Meri cap.2 - Anche la donna in carrozzina può eccitare

Scritto da , il 2020-05-23, genere feticismo

Incontrare personalmente Andrej mi cambiò, cominciando la vera e propria trasformazione in quello che sono ora.
Prima di lui mai avrei pensato di poter suscitare alcunché di eccitante negli uomini, vista la mia situazione. Andrej invece mi aprì ad un tipo di feticismo al quale non avevo mai pensato: quello nei confronti delle donne con disabilità. Lentamente scoprii che ce ne fossero di ogni tipo, da chi amava le donne con malformità a chi amava le amputate, di braccia o di gambe. C'era persino chi era attratto dalle donne affette dalle malattie più degenerative fisicamente.
La prima volta che lo vidi fu in un bar del centro nel quale ci eravamo dati appuntamento, dopo alla nostra prima chat. Era un bel ragazzo, seppur non molto appariscente, ma si dimostrò gentile e garbato. Al mio arrivo mi squadrò completamente. Sembrò quasi emozionato nel momento in cui mi strinse la mano e notai subito come fosse a disagio. Disse che era la prima volta che gli accadeva una cosa simile ed io cercai di tranquillizzarlo dicendogli come fosse la mia prima volta in cui uscivo con qualcuno dopo l'incidente. Volle che gli raccontassi tutto, sia dell'incidente che del mio risveglio e di quell'anno trascorso per la prima volta “da seduta”. Disse proprio così e non si azzardò mai a dire parole come “disabile” o “paraplegica”, che poi erano effettivamente ciò che io ero.
Riuscii ad aprirmi in modo davvero completo con lui ed il giorno dopo a quell'incontro, ci accordarmi per vederci a casa mia un pomeriggio. Sapevo che i miei non ci sarebbero stati e ne approfittai per farlo venire.
Andrej giunse con un bel mazzo di fiori, gesto gentile e romantico che apprezzai. Già il giorno prima in chat avevamo parlato di ciò che avremmo fatto. Lui mi chiese di “potermi osservare nella mia normalità”, senza avanzare troppe richieste e senza mai parlare dell'aspetto sessuale. Io invece non vedevo l'ora di essere posseduta, ma non volli mostargli subito il mio desiderio, quindi decisi di accenderlo pian piano per poi scaraventargli addosso il mio desiderio come fosse benzina su una fiamma.
Gli mostrai le modifiche alla casa che aveva apportato mio padre e poi ci ritirammo in camera mia. Avevo scelto un look piuttosto sobrio basato su una gonnellina corta, una felpa nera e delle scarpe da ginnastica nere. Essendo lui un amante delle gambe, avevo lasciato in vista i miei lunghi ed immobili arti inferiori, coprendoli semplicemente con una coperta sotto al quale li mantenni accavallati.
“Riesci ad accavallare le gambe?”, mi chiese mentre bevette il caffè che gli avevo preparato.
“Sì”, gli rispose sorridendo “E perché non dovrei?”. Poi scostai la coperta e gli mostrai, spostandole con le mani, come potessi accavallare la destra sulla sinistra ed anche l'inverso.
“Magnifico!!!”, disse lui sospirando. Notai l'eccitazione. Il pomo d'Adamo che andò su e giù e la fronte che si aggrottò.
Dopo il caffè gli chiesi di avvicinarsi e lui, seppur titubante, lo fece. Io ero vicina al letto e lui vi si sedette sopra. Era in mio possesso ed era una sensazione che mi faceva sentire forte come non accadeva da prima dell'incidente.
“Vuoi provare a farmele accavallare tu?”, gli chiesi.
“Posso veramente?”.
“Certo”, gli dissi.
Andrej allora si avvicinò e prese con delicatezza la mia gamba destra facendola accavallare sulla sinistra, poi fece un passo all'indietro ed osservò il risultato, come un pittore davanti ad un quadro. Era sorprendente di come esse fossero in qualche modo “molli” ed incontrollate. Certe volte stupivano ancora anche me.
“Ti piace?”, gli chiesi.
“Sei stupenda e loro lo sono altrettanto. Non le senti proprio?”.
