Passaggio pericoloso

Scritto da , il 2020-06-29, genere bondage

Quella sera avevo fatto veramente tardi, e stavo tornando verso casa, in macchina, lungo la superstrada. Erano passate da poco le undici di sera, quando mi accorsi che stavo per entrare in riserva, e così mi fermai alla prima stazione di servizio che incontrai sul percorso.
Le stazioni di servizio lungo quella superstrada non sono come quelle che normalmente si trovano in autostrada: grandi, illuminate, con servizi, bar, autogrill, eccetera… In genere ci sono soltanto due o tre pompe del carburante, senza neanche il personale, ma solo con la colonnina self-service, e anche questa non faceva eccezione. Il posto, inoltre, era pure illuminato male e davvero poco invitante, ma in fondo si trattava solo di fare benzina. Presi un paio di banconote da 10 euro e le infilai nel cassettino del distributore automatico, che, incredibilmente, le accettò al primo colpo.

Fu soltanto mentre facevo rifornimento che mi accorsi che nel piazzale del distributore, un po’ in ombra, c’era anche un’altra macchina, con una persona a bordo, che ad un certo punto scese, e si incamminò verso di me. Me ne resi conto dal rumore dei passi, e quindi mi voltai, per vedere se stava venendo a chiedermi qualcosa.
Vidi che si trattava di una donna, ma restai quasi di stucco quando la guardai meglio: la prima cosa che mi colpì furono gli stivali bianchi, in similpelle, credo, che le arrivavano fino alle ginocchia, poi, salendo con lo sguardo, vidi un gran fisico fasciato in una minigonna blu ed una maglietta rossa senza maniche, molto attillata, che faceva quasi fatica a contenere un seno alquanto prosperoso. Il viso aveva dei lineamenti un po’ duri per i miei gusti, ma forse erano anche messi in risalto da un trucco piuttosto marcato. Completava il tutto una lunga chioma di capelli castani che le scendevano sulle spalle.
L’insieme era decisamente provocante, ma anche un po’ volgare, per la verità. Girandomi di nuovo verso la pompa della benzina, il mio primo pensiero fu quasi di incredulità: “È possibile che ora le puttane vengano a battere anche in superstrada…”
Mentre continuava ad avvicinarsi stavo pensando a cosa dirle per mandarla via, ma, prima che me ne desse il tempo, fu lei a cominciare: - Buonasera, scusi se la disturbo… - disse con tono molto gentile, mostrandomi un bel sorriso.
- Sì!? - Mi voltai di nuovo verso di lei, un po’ imbarazzato, rendendomi conto che l’idea che mi ero fatto doveva essere clamorosamente sbagliata…
- Mi scusi, ma non mi parte più la macchina… Mi ero fermata per fare benzina e non ne ha più voluto sapere di rimettersi in moto! -
- Forse le si è scaricata la batteria… - buttai giù la prima idea che mi venne in mente.
- No, non è quello… vede, dieci minuti fa si è fermata un’altra macchina, sono scese due persone e ho chiesto aiuto anche a loro: abbiamo provato con i cavi, poi a spingerla, ma non c’è stato verso di farla ripartire! -
- Beh, allora non so che dirle… -
- Guardi, se lei fosse così gentile… La macchina di prima era piena, e non me l’hanno potuto dare, ma mi basterebbe un passaggio fino al prossimo paese. Stasera ormai è tardi, ma se trovo un posto per dormire e un’officina con un carro attrezzi, entro domani risolvo tutto… Ho anche provato a chiamare il soccorso col cellulare, ma in questa zona il telefono non prende. -
Già, quella era pure una “zona d’ombra” senza campo, e ormai mancava meno di un’ora a mezzanotte… Lì per lì fui un po’ titubante: ero stanco e avevo fretta di tornare a casa, ma in fondo mi dispiaceva non aiutarla… al posto suo anch’io cosa avrei fatto?
- Va bene, salga, andiamo a cercare un posto per la notte… - le dissi.
Lo sguardo della donna si fece subito riconoscente. - Oh, grazie mille… è davvero gentile! -
Ma non le detti il tempo di continuare, che aggiunsi: - Comunque non penso ci sia molto qua intorno: sono tutti paesi molto piccoli… ho paura che dovremo fare un po’ di strada. -
- Se per lei non è un disturbo… comunque mi può lasciare dove le torna più comodo, poi vedrò di arrangiarmi in qualche modo. Prendo la mia roba in macchina e arrivo subito. - E così fece, dopodiché ripartimmo.

