Ivona

Scritto da , il 2020-06-27, genere etero

Di fatto quella mattina, alla partenza di mia moglie per un impegno improvviso, mi trovai nella nostra casa in montagna con una quasi sconosciuta ragazzotta bionda tipicamente slava, bionda, occhi azzurri, gambe lunghe, nel complesso piuttosto carina, sicuramente una svista di mia moglie che in genere sceglieva le baby sitter piuttosto “inavvicinabili”
Ivona era con noi da diversi mesi ma per me una sorta di presenza ignota, dato che normalmente quando tornavo dal lavoro era a mettere a letto mio figlio e durante i fine settimana lei era libera e con mia moglie ci godevamo con grande piacere e dedizione il pupo che cresceva

Vista la bella giornata ho caricato il mio ragazzo sullo zaino e insieme a Ivona che, si era attrezzata con le vettovaglie necessarie, siamo partiti per una breve passeggiata con l’intento di arrivare ad un rifugio poco distante, meta delle coppie con bimbi piccoli.
La salita abbastanza impegnativa ci ha portato a destinazione un po’ accaldati e strada facendo la mia inaspettata compagna si è via via sbottonata la camicetta mostrando alla fine con generosità una bella porzione dei suoi seni, gioia di mio figlio e francamente ….anche del babbo
- Mi scusi ma sono abituata a climi ben più freddi e mi devo ancora ambientare allo splendido clima italiano, mi fa senza alcuna malizia apparente.
Ci siamo mescolati ai gitanti come una coppia normale con un figlio piccolo e lei mi sembrava giocasse un po’ sulla situazione comportandosi verso di me in modo insolitamente amichevole, quasi affettuoso.
Devo dire che sono un uomo poco incline alle avventure e molto innamorato di mia moglie, quindi non davo peso alla situazione che poteva crearsi
La mattinata passa tranquilla e ci incamminammo sulla via del rientro per la pennichella pomeridiana del bimbo; il passo è svelto facilitato dalla discesa e il peso sulle mie spalle è lieve per il piacere di stare con mio figlio. Ad un tratto, quasi arrivati alla macchina, un grido e il rumore di un ruzzolone alle mie spalle. Ivona è scivolata su un sasso sconnesso ed e seduta per terra con una smorfia di dolore…
- Ti sei fatta male ?- le chiedo chinandomi per aiutarla ma noto le lacrime salirle agli occhi e le mani che corrono alla caviglia… - si ! temo di aver preso una storta..
a quel punto mi tolgo lo zaino con dentro il pupo che si era già un po’ addormentato nel tragitto e le prendo la caviglia tra le mani. Le slaccio la scarpa, le levo il calzino e compare un piccolo piede delizioso, ben curato con le dita piccole regolari magro e arcuato sorretto da una caviglia fine e nervosa…. Il mio archetipo! Con disinvoltura le tocco delicatamente la caviglia che però stava già gonfiandosi…- accidenti, un bel pasticcio .. temo che ti si gonfierà un po’ - dico cominciando a massaggiare quello spettacolo con grande delicatezza… Lei si asciuga la lacrima e mi guarda con apprensione, apprezzando quello che riteneva il mio tentativo di lenirne il dolore ma che invece mi stava facendo venire un’erezione nei pantaloni…
Mi sono un po’ sorpreso perché mi piacciono i piedi femminili ma non era quella l’occasione di flirtare con una fanciulla in difficoltà !! comunque dovevo essermi decisamente rimbecillito perché non si massaggia una caviglia con una sorta… ma in quel momento mi sono dovuto dominare per non portare quella meraviglia alla bocca e riempirla di baci..
Ok, non si poteva comunque rimanere lì e rimessomi lo zaino col bimbo addormentato abbiamo continuato le poche centinaia di metri rimasti con lei appoggiata al mio braccio per pesare il meno possibile sulla caviglia infortunata…
Caricata lei sdraiata nel sedile di dietro col mio ragazzo nel suo seggiolino in breve siamo arrivati a casa. Primo viaggio a mettere il bimbo nella sua culla e di nuovo a prendere Ivona per fare lo stradello fino alla casa e le due rampe di scale fino alla sua camera.
