Sveta e Ukra. Dall'Ucraina con furore badanti del cazzo

Scritto da , il 2020-05-23, genere trio

Racconto Vero
Stanno passando i giorni e finalmente questa terribile stretta da corona virus sembra allentarsi. Senza clamori e senza particolari scene di esultanza, sia pure con prudenza stiamo ritornando a vivere. Ukra svolge le sue attività ritornando ad una vita quotidiana e lo stesso sto facendo io. Qualche giorno fa, mentre guardavamo la televisione, dopo il pranzo, Ukra ha ricevuto una telefonata che le ha fatto molto piacere, e a dire la verità anche io ho partecipato di questa felicità, perché Sveta ossia Svitlana, una sua cara amica, è una amica anche mia. Lei è una donna ucraina, fisicamente assai prosperosa, specie di seno e devo dire che ogni volta che la vedo mi suscita una passione carnale di cui Ukra è ben cosciente. Il seno di Sveta è sconvolgente, se dobbiamo parlare di misure le è una ottava, che Sveta porta tranquilla e orgogliosa come se niente fosse, suscitando sempre il desiderio degli uomini che la incontrano, allo stesso modo di ciò che accade per il culo prosperoso di Ukra. Queste Ucraine sono fatte così, amano il loro corpo, senza limite e non hanno mai problemi a mettere in mostra tutto quello che hanno. Hanno il piacere di essere come sono. Da quanto sentivo mi è sembrato di aver capito che le due donne avevano voglia di farmi una sorpresa, ma non sapevo di preciso di cosa si trattasse. Di solito le donne ucraine sono imprevedibili, del resto quando parlano fra di loro parlano in russo o in ucraino ed è difficilissimo comprenderle, perché parlano molto veloci. Ukra si era avvicinata con il telefonino a me, e così anche io ho potuto scambiare alcune parole in italiano con Sveta, diversi sorrisi, e ho comunque avuto il tempo di poter vedere che Sveta era la solita vaccona desiderosa di cazzo. Era in casa per cui la maglietta tentava con molto sforzo di contenere tutto quel ben di dio di tettone senza bdy. Avevamo scherzato anche sul fatto che la trovavo veramente molto bene e lei mi aveva fatto come al solito i complimenti. Sapevo che Ukra parlava con le sue amiche della mia potenza sessuale e sapevo che loro mi ammiravano per la resistenza e per il fatto che il mio cazzo era sempre ritto e pronto. Le ucraine sono donne a cui il sesso piace più di ogni altra cosa, come accade per le donne dell’est in genere, ma le ucraine sono molto più spinte e porche, anche se non lo fanno vedere subito. Ukra e Sveta avevano ricominciato a parlare nella loro lingua e io avevo continuato a vedere la televisione. Sentivo di continuo le due donne ridere e sapevo che l’amicizia fra loro era molto stretta. Continuavano a chiacchierare e lo hanno fatto per una ventina di minuti. Alla fine della telefonata Ukra mi ha detto che Sveta era depressa. Le ho chiesto come mai e lei mi ha risposto che il suo compagno moldavo, più giovane di lei, era dovuto andare a lavorare fuori Roma ed ora era un bel poco di tempo che non scopava. Ukra mi aveva sorriso. Sapevo che Sveta era una gran porcona, una cazzo dipendente, e che se non prendeva il cazzo di continuo andava in depressione. Ad un certo punto tra il curioso ed il divertito mi aveva detto di averla invitata questa sera ed io ero rimasto di sasso. A quel punto Ukra sorridente mi aveva detto: cosa vi è di male è una mia amica e poi non hai sempre detto che ti piacciono le ucraine vacche….magari te la fai? e aveva sorriso. Sveta era arrivata alle 19 e ci siamo salutati calorosamente, aveva la mascherina, ma aveva anche detto che a