Il risveglio dalla quarantena

Scritto da , il 2020-05-23, genere incesti

Due mesi è durata la mia reclusione da coronavirus, lontano da amici, parenti e colleghi.
La ragazza che frequento, terrorizzata dalla pandemia, non ha voluto saperne di vederci per cui, nel rispetto delle sue scelte, abbiamo votato l'astinenza che purtroppo, è sfociata spesso sul porno on-line.
Durante l’isolamento, il mio pensiero fisso è stato mia sorella di qualche anno più grande che, alla soglia dei quarant’anni, si è ritrovata sola su due piedi dopo dieci anni di convivenza, da un compagno stufo e infiacchito dalla vita di coppia che ha fatto le valigie, ed è sparito; l’idea di non poterle stare vicino in periodo così stressante e allo stesso tempo delicato mi aveva dato il tormento e così, in un paio di occasioni, mascherina, birre fresche e spergiuri di non incontrare una pattuglia lungo i quasi dieci chilometri che ci separavano, per regalarle un sorriso, un po’ di sane chiacchiere e una bevuta in compagnia. Le settimane sono trascorse veloci, e dalle nostre parti la pandemia è scemata rapidamente, così da riportarci fortunatamente a una parvenza di quotidianità: lei ha ripreso il lavoro, io l’ho fatto a fasi alterne e tutto ha ripreso una giusta direzione, fino a ieri sera. La separazione ha portato il cambiamento, e questo si è tramutato in una ristrutturazione non troppo distruttiva di casa sua, per la quale sono stato assoldato data la sua statura minuta e la poca predisposizione ai lavori manuali. Oggetto al centro dell’attenzione dei lavori è stata la sua cantinetta dei vini pregiati, su vanto e sua enorme passione: nulla doveva intaccarla, scalfirla o danneggiarla in nessun modo! E così i lavori sono andati avanti per qualche giorno fino al completamento, da festeggiare appunto, con un’ottima etichetta di rosso a sancire un nuovo inizio. Qualche lacrima, un po’ per l’emozione e un po’ per la gioia, e soprattutto tante risate hanno riempito l’appartamento, sullo splendido ritmo di Ehrling (ve lo consiglio), e circondati da una nuova atmosfera e dalla notte ormai fonda, ci si è buttati sul divano, per un po’ di relax prima dei saluti. Forse complice l’alcol o forse la stanchezza, il sesso è diventato il tema del discorso, a dispetto del fatto che tra noi sia sempre stato un gran tabù; e così entrambi abbiamo avanzato il fatto che la quarantena ha fatto più vittime per astinenza che qualunque altra cosa e così, anche la seconda bottiglia è stata stappata, ore due della notte circa. L’aria era calda e densa, e credo nessuno dei due avesse nemmeno lontanamente immaginato che potesse mutare così rapidamente, in cui con un movimento incredibilmente fulmineo, lei si sfila il reggiseno da sotto la maglia con la giustificazione del troppo caldo; un po’ ingenuamente butto l’occhio su un seno sodo e abbondante e dei grossi capezzoli di cui non mi ero mai accorto, ma do la colpa al vino, faccio un sospiro e rialzo lo sguardo: incrocio il suo però al quale non riesco a dare un senso, se alterato o malizioso per averle palesemente guardato il seno. Versa altri due calici e mi chiede se sia stanco, ma la mia risposta è negativa; fa per sedersi ma cambia idea e va verso il bagno, senza chiudersi la porta alle spalle: non vedo, ma sento l’acqua scorrere e dopo qualche secondo, chiamarmi per raggiungerla. Finisco il calice, lascio il divano e mi reco verso il bagno: mi attende completamente nuda, nel bagliore soffuso della luce del bagno: resto impietrito, ma l’alcol mi ha spento le inibizioni, e così mi soffermo ad un metro da lei ad osservare le sue curve, il suo corpo leggermente morbido e la sua fica completamente depilata: ho una pulsazione nelle mutande enorme e inaspettata, e dai pantaloncini evidentemente visibile. Si avvicina a me fino a sfiorarci con il corpo, mi infila una mano sotto la maglietta e mi accarezza il petto e l’addome, si mette sulle punte e mi bacia dolcemente: “l’astinenza mi sta uccidendo: fammi felice” mi dice. Le sue labbra sanno di vino, e quella frase mi travolge, così le nostre lingue si intrecciano, la avvolgo con le braccia e mi stringe: è bollente. Senza che me ne renda conto mi trovo nudo, il mio cazzo è fra le sue mani, ed è piacevolmente sorpresa che, le dimensioni cui era abituata, erano un po' ridotte. Non proferisco parola, ma il respiro accelera, si inginocchia davanti a me e con una bocca già abbondantemente umida, comincia un pompino che difficilmente dimenticherò; è avida, bacia ovunque, la sua lingua esplora bagna ed esplora ogni centimetro, ma non vuole farmi venire, vuole molto di più e lo scoprirò a breve. Si rialza, tira su un piede che poggia sul portasciugamani, e con forza preme la mia testa verso la sua fica: è fradicia, le labbra morbide e dilatate dove affondo la lingua con avidità e passione mentre, ormai senza controllo, con le mani mi arruffa i capelli. La faccio girare e chinare sul lavandino, ora il suo sedere è la mia meta ma lei lo sa già e con piacevole sorpresa afferra le natiche lasciandomi davanti la bellezza di due labbra rosse e calde e un buchino scuro e sicuramente non vergine: la mia lingua le da un sussulto, ma è quello che voleva, e il suo movimento ritmico comincia a tramutarsi in gemiti leggeri. Ben presto due sue dita che ha inumidito con la bocca si fanno spazio proprio nel suo buchino così, ormai al massimo dell’eccitazione mi tiro su, e violo lentamente le grandi labbra per poi proseguire ad una penetrazione davvero molto profonda. Torna sulle punte, data la grande differenza di altezza, e asseconda tutti i movimenti mentre con le mani le stringo i seni e i capezzoli. Mi bacia ancora, gli affondi sono forti, ormai ai nostri piedi comincia ad essere bagnato; è già al secondo orgasmo, ma vuole di più: si scosta da me quel tanto che basta per afferrarmi il cazzo, sfilarlo e puntarlo sul suo culo; non c’è resistenza, mi trovo dentro di lei senza quasi accorgermene e il ritmo tra noi riprende forte, intenso e veloce. Sento le sue contrazioni, e freneticamente gioca con il clitoride: la stringo per i fianchi, sento che sto perdendo il controllo, la fine è davvero vicina. I nostri sguardi si incontrano nel riflesso dello specchio, la luce fioca ci fa vedere appena: “vieni dentro, non uscire” sussurra, e quelle parole danno l’esito sperato: la sua ultima contrazione anale mi porta ad un orgasmo incredibile, e le ultime spinte a fondo mi portano a venire dentro il suo culo abbondantemente. Resto dentro di lei ancora un po’, la stringo, siamo stanchi e storditi, si divincola e si infila in doccia. Mi do una ripulita anche io, aspetto che finisca, e immersa nel suo immenso accappatoio mi da un abbraccio infinito: “grazie davvero, e ovviamente mai più”. Le do un bacio sulla fronte, le do la buonanotte e prendo solitario e con la testa leggera la strada di casa.

