Come un hentai-Keiko

Scritto da , il 2020-06-28, genere pulp

II- Keiko

Almeno sono stati gentili. Mi hanno lasciata sulla soglia di casa. Mi hanno ripulito e dato il bacio della buona notte.
Figli di puttana, avessi potuto, li avrei fatti a pezzi con le mie mani. E invece no, per il bene della missione, dovevo essere passiva e subire le loro angherie. “Il battesimo del fuoco” aveva detto il capo “Quella per cui ti abbiamo creata”
“Non sono una fottuta bambola gonfiabile”
“Il tuo scopo è questo. Essere in grado di sopportare ogni genere di violenza fisica e mentale. Il tuo corpo è stato potenziato geneticamente. Hai dei generatori di naniti all’interno del tuo corpo che sono in grado di riparare e proteggere il tuo corpo”
Già, proteggere. MA il male si sente lo stesso. Per non parlare dell’onta subita dallo stupro multiplo che ho dovuto sopportare.
Entro in casa e avverto la sua presenza ancor prima di accendere la luce “Pensavo rimanessi più a lungo” commenta lui
“Volevo insistere a farmi rimanere e farmi inculare ancora un po’ ma, sai.. il tempo è tiranno”
Se ne sta seduto al buio, quasi immobile, nella penombra della luce che proviene da fuori. Sta fumando una sigaretta che non emette fumo “Hai rivelato dove hai messo la chiave?”
“Secondo te?”
Lo sento sbuffare “Stai bene?”
Sbuffo io “Secondo te”
Incomincio a spogliarmi davanti a lui. Non mi preoccupo che mi veda nuda. Mi ha visto parecchie volte senza vestiti. Quando ero in laboratorio a farmi rivoltare come una fottuta cavia. “Sei stata creata per questo”
“Creata…” rabbia e frustrazione “Creata per essere stuprata” infilo le dita nella fica, spingo a fondo, raggiungo la zona del mio piacere interno. Che, in me, ha una doppia funzione. Essendo un ibrido artificiale, sono in grado di nascondere oggetti all’interno del mio corpo, fino ad una dimensione di 15 centimetri.
Estraggo subito, afferrandola tra indice e pollice, mostrandola a lui, unta di sperma e vari umori, c’è una chiavetta USB “Eccola qui, gli idioti erano così vicini, che la toccavano” sorrido “E ora?”
“Ora nulla. Test finito”
“Test?”
“Sì, test”
Rimango lì, con USB ancora sollevata in aria e una vaga consapevolezza che si tramuta in certezza “Non era un vero rapimento?”
“No”
“Figlio di puttana” sibilo “Mi hai fatto seviziare e stuprare solo per un cazzo di test?”
“Dovevo appurare il tuo grado di sopportazione in certi casi di forte stress”
Ho voglia di piantargli il calcagno diritto in faccia e fargli rientrare gli occhiali nel cervello “Fanculo”
“Sei stata progettata..”
SBAMM! Il calcagno lo coglie di sorpresa e gli frantumo gli occhiali ma, non rientrano nel suo cervello, per sua fortuna “La mia fica sfondata!” gli urlo contro “Mi hai fatto credere che qui dentro ci fossero cose importanti e tu, mi fai sequestrare dai tuoi amichetti e mi fai sfondare in ogni luogo? Chi sono i tre idioti? Jules, Caros, Melkan?”
Ikaru si tampona il naso ma non sembra arrabbiato, o spaventato. Sempre quell’aria da menefreghista. Si alza dalla poltrona, afferra la USB e se la mette nel taschino della sua camicia “Ti piaccia o no, hai dimostrato di essere una brava agente, disposta a farsi torturare pur di rivelare le tue fonti” si allontana
“Quindi? Test finito?”
“Per ora” apre la porta ed esce di casa, lasciandomi sola, nuda, sconcertata e sgonfia. Come una bambola gonfiabile rotta

“Non l’ha presa bene” commenta Agente 1 osservando il dottor Ikaru
“Poco male. Il test ha funzionato. Ora sappiamo che la sua mente non si spezza facilmente alle pressioni esterne”
“Adesso che si fa?”
“Procediamo con la Fase 2”
“Noi ne restiamo fuori?”
“Meglio. La Fase 2 richiede lo sblocco delle sua armi interne. E’ meglio che siano altri a rischiare”
“Ha in mente chi?”
“Ho un paio di nomi che potrebbero fare al caso nostro. Merce sacrificabili”