In un’occasione come questa, io sinceramente avrei provato un certo disagio: trovarmi in macchina con un estraneo ed essere costretto a scomodarlo per farsi aiutare… uno normalmente non sa che dire, si sente un po’ in imbarazzo. La mia nuova ospite, invece, non mostrava niente di tutto ciò: entrò in macchina e cominciò tranquillamente a chiacchierare come se fossi stato un suo amico di vecchia data. “In fondo meglio così,” pensai, “renderà il tragitto meno pesante…”
Mi bastarono pochi minuti, però, per cambiare idea: all’inizio quel comportamento mi aveva fatto pensare ad una persona molto sicura di sé, ma poi mi resi conto che, più che di sicurezza, si trattava solo di un forte egocentrismo… Parlava sempre lei: della sua macchina, del viaggio che stava facendo, dei suoi amici, e di altre faccende personali delle quali, sinceramente, non vedo cosa potesse importarmi. E tutto questo solo nei primi dieci minuti!
Sì, doveva essere davvero egocentrica, e anche un po’ esibizionista: d’altronde una che andava in giro vestita da vamp in quel modo, o non era in grado di intendere e volere, o, più probabilmente, lo faceva apposta, per mettersi in bella mostra agli occhi degli altri. Forse stava pensando che anch’io fossi restato ammaliato dalla sua avvenenza…
Fra l’altro, non era più neanche una ragazzina: ad occhio e croce doveva avere circa quarant’anni. Certo, aveva un gran fisico, ma a quell’età una donna, secondo me, dovrebbe cominciare a vestirsi e comportarsi in modo più sobrio… Insomma, tutto questo per dire che non mi andava troppo a genio, e dopo un po’ rimpiansi quasi di non essermi rifiutato di darle il passaggio che aveva chiesto; ma ormai…
C’era qualcosa in lei che proprio non mi piaceva: forse la prima impressione che avevo avuto dal benzinaio non era poi così sbagliata… E a farmi crescere il sospetto c’era anche il suo atteggiamento, che mi sembrava fin troppo ammiccante, come se cercasse di indurmi in tentazione: era un continuo fare in modo che il mio sguardo le cadesse addosso… Ad un certo punto, non so come fece, riuscì addirittura ad accavallare le gambe!
Beh, in effetti non restai del tutto indifferente, e non potevo fare a meno, ogni tanto, di lanciarle addosso qualche occhiata furtiva, soprattutto verso quelle due bocce strette a fatica dentro quella maglietta… e che scollo! Era veramente seducente, niente da ridire, ma più passavano i minuti e più sentivo che di una così era meglio non fidarsi troppo…
Comunque non mi distrassi più di tanto, e rimasi concentrato sulla guida, facendo finta di ascoltare le storie che mi stava raccontando e sperando di potermi liberare di lei prima possibile.

