda ai chiodi di sosta, si assicurò la corda all'imbragatura con un “vergo”, controllò friends e blocchetti da incastro, cordini, martello e chiodi e affrontò il primo tratto verticale. Le dita morbide che solo la sera prima avevano accarezzato il suo compagno, ora erano artigli che si infilavano nervosamente nelle fessure della roccia alla ricerca della minima asperità cui appiccicarsi e, con uno sforzo ed un volteggio, sollevare il corpo e le gambe verso nuovi appoggi spioventi. La ferraglia le tintinnava appesa all'imbragatura, mentre, con grazie e leggerezza, superava lo strapiombo fessurato senza apparente fatica. Sul volto rigato dalle lacrime, stringeva i denti per la determinazione dell'ultima impari lotta.

“Nell'ampio chimono dalle larghe maniche, la mia danza è leggiadra. La katana volteggia con riflessi sinistri. Abile, nelle mie mani, ii movimento della spada. Ti avvolgo, ti sfioro, ma tu mi allontani. Sempre lavoro, solo lavoro. La mia lotta è impari, il mio cuore ha perduto il tuo, rapito dalla ram di una macchina. La mia katama ti passa vicina, ti lambisce, ed ecco! È sotto il tuo collo. Minacciosa, mortale, la lama ti sfiora la gola, ne percepisci il gelo mortale. Ma è solo il lato smusso; io ti miro; in posizione marziale, il capo piegato di lato, le due mani sull'elsa, aspetto un tuo cenno.
-Ma sei impazzita! Mi vuoi sgozzare! Tirami via questo affare da sotto la gola! Non vedi che sono al lavoro! Proprio non capisci?-
Con un volteggio mi allontano, mi rannicchio in posizione da difesa, nelle due mani la katama mi fa da scudo, chiusa in un angolo, ti guardo severa, innamorata e ferita. Una lacrima mi scioglie il trucco e riga di nero il mio volto.”

Sbuffando per lo sforzo, la giovane alpinista volteggiava sugli appigli. Sporadiche nuvole di magnesite per aumentare la presa sulle prese effimere, mentre grosse nuvole grigie ingoiavano la cima e le montagne di fronte. Silenzio. Solo qualche gracchio risuonava in remoti angoli della parete.
Bloccata sul chiodo, prendeva corda per proseguire; il sudore le imperlava la fronte per lo sforzo. La scelta minuziosa del punto giusto in cui appoggiare il piede. Il peso si spostava per scaricare energia, la treccia nera ondeggiava di sotto al caschetto. Sola. In una parete oltre le sue possibilità, mentre il maltempo la avvolgeva. Ha lasciato la casa, gli affetti, il lavoro. Dietro le spalle la sua vita.
Il corpo sinuoso nella sottile tuta, serpeggiava lungo la roccia come un rettile che si arrampica nel suo elemento. Troppo pesanti gli indumenti, troppo caldo nella lotta contro la parete difficile. Si liberò del pile, restando con un top aderente. Pelle contro pelle, i graffi della roccia sulle braccia, le nocche insanguinate, ma metro dopo metro la ragazza saliva arrampicandosi lungo fessure e diedri, elegante e leggera, sfidando la verticalità.

“Torno all'attacco, ormai la questione è vitale e non si può rimandare. Balzo al tuo fianco, ma ancora non mi guardi, la mia katana ti riflette la luce sugli occhi, ma tu resti indifferente. Nel tuo cuore ormai non c'è più spazio per me. Mi allontano di un passo, volteggio su di me e colpisco, precisa e violenta.
-Ma sei impazzita! Ma porca miseria! Hai mozzato il filo del carica batteria, stupida! E se mi tranciavi una mano???-
Io in un angolo in posizione di difesa; la katana ha colpito il nemico, gli ha inferto una ferita mortale ed ora io starò qui a guardarlo mentre si spegne, mentre ogni sua residua energia lo abbandona.
Ma tu sbuffi, esci e ritorni con un nuovo filo per il tuo stupido computer. Non mi guardi se non per una frecciata di disprezzo, scuoti la testa. Il mio corpo giovane, nudo sotto il kimono, non ti interessa più. Il mio seno sotto il pavone non suscita più le tue fantasie, non risveglia i tuoi desideri.
In piedi, gambe larghe, i piedi nudi ben piantati sul pavimento, dirigo verso di me il tagliente della katana. Con un rapido e ben preciso gesto la lama sibila dalle mie gambe fino al mio collo.
Il furisode, tagliato a metà dalla lama affilatissima, si divide. Il pavone tagliato in due, scivola a terra, lasciandomi nuda davanti a te.
Alzi lo sguardo su di me, sfiori con gli occhi il mio pube e il mio seno, senza desiderio, poi il pavone, morto i miei piedi. Senza più vita né scopo. Una sottile linea rossa dalla vulva alla piega tra i seni mi rivela che la spada mi ha sfiorato. Raccolgo col dito il sangue che si condensa sulla superficiale ferita, lo tocco col dito, lo assaggio. Dolce e calda la mia vita sublima dal mio corpo.
Sul seno con il sangue, disegno l'ideogramma del fiore di ciliegio.
Danzo nuda di fronte a te, col seno di sfioro le mani intente a lavorare, mi giro, con sedere ti accarezzo, apro le cosce, la katana scintillante nelle mie mani, lo sguardo agguerrito si addolcisce per inseguire i tuoi occhi. Ti sfioro la nuca con la punta del naso, le mie labbra scorrono sulle tue guance. Mi accarezzi il volto, ma trascuri il mio corpo, e continui il tuo lavoro.”