Toshio è il mio ragazzo. Oh, per meglio dire, un mio caro amico che si presta ogni volta che ho delle voglie da soddisfare. Ha 19 anni, la classica aria da bravo ragazzo dall’aria pulita e innocente, timido.
Quando lo chiamo, lui arriva quasi di corsa, nell’arco di dieci minuti. Abita a poche centinaia di metri da casa mia. Ha una chiave doppione. Non ha bisogno di suonare o bussare. Lui arriva, infila la chiave nella toppa, entra e chiude. Poi si fa sentire con un “Keiko?”
Come quella mattina. Sono le 7.00 di mattina. Mi sono fatta una doccia e ora sono in cucina a prepararmi dei pan cake. Indosso l’accappatoio ma non è legato in vita. Così lascio vedere il mio corpo nudo al disotto. “Sei mattiniera” sorride lui “Che buon profumo”
“Mio o dei pancake?”
“Ho una fantasia perversa” dice lui avvicinandosi a me e baciandomi “Mangiare un pancake sulla tua fica e leccare lo sciroppo d’acero sulle tue grandi labbra”
“Lo sciroppo d’acero appiccica troppo. Va bene lo stesso il cioccolato bianco?”
Lui sorride trasognato “Sì”
“Allora spogliati e serviti” afferro il pancake, mi sdraio sul divano, schiena appoggiata al bracciolo, pancake sulla fica, cioccolato bianco abbondante su di esso e sulle cosce, e sulla pancia
Lui arriva, già tonico, con il cazzo snudato e pronto all’uso. Toshio non ha una gran fisico. Magro, pochi muscoli, pelle chiara. Ma la sua attrezzatura è..da lasciare senza fiato
Lui arriva e affonda la faccia nella fica pancake. La divora con tale foga che sembra voler divorare anche la mia fica. Beve avidamente la cioccolata bianca mista a sperma. “Aspetta” gli dico ansando
Vibra dalla voglia di entrarmi dentro. Il cazzo è così turgido che sembra dovergli esplodere da un momento all’altro. “Faccio presto”
Sono in bagno, mi lavo velocemente le briciole e i resti del pancake. Cinque minuti netti. Devo rifarmi da una notte di sevizie. Corro in salotto pronta a farmi possedere come si comanda.
Mi blocco, la libido in rapida discesa. Uomini incappucciati nel mio salotto, con la pistola puntata alla tempia di Toshio “No, no e ancora no. Basta!” urlo isterica “Dite ad Ikaru che ne ho basta di fare da cavia stupra cazzi per..”
BANG! Il proiettile mi scava la pelle sul fianco. Pelle strappata, muscoli tagliati, sangue che sprizza. Uno degli incappucciati, colpisce alla tempia il povero Toshio, facendolo cadere sul divano
“Non è un gioco” sibila quello che mi ha sparato “E non so chi sia questo Ikaru. MA, ti diciamo una cosa. Qualcuno ci paga profumatamente per farti del male” mi indica la ferita “Comportati bene ed eviteremo altre ferite, magari più profonde” poi, girato al suo compare “Lega il ragazzino. Lo portiamo con noi”
“Non potete. Lui non è come me..” il secondo proiettile mi sibila a pochi centimetri dalla testa e si conficca nello stipite della porta
“Ora alzati. Lentamente” obbedisco. Mani in alto “Girati e mani dietro la schiena” eseguo. Qualcosa di freddo e sottile mi stringe i polsi fino quasi a segarmi la pelle. Poi un cappuccio nero cala sulla mia testa “Sarà un vero piacere, farti del male” ride

“Keiko, che succede?” mugugna Toshio “Chi sono questi uomini?”
“Gente morta. Ancora non lo sanno ma, sono morti che camminano”
“Chi è Ikaru?”
Siamo distesi sul fondo di un portabagagli. L’auto sobbalza troppo. Siamo uno sterrato diretti chissà dove. Ho attivato i miei sensi di ragno(ho sempre desiderato dirlo) e ho captato una serie di rumori che mi hanno fatto mappare una vaga direzione su dove possiamo andare. Passaggio a livello, clacson, muggiti. Possibile che questo non sia un test di Ikaru? Siamo stati rapiti da gente vera? E cosa vogliono da me?