Dopo una ventina di chilometri arrivammo alla prima uscita e così lasciai la superstrada per dirigermi verso il paese più vicino. Come sospettavo si trattava di un paesello sperduto in mezzo alla campagna: poche case raccolte intorno alla strada, ma di pensioni o alberghi neanche l’ombra. Poi ovviamente, sebbene fossimo in piena estate, a quell’ora non c’era anima viva in giro a cui chiedere informazioni.
- Non ci resta che proseguire, - dissi, - qualche chilometro più avanti c’è un altro paese, un po’ più grosso di questo, forse lì si può trovare qualcosa. -
- OK, se per te va bene… non so come ringraziarti! - Ormai avevamo cominciato a darci del tu, visto che eravamo praticamente coetanei.
- Oh, di niente, non preoccuparti… - risposi.
In realtà avevo quasi la tentazione di lasciarla lì, e che poi si arrangiasse da sé, ma in fondo la coscienza me lo impediva… È un difetto a volte essere troppo buoni, l’ho sempre detto!
Passammo anche il secondo paese, senza successo, quando lei vide un cartello stradale che indicava il nome di una frazione, ed ebbe come un’illuminazione: - Ehi, ma io quel posto lo conosco… lì vicino c’è la casa di alcuni miei amici! - Lo disse con un tono quasi eccitato. - Aspetta, ora provo a chiamarli… Se mi possono ospitare abbiamo risolto il problema! -
Mi fermai accostando la macchina sul lato della strada, sperando che di lì a poco avrei potuto riprendere la via di casa. Lei prese il cellulare e telefonò; all’inizio non rispose nessuno, e allora riprovò, ma dopo qualche tentativo si arrese.
- Uffa! A quest’ora ormai saranno a letto, o avranno già spento i cellulari… e lì non hanno il telefono fisso. -
- Beh, se è in aperta campagna forse il telefonino non prende… - azzardai.
- No, no: lì prende, ci sono già stata una volta e mi ricordo che prende senza problemi. Vuol dire che sono già andati a dormire… Peccato, non mi ricordavo che stessero in questa zona, altrimenti te l’avrei detto subito di venire qua. -
- Se ti ricordi la strada posso accompagnarti lì… proviamo a suonare, se ci sono ti faranno entrare. - Cominciavo ad essere impaziente.
- Poveretti, magari già dormono… Vabbè, dai, poi mi saprò sdebitare! Solo che sono stata lì solo una volta, non so se riesco a ritrovare la strada giusta… poi al buio! -
- Senti, per me comincia ad essere un po’ tardi… Proviamoci, magari girando qua intorno riesci ad orientarti per bene… -
- Sì, hai ragione, scusa. Andiamo allora… poi quando è l’ora tu vai pure, hai fatto fin troppo, non so davvero come ringraziarti… -
- Sì, l’hai già detto… - risposi. E ripartimmo.

