I preparativi - 3° capitolo del romanzo “L’amica di Tino Segoni”

Scritto da , il 2020-06-26, genere comici

Cap. 3 - I preparativi - 3° capitolo del romanzo “L’amica di Tino Segoni”

Passò il giovedi, passò il venerdi e venne il sabato.
Sabato pomeriggio al circolo, si tenne un circolconsulto: sedevano al tavolo del tresette Il Truzzo dalla voce gracchiante, il Gualtrucco grande puttaniere, Gaspare detto Trombaste perche raccontava sempre delle sue grandi trombate nell’europa dell’est e poi non si sa se ha più trombato e Ubaldo spalla di Gualtrucco nei puttan tour detto anche Caata.
- “Compari, da quanto ci ha detto il nostro amico Tino Segoni, stasera lui si porta in discoteca quella grande passera di Alessia che noi abbiamo soprannominato “strafiga caapooo” (caca poco in toscano) perché a malapena ci saluta e si da sempre un sacco di arie, manco fosse la regina di stocazzo”
- “Vero, vero… ma Tino è un amico e dobbiamo portarle rispetto, perché se è diventata la sua fidanzata passerà dei momenti duri visto che se la vogliono trombà tutti, il Ronni è uscito di cervello di gelosia perche lo vedeva scritto anco su muri Alessia sei troppo bona e noi ti si tromba”
- “Quella scritta è opera di un vigliacco di merda, perché, anche se quella gnocca sta sulle palle a tanti, è pur sempre una ragazza che non ha mai fatto niente di male, e non si merita di vedersi sbeffeggiata cosi sui muri del paesi! Anche se è antipatica!”
- “Giusto Trombaste… e secondo me lo scrisse uno che lei non gliela dava… e vi dirò che, da quel che si dice… l’ha data anche poo in giro… per questo si chiama caapoo…. se la tiene stretta!”
- “O bestia, come mi piacerebbe allargargliela!” fece il Caata, subito redarguito dal Trombaste
- “Ora basta! Cazzottonculo! Dobbiamo impegnarci a rispettalla! Cazzonchio! Lo dobbiamo fare per Tino”
- “Va bene, va bene, scusa… mi è scappato, ma a me quella lì mi fa impazzire… mi impegno a parlarne rispettosamente… se…” disse il Caata fermandosi di colpo senza finire quello che voleva dire,
- “se..?”
- “Se veramente è la fidanzata del Segoni… ma perché se non fosse, e magari ni fa fare una svertina per fallo arrapà… cazzonchio!” e improvvisamente alzò il tono della voce quasi urlando “ Una sveltina glielo do anchio! Ecchecazzo! E anche due!”
- “Bravoo! E gliela d anch’io”
- “Si! Hai ragione, cazzottonculo! Bravo! Sono d’accordo!”
- “Calma compari, siete troppo agitati, ragioniamo… se si tratta di sdubitacci, basta che ci si organizza e si va a controllà!”
- “Aho! Vuoi dire che se va in discoteca tutti e 4, stanotte?”
- “Chi vor venì… poi, chi non vuole o non puole, non viene!”
- “Cazzottonculo, io ci vengo!”
- “Anch’io!”
- “Presente Compari!”
- “ Bene ci si trova stasera alle 23,30 davanti al bar delle curregge, Tino deve passà di li per forza se esce di ‘asa!”
- “O se esce prima?”
- “Oggiù, ora nieno chiedo ar telefoni…!” fece il numero di Tino e gli parlò:
- “O Tino, ciao… stasera m’è venuto in mente che vorrei andà a ballà… ma se magari in un posto dove c’è degli amici mi diverto di più, poi vengono anche il Caata e il Truzzo, pe un parla di Gualtrucco, te quando esci? E dove vai? Ti vuoi unì a noi?” Tino capì al volo che gli amici stavano sbavando da tre giorni, e godeva come un cigniale a sentirli così allupati, d’altra parte era quello che voleva: farli schiattare d’invidia e dimostrare loro che non era un segaiolo come ogni tanto lo chiamavano, ma che poteva farsi le più belle tope della zona, al contrario di loro che dovevano andare a puttane. L’idea di averli in discoteca a sbavare mentre lo guardavano ballare e magari accarezzare dappertutto e palpeggiare Alessia, scambiandosi distratti baci d’amicizia, lo faceva volare al settimo cielo.