lavoro le avevano fatto i controlli con tampone. Ukra era perennemente in cucina, mentre Sveta si divideva tra cucina e soggiorno parlando con Ukra e ridendo di gusto, e scambiando parole con me. Dopo aver cucinato, mentre Sveta portava a tavola il tutto, in perfetto stile ucraino, Ukra era andata a cambiarsi e io e Sveta siamo rimasti soli, seduti sul divano. Sveta Aveva un top nocciola che evidenziava quel suo seno devastante. Era troppo grosso, non potevo che pensare a tutte le voglie di questo mondo che quel seno mi suscitava. I pantaloni erano molto attillati e il culo era anch’esso molto prosperoso, certo non era mastodontico come quello di Ukra, ma era grosso. Mentre io facevo i complimenti a Sveta, arrivò Ukra e mi resi conto che fui messo nel mezzo tra due fantastiche donne. Entrambe con i tacchi e il trucco facevano la loro porca figura. Sveta aveva i capelli molto corti, Ukra più lunghi, Ukra bionda, Sveta bruna. Ukra non mi staccò mai gli occhi di dosso e lo stesso fece con Sveta e quando ci spostammo al tavolo eravamo molto contenti e sorridenti. Io avevo versato un magnifico pecorino di Chieti, con olive e scaglie di parmigiano e tutti avevamo fatto un ottimo aperitivo. Ukra è stata tutta la sera effervescente, mentre Sveta ha sorriso molto ma si è dimostrata timida. Abbiamo bevuto anche nel corso della cena e tutto è servito per farci scoppiare in lunghe risate, mentre io cercavo di nascondere le mie imponenti erezioni quando Sveta si toccava il seno. La botta finale, tuttavia, la ha data Ukra quando ha proposto la vodka ucraina e li abbiamo bevuto tutti, accomodati sul divano. Ad un certo punto avevo visto le due ucraine complottare e parlottare sorridevano e Sveta sorrideva di più. Abbiamo fatto un altro giro di vodka e poi Ukra mi ha messo le mani tra le gambe, mi ha aperto la lampo, ha tolto il cazzo dalle mutandine e guardando Sveta che sorrideva imbarazzata, lo aveva ingoiato subito. Ha fatto delle cose straordinarie sotto lo sguardo di Sveta e Sveta si è avvicinata eccitata. Che tette che aveva, che capezzoloni e quando Ukra ha voluto, mi sono ritrovato pompato da Sveta, la super tettona mi spompinava come un mantice. Godevo come un vero maiale e pure se tentavo di togliere il mio cazzone dal suo forno non ho potuto fare molto, Sveta era una porcona terribile. Aveva perso le inibizioni ora aveva fame. Ukra aveva ragione eccome, Sveta sapeva ciucciare il cazzo ed era una grande vaccona. Le tettone le pesavano un quintale. Ormai si preparava una di quelle notti da sballo. Ukra spogliò lentamente Sveta e la donna ha avuto così la possibilità di prendere confidenza sbaciucchiando Ukra. Ukra mi aveva disteso sul tappeto e iniziava a baciarmi, mentre incitava Sveta. Una vera latteria, fantastiche le sue montagne e Ukra si divertiva a vedermi come la leccavo, come la succhiavo, e come la mungevo, mentre lei faceva versi di eccitazione simili a miagolii. La figa di Ukra iniziava ad inumidirsi. Puntai sulla mia specialità e diedi fondo con la mia lingua, le labbra e le dita ad un intenso lavorio sulla figa di entrambe, soprattutto il clitoride. L’esito fu fatato per entrambe bagnatissime. Dalle fighe delle due donne colava nettare, ma mentre Ukra cercava il rapporto duro e forte, Sveta cercava di rallentare. Ukra era attratta dalle tettone dell’amica e si dava da fare tra i sorrisi imbarazzati di Sveta e la leccava e la succhiava, invitandola a fare lo stesso con il suo seno. La donna ora era masturbata da Ukra e aveva iniziato ad ansimare e a gemere senza tregua. Ukra