Mia madre ed il padrone di casa

Scritto da , il 2020-05-23, genere dominazione

Quell’anno l’ inverno era particolarmente gelido. In casa eravamo rimasti io e mia madre, mio padre era fuori città per lavoro, il suo non è che fosse un grande stipendio ma era sufficiente a garantirci una vita dignitosa nulla di più. Mia madre faceva quanto poteva badando di controllare la spesa al centesimo. Purtroppo, nonstante i sacrifici di mamma, i miei erano in arretrato con il pagamento dell’affitto per la casa dove abitavamo. Non era una gran casa ma con lo stipendio di mio padre non potevamo permetterci nulla di più, nonstante questo non si risusciva a tirare fuori i soldi per l’affitto. Era un serio dramma per tutti noi, mamma doveva già quattro mesi di pigione al signor Muciotti, che aveva minacciato più volte di darci lo sfratto per morosità. Quella mattina, era un giorno come tanti di un freddo febbraio. Mia madre Carla, era una bella donna di 39 anni piena di vita, prosperosa e con una folta capigliatura nera. Mi aveva preparato, come tutte le mattine la colazione poi, dopo avermi dato un grosso bacio, mi aveva mandato a scuola. Avevo da poco compiuto i tredici anni , andavo alle scuole medie. A volte il destino fa strani scherzi. Quella mattina ero leggermente in anticipo e decisi di passare a casa del mio compagno di classe per fare il percorso insieme . Il percorso era più lungo e la strada, quella mattina era parecchio gelata. Ancor prima di arrivare a casa del mio amico scivolai su di una lastra di ghiaccio e sarei certo volato nel fiume se non mi avesse fermato la ringhiera del ponte. Fu la mamma del mio amico a prestarmi le prime cure. Una volta constatato che di rotto non c’era nulla, solo un livido sulle natiche ,anche se zoppicavo esageratamente,lasciò che ritornassi a casa .l’indomani avrebbe parlato lei con la mia mamma per la giustificazione . Piano piano presi la strada di casa cercando di entrare il più silenziosamente possibile per non allarmare mia madre. La casa dove abitavo era una cascina trasformata in un complesso di sei appartamenti divisi in modo strano. L’appartamento che occupavo con i miei aveva l’ingresso al piano terra da qui una scala saliva fino ad una sala che veniva usata come sala da pranzo nelle festività. Un lungo corridoio portava poi alle due stanze da letto, la mia e quella dei miei genitori: a metà di questo lungo corridoio c’era la porta della cucina preceduta da una specie di finestra per dare luce al corridoio stesso. Per abbellire il vano finestra che dava sul corridoio, mia madre aveva ingentilito con una mezza tendina a fiori. Come sempre facevo aprii silenziosamente l'uscio, attraversai la sala e mi avviai verso la cucina. Avvicinandomi sentii mia madre parlare in tono sconsolato con una voce roca , quasi afona. Incuriosito da quel parlottare mi avvicinai con circospezione, nascosto dalla tenda sul corridoi mi affacciai alla finestra e sbirciai attraverso i bordi ella tenda non perfettamente chiusi che permettevano una pefetta vista della cucina. Vidi mia madre di fronte al padrone di casa, un uomo anziano di 72 anni, non alto e di corporatura robusta. "Signora sono quattro mesi di affitto che mi dovete. Lo capisce anche lei, io ho delle spese, con tutta la buona volontà non posso aiutarvi, mi trovo costretto a darvi lo sfratto .” stava dicendo l'anziano proprietario. Costernata mia madre rispose,:
"Mi capisca, sono una donna con un figlio che studia e campiamo con quello guadagna mio marito. Abbiamo avuto un momento di crisi, mio marito aveva perso il lavoro, ma ora ha trovato una nuova occupazione , vedrà che riusciremo a pagare gli arretrati, magari se lei potesse diluire il debito rateizzandolo, non ho tutti questi soldi in contanti!".