Girammo un po’ per le strade di campagna intorno al paese, ma sempre a vuoto, perché lei non riusciva a ritrovare la strada giusta. Ormai era mezzanotte passata, e io cominciavo a non poterne più…
Lei era un po’ imbarazzata per la situazione, ma in compenso non la smetteva con quel suo atteggiamento provocante, e devo dire, che a forza di vedere quelle cosce accavallate accanto a me, cominciai a sentire un po’ di ormoni in circolo…
Rendendosi conto che stavamo solo perdendo tempo, ad un certo punto mi disse di accostare, e così feci, anche se non capii perché mi avesse fatto fermare proprio nel bel mezzo di una stradina sperduta in mezzo alla campagna.
- È inutile che continuiamo a cercare la strada… evidentemente non me la ricordo proprio! -
- Sì, ma, scusa, perché ci siamo fermati proprio qui? - obiettai.
- Aspetta, fammi pensare solo un attimo… - rispose, tirando giù di colpo lo schienale e stendendosi sul sedile, in una posa che mi lasciò quasi a bocca aperta, da tanto le metteva in risalto il fisico. Fece finta di pensare un po’, ma evidentemente il suo scopo era un altro, e mi ci volle poco a rendermene conto…
E infatti, dopo avermi fissato con uno sguardo un po’ strano, si tirò su e mi chiese, con un tono suadente: - Ehi, ma perché mi guardi così? -
- Così… così come? - balbettai un po’ imbarazzato.
- Dai, non fare il finto tonto: credi che non me ne sia accorta? -
- Guarda che ti sbagli… - replicai. In realtà cominciavo ad essere veramente eccitato, e ormai mi sentivo già il cuore in gola.
- E smetti, l’ho capito cosa vuoi… In fondo è giusto: in qualche modo devo sdebitarmi per quello che hai fatto… -
La situazione mi stava mettendo in imbarazzo, ma lei, senza badarci troppo, mi prese una mano e me la fece mettere sulle sue gambe, in modo che cominciassi a carezzarla in mezzo alle cosce.
Quella mossa stava per farmi cedere completamente, e con la mano mi diressi più in profondità, ma poi ebbi uno scatto d’orgoglio e mi ripresi. Non mi piaceva affatto quel comportamento: c’era qualcosa che non mi convinceva… Ci eravamo quasi persi in mezzo alla campagna, ed ora mi trovavo con una sconosciuta, vestita come una puttana, che cercava di sedurmi.
Tirai indietro la mano: - Senti… non mi va! Scusa, ma è meglio che ti riporti in paese e ti faccia scendere… -
- Dai, non essere timido… l’ho visto durante il viaggio come mi guardavi! Lo so che muori dalla voglia di toccarmi le tette! -
Il mio respiro si era fatto decisamente affannoso… la situazione mi piaceva sempre di meno, ma si sa che in queste occasioni la carne è debole, molto debole: mi prese di nuovo la mano, appoggiandola sul suo seno e cominciando a strusciarla sopra la maglietta, e fu davvero troppo…
Cercai di resistere, ma non ce la feci più: era un seno sodo ed abbondante, uno dei più belli che avessi mai sentito. Allungai anche l’altra mano e cominciai a palparglielo, infilando le dita sotto la maglietta per stringerle i capezzoli, che diventarono quasi subito duri e turgidi.
Lei cominciò ad accarezzarmi la testa, mentre io mi avvicinavo sempre di più. - Ah, bravo, continua così… - disse, emettendo dei gemiti di piacere. - Non ti piacerebbe leccarli? -
Non c’era bisogno che me lo dicesse: le tirai giù la maglietta e mi trovai di fronte a due tette enormi… probabilmente, anzi, sicuramente erano siliconate, ma in quel momento non poteva fregarmene di meno. Cominciai a succhiarle i capezzoli più voluttuosamente che potevo, e nel farlo provai un gusto indescrivibile.
Per un attimo mi tornarono in mente i dubbi che mi avevano frenato all’inizio, e mi chiesi cosa potesse volere da me… ma fu solo un attimo, perché nel frattempo portai le mani più in basso, infilandogliele sotto la minigonna per accarezzarla nelle parti più intime.
Ero in preda ad un’eccitazione quasi furiosa, e anche lei stava facendo in pieno la sua parte: allungò le mani verso i miei pantaloni e cominciò a sbottonarli. Mi sentivo l’uccello duro e ritto come un palo, e lei non ebbe da lavorare molto con le mani. Quando finii di accanirmi con la mia lingua sul suo seno, cominciò lei a lavorare di bocca, e ricordo che fu uno dei pompini più piacevoli della mia vita…

Dopo qualche attimo che mi servì per regolare il respiro e riprendere le energie, sentendomi sempre più eccitato e deciso a completare l’opera, mi indirizzai di nuovo verso la mia partner, le accarezzai le cosce le sollevai la minigonna per farle capire le mie intenzioni…
Lei non perse tempo. - Vuoi scopare? - mi chiese.
Non ebbi neanche bisogno di risponderle… Mi prese la mano e me la fece infilare sotto le mutandine. - Fammi godere! - ordinò.
Cominciai il mio lavoro con le dita, convinto che ben presto le avrei sostituite con qualcos’altro. Lei continuava ad emettere gemiti su gemiti, ed io non prestai molta attenzione alle sue mosse, concentrato nella ricerca del mio piacere. Con l’altra mano le tirai di nuovo giù la maglietta, ed andai a tuffarmi con la testa in mezzo a quelle due bellissime tette.
E fu qui che ebbi la sorpresa…

