Le 3 P: Pazienza, Panico, Pipì

Scritto da , il 2020-05-20, genere pissing

Sono da poco rientrata dalla festa, devo dire che i locali del Lido sono molto animati di sera. Accetto un paio di birre da dei gentilissimi ragazzi, ma poi mi sento assonnata e decido che è l'ora di tornare in hotel.
Prendo la lunga scalinata che collega tutte le stanze ed entro nella mia piccola ma accogliente camera. Nulla di eccezionale, un semplice letto matrimoniale, un armadio e un bagno.

La stanchezza inizia a farsi sentire, così entro in doccia e una volta finito indosso i miei pantaloncini del pigiama e un leggero top. Lascio la luce soffusa ancora per un po' e metto gli auricolari, non c'è sera che non mi addormenti prima di aver sentito della buona musica. Purtroppo però, mi addormento proprio sul più bello.

Sono circa le 03:30 quando, incosciente, mi sembra di vedere un'ombra attraverso i miei occhi chiusi. Li apro e trovo davanti a me due uomini giovani, uno sulla 30ina e l'altro forse verso i 40.
Mi alzo di scatto e urlo "Che cosa volete?! Uscite subito o chiamo...." il più giovane mi atterra al letto e prende velocemente il cellulare che era sul comodino accanto a me.
Resta semi-disteso su di me, con una mano mi tappa la bocca e non riesco a parlare.
L'altro, sottovoce, gli dice "Hey muoviti, siamo qui per rubare, non per molestare ragazzine!", così lui mi stringe i polsi e mi sussurra all'orecchio "Ora ti lascio, se provi ad urlare ti apro in due".
Lentamente inizia a staccarsi, toglie la mano dalla bocca e inizia a svuotare le mie borse e le mie valigie assieme all'altro uomo.

Inizio a guardarmi attorno per cercare una via di fuga, ma mi accorgo che non c'è più la chiave nella serratura, sono bloccata dentro con loro. Cerco disperatamente qualcosa che posso utilizzare come arma, così penso alla lampada sul comodino, quando l'uomo più grande mi urla "Hey vedi di non far stronzate! Alzati subito dal letto e mettiti in piedi su quell'angolo a guardare il muro! Subito troia!".

Io non ci capisco più niente, ad ogni urlo sento una potente fitta alla vescica.
Cazzo, quanto mi scappa! Le birre bevute poco prima stavano facendo il loro corso...
"DAI, SBRIGATI! IN PIEDI!"
Mi alzo e faccio come dice lui, cos'altro potrei fare?
Resto immobile a fissare il muro per non so quanto, mentre loro frugano nelle mie borse. Provo a spiegare che non ho nulla di valore, ma mi dicono solo di stare zitta, sempre più incazzati perché non trovano nulla.

I minuti passano, ho il cuore che batte all'impazzata. C'è anche qualcos'altro che batte: sono le pareti della mia vescica. Maledetta adrenalina!
Abbasso le mani verso il mio pube, loro non ci fanno neanche caso, e le infilo nelle gambe, cercando di stringere il mio sesso per alleviare un po' la pressione.
Dopo qualche minuto però la mia mossa perde efficacia, e inizio muovermi in modo ondulatorio, un movimento quasi automatico.

Il ragazzo vede la mia disperazione, e con un'insolita gentilezza mi chiede se va tutto bene.
"Tutto bene?! Ho due sconosciuti armati in camera che mi stanno rapinando e in più mi scappa la pipì!".
Il ragazzo mi guarda con comprensione, e mi chiede se voglio andare un attimo al bagno, quando l'altro gli sbraita dietro "Cazzo, non distrarti! Abbiamo poco tempo, dobbiamo cercare ancora! Non è una bambina di 3 anni, se fosse incontinente userebbe un pannolone! Tu resta immobile e tienila finché non ce ne andiamo! E GIRATI CAZZO".

Mi rivolto verso il muro e mi decido a star zitta.
Penso ok, ha ragione, non ho 3 anni, posso resistere, basta avere pazienza. Calmati ora.
Passano altri interminabili minuti, involontariamente inizio a sfregare le ginocchia avanti e indietro, su e giù, assecondandoli ai movimenti ondulatori dei fianchi.
Continuo a stringere sempre di più, cazzo sto per esplodere. Nella mia mente ho solo immagini di birra, fiumi e cascate.
Ho brividi in tutto il corpo, e credo di essere arrivata al limite.

