La video chat - 5° capitolo del romanzo “L’amica di Tino Segoni”

Scritto da , il 2020-06-28, genere comici

Cap. 5 - la video chat - 5° capitolo del romanzo “L’amica di Tino Segoni”
Entrarono in una sala più piccola, abbastanza insonorizzata, con delle postazioni pc dotati di tastiera, cuffie per microfono e audio, e cam esterne, collegate con cavo usb: scoprirono che erano postazioni chat:
- “Catronchio sono queste?” chiese con delicatezza il Caata,
- “Postazioni video chat, ignorante” rispose il colto Tino “vuoi vedere come funzionano?”, si avvicinò ad una di esse, inserì un nickname, e mentre gli altri guardavano divertiti Alessia scuoteva la testa ridacchiando,
- “Eccoci collegati, è la chat di ciaoamigos, è quella blu ovviamente… ora vediamo chi ci contatta…”
- “Cuzzarello! Sei un esperto in materia Tino… sei il nostro genio” questa innocente affermazione del Trombaste in realtà lasciava trasparire il fatto che Tino passasse diverse ore a video chattare da quel tipo di piattaforma e un po’ lo fece scoprire, visto che doveva dimostrarsi una chat per segaioli incalliti, ma lui cercò di deviare tale ipotesi:
- “No, l’ho provata una volta per curiosità da una mia amica, poi non ci sono più stato… ecco, mi sembra che si facesse così”, mise l’audio in modo che tutti potessero sentire chi parlava in video e lanciò la propria cam che inquadrò tre di loro con al centro Alessia, ricevette una finestra di contatto e rispose scrivendo:
- “Ciao siamo un gruppo di amici in discoteca, tu chi sei?”
- “Sono Pino da Napoli, ciao a tutti, mettete in voce così parliamo”, Tino alzò il volume e controllò che in sala non ci fosse altra gente, questo lo rassicurò, visto che conosceva bene il tipo di chat,
- “Ciaooo” fece una voce squillante dal pc,
- “Ciaooo” risposero loro allegramente raggruppandosi per mostrarsi in cam, Truzzo e Gualtrucco scoppiarono a ridere come matti commentando quella diavoleria che non avevano mai visto, ma questo non fece altro che rendere il gruppo ancora più unito, Tino provò la trasmissione della loro voce e parlò con Pino:
- “Ciao Pino ci senti?”
- “Seeeeee… vi sent… vi sent allegree Ueiii!”
- “Anche noi ti sentiamo” fece eco Caata,
- “Ueiii vi sent bbene, ma nun strillat, che mi madat in tilt o microfone…Ueiii, ie sono Pino e voi comavvi chiamaaat…? “
- “Ah ah ah! Ciao Pino, io sono Tino”
- “Pino? Cumammè?”
- “No Tino”
- “Aaaah Pino, cumammè…Ciao Pinoccio!” e via con uno scroscio di risate da ambo le parti, i 4 amici del Segoni si addossarono sempre più su Alessia, con la scusa di venire tutti inquadrati dalla cam, così facendo potevano assaporare l’inebriante profumo del suo corpo all’aroma j’adore di Dior,
- “Ecco ci presentiamo, lui è il Caata, lui è Gualtrucco…” ma fu subito interrotto dal simpatico napoletano in linea:
- “ma caa mi fott dei nomm degli uomini, cume si chiama quella bella pucchiacchera che avete nel mezzo a voi?” Alessia non smetteva di ridere e si presentò,
- “Sono Alessia, ciao Pino, come stai?”
- “Alessia… che chitarrina che sei! Ueeeeei! Fatte vedè tutta ‘ntera a Pinetto tuo…” il tipo era una macchietta e insieme allo sbigottimento del Truzzo e del Gualtrucco che non immaginavano potesse esistere una cosa del genere, la situazione li stava facendo sbellicare dalle risate, Tino fece arretrare Alessia per poterla far inquadrare tutta e mostrarla a Pino, poi accese il faretto accanto al pc che aumentava l’illuminazione e la sua splendida figura apparve in video in tutta la sua bellezza,
- “ Oooooh Maròòòò….. Ohh Maròòòò… che sorca! Che fregna, ueiiii! Quanto si bbona! Alè: ma non siete in una discoteeca?”
- “Si certo” fece Alessia che si stava sbellicando,
- “E alloò… sent anche a mosica… e perché nun ballate?”
- “Ma siii certo che balliamo Pino, e balla con noi…ueiiii!” gli fece eco il Trombaste, e cominciò a muoversi moderatamente aspettando che lo facesse anche Alessia, che raccolse l’invito seguita dagli altri,
- “Ualleraaaa! ma cusì sto ‘nzallanut… guarda come se move chilla cecca… ma che gnocc!”
