Shine on you crazy diamond

Scritto da , il 2020-05-23, genere esibizionismo

«Remember when you were young.. (nanannananana)
you shone like the sun (dudun)
Shaaaaaaaaaain on you creeeeeeeeezy diamond».

Cazzo che meraviglia!
Il paradiso esiste ragazzi ed è tutto racchiuso fra le pareti di questo minuscolo bagno.
La vasca piena d’acqua calda, la temperatura assolutamente perfetta. La schiuma bianca a far da nuvola galleggiante in un aroma di mandorla speziata.
Il grande Roger Waters che canta e in ogni parola detta legge a nuove generazioni di rivoltosi (addirittura!). La sua musica è un inno alla testa, a chi ce l’ha, a chi la sa usare (tipo te?).
E poi un grande, superbo “cannone” fra le labbra: erba ovviamente (l’erba di Matteo) l’ideale per serate come questa. Dovrei invitarlo più spesso quel Matteo, ogni volta mi lascia dei bellissssssssimi regali.
Il bagno è illuminato dalle luci delle candele profumate, sembra di stare (in un cimitero) in un cimitero!
Seppellitemi sì, voglio morire qui ma non fate, smettere, di, cantare, quell’uomo!

«You were cot on the cossfa (???)
of childud and sarom (scusa?)
boun on the sil biiiiii (la sai proprio tutta eh?)»

Le gambe larghe, spa-pa-ran-za-te! I piedi che oscillano a tempo, beatamente poggiati sul bordo della vasca da bagno, forse dovrei cambiare lo smalto.
(ora dice che vorrebbe provare il nero)
E se provassi il nero? Elegante, no? Troppo.. troppo aggressivo?
(ora ne spara uno impossibile tipo il..)
Potrei farle viola (appunto) un look un po’ “glam”, molto “rock”, decisamente annisettanta. (che però..)
Che però.. sono passati già da un pezzo.
(e se tornassi all’unico colore davvero possibile?)
Rosso! Sì, le rifaccio rosse. L’unico colore davvero possibile. (come sempre)

Ecco le bolle (le bolle?).
Ogni tanto delle simpatiche bollicine borbottano fra le cosce aperte (ma non ti vergogni?) ah.. il lusso di starsene da sole!
E poi c’è il vino (rosso) un bel rosso corposo che accarezza la lingua e scalda la pancia (buonissimo).
Eccolo.. (ahia) eccolo il Sax! (si mette male).
Dio santo che effetto mi fa questo assolo di sassofono. Sarà anche un inno alla testa ma a me sa tanto di.. (di?) di.. (dillo dai) di sesso!
Quest’assolo ti entra dentro, caldo e umido.
Quasi quasi..
(è andata!).


(va beh.. facciamo che da qui in poi racconto io)


Eccomi, come avrete sicuramente capito la nostra bellezza al bagno è totalmente immersa in una delle sue seratine rigeneranti. Ha negli occhi brillanti la luce eterea di una santa in estasi. Più o meno dai. La sua mano sta accarezzando pigramente il seno, le unghie girano attorno al capezzolo che è già vistosamente turgido. Già, perché oltre al vino, la musica, il bagno caldo e la canna un’altro immancabile appuntamento della serata rigenerante è una intensa masturbazione, lenta, sinuosa e meravigliosamente soddisfacente.
Quando il vino è particolarmente buono il suo cuore si scioglie così tanto che l’orgasmo la porta a urlare, sguazzando nella vasca, rovesciando sul pavimento una smisurata quantità d’acqua.
Quando la canna è decisamente forte poi, le capita anche di addormentarsi, subito dopo l’orgasmo, con un sorriso ebete sulle labbra.
È una di quelle cose che ognuno dovrebbe fare, ogni tanto. Non parlo solo della masturbazione ma di tutto un teatrino di coccole di cui il corpo e la mente hanno disperatamente bisogno.
Mai fatto?
Non sapete che vi siete persi.
La mano ora sfiora appena la pancia e in un attimo raggiunge il centro caldo della sua femminilità: la sua fica bollente.
Sarebbe il caso di lasciarla stare alle sue carezze, lo so, ma c’è qualcosa che sta per turbare la sua seratina, una tragedia immane dalle conseguenze inimmaginabili.
La bella è così assorta che il suo cervello, evidentemente assorto dai piaceri primitivi del corpo, ha fatto confusione col calendario. È assolutamente convinta che oggi sia mercoledì.
Ma non è così, la marijuana deve averle bruciato via ventiquattro ore di vita, non solo siamo a giovedì ma è anche un giorno terribilmente importante, per lei, per la sua carriera soprattutto.
Impiegata da tre anni in un’azienda pubblicitaria, finora le hanno sempre dato incarichi di ripiego ma “stasera” ha la possibilità di dimostrare tutto il suo valore creativo.
Che dite? Glielo diciamo?
È un peccato eh, proprio ora che il medio e l’anulare stretti fra loro roteano forsennati sul clitoride gonfio, proprio adesso che la bocca aperta inizia a produrre suoni incomprensibili: la sinfonia del piacere, altro che sax. Con tutto il rispetto.
L’altra mano sta torturando un seno, lo accarezza, lo graffia, lo strizza con forza. Bella eh? Stare qui a spiarla sarebbe davvero entusiasmante ma è proprio tempo di avvertirla, lo dico per il suo bene!