Come fare? Dopo qualche maldestro tentativo di camminare, la soluzione di prenderla in braccio per portarla più agevolmente è stata l’errore forse fatale. Ivona a metà della prima rampa si è impossessata della mia bocca e ha cominciato a baciarmi con passione senza che potessi fare nulla per difendermi – il mio maritino mi porta in braccio in casa come si fa con le novelle spose !!! e poi mi cura la mia caviglia e accarezza i miei piedini dolci e belli…
Io ero trasecolato indeciso se deriderla o accettare la situazione ed approfittarne, in fondo mi si apriva uno scenario molto interessante.
Nelle due rampe di scale si è strusciata su di me col suo seno di cui sentivo i capezzoli duri, appuntiti, e mi baciava appassionata.. sapete come si dice .. l’uomo non è di ferro, e arrivati nella sua stanza l’ho appoggiata sul letto ma non mi sono sciolto dal suo abbraccio ..anzi, con le mani finalmente libere le ho sbottonato la camicetta, ho spostato il reggiseno e ho liberato due splendide bocce con i capezzoli duri e svettanti a cui mi sono attaccato succhiandoli e mordicchiandoli con foga.
Lei mi ha accolto come se non aspettasse altro, si è liberata della camicetta e del reggiseno facilitandomi l’accesso alle sue rotondità, poi si è slacciata i pantaloni da trekking ha cominciato ad armeggiare con i miei bottoni e la mia cintura…
Sempre più eccitato mi sono alzato, mi sono liberato dei vestiti mentre lei si slacciava lo scarponcello rimasto e scalciava via i pantaloni. Mi sono fermato a guardarla e ho goduto della vista di un giovane donna con un espressione di lussuria negli occhi..- vieni maritino mio, vieni fai godere la tua mogliettina, accarezzami tutta, esplorami in ogni buchetto fammi tua e sarò la tua puttanella personale – allungando le braccia persa nella sua fantasia. Mi sono avvicinato con il cazzo ritto che ormai condizionava completamente i miei comportamenti, lei lo ha preso con entrambi le mani e se lo è portato alla bocca cominciando a leccarlo e baciarlo con trasporto facendomi gorgogliare di piacere, poi lo ha infilato in bocca e ha tirato verso di se con le mani sui miei glutei facendosi penetrare fino alla gola, raggiungendo col suo naso il mio ventre…diamine, lo ha inghiottito tutto e non lo avevo mai visto fare – cazzo puttanella me lo stai mangiando tutto …
-vedevo la mia cappella allargarle il collo e tornare indietro e poi di nuovo affondare fino alle palle… uno spettacolo arrapantissimo e mai nemmeno immaginato!! ma non volevo venire subito e mi sono allontanato da quel bacio osceno, cominciando ad accarezzarle a mia volta seni, fica, grandi labbra, clitoride, baciandone i punti più segreti arrivando con la mia lingua a stuzzicare l’entrata di una fica rorida quasi implume e profumata, per poi continuare a scendere fino ai suoi piedini che mi avevano già fatto inorgoglire il cazzo nei pantaloni.
- siii maritino mio bacia i piedini della tua mogliettina, lecca i miei ditini succhiali e mordicchiali… Non avevo certo bisogno di incitamento e mi dedicai alle sue estremità arrivando a mettermene in bocca fino quasi alla caviglia sentendo i suoi ditini stuzzicarmi il palato, una sensazione che quasi mi faceva venire spontaneamente, quel profumo leggero che emanavano dopo la passeggiata era per me un potente afrodisiaco . Risalii lungo le sue caviglie, lungo i polpacci, l’interno delle cosce sode e fresche fino a ritornare a baciarle e mordicchiarle la fica e le labbra tutto intorno…
Lei stava sospirando sempre più affannosamente e sentendo che il primo orgasmo si avvicinava ho cominciato a titillarle il buchino del suo giovane culo serrato come se nessuno l’avesse mai penetrato, viceversa lei si spinse all’indietro praticamente sodomizzandosi da sola col mio dito…e finalmente un orgasmo prepotente le salì alla gola ed io dovetti soffocarlo con un bacio per non svegliare tutto il vicinato…
A quel punto il mio cazzo era a tu per tu con la sua bollente entrata e non potei fare altro che avvicinarmi alla sua fonte e abboccarlo. Come lei mi sentì al suo ingresso mi circondò con le sue lunghe gambe e mi affondò dentro di sé, così, di un colpo, che le fece mancare il fiato ma che mi dette accesso fino in fondo al suo utero in un'unica mossa. Uno scrigno di delizia caldo e accogliente come poche volte mi era successo – dai maritino mio dai ! fai ancora contenta la tua mogliettina che poi farò tutto quello che vorrai !!