D’un tratto, non so come, mi ritrovai una pistola puntata al volto. Non so dire che reazione ebbi, ma sicuramente deve essere stata di immenso stupore… rimasi come imbambolato.
- E… e questa cos’è? - balbettai.
- Come, non lo vedi? È una pistola! - rispose sarcastica. - Come si dice in questi casi? “O la borsa o la vita…” oppure “Questa è una rapina!” Eh, sì, caro mio… questa è proprio una rapina! Quindi mani in alto… -
- Ma… ma… - restai per un po’ come inebetito. - Si può sapere cosa vuoi? - le domandai, arrabbiato e incredulo allo stesso tempo.
Quella bastarda si era inventata tutto: la macchina che non partiva, la casa degli amici lì vicino… e quel rapporto sessuale (incompleto) non era altro che una trappola, tesa al momento giusto perché ci cadessi dentro come un fesso… che idiota! Lo sapevo che dovevo fidarmi dei miei istinti: fin dall’inizio non mi era piaciuta, c’era qualcosa in lei che proprio non mi convinceva e invece… mi era bastato cedere alla tentazione di palpare un paio di tette per trovarmi in un bel guaio. E ora?
Cercai di farla ragionare: - Guarda, non so cosa tu pensi di ottenere da me: ho solo pochi soldi in tasca e non ho nient’altro da darti… -
- Non ti preoccupare, per ora mi basteranno… tanto di polli come te sai quanti ne trovo? - La battuta non mi piacque per niente, ma sul pollo purtroppo aveva pienamente ragione. - Continua a tenere le mani in alto, e comincia a scendere di macchina, ma molto lentamente…-
Eh, no! La macchina era troppo: l’avevo comprata solo da pochi mesi, e mi era costata anche parecchi sacrifici… non potevo lasciarmela rubare così!
Cercai di guadagnare tempo: - Senti, almeno dammi un po’ di soddisfazione, sai come siamo fatti noi maschietti… ti è piaciuto il nostro rapporto? -
- Oh, niente di eccezionale, per la verità… comunque le tette sai leccarle bene: guarda, ho i capezzoli ancora turgidi! - E lo disse mentre con la mano libera si stuzzicava i seni.
Attraverso la maglietta vidi che le stavano spuntando due specie di “chiodi”, e la mia eccitazione tornò a salire di colpo: - Senti, prima di lasciarmi qui da solo in mezzo alla campagna, fammele vedere un’ultima volta, ti prego… - le chiesi.
- OK, in fondo un ultimo piacere te lo posso fare… guarda ma non toccare! - rispose, tirandosi giù la maglietta ancora una volta.
Rimasi estasiato a guardargliele per qualche secondo. - Ora basta, lo spettacolo è finito: poche storie e scendi! - mi ordinò.
Non potevo dargliela vinta… Accennai qualche imprecazione di circostanza, del tipo “Brutta stronza, te ne pentirai!” e cominciai a voltarmi molto lentamente per aprire la portiera, abbassando la mano sinistra per trovare la maniglia.
La mano destra era sempre in alto, molto vicina alla sua pistola. Avevo paura di quell’arma, ma dentro di me ebbi un improvviso motto d’istinto: non sarebbe finita così!
Con uno scatto repentino mi voltai verso di lei, e con la destra le tirai un colpo violento sulla mano che reggeva la pistola, che cadde sul sedile posteriore. Lei non ebbe neanche il tempo di reagire: restò sbalordita per un istante a guardare la mano disarmata, senza accorgersi che, ruotandomi, le stavo facendo arrivare addosso il mio sinistro.
Cercai di colpirla più forte che potevo, e dovette essere davvero un pugno tremendo, perché la centrai all’altezza dello stomaco, facendola svenire sul colpo.
Non pensavo di avere un sinistro così potente, ed in effetti restai un attimo a massaggiarmi la mano, che mi faceva un po’ male… La rabbia per quella tentata rapina, evidentemente, doveva avermi scatenato una scarica di adrenalina incredibile.