mi spingeva il volto nella fica di Sveta e Sveta ora sentiva il piacere e iniziava a spingere dentro il mio viso. La mia lingua aveva preso d’assedio il clitoride di Sveta, che eccitata rispondeva ai baci di Ukra e la toccava avidamente. Alternativamente succhiavo la vagina di Ukra e quella di Sveta che aveva un ciuffo di peli sulla parte superiore molto eccitante. Sveta ora che si stava liberando si dimostrava un gran puttanone. Quando rivolgevo le mie attenzioni a Sveta, Ukra si allertava e faceva di tutto per riprendermi. Le donne avevano un’intesa perfetta. Ero risalito in cattedra e avevo iniziato a possedere con la mia bocca e le mie mani il magnifico seno di Sveta. Lei era tutta da succhiare da possedere intensamente. Gli scambi di baci e di slinguate erano furenti, ciucciavo all’impazzata, del resto, le tettone mi hanno sempre fatto impazzire. Ero eccitato e lo stesso era per Ukra che sapeva anche fare da seconda. Sveta venne e venne e venne e più veniva, più concedeva spazio ad Ukra che allargava le gambe e aveva ormai il mio cazzo dentro. Avevo iniziato a pompare Ukra, mentre Sveta, come impazzita, mi offriva le sue magnifiche tettone. Ukra soddisfatta ansimava e godeva, mentre Sveta godeva del piacere che Ukra le trasmetteva. Si dimenavano dal piacere ambedue, si toccavano e si premiavano a vicenda. Stava prendendo una giusta piega il triangolo. A questo punto tutto era perfetto. Le feci stendere l’una di seguito all’altra e ricominciai a succhiare alternativamente la figa di Ukra e poi le tette di Sveta, spesso richiedendo la loro collaborazione nella realizzazione di ditalini. Ukra sgrillettava molto bene Sveta mentre io succhiavo e possedevo con un piacere immenso tutte e due. Salito su Sveta mi imposi per una fantastica spagnolona. Non avevo mai avuto tettone così grosse e Ukra aveva iniziato a collaborare come una favolosa gregaria. Sveta intrappolò il mio cazzone fra i suoi seni e io iniziai a possedere le poppone, mentre Ukra era dietro a me e mi slinguava l’ano, infilandomi di tanto in tanto alcune dita nel culo. Godevamo come matti, Sveta era splendida, aveva trovato una posizione per cui il mio pene passato il tunnel fra i due seni arrivava alle sue labbra e lo sbocchinava. Era incredibile, mi confezionò una spagnola accessoriata. Ukra stava invece facendo un lavoro eccelso a livello perianale e ora la sentivo leccare le mie natiche. Era tutto un gemito con Sveta che mi incitava con la voce arrochita dalla bestialità della scopata. Risoluta Sveta strinse le poppe e iniziò a contorcersi e allora ebbi l’eruzione di orgasmo, tutto sul magnifico seno. La leccai senza tregua e lo stesso fece Ukra. Prese una posizione talmente insolita e eccitante sul corpo di Sveta che non mi fu difficile entrale nell’ano e lei ben presto si sistemò alla pecorina, con me che iniziai ad assaltare il suo culo con violenza colpi veemente. Toccò a Sveta lavorare con le dita la vagina dell’amica e Ukra iniziò ad orgasmare in maniera così violenta e continua che sembrava non finire più, mentre Sveta mi urlava di continuare a prendere Ukra di culo, sempre più forte. Stavo per inondarle il retto e lo dissi provocando un incremento dei ditalini in figa da parte di Sveta con Ukra che urlava. Fu lungo e interminabile clistere di sperma. Ukra sorrise dicendo che saremmo potuti andare a letto e cosi facemmo. Quasi subito mi ero ritrovato le mani di Sveta che accarezzava il mio pene, mentre io masturbavo Ukra. Fu a questo punto che Sveta scese con la bocca a ingurgitare il mio cazzone