Fissazione Indecente

Scritto da , il 2020-06-25, genere masturbazione

Il cielo è meravigliosamente blu oggi. Limpido, terso, accecante, così bello e sereno che fissarlo quasi mi confonde. Come se la completa assenza di nuvole e la fugace tranquillità che mi trasmette appena gli rivolgo lo sguardo, non facessero altro che accentuare il netto contrasto con una mente, la mia, tutt’altro che libera e nitida. Distesa sul lettino e fasciata nel mio bikini nero, non faccio altro che pensarti immaginando porcherie.
Perché mi manchi porca puttana! E tanto.
Fisicamente, addosso, dentro.
E non mi manchi per noia. Non mi sei mai mancato solo perché non avevo di meglio da fare, anzi. È quando sono piacevolmente in compagnia come ora, che più mi batti in testa, è quando sono in un posto bello come questo che aumenta l’urgenza di averti a fianco e sentirmi tua.
E voglio ribadirlo sempre, ad ogni giro, perché sia chiaro, anche nei silenzi, fino allo sfinimento, finché ne avrò modo.
Ho slacciato il costume sul collo perché l’abbronzatura non mi lasci antiestetici segni sulla pelle e ad ogni movimento che faccio, lo tengo su con il braccio per evitare che cada scoprendomi completamente le tette.
Non c’è molta gente oggi in spiaggia, il lunedì e il martedì si confermano decisamente i giorni migliori per le mie fughe al mare anche se, più di tutto, è la scelta del posto a fare la differenza. Stefania è concentrata sulla sua tintarella, abbiamo esagerato così tanto con la protezione cinquanta, che se non giacerà per ore, al sole cocente, tornerà a casa più bianca di prima. Come me, ma a me poco importa.
Cazzo, il mare! Che fissazione indecente.
Non riesco proprio a rilassarmi, non oggi almeno. Non dopo la foto di te sulla spiaggia, non con la tua immagine fissa in questi occhi che cercano, scrutano, indagano. Guardo di continuo la passerella di uomini e donne che sfoggiano i loro corpi a riva con la sicurezza di chi è abituato a sfilare, sorrido delle cose che sempre dici a riguardo, delle tante teorie che sempre esponi sull’argomento e soprattutto, tacitamente, derido la convinzione di alcuni soggetti che mi passano davanti credendosi dei gran fighi. Non mi sono mai piaciuti i bellimbusti, quelli belli e basta. Quelli belli che però non ballano, che sono solo sopracciglia perfette, costume a mutandina e frasi fatte. Dovrei chiudere gli occhi, ascoltare musica leggera, magari canticchiare uno di quegli insopportabili tormentoni estivi che non contengono fottute parole d’amore, dovrei distrarmi in qualche modo!
Potrei commentare con Stefania le sue sfortunate avventure amorose, ubriacarmi di Spritz per poi ridere di gusto ad ogni sua uscita clamorosa. Come in macchina, prima, che ha tenuto banco parlandomi tutto il tempo della sua ultima conquista. Invece continuo a fissare il bagnasciuga e a studiare nei minimi dettagli quel ragazzo, poi l’altro e l’altro ancora. Ne seguo con lo sguardo le movenze, cerco di carpirne i modi di fare, di scorgerne il sorriso.
È una fottuta mania la mia! Guardare ogni uomo e valutarlo solo per lo sfizio di aggiungerlo alla lunga lista di chi non mi piace, ripensando a ciò che invece di te mi piace!
Sei bello tu, sei sexy. Carnale, passionale, sei sporco, animale. E sensuale. Quando cammini, quando mi guardi, quando mi tocchi, quando mi parli. E la sola idea di averti davanti, nella posizione lasciva in cui mi trovo, mi riporta a fantasie pesanti che mi fanno eccitare e bagnare.
Se fossi tu quello che mi sta passando accanto in costume, se avesse il tuo corpo, le tue spalle, il tuo culo, avrei già scoperto i capezzoli duri. Gli chiederei di fare l’amore.
Qui, sul lettino.
Mi giro sul lato per guardare Stefania e si, si, la guardo perché vorrei che lei ci vedesse.
Precisamente vorrei i suoi occhi addosso nel momento esatto in cui ti abbasso i pantaloncini e ti caccio fuori il cazzo. Il cazzo duro che sa di acqua di mare. Scivoloso e salato come la tua pelle bagnata. Vorrei che sentisse il rumore che faccio quando ti succhio, quando ti lecco e ti prendo, spingendoti tutto dentro, fino in gola. Vorrei che vedesse che bucchini ti faccio e come li faccio, come sputo e come ingoio.
Sono sicura che mi scoperesti la bocca senza ritegno e senza mai distogliere lo sguardo da lei. Lei che sarebbe eccitata, vogliosa, curiosa. Di te, di me, di noi.
Allaccio il costume in fretta, devo fare assolutamente un bagno, dare sollievo a questo corpo in fiamme, toccarmi. Stefania ha le cuffiette, neanche glielo dico. Questo è il mio assolo e non accetto comparse. L’aria ora mi sembra rovente, corro sulla sabbia bollente e veloce mi tuffo in acqua, è fredda e sento la carne inturgidirsi.
Cazzo, il mare! Che fissazione indecente.
Non riesco proprio a stare buona. Le dita prepotenti scivolano veloci fra le cosce, penetrando la fica gonfia e accogliente.
Mi giro dando le spalle alla spiaggia, alla riva, ai bagnanti ignari. Sento di avere il viso stravolto, allargo le gambe e poi le richiudo, le stringo trattenendo e bloccando la mano nelle mutande.
L’acqua mi accarezza e nasconde la mia voglia malata, voglio fare sesso, ora.
Ed eccola qui, l’immagine oscena che mi fa sempre godere.
Sei di fronte a me, ti avvicini piano, sfiorandomi prima con i piedi.
Il cazzo spinge nel costume, lo tocco ed è durissimo. Lo sento premermi addosso, mi giri intorno, me lo appoggi dietro. La tua pelle bagnata si attacca alla mia, le gambe si intrecciano sott’acqua e le tue mani sulle mie mani, giocano con i laccetti del costume. Me lo fai sentire appena, spingi sulla mia carne, con un braccio intorno alla vita mi stringi a te sfiorando di continuo le tette.
Te l’ho detto mille volte, il tuo corpo bagnato mi manda fuori di testa. E toccarci in acqua, fra la gente, prenderti il cazzo in mano. Sentirlo scivolare fra le cosce con la voglia di prenderlo dentro, farmi accarezzare.
Sentirti addosso e impazzire dal desiderio, come ora, che spingo e spingo forte.
Per venire, godere.
Il sole è alto in cielo, picchia e batte in testa.
Mi bagno i capelli nuotando sott’acqua, poi riemergo, più leggera.
“Ma che hai fatto? Perché non mi hai chiamata?”
Mi ritrovo davanti Stefania, che saltella prima di immergersi completamente.
È davvero carina, soprattutto quando sorride.