- “Va bene, potete venire… a me che me frega? Avrò altro da fare… ma a una condizione…”
- “Quale?”
- “io non vi conosco”
- “Ma figurati Tino, vuoi la riservatezza e ne hai diritto… nessun problema… ognuno se ne sta per proprio conto, parola di amici”
- “Alessia mi ha confermato per stasera, ma non sa dove andare… io non me ne intendo, se vuoi renderti utile suggerisci un locale Tu”
- “Mah… ora chiedo ar Trombaste, lui ci va un pò piu spesso… ecco: mi suggerisce il Fuck Club, che ne dici?” propose il Caata pronunciando quel nome come glielo aveva detto il Trombaste che lo diceva come lo vedeva scritto sull’insegna luminosa “fukleb”,
- “Boh per me un posto vale l’altro… a che ora è bene arrivarci?”
- “Mi dice che da qui ci vuole mezzora di macchina e che è bene essere li per le 23,30 quando comincia a riempirsi, le donne non pagano… così risparmi eh eh eh!”
- “va bene lo dico a Alessia e vedrai che siamo li per quell’ora, partirò di casa alle 23”
- “Ooh! Noi ti si vole vedè passare, perche se poi ci coglioni e vai in un antro posto e non sei con lei ti si mantrugia eh?!”
- “ma che cazzo dite, barbatrucchi della mazza! Se volete la compagnia vi mettete al bar delle curregge e mi vedete anche uscire di casa, montare in macchina e passarvi davanti… anzi, se poi mi superi e mi fai strada, non rischio di sbaglià!”
- “Sei un grande Tino… noi ti si piglia per il culo, ma sei il nostro punto forte! Ti si vole bene!” e Tino senti dal telefono che tutti e quattro gli urlavano “Forza Tino, sei tutti noi!”
Tino quella sera si sentiva un Re, un sovrano assoluto, uno degli uomini più potenti della terra, era su di giri, ingallettato a bestia: raramente nella vita aveva avuto una simile occasione. Si portava a ballare la piu bella topa della zona con una non remota possibilità di mettersi insieme e contemporaneamente far schiattare d’invidia gli amici che lo avevano sempre preso per il culo imputandogli di essere un segaiolo. Era il massimo, era il riscatto di una vita!
Passò il pomeriggio del sabato a fantasticare: avrebbe ballato con lei in modo scatenato su basi tecno e trance, bevuto dei drink alcolici insieme a lei, poi l’avrebbe abbracciata e stretta a lui, toccandola dappertutto, le avrebbe sentito il culetto sodo, tastato la passera, titillato il clitoride, davanti ai suoi amici arrapati, le avrebbe massaggiato i senni e pizzicato i capezzoli, l’avrebbe fatta eccitare con baci nelle orecchie e con la masturbazione clitoridea, immaginava che l’avrebbe fatta bagnare e che lei si sarebbe stesa su un divanetto della discoteca, in un angolo buio e le avrebbe preso il cazzone in bocca, poi l’avrebbe spogliata e scopata, mentre i 4 puttanieri si facevano seghe guardandoli. Si eccitò talmente con queste fantasie che schizzò come un maiale, anche se si era promesso di non eiaculare prima di quella notte, ma non era importante: ora doveva vestirsi elegante e prepararsi per andarla a chiamare. Certo sarebbe stato meglio che alla sua età si fosse riposato qualche ora nel pomeriggio ma la sua eccitazione glielo impedì.
Si era sentito con Alessia nel primo pomeriggio e lei gli disse che sarebbe stata pronta per le 23 non prima perché rimaneva a cena da sua mamma e sarebbe tornata giusto il tempo per cambiarsi, di aspettarla in casa che sarebbe passata lei al piano di sotto quando sarebbe stata pronta.
La mattina si era sentita con le amiche con le quali aveva concordato di vedersi, ma una dopo l’altra dettero forfait: Simona non si sentiva bene e andava a letto presto, Barbara aveva dei problemi con il suo uomo e non sapeva se sarebbe venuta, semmai si sarebbero sentite per telefono ad una certa ora della serata, le altre due coppie non erano disponibili per quella sera a fare compagnia ad Alessia, la quale se ne lamentò per telefono “Ma scusa ora non viene più nessuno e a me tocca andare con Tino…”
- “Ma Alessia non avevi detto che ti piaceva?”
