Carla e Paolo

Scritto da , il 2020-05-22, genere dominazione

"La sessualità umana è sempre stata accompagnata dalla costante presenza di desideri perversi, da interessi che si discostano da ciò che è comunemente ritenuto legittimo, quasi che la perversione rappresenti un aspetto irrinunciabile della sessualità stessa. Anzi, è proprio la trasgressione che contraddistingue la sessualità, ne mantiene e valorizza l’importanza, come se l’uomo, o la donna, avesse bisogno di limiti da superare e di regole da infrangere."

Questa lectio magistralis, impartita per l'ennesima volta al mio nuovo paziente, Paolo di Roma, lo lascia come spesso capita, a bocca aperta. Mi chiedo quanto abbia compreso e se sia sufficiente a sedare almeno in parte la sua ansia, divenuta pian piano nel tempo, angosciante. Tanto opprimente da portarlo da me, lontano da casa e all'insaputa di sua moglie, della quale è divenuto sempre più sessualmente succube, nel corso degli anni.

"Si, ma praticamente cosa propone?" mi chiede dimostrando il tipico senso pratico dell'uomo d'affari. "Vedi, Paolo, se in tutti questi anni non hai mai pensato di superare le condizioni obiettive di carenza sessuale e di quasi impotenza, tali da farti disprezzare e tradire platealmente da tua moglie, significa che sei a tua volta affetto da una parafilia opposta e complementare a quella di lei. Anzi, da quello che mi hai raccontato, credo che il tuo masochismo sessuale, ovvero il piacere che provi nel ricevere sofferenze ed umiliazioni, sia stato il fattore primario e determinante, mentre il sadismo che tua moglie pratica nei tuoi confronti sia secondario e determinato. Per verificare l'esattezza di questa ipotesi occorre che tu coinvolga tua moglie. Dovrai convincerla a venire qui con te e partecipare al trattamento.”

Per Paolo fu un compito ingrato, quello di confessare a Carla di essere ricorso al mio aiuto a insaputa di lei, ma la reazione della moglie fu sorprendentemente molto più positiva di quanto sia lui, che io stesso, ci aspettassimo. Carla iniziò di buon grado uno scambio di idee e informazioni, con me, tramite email, raccontandomi per filo e per segno la loro storia, dal suo punto di vista. Paolo, come prevedibile dal suo carattere subalterno, si ritirò in secondo ordine, lasciando a Carla campo libero. Ma il mio obiettivo era l'opposto: reputavo necessario scalzarla dal suo ruolo dominante e sottometterla per vedere di stimolare l'empatia di lei verso di lui, con una terapia di tipo avversivo.

Il giorno stabilito per l'incontro con Carla era arrivato e mi raccolsi in meditazione per circa un'ora per prepararmi al controllo del controtranfert, che avrei sicuramente sviluppato potentemente, conoscendo la mia personale propensione al ruolo dominante.
Il controtransfert non andava represso, ma controllato ed utilizzato in modo proficuo. Facile a dirsi, ma sarebbe stato difficile a farsi.
Di questo ero consapevole e a questo mi concentravo.

Carla mi aveva inviato delle sue foto per cui ero preparato, ciò nonostante le sue forme procaci e sensuali, la sua femminilità prorompente misero subito alla prova il mio autocontrollo. Paolo, la cui figura non era certo imponente, sembrava essersi ulteriormente rattrappito e con un flebile saluto si era rifugiato su una poltroncina d'angolo, il più defilato possibile. La scena era tutta per Carla e il mio compito era farla scendere dal piedistallo di primadonna al rango di coprotagonista, allo stesso livello del marito. Un arduo obiettivo.

Aveva già firmato l'assenso ad essere legata, imbavagliata e bendata, nonché ad essere sottoposta a manipolazioni corporali, genitali compresi, esclusi i rapporti sessuali. Questa esclusione avrebbe rappresentato un ostacolo? Inoltre il Cialis che avevo prescritto a Paolo gli avrebbe procurato un effetto sufficiente a migliorare le misere dimensioni del suo pene, che normalmente non superavano i dieci cm. di lunghezza e due di diametro, in erezione?