L'uomo, toccandosi il mento con fare pensieroso e senza mai staccare lo sguardo malizioso e ammiccante dal prorompente seno di mia madre disse :" Mia cara signora, quando si è giovani e belle come lei una soluzione si trova sempre... Avrei in mente qualcosa, una proposta che potrebbe accontentare tutti e due: sta a lei decidere. " detto questo, il padrone di casa si avvicinò a mia madre ed espose la sua proposta. “Vede signora mia, io ho una certa età e sono vedovo da tempo, non ho molte occasioni di vedere delle belle donne come lei, e lei signora Carla a me piace da matti. Così, se lei è d’accordo mi piacerebbe vederla nuda, in cambio le cancellerai un poco di debito, diciamo un mezzo mese?”
Mia madre rimase senza parole “Sta scherzando.?” Rispose indignata
“No, non sto scherzando.Vorrei vederla nuda.” Ribadi l’ometto lasciando mia madre nell’imbarazzo della situazione “Non sa quanta voglia ho di vederla nuda .” c ontinuo lui guardandola in viso
“La prego cambiamo argomento, quello che dice mi pare una sciochezza” ribadi ancora lei.
“La sorprende che io voglia vederla nuda? Le sto solo chiedendo di spogliarsi,non vuole realizzare questo mio desiderio?Pensi al vantaggio che ne ricaverebbe, signora sarà come fosse un gioco…un gioco fatto fra persone adulte e lei avrebbe mezzo mese di pigione pagata,mi pare un buon affare,no?.”
“Non me ne sono accorto” “Come? Non ti sei accorto di nulla?” Scuote il capo e ride . “Ma cosa fai, dormi?” “No,non dormo.Solo che semplicemente non ci ho fatto caso.” Queste furono le...
Mia madre, dopo aver pensato per un lungo momemto guardò l’uomo dritto in faccia ,poi:” Un gioco la cui regola è guardare e non toccare? Se è così va bene, altrimenti non se ne fa niente.” L’uomo parve soddisfatto “Sono pronto “ dice sedendosi su una sedia.
Mia madre con mosse impacciate iniziò a sbottonare la camicetta di cotone lasciando che le prosperose tette saltassero fuori in tutto il loro splendore. Io immobile guardavo la scena sconvolto da una strana eccitazione. “Signora bella ha proprio un bel paio di tette….morbide, belle piene. Mi piace signora , lei è proprio una bella donna. Continui la prego, tolga tutto.” E mamma fece scorrere la lampo della gonna lasciando che cadesse a terra restando in mutandine ,calze e reggicalze. Tremava, aveva brividi e teneva gli occhi chiusi.
“Non faccia la timida tolga anche le mutandine, mi mostri il suo gioiello.” Mamma obbediente insinuò due dita dentro l’elastico delle mutandine e fece scorrere l’indumento intimo lungo le sue gambe fino a sfilarle del tutto.
“Bello il suo boschetto è fantastico è un vero peccato tenere coperto un corpo come il suo. Lei è proprio una gran figa.”
“Grazie …ma ora il gioco è finito” disse mia madre chinandosi a recuperare le mutandine.
“ Eh no mia cara signora, non ho visto tutto. Deve girarsi.” La riprese il proprietario “Voglio ammirare anche il suo magnifico culo.
Senza fare obiezioni mia madre lasciò ricadere le mutandine e con imbarazzo si voltò mostrando il suo lato B al porcone e non solo a lui dal momento che a me era venuta una erezione, il mio piccolo pene se ne stava ritto come un palo “Che favola di culo “ gemette il poveretto facendo sobbalzare mia madre che si girò velocemente.
“Ferma così non si muova, resti ferma così che è un piacere per gli occhi. Rantolò l’uomo. Aveva ragione lui, il corpo di mia madre visto da dietro era uno spettacolo da sballo. Le calze di nylon ben tese sulle gambe erano sostenute e tese da un reggicalze nero che le teneva perfettamente in linea dando un effetto libidinoso alla linea di stacco tra la calza e la pelle della coscia.
Mia madre, pareva essersi abituata alla presenza del Mucciotti, parve non essere più tanto inibita, anzi pareva provare un perverso piacere a mostrarsi, tanto che si girò facendo in modo che l’ometto avesse la possibiltà di riguardarla bene, sia le tette che la figa coperta dal folto pelo.