- “Cosaaaa? Io non ho mai detto questo… non mi mettere in bocca cose che non dico… ho solo detto che in mancanza di meglio, mi sarei fatta accompagnare da un uomo maturo e affidabile…”
- “Ufff… va bene Alessia non ti arrabbiare, ma stasera proprio non ce la facciamo, dai… alla fine ti potrai divertire ance sena di noi… dove pensi d andare?”
- “Ah guarda… a questo punto non lo so neanche, lascerò scegliere a Tino… spero solo di non imbattermi in certi personaggi squallidi che girano da queste parti…”
- “Ti capisco, alludi a Gimmi Sganassa e Dan Casprini, vero?”
- “Eehhh…. Hai capito… con tutte le porcherie che vanno dicendo su di me…”
- “Ma dai non ti preoccupare, hai il tuo uomo di fiducia con te…”
La battuta di buon auspicio suonava lievemente di presa in giro ma Alessia vi passò sopra, facendo buon viso a cattivo gioco, si riposò un’oretta a dopo esser tornata a casa verso le 22, si cominciò a vestire lentamente.
Tra i nuovi arrivi del settore lingerie, per quanto riguardava il suo lavoro le erano arrivati dei perizomi preziosi, fatti di un elastico che cingeva la vita: seguiva una linea molto alta sul posteriore e sui fianchi e si abbassava sul davanti da dove partivano due file di perle appaiate poco sopra al clitoride, poi passavano dritte sopra quel punto e lungo le labbra della passera, per poi infilarsi decisamente tra le natiche dove le file di perle cessavano per lasciare un filo invisibile, come una lenza da pesca, che si agganciava all’elastico sul fondo schiena. Ne era rimasta ammirata e volle provare ad indossare quel perizomino, poi si mise delle calze nere autoreggenti 20 den, con una banda fatta da quattro strisce più scure che segnava tutta la parte alta della coscia. Come vestito optò per uno scollato di stoffa fine ed elastica, tessuta di fili dorati e neri, la gonna veniva formata da un tubino che si raggrinzava sui fianchi e sulla linea verticale centrale della pancia, formando un orlo sbalzato che lasciava scorgere le righe piu scure della banda delle calze: l’abbinamento stava benissimo, ma si accorse che quel vestito nuovo tendeva a salirle molto in alto quando si muoveva.
Ai piedi mise degli stivaletti bassi sganciati sull’interno dove formavano una apertura che lasciava vedere fino alla pianta del piede. Portò con sé una borsetta pochette a tracolla con una catenella incastonata di perle. Un outfit molto carino e ricercato anche se da quei pochi passi che fece in casa si rese conto che il perizoma di perle tendeva ad aprirle le grandi labbra ed entrarle dentro le piccole e che le prime perle all’attaccatura anteriore sfregavano contro il clitoride, in effetti la conformazione delle due linee di perle sembrava essere stata studiata per causare quell’effetto perverso, credette di rimediare, spalmandosi una crema corpo oleosa sulla passerina e tra le natiche. ma, solo quando oramai era troppo tardi, ed era già in discoteca, si dovette accorgere che con il caldo la crema facilitava la penetrazione delle due fila di perle nella vagina ed il tutto lavorava magnificamente come un masturbatore naturale.
Attorno alle 23 Tino senti suonare alla sua porta, andò ad aprire e per poco non cadeva steso a terra secco e duro, sul momento non riuscì a spiccicare parola: Alessia era una bomba atomica di sensualità! La fece accomodare tremolando e per un attimo pensò che non ce l’avrebbe fatta ad uscire con una come lei, la cosa sembrava decisamente più grossa di quello che pensava. Non l’aveva mai vista vestita da sera e con quel vestitino con la minigonna a sbalzo che sarà arrivata ben 20 centimetri sopra al ginocchio ma appena si muoveva tendeva a salire lasciando scoprire le bande nere orizzontali delle calze autoreggenti, causava una erezione istantanea al solo vederla.
- “Ohhh Alessia… come sei elegante… mmhh” risuci a dirle “non ti avevo mai vista vestita cosi”
- “Beh… per forza! Questo è un vestitino nuovo!”