Cominciai come nelle più classiche scopate con movimenti profondi e lenti per farmi spazio dentro di lei per poi finire in un crescendo parossistico fino a che siamo venuti insieme e ho fatto appena a tempo al levarmi dalla sua delizia e schizzarle tutto il pancino con la mia sborra calda e abbondante
Lei inaspettatamente passò la mano sulla mia venuta e la portò alla bocca succhiandola con avidità – buona, buona, finalmente ! non sai da quanto aspetto questo momento e come sono contenta di essere riuscito ad averti dentro di me ! ti desideravo da tanto e non hai deluso nessuna delle mie aspettative ! ho anche scoperto che ti piacciono i miei piedini che sono tutti per te tutte le volte che vorrai !!
E ridendo me li ha messi sul viso, cercando di forzare con le punte la mia bocca, solleticandomi con le dita, spingendo col suo adorabile tallone sulle mie labbra, infilando il suo pollicino dietro il mio orecchio..- ho un idea, aspettami - e si è alzata di scatto per andare al suo armadio.
Nuda bruca con la freschezza dei suoi 25 anni anche zoppicante era uno spettacolo che avrebbe reso felice un’asceta zen…nascosta dietro l’anta e la sento trafficare con i cassetti; - taddadà ! ti piaccio ? con un evidente sforzo di volontà si era messa dei sandalini con un tacco a spillo di almeno 10 cm che facevano risaltare le sue gambe lunghe e soprattutto i suoi adorabili piedini con le piccole unghie laccate di un rosso pallido terribilmente sexy che facevano capolino tra le cinghiette delle scarpe..
Mi alzo per aiutarla e lei mi si è avvinghiata al collo con le braccia, con le gambe intorno al mio corpo e la sua fichetta a strusciare al mio cazzo che era prontamente svettato di nuovo sull’attenti alla vista di cotanto sforzo per farmi piacere …non oso pensare quanto potesse farle male la caviglia nella posizione forzata dai tacchi.
Tanto per non deluderla/mi rientro nel caldo antro quel tanto che basta per tornare sul letto e adagiarla a pancia in su, bellissima nella sua espressione furbetta e arrapata; avete presente di quale espressione intendo….quando le donne ti guardano in quel modo che sai che se finisci nelle loro grinfie ti ci vuole un avvocato di grido per riaverlo indietro.
Mi scaccia indietro inaspettatamente ma poi mi prende il cazzo tra i piedi e comincia a giocarci stuzzicandolo, vezzeggiandolo, manipolandolo ( pedipolandomelo ? ) tra tacchi e suole, via via più energicamente, poi di nuovo dolcemente sempre con quell’espressione persa così arrapante, fino a farmi venire ancora copiosamente sulle sue deliziose estremità imbrattando anche i sandaletti..- leccami porcellino, pulisci il pasticcio che hai combinato ..!
Decisamente fuori di testa riprendo quelle delizie tra le mie labbra slinguazzando qua e là succhiandole il pollicione come se fosse una caramella, lasciandomi andare anche a qualche leccata di tacco e cinghiette varie, risalendo lungo le caviglie e poi di novo a ciucciarle le piccole dita tra la suola e il laccetto, guardandola negli occhi ricevendo in cambio umide carezze al mio cazzo balzotto che comunque non ne voleva sapere di abbassare la testa !