Ci fermiamo finalmente. Mani brusche ci afferrano e ci trascinano fuori dall’auto. Non oppongo resistenza, ma cerco di capire dove ci troviamo. Passa poco. Mi ritrovo incatenata a dei pali . Le braccia tese, quasi crocifissa, i piedi che sfiorano il terreno. Di Toshio nessuna traccia “Dov’è Toshio?” Un colpo di vischio sulle gambe, mi fa lacrimare gli occhi “Silenzio, puttana”
Mi giro verso di lui e lo guardo nella maniera più cattiva che posso. Avessi la vista di Superman, sarebbe già cenere. Beh, se esco viva da questa situazione, posso sempre fare richiesta di farmi inserire l’optional. Servirà carta bollata?
Siamo in un fienile e ci sono tre uomini, simili a quelli che mi avevano rapita in precedenza, ma più grossi e con lo sguardo più cattivo. Un quarto uomo è seduto in disparte, l’unico non vestito come un ninja, in completo bianco, elegante, un garofano all’occhiello e la maschera di Oni sul volto “Dunque” una voce così bassa da stentare a sentirla “Tu sei Keiko Noshimura”
“E tu chi sei? Carnevale è passato da un pezzo” altra frustata sulle cosce. L’uomo con la maschera da Oni alza una mano e fa cenno all’uomo con la vischia di fermarsi
“Sei una ragazza molto carina. Troverei subito dei clienti per usarti come bambola da monta” ride “Giovane, piena nei punti giusti e, quella tua fichetta stretta” aspira profondamente con il naso “Sento la tua verginità fin da qui. Tu e il tuo ragazzo stavate per farlo, vero? Che peccato. Perderai la verginità con uno di questi bruti”
“E’ questo che vuoi? Mi hai rapito per farmi violentare da questi scimmioni? Ti ha mandato Ikaru?”
“Non conosco questo Ikaru. MA qualcuno mi ha pagato affinché ti rapissi e ti torturassi a mio piacimento” i gorilla arrivano con cavi la cui punta, una ventosa, mi vengono applicate sul corpo. Sui capezzoli, sull’ombelico, sui glutei. Due fili senza ventose, mi vengono applicate nel culo e nella fica. Non ci voleva un genio per capire che mi avrebbero elettrizzato ancora.
Non c’è avvertimento. Nell’attimo stesso in cui hanno applicato l’ultimo elettrodotto, la scarica è partita. In ogni punta applicata. Dolore fuori dentro. Tre secondi. Pausa di sei, poi riparte un’altra scossa. Andiamo avanti così per dieci minuti. Nessuno fa domande. Nessuno chiede. E incomincio a pensare che, la loro intenzione primaria è torturarmi fino allo sfinimento.
Dolore fuori. Dolore dentro. Il cervello minaccia di esplodermi. Sento dolore in punti che non pensavo nemmeno di avere.
Quando smettono con l’elettricità, incominciano con le frustate. Il mio corpo è un livido ma sono in grado di recuperare in fretta le ferite che mi infliggono.
Altra scarica, solo nella fica. Questa volta più violenta, più allungata. Il dolore mi trapassa il cervello e mette in agitazione i miei naniti. Ho la fica che fuma e non solo per l’effetto della scarica elettrica.
Forse è il caso di non rimanere più passiva e attivare quello per cui mi hanno creato. Arriva un tizio con un secchio pieno di qualcosa di vivo, che emette piccole scariche elettriche. Il mio torturatore indossa dei guanti di gomma ed estrae dal secchio..delle anguille. Ma non sono anguille normali: sono colorate con scaglie blu, hanno denti acuminati ed emettono scariche elettriche “Cazzo”
Il torturato emette una risata sadica “Adesso ci divertiamo”

Avete presente come sono fatti gli hentai. Situazioni erotiche, spesso pornografiche, che vedono protagoniste fanciulle disinibite, che finiscono sempre vittime di maniaci depravati che, puntualmente le denudano o le spogliano? Maniaci sessuali, colleghi sul lavoro, studenti del liceo. Alcune sono maiale loro stesse e cercano cazzi come segugi la selvaggina.
E poi ci sono quelli misti, dove arrivano demoni lussuriosi o alieni tentacolari e, infilano i loro viscidi tentacolo in ogni orifizio alla malcapitata di turno?
Ecco, è così che mi sento in quel momento, con il tizio che regge quell’aborto di anguilla, mentre l’avvicina alla mia stretta fichetta.
Vedo i denti della creatura che si aprono, che mordono l’aria fameliche. E il sadico torturatore che ride “Questo farà male” dice
Col cazzo. Attivo i miei protocolli di difesa. Adesso vediamo chi si fa male.

Questo racconto di è stato letto 8 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


sesso triole tette di mia cuginapompini raccontiracconti sex gratisvicine di casa troieannunci69 tradimentiracconti incesstorie vere incestiracconti puttanaracconti erotici gratuitiquella porca di mia ziaraqcconti eroticistori eroticheracconti addio al nubilatoraccontierticicuckold confessioniracconti di milporno racconti incestuositacconti miluracconti di donne infedeliracconti di sesso con la nonnaracconti porno con canistorue pornoracconti erotivciracconti erotici scatracconyi pornostorie erotichezia chiavataracconti hard lesbosesso zoofiliaracconti erotic iracconti erotici mracc hardracconti guzzonho scopato mia ziawww.eroticiracconti.itstorie vere sexi racconti di miliracconti pornostarfoto racconti pornoracconti erotici footjobesperienza safficafoto storie pornouomini che leccano i piedi alle donneracconti pissracconti erotici napoliraccomti eroticistorie erotiminidotatoincesto con cuginaracconti safforacconti di pornostarracconti rroticiracconti porno annunci 69raccontu eroticiracconti erotici scambioho chiavato mia sorellaeracconti eroticiracconti zia troiaracconti erotici con animalistorie pornowww.racconti-erotici.iterotici raccontscopata in viaggio di nozzeracconti erotici mamma e figliosuocere scopate dai generiveri racconti incestoannunci69raccontiracconti erotici di milfracconti di incesti realiracconti erotici annuncio69mio nonno mi scopastorie orgeracconti porno gay incestorqcconti eroticiracconti erotticiracxonti eroticiracconti cuckold realitesti eccitantistorie erorichesuocera nudistaracconti sauna gayracconti fantasy eroticiraccontineroticitradimenti raccontiiomiluraccontieroticaraccontiracconti porno con animaliracconti efoticistorie sesso estremoracconti erotici spanking