Il suo telefonino, poggiato accanto al posacenere, inizia improvvisamente a vibrare illuminandosi, qualcuno la sta chiamando. Lei apre appena gli occhi e lo guarda mentre le sua mani continuano a darsi da fare. Riconosce il nome del suo capo e il suo cervello annebbiato riesce a costruire tre pensieri fulminei.
Il primo è il disgusto, perché il suo capo è tutto fuorché attraente e ritrovarsi negli occhi la sua immagine in quel momento così intimo le dà quasi fastidio.
Il secondo è una scocciatura: ma cosa diamine vuole “questo qui” adesso? Non gli basta torturarla in ufficio con le sue occhiate da maiale e le sue battutine a doppio senso?
Il terzo pensiero è l’ombra del sospetto che si tramuta in un istante nel vapore acqueo di una terribile sequenza di domande.
Oggi è mercoledì giusto? Ieri era.. ieri era martedì, o no? Ieri sono andata in palestra, ed era, ieri era.. oh cazzo.. cazzo.. cazzoooooooooooooooooo!
L’urlo orgasmico che tutti aspettavamo si è trasformato in un grido di terrore. Oggi è giovedì e secondo il display mancano appena 7 minuti all’incontro con la temuta Santissima Trinità.
L’ufficio dove lavora la nostra distratta protagonista è la filiale di un’azienda molto importante che ha sede a Milano. Tra appena 7 minuti dovrà incontrare i tre “pezzi grossi” che la dirigono, figure quasi mistiche che tutti hanno soprannominato “Santissima Trinità”.
Adesso si alza, di scatto, scalciando via un paio di candele, il cuore continua a batterle forte ma non più per il fantastico ditalino che si stava concedendo, ora è agitatissima.
La prima cosa da fare è rispondere a quel maiale del suo capo.
«Pronto?» dice lei col fiato corto.
«Ehi, che voce che hai! Stai trombando?» e sghignazza. È sicuramente un imbecille ma bisogna riconoscergli che stavolta ha quasi indovinato.
«No.. ma che dici.. mi sto.. mi sto preparando» risponde la bella in evidente difficoltà, esce dal bagno col telefono attaccato all’orecchio, si guarda attorno e non capisce cose deve fare.
«Non ti sei dimenticata della riunione, vero?».
«Ma scherzi – (mica tanto!) – tra poco sono pronta».
«Mi raccomando, non fare cazzate e vedrai che andrà tutto bene».
Non fare cazzate. Non fare, cazzate e vedrai. Non fare delle cazzate e, vedrai, che andrà tuuuuuuttto bene. La voce del suo capo le rimbomba nella testa rallentata dal vino, è tardi bella, è davvero tardi.
Chiude in fretta la telefonata, non riesce neanche a ricordare se lo ha salutato prima di riagganciare, poi entra in salotto e studia un modo per apparire il più professionale possibile.
Già, perché c’è una cosa che ancora non vi ho detto, la riunione sarà trasmessa in video conferenza, attraverso una webcam collegata al suo pc, lì, in salotto, tra appena cinque minuti. Smart working, adesso lo chiamano così.
Vi basta come motivo per essere terribilmente agitata?
Con uno sforzo che pare sovrumano spinge la scrivania e la porta al centro della stanza, così da avere più spazio attorno a sé; sullo sfondo campeggia un batik africano dai toni caldi, le piace dare l’immagine di una donna che ha buon gusto artistico.
Poi si siede e accende il portatile, battendo nervosamente i piedi umidi sul pavimento. Nello schermo nero che anticipa l’avvio di windows si vede riflessa e fa un altro urlo da film horror.
Non ha messo gli occhiali: e questo probabilmente è il danno minore.
Ha i capelli ancora fradici: su questo bisognerebbe, in effetti, fare qualcosa.
È ancora, completamente, nuda!
I suoi seni ondeggiano minacciosi in quel riflesso oscuro, all’altezza perfetta per essere ammirati e apprezzati da tutta la Santissima Trinità.
Per un momento, lo giuro, per un solo brevissimo istante trova la cosa divertente, presentarsi nuda davanti agli occhi di quegli uomini, giocarsi la carriera e godersi i loro sguardi accecati per la sola irresistibile trasgressione di mostrarsi a quei perfetti sconosciuti. Sorride, come una bambina che sta progettando la più grande tra le marachelle. Immagina le proprie mani accogliere i seni, strizzandoli, come per offrirli ai pezzi grossi della società. Poi, per fortuna, recupera un briciolo di lucidità, si alza dalla sedia e riprende a correre per casa, come una matta.
Ora è di nuovo in bagno, per poco non scivola sul pavimento bagnato, fa cadere altre candele e si guarda finalmente allo specchio. Il meraviglioso cannone arde ancora in fondo ai suoi occhi rossi, addolciti dal viaggio psichedelico. Cazzo! Si sciacqua il viso, cazzo, continuando a ripeterlo come un mantra disperato: cazzo, cazzo, cazzo!
Con la spazzola prova ad addomesticare i capelli fradici, rimette gli occhiali da vista e si fionda in camera da letto. Per una persona abituata a dedicare delle ore alla scelta dei vestiti è un’impresa davvero ardua decidere in un lampo cosa indossare. Per fortuna c’è una camicia, bianca, appesa fuori dall’armadio, la indossa spesso per andare in ufficio e sembra proprio l’ideale per improvvisare un barlume di professionalità.
Proprio in quell’istante il programma di videochat inizia a suonare.
Con incredibile puntualità la Trinità sta per fare la sua mistica apparizione.
Non c’è più tempo, se non quello di indossare quella camicia, afferrare il primo paio di mutandine disponibile, infilarle correndo e sperare che nessuno le chieda di alzarsi in piedi. In effetti, perché dovrebbero?