Decisamente questa ragazza riusciva a farmi dare il meglio di me ! La prendo per le caviglie e la strattono verso il bordo del letto strappandole un gridolino di dolore, le tiro su le gambe e mi immergo nuovamente in quella delizia umida e gocciolante di piacere.
Pochi colpi e poi le si gira a pecorina e mi sculetta davanti – dai tesoro mio prendimi ancora più profondamente e dai dei bei sculaccioni alla tua mogliettina porcellina…
Non me lo faccio ripetere e affondo deciso dentro di lei strappandole un gridolino di piacere e ricomincio a pistonarla energicamente con un cazzo tornato durissimo alternando sculaccioni sulle sue spettacolari natiche sode. – ahi ahi ahio si cosiiii si si, sculaccia la tua putanella porcella che ti succhia fuori tutta la tua sborra calda … dai dai più forte ..!
Il suo culo stava diventando sempre più rosso e lei continuava a incitarmi; la cosa andava ben per le lunghe essendo già venuto due volte e lei imperterrita continuava a godere, orgasmo dopo orgasmo.
Con una mano le ho allargato le natiche mettendo in mostra il suo buco grinzoso, chiuso, serrato e impiaccistrato dei nostri umori che imbrattavano ormai ogni piega della sua femminilità. Con un dito ho cominciato di nuovo a forzarlo, infilandolo piano piano mentre lei si agitava ancora di più sospirando e gemendo soddisfatta – brutto porcellino mi vuoi anche allargare il buchetto scuro, non ti accontenti di strofinami la mia fica vogliosa … si si dai allargalo per il tuo cazzo, lo voglio sentire tutto nel mio culo ..
Detto fatto lo estraggo dalla sua fica e lo abbocco alla sua rosellina spingendo piano per non farle male ma lei, sorprendendomi ancora una volta, ha cominciato a spingersi indietro, inculandosi praticamente da sola, con una fluida movenza, stappandosi un grido di dolore…- si si si si, dai inculala tua mogliettina, allagale il buco del culo a quella zoccola, fammelo diventare una caverna che lo possa accogliere in ogni momento in modo degno !!!
Attaccatomi alle sue tette penzoloni ho cominciato ad andare dentro e fuori sempre più velocemente fimo a che non siamo venuti insieme grugnendo un ultimo grido di piacere.
Poi sono crollato sul letto sfinito dalla giornata impegnativa.. ( continua ?)

Questo racconto di è stato letto 2 2 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconto miluracconti eeroticiracconti sesso estremostorie sesso gratisraconto pornozoofilpompino racconti eroticimilu racconti eroticiinculato da un cavalloracconti 69 gaywww.eroticiraccontiracconto gayracconti.pornoraccinti pornogeneri di racconti eroticiracconti erotici enemastorie pronogeneri eroticiraccontipostorie hot gratisinculata atroceeroticiracontiracconti smracconti di guardoniracconti sesso amatorialiracconti/eroticixxx racconti pornola mia ex mi fa un pompinoracconti fetish piediracconti erotici guzzoni racconti eroticiraccobti eroticiracconti erotici con vecchistorie erotic esi fa inculare dal cavalloero raccporno gay tra cuginiracconti vecchie troieracconti erotici camionistiracconti erotici in barcaracconto incestuosoracconti eroticescort raccontiracconti erotici collantstore pornovisita ginecologica eroticaracconti slaveracconti verginefiga brodosaracconti trasgressioniracconti animal sexracconti erotici freeracconti gay spogliatoioerotici rccontiincrstiracconti erotici guzzonstorie poenosito racconti eroticii generi di racconti eroticiracconti erotici a scuolala zia racconti eroticiracconti erotici.itstorie erotiche realimilù raccracconti sesso con animaliracconti di veri incestiraccontierticiprima esperienza bisexraccontiporsesso incestsodomia raccontiinculo mia cognatafoto racconti pornoracconti porno piccantistorie erotivhestoriw pornoi generi di racconti inceatoraccontizoofiliaracconti reali di incestistorie gigantessescopare con il caneracconti erotichestorie pornoracconti erotici club priveracconti dominazione lesboracconi pornoraccnti pornoracconti eorticicugina troia