Questo racconto di è stato letto 2 1 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raccconti pornoracconti sesso oralegangbang raccontiracconti erotici figliaho inculato mia madreracconti animal sexracconti incetuosiracconti erotici segheraccontiscambististorie hard gratisracconti di fistingracconti donne sottomesseracconti di mogli porcheracconti erotici classici69raccontiracconti di donne maturecuckold raccontigeniv raccontiracconti di sesso tra parentistorie scabroseracconti porno nonneracconti erotici la prima voltaracconti reali sessostrorie pornotacconti pornoeroticiracconti.iterotici racconti.itracconti erotici sesso a treracconti porno suoraracconti di una ninfomanestorie di pissingracconti erticitroia suoceraincesto storieporno milucuckold storiaracconti etoticierotici racconti gratisraccontii eroticiracconti erotici lo ziodottoressa vogliosaraacconti eroticisesso porno raccontiracconto bondagemasturbarsi con spazzolino elettricoracconti incesto lesboracconti di eroserotiraccontigeneri dei racconti eroticizoofilia con cavalliracconti di sesso con superdotatiracconti porcateracconti porno mamma e figliodonne che scopano con cavalloracconti peccaminosiraccontisessualiracconti erotici nuoreracconti erotici estremiracconti adultiracconti annunci69mettimi incintaracconti peccaminosii generi dei racconti gayracconti zoofiliracconti di sesso gratisracconti nonna nipotemia moglie racconti eroticiracconti di donne porcheracconti porno realmente accadutiracconti erotici mamma figliocuckold incestiracc incestoracconti erotici veriracconti eroticheracconti-eroticistorie di sesso al cinemaracconti di storie di sessoracconti gay giovanieroticiracconti.itstorie erotistorie gigantesseinculami papàracconti zoofiliero raccracconti sesso amatorialitracconti eroticirscconti pornostorie sesso gratisracconti lesbiciracconti eortici gayraccontineroticiho inculato mia mammastotie pornoraccontierotvideo storie eroticheracconti gay nerostorie gay eroticheracconti erotici di zieracconti soft