“Bella , bella tutta. Posso toccarle?, posso toccarle le tette”, la voce dell’uomo era tremula carica di desiderio. Anche io ,in quel momento ero pieno di desiderio per quella magnifica donna nuda. Mamma stava ferma in piedi, nuda completamente, non rispose alla domanda .
“Il suo è un silenzio che vuole dire si? “ chiede speranzoso l’idraulico
“Ma non si era detto guardare e non toccare?”,gli chiese mia madre con un tono poco convinto, più un si che un no.
“Rifacciamo le regole allora” ripropose lui sbavando.”Diciamo che toccando le tue tette ti abbuonerò un mese intero.” Propose passando dal lei al più intimo tu.
“Va bene ma non deve avvicinarsi troppo, ecco a questa distanza deve stare” rispose mia madre allungando un braccio in avanti.
L’uomo si alzò, si avvicinò finchè il suo petto non toccò la mano di mia madre che, al contatto sembrava essere percorsa da una scarica elettrica. Ritirò il braccio mentre lui allungava il suo per andare a toccare il seno sinistro di lei. Lo avvolse completamente nel palmo della mano, le massaggiava la tetta carezzandola prima da sopra e poi soppesandola da sotto quasi a volerla sostenere, la strizzava con libidine “Hai delle tette meravigliose” rantolava a voce bassa il porcone, non tralasciando un millimetro. Poi, lasciò il seno che tornò ad appoggiarsi sul torace di lei .Lui continuò la sua carezza usando il dorso delle dita. Ne seguì il contorno , sotto, sopra, attorno. Continuò a palpeggiare e carezzare per parecchio tempo, il porcone ci sapeva fare perché vidi i capezzoli di mia madre indurirsi e lei pareva volerli porgere a quelle dita. L’anziano sorrise “Che meraviglia i tuoi capezzoli duri che puntano in alto.” sussurrò soddisfatto. Si umettò le dita con la saliva e prima il capezzolo destro, poi il sinistro vennero presi tra l’indice ed il pollice fatti rotolare con tenerazza fino a quando il gemito di mia madre non gli annunciò la vittoria su di lei. L’anziano uomo prese i seni di lei con entrambe le mani impastandoli, pastrugnandoli, spremendoli “Posso baciarle” chiede, sapendo già che il silenzio della donna questa volta era un tacito accordo. La mano sinstra dell’uomo andò a sollevare la mammella mentre si chinava in avanti per avvolgere il capezzolo in un caldo e umido bacio. Le labbra succhiarono con ingordigia,”vieni qui” le disse mentre le prendeva la mano ed idietreggiava fino alla sedia. Il seno di mia madre era posto davanti alla sua bocca così da poterlo baciare e succhiare con più calma, cambiando ora uno ora l’altro. Mia madre accettava tutto questo ad occhi chiusi, pareva gradire molto le attenzioni dell’uomo, che seduto a gambe larghe sull’orlo della sedia se la era incollata al viso per meglio baciarle le tette. In un movimento impercettibile le mani del Mucciotti scivolarono sui fianch i di mia madre, poi lentamente sulle natiche. Mamma ebbe un sussulto che durò, probabilmente meno del pensiero di fermarlo, senza nessun ostacolo l’uomo le abbrancò le natiche a piene mani. “Che bel culo che hai signora mia, c’è da impazzire a pastrugnarlo così.” Le mani del viscido uomo impastarono con bramosia ed accarezzarono poi le natiche estrenamente scendendo lungo le cosce , giù fino al ginocchio per poi risalire all’interno delle gambe , su su sfiorando lentamente le calze di nylon che tese dal reggicalze davano ancora più libidine alla cosa. Avevo trdici anni e quella donna era mia madre, ciò non mi impedì di trovarmi con il cazzo in mano masturbandomi spudoratamente guardando la scena. La mano continò a salire, su , sempre più su fino ad incontrare la fessura del sesso di mia madre.
“NOOOOO” rantolò mentre l’uomo impugnava a piena mano il sesso di lei solleticandole il taglio delle grandi labbra facendole schiudere per poi penetrare solo un poco.