- “Dai Pino, balla anche te, dai alzati e balla con noi” gli fece Alessia ballando a ritmo, sinceramente divertita da tanta stupidaggine,
- Ueiii… Aleeè: ma cume ballebbene, minchiiaaaaa… attenta che te si alza a minigonn… nu vede cume saleeee?” Effettivamente Alessia, presa dall’allegria e dal divertimento non faceva caso a come la minigonna del suo vestitino tendeva a salire, scoprendole le quattro strisce più scure della parte alta delle autoreggenti, ma su quell’osservazione, che Alessia stentava a capire visto lo stretto dialetto napoletano di Pino, lei aumentò lo sculettamento sentendosi entrare i due fili di perle dentro le grandi labbra e nell’ano, per poi aumentare il ritmo del ballo, divertita da come si muoveva quel pagliaccio di Pino, e accorgendosi che un filo le penetrava decisamente dentro le piccole labbra, mentre sul clitoride il gioco si faceva piuttosto serio, ma sull’onda del divertimento non si fermò, visto che pensava di rimettersi seduta dopo poco, e più ballava e ballavano attorno a lei i compari, più Pino si eccitava
- “Ueiiii! Minchia….cume sale… cume sale! Ragà… fatice vedè che mutandina porta sta bella pucchiacca, sta bella sorca….fatice vedèèè…” Alessia sul momento non fu sicura di aver capito, ma quando Tino, sull’onda del gioco le afferrò l’orlo della gonna da dietro e gliela sollevò, ci fu un urlo di meraviglia da parte di tutti, Pino compreso: le perle sui due fili posteriori non iniziavano dall’elastico, ma da metà natiche e ballando in quel modo, esse erano state tutte risucchiate al loro interno, cosìcchè lo spettacolo che si mostrò a tutti fu un culetto perfettamente disegnato e nudo, senza la minima ombra di perizomi o elastici. Tino non poteva sapere: pensava che si palesassero alla vista di tutti delle evidenti mutandine, ma la sorpresa fu devastante. Alessia dette un urletto estremamente sensuale “Nooo… aiutoo!” e nel monitor del pc videro Pino che si stava stantuffando il cazzetto indurito mettendolo in primo piano,
- “Ohhh ma che cazzo fai Pino?” disse il Gualtrucco, ora tutti vedevano l’uccello di Pino con il glande turgido e pronto a schizzare, Tino mise giù la gonna di Alessia, ma Pino eiaculò copiosamente lanciando schizzi sulla sua cam che si opacizzò. I cinque uomini scoppiarono in risate fragorose, eccitati e divertiti, mentre Alessia sorridendo scuoteva la testa come per dire “che scemi!” poi si rimise seduta davanti al pc.
- “Alessia” disse Truzzo “sei stata distruttiva… ma vai sempre a ballare senza mutandine?”
- “Scusa Ale” le disse rispettoso Tino “ma non potevo sapere… credevo…” Alessia eruppe in una risata,
- “Ma cosaaaa? Ah ah ah! Le ho le mutandine, ho messo un perizoma con due file di perle, solo che sul dietro iniziano più in basso e avete avuto solo l’impressione che non avessi niente…ah ah.. ma che scemi!”
La cosa non era facile da immaginare per gente rozza e cafona come loro: come può essere fatto un perizoma, che già risulta strano e osceno di per sé, con fili di perle? Qualcuno si immaginò come una collana di perle che passa a filo doppio al posto dei triangolino posteriore e anteriore delle mutandine. Ma come fa una collana di perle a coprire? E poi… le perle sono piccole e tonde, la passera è una apertura verticale, e se la collana scorre in verticale proprio lì sopra, non è che…? Appena l’idea di qualcosa del genere si affacciò alla mente di qualcuno di loro, non poterono evitare di sentirsi quasi sollevati da terra per l’erezione esplosiva che quell’immaginazioni procurava loro. Due file di perle al posto delle mutande? Pazzesco, pensò Tino, che dovette mettersi a sedere per riflettere e per cercare di calmare l’eccitazione.
Da parte sua Truzzo rimase con gli occhi spalancati fissi su Alessia proprio nel punto in cui queste perle invisibili dovevano passare, Caata e Trombaste si fissarono negli occhi con una tacita intesa: quella ragazza ne sapeva una più del diavolo, non poteva proprio essere la donna giusta per Tino. Gualtrucco aveva delle domande da fare ad Alessia, ma non riusciva a trovare il modo per formularle, anche perché ora il suo pensiero fisso era di scoparsela.