Questi gli interrogativi che mi ponevo mentre chiedevo con tono distaccato a Carla di iniziare a spogliarsi molto lentamente e senza distogliere lo sguardo dai miei occhi.

La bella signora iniziò lentamente sbottonando la camicetta di organzina nera trasparente, scoprendo centimetro dopo centimetro il florido seno fra le sue notevoli mammelle sorrette da un reggiseno di pizzo dello stesso colore. Impiegò diversi minuti nel farlo, senza mai sfuggire al mio sguardo impassibile, manifestando solo un lieve tremolio della mandibola, forse per il freddo o per l'eccitazione, mentre lasciava dolcemente cadere la camicetta ai suoi piedi. La sicurezza di essere ancora piacente, nonostante l'età non più giovanile, traspare dai gesti vezzosi con cui ondeggia il bacino sfilando pian piano la gonna, scoprendo così il sottile perizoma nero che non copre, ma semplicemente adorna il suo pube. Il reggicalze appare invece sfacciatamente rosso fiamma e spicca sul candore delle sue cosce candide e invitanti, come se plasmate con meringa e panna montata.
Ora porta le mani dietro le spalle a sganciare il reggiseno e nel farlo protende sfacciatamente le tette verso di me e i suoi occhi, fissi nei miei, mostrano un luccichio trionfante quando non posso impedirmi di abbassarli sulle sue prosperose mammelle, che liberate le ricadono pesantemente sul ventre. Le enormi areole scure si increspano sotto il mio sguardo e i capezzoli lentamente si ergono inturgidendosi e sembrano invitare a toccarli, a vezzeggiarli, come se animati di vita propria. Ora sono io che devo controllare un sorriso sardonico per il suo manifesto turbamento in risposta al mio sguardo invadente.
Mi guarda incerta se proseguire e rispondo alla sua muta domanda fermando, con un gesto della mano, i suoi pollici che si erano già infilati sui fianchi nell'elastico del perizoma.
“Basta cosi.” Penso che, dal momento che tutti gli orifizi sono esposti, non serve denudarla ulteriormente, al contrario: calze nere, reggicalze rosso e scarpe col tacco, le danno un'aria molto più consona al ruolo che sta per assumere.
“Carla stai bene attenta, gli ordini che ti impartirò d'ora in avanti, dovrai eseguirli subito e senza obiezioni. Non solo perché altrimenti saresti punita, ma soprattutto per la tua sicurezza, infatti possono anche essere delle raccomandazioni per metterti al riparo da possibili pericoli. Hai capito?”
“Si, Doc.” Fu la sua pronta e convinta risposta.
“Inginocchiati qui, su questo tappeto.”
Lei ubbidì prontamente. Le fasciai la testa, coprendole completamente gli occhi, con due giri di una larga striscia di seta nera. Poi, spingendole lentamente la nuca, la feci abbassare fino a portarla con la fronte sul tappeto.
“Ora allarga le ginocchia e infila le mani all'interno fino a toccarti le caviglie.” Appena lo fece le legai i polsi e con la stessa corda li bloccai sulle caviglie, immobilizzandola in quella scomoda posizione.
“Non ti muovere, cerca soprattutto di non scivolare di lato. Se per la fatica dovessi cadere, voglio che ti rimetta subito in questa posizione. Mi hai capito?” Carla mi rispose un sì soffocato.