Beh, lo scopo comunque era raggiunto: la ladra era fuori combattimento, e la mia macchina era salva. Quella maledetta però era sempre lì, svenuta sul sedile del passeggero. Pensai di prenderla di peso e scaricarla dalla macchina, lasciandola lì, e di tornarmene finalmente verso casa… ma non lo feci, perché venni assalito da una gran voglia di vendetta.
Mi girai verso il sedile posteriore, raccattai la pistola e la borsa con i suoi vestiti. Ne presi un po’ e li stappai per farci delle lunghe strisce di stoffa. Cominciai a legarla, prima che riprendesse conoscenza: le strinsi i polsi dietro la schiena e le passai diverse “corde” sulle caviglie, sulle ginocchia e intorno al busto, per assicurarmi che non potesse liberarsi.
L’avevo già impacchettata per bene, quando mi accorsi che stava per risvegliarsi… Non persi tempo: presi un altro pezzo di stoffa, lo appallottolai e glielo ficcai in bocca, e prima che potesse sputarlo, presi un’ultima striscia, piuttosto spessa, e gliela passai intorno alle guance per imbavagliarla, legandola stretta dietro la nuca.
Ormai era fatta: quando riprese definitivamente i sensi e si accorse di essere stata legata e imbavagliata, cominciò a dimenarsi per allentare la stretta delle corde, ma tutto quello che riuscì a combinare fu soltanto emettere dei forti mugolii, che non fecero altro che accrescere la mia eccitazione e la mia voglia di vendetta.
- Maledetta bastarda! Volevi derubarmi, eh? Vedrai che te ne pentirai… - La stavo guardando con una cattiveria inaudita, mentre le mie mani ripresero ad “indagare” sul suo corpo.
I suoi occhi si riempirono di paura, e cominciò a mugolare ancora più intensamente… - Mmmhhh… mmgghfff! - Forse aveva paura che per vendicarmi le avrei fatto subire qualche dolorosa tortura, ma non era questa la mia intenzione.
Per fargliela pagare mi sarebbe stato sufficiente completare l’opera che avevamo lasciato a mezzo un po’ di tempo prima. Lo sapevo che lei non avrebbe gradito, ma trombarla contro il suo volere sarebbe stata la più esemplare delle punizioni.
Ormai era in mano mia, e potevo farle tutto quello che volevo senza che lei potesse opporsi… la sensazione di libidine che provavo era incredibile: le infilai le mani dappertutto, e più lei protestava più mi eccitavo. Cominciai a spogliarla, strappandole via tutti i vestiti che aveva addosso, e quando finì per restare completamente nuda, abusai di lei e del suo corpo in tutti i modi che mi passavano per la mente, dando sfogo a tutte le mie fantasie più represse.
Lei cercò in tutti i modi di ribellarsi, ma ormai era completamente impotente: l’avevo legata molto stretta, e per quanto cercasse di farlo con tutte le forze, le fu assolutamente impossibile liberarsi. Ed ogni suo tentativo di rifiuto, poi, serviva solo ad aumentare il mio furore sessuale…