Si misero seduti davanti al pc, mentre le finestre di richiesta di contatto della chat erano diventate un’infinità, dato che la cam continuava a trasmettere. Tino cercò di selezionare qualche contatto, ma poi lasciò che la cam trasmettesse le loro immagini e si posizionò su un utente a caso, che sembrava meno divertente di Pino: continuava a chiedere di inquadrare le cosce della ragazza e Alessia per farlo tacere abbassò la cam sulle sue gambe, risero ancora fragorosamente nell’osservare i tipi assurdi della chat, tra i quali non mancava chi si inquadrava direttamente il cazzo eretto e che Tino si affrettava a eliminare; ora Alessia se ne stava seduta con le gambe unite sullo sgabello e le ginocchia piegate più basse della seduta, mentre il faretto che li illuminava si spense facendoli piombare per qualche attimo nel buio rotto solo dalla luce del monitor del pc, fu in quel momento di oscurità causata dal mancato adattamento dei loro occhi, che Truzzo cominciò a maneggiare un fine pennello da pittura, preso chissà dove. Lo passava sulle cosce di Alessia risalendo dalle ginocchia verso l’alto, le passò sopra le quattro bande scure delle autoreggenti e le arrivò all’orlo della minigonna, in quel punto si fermò un attimo, poi, visto che tutti guardavano il monitor con i vari volti degli utenti tra cui qualche ragazza dalla quale si aspettavano qualche piccolo show, Truzzo, vistosi inosservato, fece salire ancora il pennellino, superò l’elastico delle calze scoprendo la pelle nuda di Alessia, poi si portò più centrale immaginando di andare a toccare con le setole quella fantomatica collanina di perle; la trovò, le vide un filo di perle che scorreva sopra la sua passerina incorniciato dalla grandi lebbra, mentre evidentemente l’altro filo le si era infilato proprio dentro, si fermò perche sentì un forte impulso ad eiaculare, respirò e guardò un attimo il volto di Alessia, che non dava particolari segni di disagio, ma si mordeva il labbro inferiore e aveva lo sguardo fisso sul pc come vuoto.
Tornò a spennellarle la passera che appariva leggermente unta o bagnata quando la luce del pc si faceva più forte, salì su cercando il clitoride e quando credette di averlo trovato cominciò a spennellare più velocemente con tocchi brevi e nervosi. Intanto anche Gualtrucco si accorse del giochino ed osservava interessato la meravigliosa pittura a pennello di Truzzo, un vero artista, pensò: ora la sua passerina si mostrava con quel filo di perle che la attraversava verticalmente mentre l’altro filo emergeva dalla sua figa solo in prossimità del clitoride per andare a fissarsi all’elastico nero che teneva insieme il tutto, Truzzo intanto pennellava sapientemente il suo clitoride e sulle sue grandi labbra si stava formando un leggero strato di umore; mentre Tino non si stava accorgendo di nulla, Alessia dette improvvisamente un gemito sospetto, fu allora che il Segoni abbassò lo sguardo e vide quello spettacolo per lui insopportabile. Strappò con violenza il pennello dalla mano di Truzzo e sbottò seccato:
- “Che cazzo fai? Ora basta… che cazzo stai facendo?” gli altri cercarono di calmarlo perchè quasi si stava per avventare addosso a Tino e anche Alessia le disse di non esagerare, che era tutto sotto controllo, ma in quel breve scatto qualcosa uscì dalla sua tasca e cadde per terra, non se ne accorse. La scatolina di preservativi fu prontamente raccolta da Trombaste che se la mise in tasca. Poi si calmarono e ripresero a ridere, fu Alessia che sdrammatizzò la situazione rivolgendosi a Truzzo:
- “Insomma volevi proprio vedere come è fatto un perizoma a fili di perle, eh?” Truzzo la fissò negli occhi e con calma avvicinando la sua bocca alle sue orecchie le rispose:
- “Si non li avevo mai visti, è veramente molto carino, un vero gioiello su una bellezza come te!... e ora mi piacerebbe tanto infilarci il cazzo”
A quel punto si alzarono e dopo aver ordinato un mohito per tutti tornarono ai loro divanetti nella sala dove si ballava eccetto il Caata che andò a pisciare.

Questo racconto di è stato letto 5 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


racconti reali sessoracconti inceatostorie ornoracconti potnoscopate da caniracconti intrigantiracconti erotici fumettiracconti naturistierotici racconti eroticiracconti erotici sui piediracconti erotici nonno e nipoteraccontieroticstorie pornograficheeroticraccontiincesto tra zia e nipoteracconti incesticornuti consapevolistorue pornoraccontihotdominazione raccontiracconti erotici pulpraccontisessoporno racconti bisexcugina porcellinaracconti eroticracconti porno nonnaracconti schiavo gayracconti erotici suocereracvonti eroticirotici raccontiracconti di coppieracconti porno incestuosiracconi pornoracconti reoticicoppie raccontiracconti erotici suocera e generoerotici raccontoannunci incestiracconti incesto madrestorie di sesso 69racconti di mariti guardonisuocera troia raccontistorie zoofiliaracconti potnovecchi gay porcistorie69racconti eoricistorie di sesso gaybisex raccontiracconti erotici gay papàracconti ziaprimo anale raccontiraacconti eroticistorie sesso incestoho scopato mia nipoteracconti erotici transincesti zieragazza scopa con caneracconti hard gratisracconti eri generi dei racconti eroticirac eroti racconti di mili piedi di mia cognataracconti piccanti gratisracconti xxraccontiporacconri eroticiracconti erotici topless69 raccontistorie feticistefilm porno storie vereracconti erotici stuproracconti ponovu cumpra pornoracconto erotracconti incestuosi veri