Imponendogli il silenzio con l'indice sul naso, invito Paolo a gesti perché mi segua fuori dalla stanza. Usciti, mi chiudo la porta alle spalle senza fare rumore. “Allora, Paolo, che effetto ti ha fatto vedere Carla denudata, bendata e legata in ginocchio?” Paolo sfugge al mio sguardo, il suo imbarazzo è tangibile, rosso paonazzo deve avere il cuore che batte all'impazzata. “Mi sono... mi sento, molto... eccitato.” balbetta.
“Eccitato sessualmente?”
“Beh... si. Avrei voluto che continuassi... Adesso torniamo?”
“No, non subito. Abbiamo altro da fare e Carla deve abituarsi.”
Lo studio per capire dal suo linguaggio del corpo che cosa mi vuol comunicare. Ed ecco che non riesce a controllarsi e pur conscio del mio sguardo, abbassa una mano e si tocca, nervosamente la patta dei pantaloni. “Sei in erezione?” Annuisce. “Hai voglia di masturbarti?” “Non posso, Carla non me lo consentirebbe.” risponde, volgendo lo sguardo alla porta oltre la quale c'è chi lo comanda a bacchetta.
“Sei libero, puoi far quel che vuoi, il bagno è qui dentro” indico una porta a sinistra. Stronco il suo tentativo di replicare, aggiungendo con un tono comprensivo e paterno: “Non preoccuparti, la convincerò io ad accettare che tu faccia quel che desideri.” Mi rivolge uno sguardo di gratitudine ed entra nella stanza da bagno.
Rientro da Carla. “Dov'è mio marito?” evidentemente ha cercato di chiamarlo senza ricevere risposta. “E' seduto nell'angolo, ma come da mie istruzioni non ti deve parlare.”

Mi inginocchio dietro di lei e inizio a tastarle a piene mani il sedere e le cosce, sfrego le palme aperte come massaggiando. Improvvisamente le schiaffeggio le cosce o la sculaccio, sempre a mano aperta, alternando schiaffi e carezze. Carla comincia a mugolare, il sesso si bagna visibilmente e le piccole labbra si inturgidiscono. Paolo ritorna nella stanza, evidentemente ha finito molto in fretta quello che era andato a fare. Gli faccio segno di tacere e di venire al mio fianco. Per distrarre Carla da eventuali rumori le schiaffeggio con forza la vagina, suscitando un suo urlo di dolore.

Paolo si accovaccia al mio fianco e guarda affascinato il sedere di Carla già arrossato per le sculacciate.
Carla riprende a mugolare, mentre il suo sesso gonfio e arrossato inizia a secernere un liquido lattiginoso che le bagna abbondantemente il perineo. Senza emettere un suono indico a Paolo di leccare quel liquido, toccandola solo con la lingua. Quando Paolo, vinta una esitazione iniziale e spinto materialmente da me, che lo afferro per le braccia, inizia a leccarla, il mugugno di Carla sale di intensità e frequenza. Sono degli urlettini di piacere che si alternano a parole sconnesse, tipo: si, così, continua, voglio godere, non ce la faccio più, scopami... ti prego...

Improvvisamente mi rendo conto che il mio progetto di emancipare Paolo ad un ruolo più virile e al contempo sottomettere Carla per bilanciare il rapporto di potere fra i due, è sbagliato e velleitario. Paolo si è ormai troppo adattato al suo ruolo subalterno, il suo malessere non è dovuto all'umiliazione, ma solo al timore di essere escluso dalla sfera sessuale trasgressiva di Carla. Mentre lei è solo desiderosa di un maschio che la sappia fare godere possedendola con adeguato vigore.
Non so se questa improvvisa consapevolezza sia obiettivamente maturata da riflessione o sia solo una subdola scusa per consentirmi di fare quello che sto per fare, in barba alle mie stesse regole.
Decido di non pensarci: il culo all'aria e la vagina sbrodolante di Carla sono troppo invitanti e da troppo tempo.

Scosto Paolo, slego i polsi e le caviglie di Carla, consentendole di rilassare i muscoli tesi, ordinandole però di restare carponi, sulle mani e le ginocchia.
Prendo da un cassetto una scatola di preservativi ed indico con un gesto a Paolo di tornare a sedersi sulla poltroncina. Indosso il condom sulla mia asta ormai turgida da troppi minuti, mi inginocchio dietro a Carla, le afferro i glutei e punto la cappella contro quella vagina arrossata e gonfia di umori. Carla avverte le mani ed il cazzo, intuisce e inarcando il bacino e allargando le cosce si offre oscenamente bramosa: ” Fottimi... Ora!” dice. Un ordine perentorio che non ha nulla di sottomesso.