“Sei bagnatissima, senti che figa bollente ti ritrovi. Ti piace,eh?:” Grugnì il vecchio porco. Mia madre ebbe come un mancamento. Le dita dell’uomo ne approfittarono e penetrarono tra le grandi labbra, il medio andò ancora più dentro manovrando in rotazione e sfregamento. Era uno spettacolo, una mano del Mucciotti posata sulla natica la palpava decisa, l‘indice dell’altra sta stuzzicando l’interno della vagina ed il pollice tormenta il clitoride, la bocca incollata sempre al seno succhiandolo come un pupo. Il respiro di mia madre si era fatto affannoso, stava tutta molle appoggiata all’uomo, se non l’avesse sorretta sarebbe crollata a terra. Lui imperterrito contnuò nel suo lavorio. Con sorpresa notai che le dita infilate nella figa di mia madre erano due, stavo assistendo ad una cosa completamente nuova. Con i miei compagni di scuola si era parlato di patatina delle ragazze e di cosa fanno i grandi , ma assistere, non visto, a quanto stavano facendo il proprietario di casa e mia madre ha dell’incredibile.
Sentii mia madre gemere poi la vidi crollare, le si piegarono le gambe, tremava tutta mentre continuava gemere. “Noooo! È troppo. Basta la prego, basta” strinse le cosce nel tantativo di bloccare qulla mano che la sconvolgeva. Si appoggiò completamente a lui che alzatosi si è allentato la cinghia dei calzoni le bacia il collo e la bocca. Mamma a questo punto pareva essere tornata in se perché rifiutò quel contatto. Poi la vidi scostarsi e guardare in basso, come se qualcosa le dasse fastidio, ebbi la possibilità di vedere anch’io il pene dell’uomo poggiato contro il ventre di mia madre, una cosa enorme lunga e grossa con un glande che pareva una grossa prugna tanto era viola, guardai il mio e mi parve misera cosa, ma ero solo un ragazzetto. Il porcone le sussurrava tenere parole d’amore. “Signora bella non credi sia il momento di dare un poco di piacere a questo tuo ammiratore?”
Mia madre a quelle parole ebbe un netto rifiuto “No! Ora basta hai avuto quello che hai chiesto , mi hai vista nuda, mi hai toccata ,ora basta.”
Il porcone continuò a lusingarla “Ci possiamo mettere d’accordo, un uleriore aiutino potrebbe convincerti?”
Mamma, riluttante disse " Cosa mi fai fare non sei ancora contento di quello che hai avvuto”
lui convincente aggiunse, ”Dai poco poco non ti chiedo mica la luna, no!
“Va bene, ma facciamo una cosa veloce, prima che torni mio figlio da scuola....e questo è un nuovo accordo voglio scalati altri quindici giorni di affitto da quelli che le devo" ribatte mia madre ormai persa.
"Non preoccuparti, pagamento espresso..." ghignò il vecchio. Si sfilò completamente la giacca e i calzoni rimanendo orribilmente nudo, con il suo incredibile membro duro e ben sostenuto in orrida vista. Un grinzoso pene marrone, esageratamente lungo ed uno spessore incredibile . il glande completamente scappucciato aveva un colore viola ed era paurosamente grosso, sotto tanto cazzo due grasse sfere ricolme di represso desiderio. . Il padrone di casa, con un sorriso maligno cominciò a masturbare il suo grosso pene, talmente grosso e lungo che neanche le sue due mani messe insieme riuscvano a contenerlo tutto. Il glande era diventto ancora più grosso e rosso come una prugna matura. Nonostante l'età avanzata era rigidissimo, piccole gocce perlacee di liquido precoitale imperlavano la fessura in cima al suo randello. Mamma, ormai completamente presa da quel mostro di carne mosse il suo meraviglioso corpo e il monumentale seno verso il febbricitante uomo. Si chinò sull'anziano e cominciò a maneggiare con difficoltà quell’enormità per poi servirlo oralmente con sapienti colpi di lingua, ingurgitando per quanto possibile il suo enorme e vigoroso membro. Sapiente e servizievole continuò il suo dondolio della testa su e giù fintanto che il vecchio comincò a tremare irrorando la gola di mia madre con calde pompate di sperma. Mamma, quasi smascellata nello sforzo di contenere in bocca quella spropositata cappella, quasi si strozzò ricevendo quel mare di seme in gola. Poi prese in mano il turgido obelisco e lo pulì avidamente di ogni residuo disborra.