Ora, è il momento.
Ora, tutto succede.
La bella si siede alla scrivania, sforzandosi di recuperare un battito del cuore che non la porti dritta all’infarto, emette un suono che sembra uno sbuffo di risatina isterica, forse per concentrarsi o molto probabilmente perché è assolutamente strafatta di erba.
La sua mano si muove lentamente, raggiunge il touchpad del portatile, lo sfiora appena e lo show ha inizio.
Lo schermo inizia a girare, o forse è la sua testa a farlo, con quel tocco leggero sul pc ha dato il suo consenso a trasmettere la propria immagine a quei tre uomini, come a dire: ora, potete, guardarmi.
Quando il vortice di caricamento del programma si placa l’immagine si fa sempre più nitida permettendole di riconoscere la stanza di un ufficio, una lunga scrivania in radica e tre figure sedute a mo’ di tribunale inquisitorio.
«Buonasera signorina».
«Buonasera.. dottor Locarso».
Il dottor Michelangelo Locarso, un uomo di circa sessant’anni, amministratore delegato di una delle più grandi società pubblicitarie del paese le ha appena rivolto la parola, seduto lì, al centro ovviamente.
«Buonasera signorina» fanno eco i due angeli custodi ai lati del padreterno, rispettivamente il direttore del settore commerciale, a sinistra, austero ed evanescente come lo Sprito Santo e il responsabile del settore creativo, un giovane rampante di cui parlano tutte le riviste di settore, seduto a destra, come fosse il “figlio”.
«Buonasera a voi» risponde lei, col cuore che le spezza la voce in gola.
Ora li guarda, i tre uomini d’affari e ha la chiara impressione che la stiano fissando con occhi leggermente corrucciati, come volessero metterla a fuoco o come stupiti da qualcosa, una sorta di visione inaspettata.
Lei piega appena lo sguardo e cerca il piccolo riquadro che le rimanda la propria immagine. Di nuovo non riesce a non sorridere.
I capelli bagnati, gli occhiali da vista con montatura spessa, le labbra incredibilmente morbide, carnose, appena socchiuse e quella camicia, allacciata con troppa fretta, mostra impudentemente il solco fra i seni, decisamente più del necessario. La stoffa pare stia esplodendo, deformata dalle sue procaci rotondità. Sembra una di quelle sventole che guadagnano soldi mostrandosi in webcam su internet.
Cazzo!
Per fortuna lo pensa ma non lo dice.
Con nonchalance avvicina le mani alla camicia e richiude un bottone provando a darsi un contegno. Non ne è sicura ma le pare per un attimo di leggere un segno di delusione negli occhi dello Spirito Santo.
«Ha ricevuto il “campione” signorina?» le chiede il padreterno con voce profonda.
Il campione? Il suo cervello si accende come un flipper e associa a quella parola l’immagine di un uomo in tenuta sportiva, un uomo con un fisico della madonna ovviamente, lei si perde per qualche istante in quel sogno improvviso e pensa che no, nessuno le ha recapitato in casa un fusto del genere, altrimenti se ne sarebbe sicuramente accorta!
Ma, ovviamente, per “campione” qui, si intende un’altra cosa.
Perché le aziende sono solite inviare ai pubblicitari la merce da promuovere per aiutarli a trovare ispirazione.
Solo adesso lei se ne ricorda, che fine avrà fatto il campione?
«Sì.. certo dottore..» risponde guardandosi attorno.
«E cosa ne pensa?» la incalza lui.
Fumo negli occhi.
E non per la canna stavolta, c’è proprio del fumo intorno a lei, qualcosa, da qualche parte, sta bruciando.
«Cazzo!» stavolta lo dice proprio. Si alza di scatto e si dirige in bagno, senza pensarci, perché è lì che le candele rovesciate stanno incendiando la sua casa.
«Scusatemi un attimo» fa in tempo a dire prima di sparire dalla vista dei tre uomini. Quando arriva in bagno si mette a urlare, la tendina attaccata alla finestra è in fiamme, apre il rubinetto e facendo conca con le mani prova a domare il piccolo incendio, finendo col fradiciarsi ancora di più.
Eccola che torna, sempre più in affanno e improvvisamente in imbarazzo, si saranno accorti di qualcosa?
La cosa certa è che ora, i tre santi, hanno accesso a un’altra incredibile visione. La stoffa umida della camicia pare diventata trasparente, mostrando chiaramente le areole rosa, su cui spiccano prepotenti i capezzoli, insolitamente duri.
Ma non è tutto.
Perché ora la sua carriera e i suoi sogni di indipendenza economica sembrano appesi a un filo, un filo sottilissimo.
«Tutto bene signorina?» dice dio onnipotente.
«Sì.. mi scusi.. di.. dicevamo?» balbetta lei guardandosi di nuovo in quel piccolo riquadro, le grosse tette in bella mostra, se la licenziano – pensa – potrebbe provare a partecipare a uno di quei concorsi: Miss camicetta bagnata!
Il figlio ha una mano davanti alla bocca, come fosse da poco scoppiato a ridere.
«Il campione, come le sembra?».
«Il campione sì.. bellissimo.. davvero un ottimo prodotto..».
«Ed è comodo? Le sta bene?» questo è il direttore commerciale.
Perché mai le fa una domanda simile?