La accontento, soddisfacendo al contempo la mia stessa brama, affondando con un colpo violento che mi porta a cozzare direttamente sulla sua cervice uterina, essendo la vagina totalmente spalancata, per tutti i trattamenti precedenti.
Lei non attendeva che questo e subito manifesta gli spasmi di un evidente orgasmo. La sua vagina si contrae avvolgendomi il pene come in una morsa soffice ma vigorosa. Si stringe spasmodicamente per due tre secondi per poi rilassarsi e restringersi ancora, ritmicamente. Mi godo questo sublime massaggio assieme al suono del suo piacere fatto di versi e parole mozze, fino a quando sembra placarsi.
A quel punto inizio a stantuffare sul serio, senza nessun garbo, ne' tregua, rudemente, sbattendo con forza il pube contro le sue forti natiche. Me la sto sbattendo come una vacca e glielo dico: “Prendi vacca, te lo sei meritato. Sei stata brava.” Ogni tanto le allungo una sculacciata potente, tanto per farle capire chi comanda. Lei accetta, gode e ringrazia: “Si, fottimi tutta, sbattimi, sono una vacca, la tua vacca, sfondami”. Per tutta risposta la gratifico con una sculacciata tanto forte che penso “ora la ribalto”, invece non solo la incassa come se fosse una carezza, ma scoppia in un altro orgasmo squassante: “Vengo, sto venendo, vengrumpf...”

Porca miseria, penso, questa gode proprio che è un piacere, un orgasmo dietro l'altro, quanti sono ormai tre... quattro... Mi prendo una tregua, giusto per tirare un po' il fiato, sono tutto sudato, il cazzo mi scivola fuori, lei si accascia sul tappeto ansimando, ancora bendata.
Un pensiero perverso e troppo egoista mi attrae. Le afferro le caviglie e le spalanco le gambe a compasso, la pancia per terra. Striscio in alto fra le sue cosce, le allargo le natiche: “Ti sei fatta il clistere come prescritto?”
“Si, padrone!” risponde con un filo di voce.
“Padrone un cazzo! Voglio solo incularti e farti un clistere di sborra...” penso. Le sue chiappe sono due morbide colline invitanti, troppo invitanti. Le separo allargandole il solco e mettendo a nudo quel fiore scuro e segreto. Lo riempio di saliva e con un dito lo violo senza pietà. Lei geme, sculetta ma non si rifiuta. Le dita diventano due, il mio cazzo sussulta invidioso. Lo guardo e vedo che il condom è ridotto ad un brandello stracciato, arrotolato alla sua radice. Me ne frego e accompagno con la mano la cappella, forzandola a violentare lo sfintere anale di Carla.

La cappella tenta di sfuggire su o giù ma le dita la costringono a stare sul pezzo e finalmente entra. Carla sta dicendo qualcosa tipo “male... cane...” non le do retta e spingo. Entro. Aahh! Che bello! Lo sfintere mi stringe il pene come se volesse strozzarlo, ma non è un dolore, è un piacere! Poi sento che la stretta si allenta e comincio a godermi il dolce su e giù. Su e giù, l'altalena del piacere. Carla ora tace. Dopo un po' di tempo, quanto? boh? In quei momenti il tempo non ha più un valore, dopo “un tot” anche lei comincia ad assecondare il mio su e giù: le piace! “Ti piace, Carletta?” Mi sento affettuoso, la vezzeggio mentre me la sto inculando di brutto. Mi piace però che mi assecondi, questo me la fa quasi amare. “Si, tesoro!” risponde sospirosa.
“Tesoro!” ripeto fra me e me, mentre ci do sempre più forte, cominciando a produrre quel 'ciaf, ciaf' tipico delle superfici di pelle bagnate che sbattono fra loro. “Tesoro!” ora lo dico e lo ripeto ritmicamente ad ogni colpo “Tesoro, tesoro, tesoro... godi tesoro, mi fai impazzire, tesoro, ti sto fottendo nel culo, tesoro...” Finché non lo sento arrivare, mi monta dentro pian piano, come lava in un vulcano, direbbe un poeta, come l'acqua della pasta che trabocca quando mi scordo di abbassare il fornello, dico io. Comunque mi monta: “Cazzo sto per venirti dentro, mia bella gnoccona!”
“Siii, riempimi” la sento dire e sborro, mi svuoto e ad occhi chiusi mi godo quegli istanti di eternità, alla fine dei quali mi accascio su di lei.
“Cazzo, Paolo!” penso. Ruoto su un fianco, accanto a Carla, il cazzo appassendo dice “Squak” ed esce all'aria aperta. Carlo ha una mano in mezzo alla cosce, vede che lo guardo e, come se l'avessi colto a rubare la marmellata, si alza di scatto e corre in bagno.