e mi succhiò e leccò senza tregua mentre le sue tettone ballavano la danza del sesso. Vedendo Sveta spompinarmi, Ukra ebbe un carico di eccitazione e riprese l’iniziativa mordicchiando e succhiando i capezzoloni di Sveta. L’attrazione animale era feroce e con quattro sapienti ancheggiamenti, io ero in preda al desiderio più folle, mentre Ukra sorrideva. Il pene era duro e lei era morbida carnale con il suo solito culo abbondante, i fianchi pieni, possenti e le poppe straripanti. Le cosce erano poderose. Il culo della donna mi faceva impazzire. Non volevo ne potevo distogliere lo sguardo, con lei che mi incitava. Era dolce sicura, tenera ma prepotente. Sapeva cosa fare, come sempre. Le ho preso d’assalto il seno, ho succhiato i capezzoli e ho iniziato a leccarla intensamente. Sono sceso all'altezza dell'ombelico, della pancia e poi più giù...sempre più giù. L'eccitazione che provavo era incontenibile. Tutto era un gioco. L’ho messa a pecorina. Quei baci quelle carezze, in ogni parte del suo corpo, l’area perianale e l'ano, il buco, il suo odore, le mie dita dentro. Ukra ostentava la sua femminilità aggressiva e io non volevo che si fermasse. La mazza era sempre più dura, mentre Sveta e Ukra oramai si slinguavano e poi Ukra aveva preso prepotentemente possesso anche dei grossi seni di Sveta, che si faceva succhiare e leccare parlando nella loro lingua. Io ero allibito e subito ho fatto partire il video. Ukra lavorava Sveta e lei era diventata liquida. Si era rivolta a me e mi aveva invitato ad intervenire accompagnandomi verso il corpo di Sveta e io ho iniziato a titillarle il clitoride. Sveta ansimava, ansimava e gemeva in maniera continua. Se me lo avessero raccontato, se non lo avessi visto con i miei occhi e se non vi fosse la telecamera non potevo credere che quelle due porcone si amassero così tanto. A questo punto entrambe si erano rivolte a me, con abili manipolazioni e con giochi di lingua si preparavano ad un bocchino a due, prima Ukra e poi Sveta a ritmo frenetico. Le lingue guizzavano sopra il mio pene in maniera splendida non volevano farmi venire ma farmelo ingrossare e godere di me e di loro stesse. Io intanto avevo notato che Ukra continuava a titillare il clitoride di Sveta e la donna aveva stretto le cosce per non far finire questo delicato perverso godimento. Ukra si era tuffata con la faccia e Sveta orgasmava ai giochi di lingua dell’amica. La mano di Ukra era zuppa, ma le dita lavoravano la figa di Sveta con piacere di entrambe. Sveta era eccitata all’inverosimile, mi toccava e sentiva il mio pene turgidissimo. Ukra mi guardò e fece un cenno e immediatamente mi trovai quella vaccona di Sveta sul mio cazzo che galoppava in maniera scatenata, mentre io mungevo e spremevo le sue tettone con Ukra che si mostrava evidentemente compiaciuta e che incitava in russo Sveta. Le cosce di Sveta si chiudevano e si aprivano come un mantice e io ho iniziato a godere da impazzire sotto gli occhi di Ukra. Con molto sforzo la ho ribaltata e alzandole le cosce in alto mi sono infilato nel tunnel più interno, mentre Ukra si è messa a pecorina permettendo di invaderla con le mie dita avide. Fottevo nel culo Sveta mentre con le dita infilavo il buco nero insaziabile di Ukra. Il mio cazzo andava a meraviglia. Gli occhi di Sveta erano socchiusi e prendevano tutta l’intensità dell’inculata mentre Ukra scalpitava vogliosa. Non le bastavano le dita in culo. Stavo raggiungendo il momento fondamentale dell’inculata e mi sono concentrato sul culo di Sveta, mentre Ukra le sditalinava il