"Quanto vi manca ancora? Vi prego, mi scappa da morire, ce l'ho quasi in punta, non ce la faccio più!"....nulla

Mentre strofino le gambe, inizio a sentire delle piccole vibrazioni nel mio sesso, poi come una sensazione di "umido". Credo che la mia vescica sia arrivata al limite della capienza, alcune gocce stanno bagnando la mia mutandina.
Ormai l'umiliazione è talmente elevata, che non ho il coraggio di girarmi.

Le gocce iniziano a diventare piccole perdite di urina che ora stanno visibilmente macchiando i miei shorts. Cazzo, non la tengo più.
Non ci vuole molto che, guardando in basso, ci sono dei piccoli fiumiciattoli di pipì che arrivano fino a bagnarmi i piedi.
Nonostante io stringa le gambe il più possibile, è come se il buco della mia vescica si aprisse sempre di più, facendo uscire sempre più pipì che ora sta inondando le mie cosce e che cade rumorosamente a terra.
Inizio a sentirmi sempre più sollevata, così tanto che la sensazione di liberazione rilascia in menun potente orgasmo. Il tutto, mentre ancora la pipì esce a pieno ritmo dalla mia vescica piena.
Ahhhh cazzo, penso di aver pisciato per almeno 2 minuti! Se non addirittura 3!

L'uomo più grande deve aver sentito il rumore della mia pipì ed entrambi si girano a guardarmi, mentre gli dice "Guarda un po' che bella pisciona abbiamo qui! Cazzo guarda che pozzanghera! Ne avrà fatta almeno mezzo litro! Guarda che roba! Un pannolone non ne avrebbe retta nemmeno metà! Hahaha pensa se la chiudessi in cantina! Il giorno dopo troverei tutto allagato hahaha!"

Entrambi ridono, ma a me non importa più nulla.
Ormai mi sento libera e molto più rilassata.

Poco dopo i due hanno finito, il più grande esce a mani vuote borbottando qualcosa e l'altro si allontana verso il bagno, dicendomi "Hey, senti qua!" e pochi istanti dopo sento la sua pipì cadere dentro al water. E' tantissima! Appena esce dal bagno, si avvicina e mi sussurra "Sai, era da questo pomeriggio che non la facevo, in tutte le case che ho svaligiato non ho avuto il tempo per farla. Quando ti ho vista pisciare credimi, stavo per farmela sotto pure io!".

Poi esce anche lui, e mi precipito a chiudere la porta a chiave.
Ripulisco la pozza di pipì ai piedi del letto, mi lavo e cambio gli slip, poi torno a letto cercando di non pensare.

...quando, a un bel momento, mi rendo conto che mi scappa la pipì.

Questo racconto di è stato letto 1 5 2 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


www raccontimilu comsensualissima passionegeneri di racconti eroticiraccontidisessostorie di matureracconti incestuosistorie eroticiracconti strip pokerracconti erotocomariti cornuti e umiliatiraxconti eroticiracconti erotici transracconti erotici generemio marito bisexracconti di annunci 69racconti erotici slaveracconti sesso animaliporno raccontiannunci 69 raccontiracconti di scambio coppieracconti erotici vipracconti eroricierotociraccontiracconti feticismoracvonti eroticirqcconti eroticiracconti dominazione miluacconti pornostorie sexracconti porno violentiracconti erotici analiracconti erotici gitaracconti erotici guzzonraccontu pornoracconti hard incestuosiraccpnti eroticiracconti poai piedi della profporno racconti tradimentir acconti eroticilibri erotici lesboracconti erotici classiciracconti eroticjcornuto e guardonegolosa di spermaracconti erotici animaliracc eroticiracconti di donne che si masturbanoracconti di annunci 69i generi di racconti eroticiracconti incestuosi veristorue pornostorie pornoerotici racontiraccoti miluracconti porno gratisracconti di cazziracconti con la suoceracornuto sottomessoragazze che fanno sesso con animalierotica raccontiracconti erotici di sessoracconti erotismoracconti erotici milustorielle hotracconti erostorie sesso suoceraracconti di prime esperienze sessualiracconti erotici professoreracconti erotici a69ho scopato mio padreracconti gay realiacconti gaystorie erotichrracconti erotici peggingnonna eroticaracconti porno+ditalino sotto il tavoloracconti gay prima voltaraccontierotstorie pronoracconti picantiracconti animalsexracconti erotici mistressfotoromanzi eroticiracconti depravatiorge estremeracconti erotciracconti-erotici