Questo racconto di è stato letto 1 2 3 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici latteracconti erotici in ufficioesibizioniste al ristoranteveri racconti incestoracconti zozzistorie erotichmia sorella mi da il culoaddio al nubilato raccontiracconti erotixistorie erotichrracconti figaracconti erotci gayracconti erosracconti porno con animaliracconti erotici nataleracconti erotici peggingincesto suoceraracconti erotici zoofiliracconti storie di sessoracconti dilatazione analefeticismo raccontiracconti infermieraracconti erpticisi fa inculare dal cavallostorie di cornutiracconti mistress transcorna raccontiracconti sesso amatorialelibri erotici comiciracconti erotici zoofiliracconti erotici massaggiostorie erotiche piedii piedi di mia moglieliberaevastorie pornracconti erotici zoofiliaracconti casalingai generi racconti eroticieros italia raccontistorie cornutiinculata involontariaracconti suoceroracconti erotici gay & bisexvisita medica eroticaracconti erotici clisterierotici racconti i generieacconti eroticipompini di malenaerotici incestoracconti sesso estremoraxconti eroticierotici racconti 69raccontierticiracconti primo analeracconti erotici di donne sposategeniv forum raccontimilù raccontistorie eroticoletteratura pornomasturbazione tra cuginiracc erotnonno scopa nipote gaymia suocera che troiamia moglie raccontiracconti mariti cuckolddonna inculata da un cavalloraconti hotstorie erorichea 69 racconti eroticiracconti con suoceramia cognata e una troiaracconti erotici di zoofiliaracconti erotici farfallinainculata raccontiracconti erotici tra cuginirracconti eroticieros raccontiracconti erotiiracconti eeroticiracconti erotici piedigeneri racconti eroticiporno raccontii migliori racconti eroticiracconti prime voltenonna sega nonnobello sticchiola troia di mia cuginastorie incestila zia raccontiincesto racconti veriracconti erotriciinculata in cantinaracconti crossdresserracconti erotici nipoteclistere raccontoeros raccontii racconti di milyporno racontila cognata vogliosa