Il vecchiò, per nulla sfiancato ma ancora potentemente intostato, si rizzò e spinse mia madre sul tavolo della cucina "adesso saldiamo il conto..." disse solleticando il carnoso e arrossato orifizio di mia madre con la sua avida bocca, ne aspirava il clitoride facendo gemere e contorcere mia madre, le mani ancorate sui seni intente a strapazzale le tette.
“Oddio!Dio mio!basta non ce la faccio più, smetti per piacere,basta!” Lentamente l’uomo si solleva staccando la avida bocca dalla vulva di mamma , che pensando lui avesse dato ascolto alle sue suppliche, gemette:
” Dio mio mi hai distrutta mi hai fatto godere come non mai.Sei tremendo , anziano ma terribile. Mai mio marito mi ha fatto godere così:” Intanto il porcone si era posizionato tra le cosce spalancate di mia madre, che coricata sulla tavola di cucina presentava la pelosissima fica con l’aperura vaginale giusto all’altezza dell’enorme fallo di lui, che con sapiente maestria cominciò a spenellare il glande contro la fessura fradicia di umori ed oscenamente spalancata . Mia madre a quel contatto ebbe un sobbalzo sollevò la testa guardandosi tra le cosce e vedendo quello che l’uomo stava facendo strillo “Oddio, che cosa vuoi fare? Non avrai mica idea di mettermi quel tuo cosone dentro. Non se ne parla nemmeno.”
“Dai cuoricino mio, lascia che ne metta un poco dentr, guarda metterò solo la punta, ti giuro. Dai lasciami fare:”
“Ma neanche per sogno. Prima si era detto solo guardare,poi ha detto rifacciamo le regole tocchiamo un poco. Infine ti ho succhiato mi hai leccata tutta,e devo dire che mi è piaciuto tantissimo ma lasciare che tu mi sventri mettendomi dentro quell’enormità,no! no! Dentro non si può,non se ne parla nemmeno. Non voglo per due motivi uno è mio marito che non ho mai tradito fino a oggi, l’altro è che ho paura di essere ingravidata. Vi conosco bene voi uomini , prima si stai tranquilla e poi via e a rimetterci siamo sempre no i povere donne.” Così dicendo, mia madre fece per mettersi a sedere sul tavolo e scendere; ma il mostriciattolo la spinse nuovamente giù tenendola fema con una mano mentra con l’altra guidava l’enorme cappella contro la vulva di mamma che continuava adibattersi e a strillare “No, per piacere dentro no!” Lui pareva essere sordo alle sue preghiere continuava a sfregare il grosso glande lungo la fessura della vulva separando bene i peli, sfregandolo su fino al clitoride e giù fino al buco del culo fino a quando la fica di mamma non si aprì come un fiore allora, appuntato il glande contro l’orifizio della vagina prese a spingere. Seppur lubrificata dagli umori e dalla saliva della leccata precedente, per la figa di mia madre quell’ospite era veramente troppo grosso. “OOOOOHH pianoooo!, fai piano hai un tronco tra le gambe, mi stai facendo male” Lui con continuità faceva penetrare il glande poco alla volta. Era davvero bravo a far scivolare dentro mia madre e invadere il pertugio con il grosso bastone incredibilmente rigido e fermo. Mia madre, vista l’inutilità delle sue richieste di fermarsi, cercava di agevolare la difficile penetrazione contorcendosi per variare l’angolo. Ad ogni spinta dell’uomo, lei rispondeva con un “Aaaaggghhh, hoi, fa male piano” Finalmente l’uomo riuscì a spingere quel suo palo per tutta la sua lunghezza dentro la vagina. Si infilò fino allo scroto in un profondo affondo, nelle sode e morbide carni della povera mamma, che non senza evidenti segnali di dolore, dovuti all'enorme dimensione del sesso di lui, inarcò la schiena. Una volta preso possesso della vagina restò piantato immobile in lei dando la posibilita alle paret vaginali di adattarsi all’intruso.