Quando finii era ormai notte inoltrata. Ero esausto: avevo dato fondo a tutte le mie riserve di energia, e ormai mi sentivo davvero vuoto. Anche lei doveva essere allo stremo delle forze: aveva smesso di mugolare e non tentava più neanche di liberarsi. La presi sulle spalle e la feci scendere dalla macchina. Attorno a noi c’erano soltanto campi seminati. La posai per terra e poi presi la borsa dei suoi vestiti.
- Beh, forse è meglio coprirti un po’… Quando domani ti troveranno e ti libereranno, non sarebbe molto elegante mostrare a tutti le tue grazie! - le dissi, ironicamente.
Mi guardò con uno sguardo carico d’odio, ma la cosa non mi impressionò affatto: stavo per abbandonarla lì, da sola al buio della campagna, esattamente come lei avrebbe fatto con me. Occhio per occhio…
Cercai di rivestirla un po’: lasciarla tutta nuda mi dispiaceva, anche perché non faceva così caldo… Prima di andarmene ebbi la tentazione di palparle ancora un po’ quel seno così bello e sodo, ma mi trattenni: ne avevo già approfittato abbastanza, e un vero signore (!) deve sapere quand’è il momento di dire basta.
- Ciao bella, scusa se ti lascio così, ma sei troppo pericolosa per i miei gusti… Ti auguro di trovare altri polli da spennare, però stai attenta a non fare di nuovo questa fine! -
Prima di andare via portai con me la pistola… lasciargliela sarebbe stato poco opportuno. Le lasciai anche la sua borsa, dopodiché risalii in macchina e partii. L’ultima immagine che vidi fu di lei che cercava ancora di liberarsi, dimenandosi e rotolandosi per terra. Mi affrettai ad andarmene, perché quel pensiero stava rischiando di farmi salire nuovamente l’eccitazione, e stavolta sarebbe stato davvero troppo…

La pistola fece un bel volo, quando mi fermai sul primo ponte lungo la strada. Spero che il fiume fosse abbastanza profondo in quel punto. Poi, se anche per caso l’avessero ritrovata, non penso che ne sarebbe saltato fuori un caso…
Arrivai a casa che ormai era quasi l’alba. Avevo un sonno enorme e non vedevo l’ora di buttarmi nel letto. Poche ore dopo mi aspettava una nuova giornata di lavoro. Ripensai un’ultima volta all’avventura incredibile che avevo appena vissuto: dopo tutto quello che era successo non ero ancora riuscito a sapere il nome della mia compagna di quella notte… “Meglio così,” pensai, “un mistero in più che allieterà il ricordo di questa storia…”
Spensi la luce e caddi in un profondo e meritatissimo sonno.

FINE

Questo racconto di è stato letto 1 5 7 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


racconti di sesso incestoracconti trio bisextradimenti eroticiracconti eoriticimi piace mia cognataracconti erotici depravazioneracconti erotici in palestraracconti.incestoracconti sculacciataracconti porno di incestola zia eroticalettere hard da leggere gratisvicina vogliosaracconti prime esperienzestorie porniracconti di sottomissionestorie poenoracconti rroticiracconto eccitantestorie hot gratiserotico raccontistorie erotiche vissuteracconti erotici di anzianimamma scopa figlio raccontiracconti porno zooracconti erroticiracconti cuckolderoticiraccstorie di tradimenti veriracconti porno per donnepiccole trasgressioni storie di vitaracconti eoricischiavo gay raccontiracconti erotivciracconti wroticiracconti erotici gratuitiracconti sesso con animalipissing itaraccontierotiracconti gratis eroticiracconti gay freeracconti fetish piedistorie porracconti erotici segheerotico raccontistorie eroricheuomo bifallicoerotici racconti tradimentistorie porno sorellaracconto primo pompinostorie sexyracconti erotici verestorie zoofiliaracconti gay piediinculato da mia moglieracconti erooticitacconti milufotostorie erotichemilu raccstorie di erotismosuocera troia raccontimilu raccracconti eroticjbird2012storie lesbracconti erotici.cominculata atroceracconti donne esibizionistestorie porniracconti piediniesibizioniste al ristoranteraconti incestoraccontieroticigaystorie eroticeroticiracconti.itracconti grannyracconti pissingracconto pornograficoracconti dimiluracconti eoritciracconti erotici di casalingheracconti erotici femminiliraccontisessochiavo mia mammaannunci69 racconti gaysesso gay storie