Forse perché il “campione” ce l’ha addosso proprio in questo momento?
Sì, direi proprio che vi devo altre spiegazioni: il progetto che la nostra bella deve presentare è legato a un grande brand di abbigliamento che ha deciso di lanciare una nuova gamma di biancheria intima ispirata al mondo del soft fetish, roba audace, roba di classe, roba costosa e incredibilmente sensuale.
Non credo ci sia bisogno di specificare che la giovane pubblicitaria, in mezzo a questo marasma, ha indossato senza accorgersene il ridottissimo perizoma che la ditta le ha fornito per ideare la giusta campagna pubblicitaria, lanciarlo sul mercato e soddisfare le esigenze del cliente.
E, vista la reazione dei tre maschi fortunati, è oltremodo superfluo sottolineare che, nel momento esatto in cui si è alzata spaventata dal fumo, ha offerto ai loro occhi uno spettacolo davvero unico. La camicia bianca è uno di quei modelli corti, che di solito si indossano sopra un bel paio di jeans a vita bassa. Di solito, almeno, si usa così.
Forse la cosa su cui vale davvero la pena soffermarsi è la fattura del campione in questione. Anche definirlo perizoma è un eufemismo, sembra più un minuscolo filo nero che si perde in mezzo ai glutei lasciandoli totalmente scoperti. Sul davanti poi, una sorta di ragnatela di pizzo invisibile non fa nulla per coprire la vagina, che appare in tutto il suo femminile splendore. Il giro vita è impreziosito da un piccolissimo diamante che brilla, pendente, quasi a focalizzare lo sguardo sull’intimità maliziosamente svelata della donna.
L’avevo detto che era una cosettina audace, una di quelle trovate a cui nessun uomo resisterebbe.
«..le sta bene?» ha appena chiesto uno dei tre, con gli occhi accesi dalla visione. Ora lo sa anche lei, quello che ha combinato, ora non può più tirarsi indietro.
«Sì - risponde con improvvisa decisione – è davvero eccezionale».
«Come mai lo ha indossato?» chiede il mega direttore.
«Dovevo.. sapere cosa prova una donna che indossa una cosa del genere.. come si sente.. e immaginare perché dovrebbe comprarlo». La nebbia dell’HTC si dirada, talvolta, offrendo incredibili lampi di genio. Non l’avete mai provata?
Non sapete cosa vi siete persi.
La conversazione nel frattempo sta prendendo una piega alquanto surreale.
«E lei lo comprerebbe?» insiste lo Spirito Santo.
Se avessi i soldi sì. Ovviamente è questo che le passa per la mente ma si guarda bene dal dirlo, sa bene che questo improvviso interesse per il bizzarro incidente può, in qualche modo, spianarle la strada per raggiungere il suo obiettivo: quello di accontentare la sua insana voglia di esibizionismo!
No, no, scusate, mi sono confusa anche io, il suo obiettivo è la promozione, il raggiungimento di una posizione ben retribuita.
«Certo che lo comprerei» risponde infine lei, mostrando i denti bianchi in un’espressione impercettibilmente maliziosa.
«Perché?» insiste ora lui piegandosi in avanti, serio e integerrimo come un inquisitore.
«Per... farlo vedere al mio uomo.. per godermi il suo sguardo.. – rimane sospesa, alla ricerca di una parola adatta – il suo sguardo.. – dai che ce la puoi fare, non perderti adesso – il suo sguardo arrapato!» sentenzia lei, magari un po’ diretta, ma come darle torto?
Segue un lungo attimo di silenzio, come se ognuno dei protagonisti di questa storia stesse riflettendo sul da farsi, poi è il “figlio” a illuminarsi d’improvviso, l’esperto creativo pare ridestato da una qualche fulminea intuizione.
«Ce le faccia rivedere».
Detto così, con incredibile naturalezza, congelando il respiro di tutti in un’istantanea di assoluta sorpresa.
Lei apre la bocca, lentamente. Sembra stupita ma le sue labbra si piegano d’improvviso assumendo la sagoma di un sorriso scoppiettante, apparentemente immotivato. Ride ora, ride forte e nel suo cuore i campi verdi di marijuana vengono accarezzati da una brezza dolce e delicata.
Poi torna a fissare quei tre maschi impietriti, tutti per lei, tutti in attesa che lei si mostri in tutta la sua sensuale femminilità. È quello che vogliono, è il loro desiderio, chissà se sono eccitati, chissà se i loro pantaloni eleganti sono gonfiati da una solida erezione. L’ho fatto drizzare alla Santissima Trinità, dirà un giorno alle sue colleghe. Che cosa? Chiederanno loro stupite.
«Ha capito signorina?» chiede infine il grande capo.
«Sì, signor Locazzo».
Che ha detto? Che diamine ha detto?
Ora si copre la bocca con la mano, vorrebbe scusarsi ma non riesce a smettere di ridere.
«Avanti – dice il figlio visibilmente divertito – stiamo aspettando».
Esiste un modo migliore, in questo momento, per spostare l’attenzione dalla sua gaffe che non sia quello di accontentarli?
Muove il bacino, spostando indietro la sedia, concede un ultimo sorriso felino e poi, con un guizzo, si alza in piedi.
Bisognerebbe adesso fare un bell’applauso allo stilista che ha disegnato quel minuscolo indumento perché conferma di essere oggetto magico, capace di fermare il cuore di ogni uomo che lo osserva.