“Hai visto signora che sei riuscita a prenderlo tutto, non esiste fica che non riceva un bel cazzone, lo senti?” grugnì l’uomo mentre mia madre gemendo diceva: “Non ti muovere per l’amor di Dio resta fermo mi sento scoppiare. Questo per me è un boccone troppo grosso, me lo sento in gola. NOOOOO,fermo mi stai spingendo l’utero nella schiena.”
Il vecchio si era mosso, un poco per volta, con movimenti lenti un po’ dentro ed un po’ fuori , l’uomo prese a cadenzare i movimenti del coito “Ooooohhh,” gemeva mia madre ad ogni sua spinta. “Brava signora stai tranquilla mi muovo adagio , anche a me piace chiavare lentamente, c’è più gusto, me lo stai stringendo che è una meraviglia” disse l’uomo con soddisfazione. Lo vedevo muoversi lentamente piano piano fuori ,quasi ad uscre completamente fuori, poi spingere il pene lentamente dentro fino a schiacciare l’enorme cappella contro il muso di tinca, almeno così penso oggi con la mia esperienza.. Mamma continuava a rantolare ma in modo diverso, ora lo invitava a muoversi, lo sentiva bene “MI sta piacendo come lo fai, ora mi sono adeguata alle tue dimensioni. Mi piace ma ho troppa paura di restare incinta, levati ti prego.” lo pregava mia madre , e lui:”tranquilla sei troppo una gran figa per levarmi ora.” Continuando nel suo lento andirivieni.
Che l’uomo si stesse gustando la mia mamma lo capii da come le mise le sue grosse mani sotto le natiche attirandosela contro. La risposta di lei fu immediata “Aaaaaaggghh,noooo dove vuoi arrivare, basta mi stai schiacciando la bocca dell’utero , non puoi entrare più di così. Basta levati ho paura è tanto che lo stai facendo sento che stai per godere, ti prego levati” Il Mucciotti pareva sordo, i suoi affondi erano aumentati ormai , come diceva mamma,doveva essere prossimo all'orgasmo, dopo pochi minuti di martellante stantuffare, l'anziano cominciò ad ansimare e ad irrigidire tutto il suo corpo in spasmi aritmici. Mia madre, in preda a fondati timori, si ricordò della pericolosità dell'imminenza dell’orgasmo dell’uomo, in quanto ancora fertile lei (e nel peggior momento del mese) glielo aveva detto più volte, sapeva che lui era certamente fertilissimo, nonostante la veneranda età. Lo invitò ancora levarsi a non venirle dentro, lo stava ancora supplicando, quando d'un tratto l'anziano inarcò la sua schiena, strinse fermamente le grosse mani sulle natiche e grugnì attirando vigorosamente i fianchi di mia madre ancor più contro i suoi. Il poderoso perno era scomparso alla mia vista , stava completamente piantato nella vagina, quando cominciò a pulsare e contrarsi , riversando dense e collose bordate di sperma, frutto del suo turgido e pesante scroto, nel fertile utero di mia madre. Milioni di spermatozoi fluivano inarrestati dal profondo del vecchio derelitto dritti nell'utero inerme. Cascate di denso seme si riversavano nelle tube, fin dentro le ovaie, nel suo più intimo antro, con il rischio di fecondarla. Lei gemette un “NOOOOOOO!dentro no,mi stai sborrando dentro, maledetto, che cosa combini. NOOOO,così mi rovini” le disse che lo sentiva, caldo e prorompente, in quantità tali da debordare fin di fuori, dall'oltremodo slargato antro, fin sul tavolo, a formare un denso e copioso cumulo di seme. Era sicuramente impregnata di seme di quel meschino anziano, che si sfilò, solo dopo aver riversato fino all'ultima goccia del contenuto delle sue grasse palle. Ancor con le mani sul prosperoso seno di lei, ammiccò malizioso, e le carezzò il ventre.