- “Vuoi bere qualcosa prima di andare?”
- “No dai andiamo direttamente e beviamo là… ma dov’è che andiamo?”
- “Ah un locale che mi hanno indicato degli amici… si chiama Fu Club”
- “Booh!? Mai sentito… è lontano?”
- “No, una mezzora di macchina, credo…”
- “Scusa ma ci sai arrivare?”
- “Si …ma poi, ci sono questi amici che ci fanno strada…”
- “Amici? Ma scusa, dove sono?”
- “Oh no…. Beh… volevo dire… sì! Ci aspettano lungo la strada, gli faccio i fari e loro ci guidano”
- “Ah … va bè… ok, andiamo”
Uscirono insieme e Tino andò ad aprirle la portiera della Lancia Lybra che per l’occasione gli aveva prestato il suo amico Strabecco: Alessia credeva che si dovesse andare con la sua macchina visto che il Beetle Volkswagen era sempre meglio della Panda verde di Tino, ma accetto ben volentieri di salire sulla Lancia blu: “Hai cambiato macchina per l’occasione? Ih ih ih!”
- “No cara, questa ce l’abbiamo in comproprietà con un collega, è anche mia”


Intanto i quattro puttanieri si trovarono alle 22,30 davanti al bar delle curregge, allupati come poche altre volte:
- “Ehi Caata! Ma cha cazzo di posto è questo locale dove ci porti?”
- “Boh, chiedilo a Trombaste, lui ci porta le farde a ballà, poi sopra ci sono le camere se vuoi scopare, ma spesso c’è gente che fotte anche nei salottini del locale…”
- “Oh bestia, allora c’è da arapassi! Io mi sono preso una pasticca di levitra, un si sa mai…”
- “Eh ehee! Non sei il solo! Ecco che arrivano anche gli altri due…”
- “O bestie! Vi siete attopati? Si va in un posto dove si può anche trombà… avete preso il viagra?”
- “Certamente, quando si va in questi posti la notte è meglio essere pronti ah ah ahha !”
Verso le 23 videro uscire i due in lontananza e la Lancia dirigersi verso di loro, poi quando le fu di fronte, Tino si fermò e aperse il finestrino:
- “ Buonasera signori, ci fate strada? Vi presento Alessia…” non scesero dalla macchina e i quattro andarono dalla parte del passeggero per stringerle la mano, lei aprì il finestrino e gliela tese cordialmente. L’oscurità era fortunatamente rotta da un lampione collocato proprio sopra la macchina di Tino e questo permise ai quattro di vedere quanto la gonna di Alessia fosse salita nella semplice postura della seduta dell’auto.

* * *

Questo racconto di è stato letto 4 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotciscambio di coppiestoria porno videomoglie timidaracconti erotici mia sorellaracconti porno ragazziwww.racconti-erotici.itracconti di cornutiracconti di tradimenti 69www iomiluracconti erotici 2016testi eroticiracconti milúracconti cukracconti incesti amatorialiracconti erotici mracconti porno neriraccontizoofiliasrorie pornostorie ponoracconto erotico femminileracconti di tradimenti 69racconti erotici ricattataracconti erotici analstorie eccitantiracconti erotici spankingeroici raccontiracconti erotici breviracconti erotici animaliracconto clisterescambio di mogli tra amiciracconti analeracconti rroticiracconti lesbo gratisracconti spintiracconti icestiracconti di annunci 69masturbamiracconti adultiravconti eroticiconfessioni erotiche realile seghe di mia ziaracconti porno anzianiracconti erroticimilu eroticiracconti wroticiho scopato mia sorellaseghe al cinema pornocugina raccontiracconti porno clisterestorie porno moglieerositalia raccontiporno storie di cornaracconti 69 annunciporno racontiho messo incinta mia cognataracvonti pornostorie di mogliracconti erotici con il caneracconti gay palestraracconti xxraconto pornoracconti hard incestoracconti sex gratisracconti nudiracconti fayracconti erotici baby sitteri generi dei racconti gaymia suocera è una troiagiorgina la troiachiavare la cognataracconti gay fratelliracconto di un tradimentoracconti erotici padre figliaracconti di storie di sessoeroticiracconti.itvolluttuosofaccio sesso con mammastirie pornoragazze che fanno sesso con caniracconti eroti i