Ma un applauso ancora più forte spetta sicuramente alla Natura, che col vento caldo della creazione sa disegnare corpi luminosi, dalla pelle rosea come porcellana, modellati in linee assolutamente conturbanti.
Il viso della ragazza è scomparso e ora, al suo posto, campeggia sullo schermo un piccolo scrigno di seta nera, al cui centro è sapientemente posizionato quel piccolo diamante dalle mille sfaccettature ipnotiche.
Tutto intorno, è un’estasi delle carni.
I fianchi rotondi fanno da cornice a un’immagine indiscutibilmente eccitante, la ragnatela di stoffa non può e non vuole nascondere le delicate geometrie di una deliziosa fica che arde fra i fili finemente intrecciati esibendosi in un delicato bacio verticale. Riccioli di pelo scuro fuoriescono sbarazzini dalle trame, rendendo quell’immagine ancora più lussuriosa e, in qualche modo, selvaggia.
Chissà se i tre maschi riescono a intuire, in quel gioco di riflessi, che anche le sue labbra più intime brillano di assoluta e impudente eccitazione.
Il pensiero che tre sconosciuti stiano osservando attentamente il suo sesso le stravolge i sensi, fra le sue cosce scivolano gocce di desiderio.
«Ora, si volti, per favore». Impossibile stabilire chi dei tre le abbia dato questo nuovo “ordine”, le voci si confondono, disciolte dal fuoco delle emozioni ma se è questo che vogliono quei maschi arrapati è questo che avranno.
Piroetta la femmina esibizionista, gira piano su sé stessa e li acceca con un altro miracoloso ritratto, quello del suo fondoschiena scultoreo. È sempre stata orgogliosa delle sue forme procaci e l’orgoglio, si sa, è una vela che non sa resistere alla tentazione di gonfiarsi.
Il triunvirato del testosterone sta assistendo alla “presentazione” sedendo su eleganti poltrone in pelle nera, il maxi schermo digitale che riempie la stanza è in questo momento riempito a sua volta dal primo piano di un bellissimo e morbido culo di donna, l’alta definizione dell’immagine lo rende tremendamente reale, pare voglia uscire dal monitor per farsi ammirare ancora meglio. Quale assurda elettrica emozione è l’esibizionismo, lei si passa la lingua sulle labbra e non resiste alla tentazione di fare un piccolo movimento con le anche, come una danza di curve dondolanti che si danno in pasto agli occhi affamati.
Vorrebbe prendersi a schiaffi una natica, afferrarle entrambe e aprirle, sarebbe un ideale coup de théâtre ma, grazie a dio, resiste alla tentazione.
Fra le altre sue labbra, quelle più intime, le scosse dell’eccitazione continuano a torturarla. Un colpo di tosse di circostanza arriva dalle casse del pc e a lei pare la conferma che anche loro sono caldi, rapiti dalla splendida visione.
«Perfetto» dice ora il figlio, dietro alle sue spalle. Perfetto cosa? Voleva farle un complimento? Sottolineare la prorompente geometria solida del suo fondoschiena? O piuttosto si riferisce alla presentazione del suo progetto? Già, qualcuno per caso ricorda che questa dovrebbe essere una riunione di lavoro?
«Si sieda pure – ordina ancora lui – ora ci scusi ma dobbiamo confrontarci fra di noi». Un piccolo segnale acustico annuncia l’interruzione della trasmissione audio, lei continua a vederli, parlano, discutono, fanno strani gesti con le mani come a illustrare immaginifici progetti pubblicitari, senza darle possibilità di ascoltare, chissà perché.
Lei ha l’impressione di essere improvvisamente sola, nessuno più la guarda e ha la possibilità di tirare un grande sospiro, con la faccia fra le mani, come a dire: ma che cazzo sto facendo?
L’alterazione psicofisica della marijuana produce effetti sorprendenti. Se da una parte rallenta i movimenti, rendendoli spesso comici, dall’altra scava abissi nella memoria, ripescando vecchie immagini e illuminandole con inspiegabile lucidità. Provate a parlare con una persona strafatta, vi accorgerete che non riuscirà più a smettere di chiacchierare, in un modo sconclusionato che per lei, invece, è chiarissimo.
Nella nebbia lisergica che le offusca la mente le appare d’improvviso un vecchio ricordo, l’immagine di sé stessa, seduta al pc, proprio come adesso, nell’atto di leggere un racconto erotico trovato proprio su questo sito. Una bellissima storia, superbamente raccontata, che narra le vicende di una splendida ragazza che si ritrova ad interpretare il ruolo della Webcam girl. (*)
Per necessità, certo, ma anche con incredibile trasporto. Quanto si era eccitata la nostra protagonista nel leggere quelle righe infuocate, obbligando il suo corpo a darsi piacere, nella solitudine della sua casa.
Buffa cosa il destino, a volte si presenta sotto forma di specchio, ponendoti improvvisamente in una situazione incredibilmente simile a quella delle tue fantasie. Ipnotizzando i sensi col suono minaccioso di quel sassofono suadente, che non le esce più dalla testa.