"Mi hai ripagato adeguatamente ora, mia cara signora". Il vecchio si rivestì. Riuscii a sgattaiolare via dal mio posto di osservazione prima che lui uscisse, poi tornai ad osservare dalla tenda. Sfinita, mia madre si rialzò, mentre dal suo sesso colavano copiose dosi di colloso seme. Fui nuovamente costretto a nascondermi. Ella si recò in bagno cercando di lavare via quanto possibile i copiosi resti del suo "pagamento". La sera il babbo tornò, felicitandosi del miracoloso buon cuore del padrone di casa.
La sera mia madre mi mandò a letto presto ancora turbato per gli avvenimenti di quel giorno non riuscivo a dormire, sentii allora dei rumori dal salotto e mi alzai per andare a vedere, li c era mia madre che cavalcava mio padre seduto sul divano con lei che mi dava le spalle, dopo poco sentii mio padre ansimare profondamente segno dell’ orgasmo che lo aveva travolto, mentre mia madre si piantava il suo cazzo piu profondamente possibile.
Sicuramente mamma aveva fatto tutto ciò per regolarizzare la gravidanza. A quel punto io me ne tornai a letto, nel vano tentativo di prendere sonno.
Mio padre doveva aver apprezzato particolarmente questa inusuale botta di passione di mia madre perche dopo mezz’ ora sentii il letto cigolare e mia madre ansimare a quel punto sapevo cosa voleva dire e non mi stupii piu.
Io non ebbi mai modo di sapere quante altre volte il nostro padrone di casa venne a riscuotere l’affitto ma ebbi modo di vedere il ventre appena rigonfio e l'ingrossamento (per quanto possibile) del suo già maestoso seno , inevitabile segno dello stato di gravidanza di mia madre, prossima alla nascita di una sorellina.
La beffa fu che mia sorella è identica a mio padre segno che fu lui a fecondare mamma quel giorno. Potrebbe sembrare un lieto fine ma
la storia non fini li, ma gli arretrati si sono continuati ad accumulare perché oggi a 8 anni di distanza io ho anche due fratelli maschi di 2 e 3 anni grassi come il Mucciotti che nonostante l’ età non ha mai avuto difficolta a scoparsi mia madre. Mio padre ha comprato l’utilitaria per andare al lavoro ringraziando la generosità del signor Muciotti che ha preso mia madre per fare le pulizie in casa pagandola profumatamente. Chissà se si sarà reso conto di portare le corna?

Questo racconto di è stato letto 3 2 1 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


mature racconti eroticia 69 racconti eroticierotici taccontistorie di sesso al cinemastorie pornofoto di trans superdotatifaccio l'amore con mio figlioguardami cornutoracconti erotici di moglieracconti erotici farfallinaracconti eoriticracconti erotici.comracconti di sesso tra parentirracconti eroticiraconti eroticeracconti erotici autobusracconti incentuosiracconti di tettoneracconti porboracconto di un tradimentoraccon ti eroticierotici racconti incestoracconti porboerotiche storieracconti erotici prima segasorie pornostorue pornotravestiti raccontiracconti incesti lesboannunci69 .itla troia di mia cuginaracconti porno amatorialistorie eroticaconfessione eroticheracconti wroticiracconti investistori pornoerotici raccpntiracconti incestuosi veriscopateconanimaliracconti porno nonnaracconti porno freeracconti erstorie di sesso incestieritici raccontiracconti trasgressiviracconti annunci 69erotici racconti gratisla troia di mia suocerai piedi di mia suoceraracconti erotici in pubblicoracconti di mogli zoccoleracconti per adulti gratisracconti porno con animalistorie porniracconti sex 69racconti erotici mamma figliaraccomti pornoincest raccontistorie di e per adultii racconti miluzia e nipote racconti eroticii generi dei racconti gayfotoracconti pornoorgia raccontoracconti erotic iincesto con cuginaerotiraccontistorie di corna e tradimentiracconti porno troieracconti scabrosieroticiraracconti erotici con anzianii raccconti di miluracconti sroticistorielle pornoeritici raccontiwww raccontimilu comracconti safficomogli puttane racconti