Ci ritroviamo tutti e tre, ripuliti e rivestiti davanti alla porta. Non sono granché lucido, sono scosso da troppi sentimenti contrastanti, soddisfazione e rimorso, senso di colpa e fierezza, trasporto affettivo verso Carla e, perché no, anche verso quel brav'uomo di Paolo e un senso di riservatezza che mi vuol far stare sulle mie.
E' Carla che risolve la cosa con un abbraccio, di slancio.
“E' stato bello, siamo stati bene, vero Paolo?” “Si, certo.” fa lui e sembra sincero.
“Beh,” dico, sollevato “come terapeuta non so che cosa ho combinato, non sono stato coerente con quanto previsto, ma se siete stati bene anche voi, come me... allora va bene!”
“Quando ci rivediamo?”Chiede Carla, rivolgendosi più a Paolo che a me. Paolo mi guarda a sua volta e: “Ci sentiamo su WhatsApp,” dico sorridente “ci mettiamo d'accordo”.

Questo racconto di è stato letto 2 5 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


milu raccracconti pornpricattata e inculatavisita ginecologica raccontiracconti eroricieritici raccontistorie di sesso con la suoceraracconti erotici moglie troiaracconti erotici gay eterorotici raccontistorie porno tradimentiracconti erotici di cornaracconti rroticiracconti eraticiracconti video eroticiracconti porno freeracconti gay scuolamilf storieiraccontieroticistorie porno gratisdonne che si fanno inculare dai canile storie di milùbrevi racconti eroticira cconti eroticiracconti perversiracconti porniracconti hard gratuitisesso tra suocera e generoracconti incesto madre e figlioracconti erotici hardzia e nipote racconti eroticiraacconti eroticiracconti porno freeerotivi raccontiracconti eroti istorie incestifoto racconti pornoracconti eroti cierositalia raccontiraccontigaystorie dominazioneeroticiracracconti erotici con donne matureracconti gangbangveri racconti eroticiracconti di sculacciataracconti porrnositi di racconti eroticiculi rottraconti sexyoutube racconti eroticigeneri raccontirocconti eroticiincesti familiari raccontidottoresse sexzoofilia raccontiquel cornuto di mio maritoracconti erotici pompiniracconti di cornaraccobti eroticiracconti lesbbiancaneve eroticaracconti erotici suorai generi di racconti eroticiraxconti eroticiracconi pornoschiavo di mia cuginaracconti erotici gloryholecuckold racconti veriracconti travestitiscopare con il canenel culo di mia suocerasuocera troionastorie poenoracconti di spankingracconti erotici moglie infedelespulpmia zia racconti eroticipiedi eroticiiomilùincesto con mia ziaracconti porno gay incestoi racconti di milouracconti erotici gay incestoracconti sesso in famigliaracconti porno hardporno racconti hardstorie vere pornomia moglie è una vaccacamionisti arrapatiracconti ereoticiracconti moglie cinemai generi dei racconti erotici