Shine on you crazy diamond, lo dico per quei pochi che non lo sanno (e non sanno cosa si perdono), è una meravigliosa composizione che i pink_ Floyd hanno dedicato al loro vecchio compagno Syd Barret, il diamante “pazzo” del titolo è proprio lui, disciolto anni prima in uno stato di decadente follia allucinata.
Ma cos’è davvero la pazzia se non un comportamento estraneo al pensare comune? Chi davvero può dichiarare lo stato di follia di un soggetto che segue il proprio imprevedibile istinto?
Forse lo stesso ragionamento vale anche per lei, la nostra bella protagonista, adesso che la musica si mescola alle immagini di quel vecchio racconto, confondendo le percezioni e la meccanica del piacere, portandola a infilare una mano sotto al tavolo, per poi scostare il bordo sottile del perizoma, iniziando ad accarezzare il proprio sesso bollente e incredibilmente umido.
Pazza ragazza a brillare di mille sfaccettate emozioni, ora che, convinta di essere sola, inizia ad accarezzarsi scivolando nel dolce oblio di un meraviglioso ditalino.
Gli occhi ancora chiusi si perdono nelle immagini dello spettacolo esibizionista che l’ha appena vista protagonista, loro l’hanno guardata, l’hanno ammirata e desiderata, loro la stanno guardando ancora.
Perché il programma di video conferenza prevede la possibilità di silenziare il segnale in una sola direzione di comunicazione ed è per questo che, in quell’ufficio elegante, i tre uomini d’affari impegnati a progettare la nuova strategia promozionale di colpo si bloccano attratti da un suono sincopato, un verso strozzato, l’inconfondibile melodia di una donna che gode.
La Santissima trinità punta i suoi sei occhi contro lo schermo gigante e viene sconvolta dal colpo di scena finale di questa incredibile serata: quella ragazza muove le mani sotto al tavolo, ha le labbra dischiuse in una smorfia che non lascia possibilità di dubbio: si sta masturbando davanti alla sua webcam.
Nessuno ha il coraggio di dire niente, basterebbe riattivare il microfono e interromperla, rimproverarla per la sua indecenza ma quella danza sembra quasi ipnotica, al ritmo di una musica che nessuno può sentire ma, di certo, deve essere davvero meravigliosa.
Il direttore commerciale addirittura si alza in piedi, leggero come uno spirito, non proprio così santo. Si illude di poter sbirciare oltre quel maledetto tavolino.
Si accende ora, la femmina sciagurata, geme forte con il cervello ormai letteralmente squagliato dalle spire dell’eros che possono essere terribilmente più letali di qualsiasi sostanza stupefacente.
Poi d’improvviso li sorprende, come avesse intercettato i loro desideri, si stende sullo schienale della sedia, alza i piedi nudi e li punta sul tavolo, spalancando oscenamente le cosce perché “quella” è la posizione giusta, la stessa che assume ogni volta che vuole scoparsi da sola.
Le tre divinità si fanno carne, scendono dal loro paradiso diventando semplicemente uomini, umili peccatori al cospetto di una tale apparizione: libera visuale delle sue mani, che dopo aver scostato di lato la piccola ragnatela inzuppata stanno scavando impazienti fra le sue carni più intime.
Ancora un po’, ancora più forte, ancora più dentro, con l’abituale maestria delle dita, quelle della sinistra che la penetrano fra le labbra dischiuse e quelle della destra, che fanno vortice sul clitoride luccicante, come fosse lui il piccolo insaziabile diamante a dettare le dinamiche di questa follia inaudita.
Gli umori della santa stillano copiosi, infradiciandole le cosce, allagando la sedia da ufficio. Ma quanta ne ha? Da dove le viene fuori quel mare biblico di godimento? Qualcuno la aiuti, qualcuno la salvi, pare stia per per prendere fuoco, qualcuno vada lì e la sbatta violentemente su quella sedia perché il suo corpo ora si dimena come posseduto. La donna che gode, meraviglia dei tempi, più forte e violenta di qualsiasi miracolo.
Quando i suoi piedi nudi si contorcono, formando due piccoli archi, il respiro si stira in un urlo primordiale, annunciando un orgasmo feroce che pare risucchiare tutta la sua anima, per poi sputarla via dalla fica.
Eccolo il colpo di scena, eccolo il vero miracolo a cui probabilmente nessuno dei tre ha mai assistito, i getti copiosi di uno squirting selvaggio che spruzza fra le dita bagnate.
Uno schizzo potente che è solo l’inizio, poi la mano torna a girare e ne parte un altro, poi ancora a strapparsi via il piacere dalle cosce, il terzo, il quarto, schiaffeggiando le labbra con rabbia, il quinto... fino a crollare, dentro se stessa, abbandonata, in preda a uno spossamento che pare eterno. Anche le divinità, dopo la creazione, hanno diritto al riposo.





