La Salumiera Cap. 1

Scritto da , il 2020-05-21, genere prime esperienze

In un paese del sud italia,un piccolo paese nel salernitano che inizia per A... si trova una piccola salumeria gestita da una signora di mezza età. E' una donna formosa, anche se forse sarebbe più corretto dire che è molto grassa, con tette enormi e un culo altrettanto enorme. La signora in questione,che chiameremo Immacolata ma che tutti chiamano Maculatina, è considerata da tutti i paesani e dalla sua famiglia una donna integerrima. Una zitellona ancora vergine. La gente,però, non sa che l'attempata signorina è affamata di cazzo. Sogna,ogni notte, di essere posseduta da decine di uomini di tutte le razze e in tutti i modi possibili. Questi sogni diventano ogni notte più vividi e lei,svegliandosi al mattino si ritrova con la figa completamente bagnata e allunga la mano verso quella montagna di carne succosa dandosi il piacere che si è negata per troppo tempo. Da qualche tempo,però,i suoi orgasmi solitari non le bastano più e si scopre a guardare ogni cliente che entra in salumeria come un possibile amante. Si domanda quanto lo abbia grosso,il cazzo, e quanto a lungo potrebbe cavalcarla. A volte diventa tutta rossa per quei pensieri...ma appena il cliente esce lei va nel retrobottega a regalarsi un orgasmo tra i salami appesi. Nel retro del negozio vi è una porta che usano i fattorini che di solito è chiusa a chiave. Dovete sapere,però,che Immacolata ha un nipote. Lui le vuole molto bene e lei gli è molto affezionata,da bambino lo chiamava ''fiorellino'' e sono sempre stati uniti. Lui la va a trovare quasi ogni giorno e nel tempo ha capito che la sua amata zia ha sempre represso la sua natura fingendo di essere una donna diversa da quello che realmente è...e lui spera che la zia si lasci andare,che finalmente goda dei piaceri della vita. Che goda di quel sesso che si è sempre negata...

Anche quel giorno lui passò a trovarla e quando entrò un cliente e vide la zia arrossire decise di uscire dalla porta sul retro sperando che,lasciandoli soli,lei tentasse di sedurlo...ovviamente non poteva chiudere a chiave e di certo non poteva sapere cosa sarebbe accaduto.

Ma torniamo al momento in cui la zia se ne va nel retro e inizia a infilare la mano fra quelle grasse cosce appoggiandosi ad un banco. Le dita sfregavano il clitoride duro e fradicio e il respiro si faceva più rauco e profondo e non si accorse della porta che si apriva. Sulla porta comparve un giovane fattorino,bello, grosso,muscoloso. Un armadio che racchiudeva tutto il vigore dei vent'anni. Lui chiuse piano la porta alle sue spalle e la guardò in silenzio sentendo il cazzo indurirsi sempre di più. La signora attempata aveva qualcosa di decisamente erotico in quelle pieghe della carne e guardare le dita infilarsi nella figa pelosa lo faceva eccitare come non mai. Si tirò fuori il cazzo dai pantaloni e iniziò a toccarsi cercando di non fare alcun rumore. Ma proprio quando Immacolata stava per raggiungere l'orgasmo e sbrodolare dalla sua figa scura lei si girò di scatto trovandosi a guardare quel cazzo duro e grosso che veniva segato lentamente. Per un istante pensò di gridare ma dalla sua gola non uscì un fiato. Lui le chiese ''le dispiace? era eccitante da guardare..e la porta era aperta'' ....lei restò in silenzio guardandolo stupita....lui fece un paio di passi nella sua direzione...lei si abbassò la gonna...lui le arrivò davanti...''perchè non ce la godiamo insieme? ti va di succhiarlo?''. Le mise le mani sulle spalle e la sospinse delicatamente in basso, verso quell'uccello maestoso. Lei si ritrovò in ginocchio a guardare che quel pezzo di carne piena di folle desiderio. Lo sfiorò con le dita e lui sussultò. Aprì la bocca e lui lo fece scivolare in quella cavità che sembrava così poco capace..eppure lei prese a succhiarlo con molta passione,leccandolo,stringendolo fra le labbra,scendendo con la lingua fino alle palle e poi risalendo di nuovo sulla punta. La saliva lo faceva brillare sotto la luce e lui la scopò,in bocca,forte,sbattendolo in fondo alla sua gola tenendole forte la testa.

All'improvviso lui la fece rialzare e lei si piegò contro il bancone,a novanta. Lui le sollevò la gonna e le tolse quelle mutande da signora e le infilò il cazzo in fondo alla figa facendola sobbalzare. Lei non si aspettava un piacere così intenso e istantaneo ma venne in pochi secondi e la sua figa spruzzava umori come un idrante. Non si era mai sentita così piena e sconvolta. Lui continuò a sbatterla senza ritegno sentendola guaire e gemere senza sosta. Il cazzo sembrava navigare in tutto quel bagnato e le sue palle erano ormai sul punto di esplodere quando lo tirò fuori e lei si mise in ginocchio a guardare gli ultimi colpi dati con la mano. La sborra uscì in 5 o 6 fiotti colpendo le sue labbra,gli occhi e il vestito che copriva le enormi tette. Lei volle assaggiare quella crema di maschio e decise che il sapore le piaceva. si sentì una puttana leccando tutta quella che recuperava dal suo viso e dal vestito ma allo stesso tempo non si era mai sentita così libera e felice. Il ragazzo si ripulì e si rimise il cazzo nei pantaloni. Poi si avvicinò al suo orecchio sussurrandole ''la prossima settimana...se vuoi te lo faccio provare nel culo''. Immacolata non rispose ma appena lui uscì si immaginò quel grosso cazzo che le entrava nel culo...e non potè non eccitarsi ancora aspettando che la settimana passasse velocemente....(continua...)

Questo racconto di è stato letto 3 9 4 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotixiracconti reoticiracconti di incesti gayracconti erotici adultiracconti incesto madre figlioracconti hard incesticane incula la padronacinema porno raccontiracconti gratis eroticiracxonti eroticiracconti reali incestisesso anale raccontistorie reali sessostorie eroticaracconto erotico scuolaerotica racc69 raccontiracconti pornppiedi femminili raccontiracconti erotici.comracconti ertoticiracconti erotici itracconti erotici.racconti di giovani gayho fatto un pompino a mio fratellodominazione donnaracconti erracconti trasgressioniracconti eroti ciracconti incesto mamma figliostorie erotracconti toplessracconti di mogli che tradisconomia sorella mi da il culosesso con generoracconto sexyraccnti eroticiracconti etoticiracconti gay al mareincesti familiariracconti smdonna scopa con un cavalloeroticiracconti.itstorie vere incesticornuto e guardoneracconti erotici la mamma del mio amicostorie pornpracconti suoceroracconti erotici nonna nipotecconti eroticiracconti eriticircconti pornoracconti eeoticistorie porstorie saffichestorie di sexracconti cornutiracconti mogli zoccoleraqcconti eroticiraconti sexracconti erotici per adultifilm scambio di mogliinculata in cantinaracconti erotici di punizioniracconto erotico clisteresega dalla cuginaracconti guzzon59racconti erotici di dominazioneracconti erotici spintiracconti erotici gay prima voltaerotici racconti i genericuckold raccontoerotici raccpntiquel cornuto di mio maritoracconti transgendermasturbazionrracconti di sottomissioneracconti erotici castrazioneracconto porno gratisstorie errqcconti gaywww raccontimilu comstorie eroticononno racconti erotici