Il primo tuono rimbombò all'infinito, come se la coltre grigia e pesante delle nubi avesse racchiuso la parete in un cofano di morte, facendolo echeggiare per un tempo indeterminato.
Puntuale la grandine iniziò a becchettare la parete punteggiandola col suo tichettio. La battaglia era nel pieno. La ragazza piantò un chiodo sotto ad uno strapiombo, ma dopo due colpi, tintinnando sonoramente, il chiodo schizzò via precipitando, inghiottito dalla nebbia. La roccia si sgretolava, ma la ragazza saliva senza protezioni, mentre la prima grandine le bussava sul caschetto.
La mente andò alla sera prima, quando lui le confessò di avere un'altra donna, un altro amore, e lei era fuggita di casa sotto la pioggia, scappando decisa da quella vita. Si era rifugiata in auto e poi aveva formulato l'estremo proposito. Ora, sotto l'acqua scrosciante i piedi le scivolavano sugli appigli e le dita non tenevano. Sulle mani le scorrevano rivoli che colavano dalla parete, scivolandole sulle ascelle e giù per il corpo.
Quel corpo che una settimana fa era nudo, avvolto di baci e di tenerezze, ora lottava con le unghie ed i denti contro gli elementi scatenati della natura.
Quelle labbra che avevano baciato la sua pelle, ora, insanguinate, si contraevano nello sforzo di vincere la parete impossibile. Quella pelle, delicata e profumata, ora sudata e sporcata di polvere e ghiaia, di tagliava al contatto con la ruvida roccia. Cadde, rimanendo appesa al chiodo più sopra.
Risalì con un urlo di rabbia. Si stracciò il top, rimanendo a seno nudo, sotto le sferzate della pioggia; superò il chiodo ed il passaggio, un friend in una fessura, le nocche delle dita dolorosamente incastrate, i muscoli contratti, più in alto, ancora un poco più in alto per un appiglio sicuro. Il piede scivolò in un ultimo lancio, ma la presa era nelle sue mani.
Un cordino intorno ad una clessidra, a pugni chiusi attrezzò la nuova sosta, per calarsi di nuovo a recuperare lo zaino ed le protezioni lasciate sull'ultimo tiro di corda. Il temporale nel suo pieno smuoveva sassi e ghiaie che precipitavano in tanti torrenti travolgendo tutto. I tuoni assordavano, i capelli si muovevano saturi di elettricità, il fulmine cercava dove posarsi.