Nuovo testamento:
Sono passati sei mesi da quella serata incredibile e la nostra bella protagonista è al lavoro, nel suo nuovo ufficio della sede generale di Milano. Ha un nuovo incarico nel settore creativo della grande azienda pubblicitaria. Lo stipendio che percepisce adesso risulta quasi imbarazzante se paragonato alla miseria che le davano prima. Vi ricordate del suo capo? Quel viscido che abbiamo conosciuto all’inizio di questa storia? Beh, adesso i ruoli si sono invertiti, è lei a supervisionare il lavoro di tutte le filiali, lui è costretto a darle del “lei” e non ha più osato farle quelle volgari battutine.
Dottoressa, adesso le si rivolgono tutti così, con un pizzico di timore nella voce, ogni volta che le parlano. Sanno bene che è diventata uno dei pezzi grossi della società, fidata collaboratrice del “figlio”, il giovane rampante di cui tutte le riviste parlano.
Eccola, la Dottoressa, che si alza dalla sua elegante scrivania, fasciata in un tailleur mozzafiato. Sta per entrare proprio nell’ufficio del suo Capo, l’unico a potersi ancora definire così. Prima di farlo però, entra un attimo in bagno e indossa uno degli ultimi campioni arrivati, qualcosa di assolutamente pregiato e sensuale.
Tra poco, discuteranno insieme la strategia promozionale legata a un nuovo partner commerciale: una famosa azienda che produce raffinati sex toys.