“Per niente”, risposi.
“Posso farlo ancora?”.
“Sì”, gli dissi.
Sentii che la cosa cominciava ad eccitarmi parecchio, ma volli giocare ancora un po' con lui. Andrej era eccitatissimo. Spostò la gamba destra e poi vi accavallò la sinistra, non senza evitare di accarezzarmele leggermente. Gli mostrai come facevo a spostarmi, gli feci vedere il mio bagno e poi gli mostrai come facessi a trasferirmi dalla carrozzina al letto. Scivolando sul letto, la gonna mi si sollevò leggermente mostrando come sotto ai collant indossassi degli slip bianchi.
Era ormai chiaro che saremmo andati oltre ma volevo che lui mi adulasse ancora, prima di possedermi.
“Vuoi togliermi le scarpe?”.
“Non osavo chiedertelo”.
Slacciò allora le stringhe e sempre con estrema delicatezza, quasi fossi una bambola di porcellana, mi sfilò le scarpe apprezzando i miei lunghi piedi e le mie unghie smaltate di rosso.
“Posso baciarli?” mi chiese all'improvviso, palesando il suo desiderio.
“Mi farebbe impazzire”.
“Vuoi dire che lo sentiresti?”, mi chiese strabuzzando gli occhi. Io ero sdraiata sul mio letto e lui in piedi alla mia sinistra.
“Certo che no”, gli risposi “ma solo vedertelo fare mi ecciterebbe da morire”.
Allora Andrej si sedette ai piedi del letto portò il mio piede sinistro alla sua bocca, succhiandone le dita. Non sentii niente al piede ma sentii invece l'eccitazione crescere dentro di me. Socchiusi gli occhi e lo lasciai fare, senza più dire nulla. Vidi la sua lingua passare dai piedi alle mie gambe e poi lo vidi risalire lungo i miei arti inferiori. Per agevolarlo sollevai la mia gonna con le mani e gli dissi che lo volevo.
“È un sogno che si avvera”, disse lui sentendo le mie parole, poi si sdraiò vicino a me e venne a baciarmi. Mentre le nostre lingue si incontrarono, presi la sua mano e me la portai tra le cosce, spingendolo ad accarezzarmi il sesso che ardeva. Sentire la sua mano e le sue dita accarezzarmi attraverso collant e slip mi fecero bagnare immediatamente. Sempre con quella mano spostò le mie gambe facendo sì che si aprissero, poi la riportò sul mio sesso.
Quando misi la mia mano sulla sua patta scoprii la sua incredibile eccitazione. Lo accarezzai un attimo, senza smettere di baciarci, scoprendo la sua vitalità e poi slacciai i suoi pantaloni, stringendo finalmente nella mano il suo membro eretto.
Da lì in avanti fu una vera e propria corsa. Entrambi mostrammo una voglia irrefrenabile: io di provare ciò che non provavo da tempo, lui di provare ciò che non aveva mai sperimentato prima.
“Ti voglio!”, mi disse allora posizionandosi sopra di me.
“Aspetta un attimo!”, gli risposi portandomi le mani tra le gambe e lacerando il collant. Non c’era tempo (e nemmeno voglia vista la mia velocità nei movimenti) per sfilarlo e sfilare gli slip che scostai di lato presentandogli la mia passera completamente ricoperta da un pelo biondo e corto. Quando Andrej vi si appoggiò ed entrò leggermente dentro di me, lo risucchiai. Era una sensazione che non provavo da tempo e nonostante mi accorsi subito di quanto fosse difficile farsi scopare senza l’aiuto delle gambe, fu una esperienza fantastica.
Lui fu gentile ma al tempo stesso irruento ed io venni quasi subito. Erano almeno quindici mesi che non provavo quelle emozioni e urlai il mio piacere senza alcun ritegno. Non ci avrebbe sentito nessuno e fu così sconvolgente che quasi mi misi a piangere.
In un attimo vennero spazzati via quei dodici mesi di sofferenza, di incapacità di provare piacere e mi sentii nuovamente donna, desiderata e desiderosa al tempo stesso.