clitoride. Sveta inarcava la schiena e il bacino rendendo tutto più facile e facendomi entrare in profondità. Tra un gemito e un mugolio si stava prendendo tutto. La donna in preda all'eccitazione godeva anche della ansia di Ukra che oramai si sditalinava e mungeva le sue tette a labbra strette e serrate tra i denti. Non sono riuscito più a resistere e ho inondato il culo di Sveta che aveva urlato fino alla fine. Ukra si è subito avvicinata e Sveta la ha accolta con uno sguardo sereno. L’odore di Ukra mi faceva impazzire, tutto era oramai un cocktail di odori: saliva, umori vaginali, orgasmo mio e tanto tanto sudore, tutto in abbondanza. Ukra aveva messo in campo tutte le sue straordinarie qualità di gran porca, così aveva aizzato in poco tempo i miei istinti sessuali più osceni nell’incularla a sangue e io ho incominciato a sbatterla come un indemoniato, nel culonazzo suo maestoso, mentre mi incitava a gran voce. Lavoravo con le dita presidiando la vagina che titillavo con vigore. Mi stimolava questo gioco con due donne finalmente entrambe forti e resistenti. Andavo sempre più forte nel culo di Ukra e lei mi accoglieva con sempre maggiore coinvolgimento.. Finalmente sono andato a segno anche nel culo di Ukra, mentre Sveta era ancora surriscaldata come una cagna ed era venuta a cercare il cazzo da mettere tra i seni. L’intesa fra Le donne funzionava sempre più. Erano eccitantissime. Una orgia di toccate, di succhiamenti, di carezze con Ukra che saliva...mi montava e poi lasciava spazio a Sveta che a sua volta faceva lo stesso e mi donava i suoi seni troppo grandi per una donna sola. E’ stato un passaggio da una figa al seno, al culo, di entrambe, finché non sono venuto ancora. L’ultima sgroppata prima dell’uscita del seme era stata per Ukra, mentre Sveta ha preso gli ultimi schizzi nelle tettone. Ricominciammo con i giochi erotici, le toccate i pompini finché il mio cazzo non riprese forma e a ciò ha senz’altro contribuito un fantastico 69 tutto al femminile, con Ukra che faceva impazzire Sveta dimostrando le sue fantasie oscene. Le aveva fatto di tutto utilizzando un dildo e un butt plug in modo tale che Sveta. Ukra sapeva che queste erano le cose che mi facevano impazzire. Ricominciai la mia cavallina entrando nel culo dell’una e poi in quello dell’altra a turno a pecorina e Ukra era era la più ingorda, ma l’orgasmo questa volta finì in una spagnolona fantastica sulle tettone di Sveta. Mi hanno consumato soprattutto per le emozioni. Abbiamo riposato diverse ore, poi è stato un gioco a desiderarci e questo mi è piaciuto molto. L’indomani abbiamo fatto una magnifica doccia e mentre Rita e Ramona chiacchieravano e ridevano, sono andato in cucina a trovare un vino fresco. Non sentendo più voci, mi sono affacciato per sbirciare nel soggiorno e ho visto Ukra che confidenzialmente stava carezzando i capelli di Sveta. Lasciai fare, aspettai diversi minuti, avevo perso interesse per il vino, mentre mi destava interesse quello che accadeva sul divano. Ukra, con disinvoltura aveva messo le mani nel corpetto di Sveta, carezzandole lentamente quelle tettone enormi si stava impadronendo della bocca della donna con un bacio voluttuoso e le aveva messo le sue mani sulle cosce, denudandola nuovamente. Ukra era una vera porca. Infilò come se nulla fosse la mano nel perizoma di Sveta, senza parlare e soprattutto senza farla parlare, infilandole la lingua in bocca e la limonò Ero eccitato a vedere lo spettacolo e senza fare rumore particolare andai a prendere la telecamera. Sveta ormai rispondeva