Solo una cosa ho ancora da dire su questa storia, un dettaglio che ho tenuto per me, fino ad ora. Il nome della nostra splendida protagonista, che ancheggiando su tacchi vertiginosi ci sfila davanti agli occhi per partecipare a una nuova sessione di lavoro.
Si chiama Maddalena, ovviamente.

Fine.













(*) Il racconto citato è “Sara, la webcam girl”, scritto da LovelySara, a cui questa storia è dedicata.

Questo racconto di è stato letto 7 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti femdommoglie porca al marenel culo raccontiracconti di coppie bisexmilu raccontoraconti eroticiracconti erotici sesso con animaliracconti erotici vacanzeracconti gay fistingraccoti pornostorieroticheracconti gatstorie erotic eracconti sex pornoporno racconti transracconti erotiraconti incestocuckold pugliaracconti efoticiracconti feetwww.iomiluracconti massaggiporno storie gayraccontierotici gratismi sono scopato mia cognataracconti erotici di cornaraccon ti eroticii racconti del clistereravconti eroticiracconti veri pornoracconti di zoofiliaracconti incetoconfessioni pornoerotoci raccontisborrata cavalloracconti erotici con animaliraccontihardracconti eros miluracconti sessoracconti porno cornutorqcconti eroticiwww.eroticiracconti.itla mia ragazza inculatawww.eroticiracconti.itracconti hot gratisannunci69.it raccontiracconti erotici preteracconti incesto lesboracconti eroticheracconti lesbichedottoressa vogliosaracconti xxgay racconti eroticistorie gay 69erotici racconti 69racconti porno cornaannunci69 raccontistorie etoticheerotico raccontiracconti erotixiracconti storie erotichefrocettastrorie pornomia suocera troiaracconti minustorie si sessoporno racontiracconti incetuosiracconti erotici con vecchieeroriciraccontisesso con nonna raccontiracconti eroticiracconti erotici immaginicornuti consapevoli