“Sconfitta mi muovo intorno a te, ti passo le dita fra i capelli, il mio seno sfiora il tuo volto assorto nel lavoro. Mi accarezzi la schiena, mi sfiori il sedere, ma il tuo sguardo non mi cerca. Dalla mia coscia la tua mano riprende possesso del mouse. Ti sussurro dolci parole, ma più non mi ascolti.
Nulla ho più da fare in questa casa e nella tua vita.
Danzo ancora, nuda, di fronte a te, ma a nulla ancora vale. Lascio la katana e prendo la wakizashi, la lama più corta per porre fine a questa esistenza. Ancora mi avvicino a te, avvolgendoti con le braccia, appoggiandoti il seno sulla nuca perchè tu ne percepisca la morbidezza sul collo. La lama della wakizashi sfiora il tuo volto, la guardi, abbagliato dai sui riflessi lucenti, sorridi, ma continui il lavoro.
Non farò jigai, non taglierò la gola come per tradizione deve toccare alle donne, per me sarà seppuku, anche in mancanza del kaishakunin.
Mi inginocchio di fronte e te, le dita dei piedi dritte, il sedere sui talloni nella posizione della seiza.
Occhi chiusi nella concentrazione dell'ultimo minuto. Gli spiriti dei samurai mi aleggiano intorno, ma il tuo sguardo è altrove.
Alzi lo sguardo dalla tastiera, mi guardi, forse un po' triste. Il mio corpo, il mio seno, la macchia scura del pube, le cosce nella posizione suprema della seiza.
Abbassi lo sguardo mentre da sinistra affondo la lama nel mio ventre. Mi contraggo per contenere il dolore, mentre un liquido caldo mi cola sulle cosce, la lama si sposta a destra e sale, mi blocca il respiro, ma non un gemito esce dalle mie labbra. Si ferma alta nel ventre. Un ultimo sguardo.... da sola, le forze mi lasciano mentre la mia anima mi sgorga dal petto, il buio si infittisce mentre i sensi mi abbandonano. Un ultimo sforzo, una lacrima, l'ultima....
poi la lama sale e mi entra nel cuore.....”

Appesa in corda singola, la fune scivola bagnata nel discensore mentre l'alpinista scendeva a recuperare il materiale e lo zaino alla sosta sottostante. I fulmini si inseguivano, mentre dal caschetto e dalla corda rivoli d'acqua le attraversavano il corpo. Riprese lo zaino incurante dei sassi che le cadevano di fianco fischiando sinistri. Smontò la sosta recuperando i moschettoni, poi piazzati i bloccanti, ricominciò a salire sulla corda.
Così lontana era ormai casa sua, così lontana una doccia calda ed un soffice letto. Così lontano ogni suo affetto. In questa infernale parete ritrovò gli elementi veri, genuini e sinceri della vita e dell'atavica battaglia dell'essere umano contro la natura, la ricerca del sé, la lotta per la sopravvivenza, contro tutto e contro tutti. Saliva con rabbia nella nebbia, sola contro tutta la parete, lampi accecanti e tuoni assordanti, ma ancora saliva, la corda tesa dal suo peso, gli attrezzi di metallo che scivolavano, finchè.... Dopo l'ennesimo fulmine, una grossa pietra si staccò precipitando sulla corda che in quel punto sfregava contro un angolo di roccia. Il taglio fu netto. Con un suono secco, la corda di lacerò facendo precipitare l'alpinista, inghiottita subito dalle tenebre della nebbia. Non un urlo, non un rumore, solo il suono della tempesta che lentamente sfumava nel nulla.

Un uomo ritto con espressione pensosa, una lama sporca di sangue nella sua mano, una ragazza esangue ai sui piedi, un bagno di sangue rosso vivo.... un fiore mai colto.

Un uomo in una fredda stazione di elisoccorso, un frammento di una corda tranciata, uno zaino zuppo di tempesta, una foto di una ragazza che sorride... un fiore buttato.

Questo racconto di è stato letto 3 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti di sesso 69racconto scambio coppiaracconti eoriticraccontu eroticiracconti erotici freecornuto umiliatoracconti 69 tradimentisesso racconti eroticiannunci69raccontiracconti casalinghiracconti mistressracconti erotici sul trenouna moglie insaziabileeroticiracontistorie erotichestorie erotiche suoceraracconti erotici bulleroticraccontiracconti erotoci gayracconti sesso prima voltapiedi racconti eroticiscopata da un camionistaracconyi pornoraccont eroticiracconti erotici di guzzonracconti incesyoracconti erotticiracconti hotyoutube racconti eroticiracco.ti eroticiracconti zozzirracconti eroticiracconti porno nonneracconti donne esibizionisteraccontigayracconti omosexracconti pirnoraconti69racco.ti eroticiti cago in boccaracconti erotici zoofiliracconti eoriticracconti hard suoceraracconti eroyicisesso a tre raccontoraqcconti eroticistorie di coppie scambistemamma scopa figlio raccontiracconti erotici spiaggiai piedi di mia ziaracconti erotici adultieroici raccontiaddio al nubilato orgiaraccontisessoracconti erotici mia cuginaracconti porno di mogli troieracconti erotici con il caneraconti eroticeracconti veri tradimentistorie hard gratisracconti efoticiracconti porno cuckoldannunci 69 racconti incestoracconti erotici ricattataracconti erotici la cognataracconti maturi gaymamme incestuoseracconti piedi femminilizia nipote raccontimi sono scopato mia figliaraccontiporacconti mamma figliascambio di coppia sesso