alle avanches di Ukra da perfetta pornostar, gemette, ansimò, e si torturava la vagina di fronte a me, mentre Ukra le divorava il seno con una foga maschile. Era la faccia del desiderio, agiva senza pudore. A quel punto mi fece segno di intervenire, e mi fece posizionare dietro di lei e mentre Sveta godeva come una maialona, io entrai nella figa bagnatissima di Ukra. La ucraina sentiva tutti i colpi dentro l’utero, mentre Sveta mungeva da sola quelle poppone. Non riuscivo a sborrare. Sveta era giunta in soccorso succhiando i testicoli, massaggiandomi in piena corsa e facendo si che riuscissi a sfogarmi, ma non ci riuscivo, mentre Ukra era cotta. Sveta guaiva laida ma posizionatomi sulle tettone, bisbigliò con Ukra un attimo, si sorrisero e Sveta iniziò amuovere le sue tettone con il mio cazzo dentro in un modo tale che mi sembrava di essere in un frullatore e mentre io gemevo eccitato lei accellerò e io ebbi la sensazione della centrifuga, dopodiché esplosi tutto l’orgasmo che avevo dentro e anche quello che non avevo mentre vedevo Sveta bere tutto insieme ad Ukra e il mio cazzo fu pulito e asciutto. Abbiamo fatto la doccia,
Abbiamo mangiato insieme e poi Ukra ha accompagnato Sveta a casa. Mi rimane il bacio in bocca che Sveta mi ha dato, l’odore delle sue tettone sudate piene del mio orgasmo e i fantastici video che ho rivisto. Tutto è stato meraviglioso e spero si possa replicare al più presto ma ripeto chi cerca badanti del cazzo….le Ucraine sono le migliori porche

Questo racconto di è stato letto 2 1 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti veri sexclistere erotico raccontiracconti di bdsmmilu' raccontisottomessa racconto di una segretariaracconti porno sexstorie erotiche lesbichestorie porno cuckoldgiochi erotici raccontiracconti porno vecchieraccontisessoracconti di sculacciate erotichefottimi porcoracconti massaggi eroticimarito cornuto bisexracconti erotici primo pompinosorpresa a masturbarsiracconti erotici con caneracconti poenoerotici raccomia figlia mi fa un pompinosexi storieracconti eros gratisfoto storie pornoraccontu eroticiracconti incesti pornoracconti feetlettere hard da leggere gratisrqcconti pornocuck raccontiracconti erotici vedovapompino a mio cuginoraconti eroticiracconti erotiiraccpnti milucuckold storieracconti porno suoceramio marito bisexracconti rroticiracconti erotici prima esperienzaracconti incesto eroticiraccontieroticiincesti nonna e nipotecogniataracconti eriticiracconti erotici cugineiraccontieroticiracconti eroticracconti porno culofeticismo raccontistorie di e per adultimilu raccontiracconyi pornoracconti tradimentiracconti mogli puttanercconti eroticistoriw pornoracconti di culoracconti eros incestiracconti sesso a scuolaracconti addio al nubilatoracconti wroticiracconti milyracconti porno milfracconti erotici in busracconti suppostaerotici racvontiracconti erotici distorie footjobracconti storie eroticheracconti di mariti cornutiracconti erotici al cinemaracconti eroticuracconti di sesso in vacanzaraconti pornoracconti porno gayracconti maritoracconti di scambio coppiainculata da un vecchiodonna che scopa con un cavallosi fa scopare dal caneveri racconti pornomi sono scopato mia cognatastorie etoticheracconti eoritcimia sorella mi provocaincesti storie vereracconti porno moglieporno confessionimammeincestuoseracconti erotici mammaraccnti pornostirie pornostorie di sesso con animaliracconti erotici vergineracconti erotici cugineracconti erotici sadomasoracconti erotici cornutostorie porno italianeracconti italiani porno