“Continua! Continua!”, gli dissi quando lui rallentò e allora Andrej mi fece ruotare leggermente su un fianco e mi sollevò di peso la gamba sinistra posandosela sulla spalla. Continuò a scoparmi accarezzando quell’arto inanimato come fosse un oggetto prezioso mentre al tempo stesso mi osservava quasi ammirandomi.
Nel frattempo mi ero sfilata la felpa e la gonna mi era risalita fino alla pancia. Quando mi strinse un seno attraverso il pizzo del reggiseno e mi disse di scusarlo poiché stava per godere, gli chiesi di uscire dal mio corpo. Non ero protetta e non mi andava di rischiare nulla, soprattutto adesso che avevo appena iniziato la riscoperta del sesso.
Quando uscì da me, feci appena in tempo a prendere il suo cazzo nella mia mano ed egli mi eiaculò sulla pancia. Furono tre getti copiosi e consistenti ed io non provai il minimo schifo di fronte al suo liquido, caldo ed odoroso. Andrej si sdraiò al mio fianco e restammo zitti per almeno cinque minuti, in attesa che ci passasse il fiatone.
Prima di parlare mi ripulii la pancia con dei fazzoletti, poi indossai di nuovo la felpa e gli chiesi di raccontarmi del suo feticismo. Mi disse che lo aveva sempre avuto, fin da bambino quando aveva trascorso una parte della vita con la cugina che era paraplegica.
“Tu sei bellissima e poter trascorrere del tempo con te è un sogno che si realizza”, mi disse. Parlammo di come quel tipo di feticismo potesse migliorare la vita di chi viveva delle situazioni difficili come la mia ma anche di come potesse sembrare brutto trarre piacere dalla disgrazia altrui.
“Se la vedi in questo modo, la vedi dal punto di vista sbagliato”, mi spiegò “Io non traggo piacere dalla tua difficoltà, ma il tuo modo di essere, il tuo stato mi eccita. Mi ecciteresti anche se non avessi la carrozzina e se potessi saltare e danzare, ma questa tua immobilità mi eccita maggiormente. Ecco, tutto qui”.
“Non ti nascondo che la tua spiegazione ha un senso”, gli dissi.
“Ci vedremo ancora?”, mi chiese.
Certo che ci saremmo rivisti, non c’era dubbio, ma avrei approfondito quel feticismo. Quel giorno mi risentii viva ed attraente ed era una sensazione che avrei voluto certamente riprovare.

Questo racconto di è stato letto 8 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


trio raccontistorie mogliequel cornuto di mio maritocollant raccontiracconti erotici visitaerotici raccomtiracconti erotici mistressracconti di incestiinculata raccontosesso trioracconti mamma padronaracconti erotici a69racconti cognatacornuto e sottomessostorie fetish piediracconti milúracconti zieracconti erotucischiava aziendaleracconti porno anzianiraccontti eroticiculo raccontiracconti 69 itracconti erotici hotracconti di mogli esibizionisteporno gay raccontiracconti amatoriali di sessononna racconti eroticiracconti sesso maturemasturbarsi con spazzolino elettricoracconti di sesso con animalistorie di scambio di coppiaracconti di incesti realiorsi italiani raccontiracconti sculacciataincesti familiari gratiszoofileriticiraccontila vicina tettonastorie vere di sessoracconti perettamammecalderacconti di spankingi racconti di milyzoofilia raccontiracconti rroticimarito cornuto sottomessostorie feticismoracconti porno con caniracconti eoritciracconti porno freeracconti erotici scambio coppieracconti iomilùi racconti di milùstorie porneroticiraccstorie feticismostorie pormoracconti erotici di donne maturemia suocera è una troiaracconti oseeincesti con la ziaiomilu comsaune eroticheracconti erotici collegaracconti/eroticifiga brodosaracconti erorticistorie di sottomissioneincesto gifinculata dal suo caneracconti erotiporno raccontieracconti eroticiracconti padrona schiavolesbo raccontigeneri racconti eroticiracconti erotici fumettii raccconti di miluracconti erotici suocera e generostorie gay romanticheporno raccontistorie porniwww.racconti pornoracconti donne sottomesse