Come diventai un attore 6

Scritto da , il 2020-05-20, genere etero

Dieci giorni dopo venni chiamato ancora dal solito regista. Brevemente mi informò che era una due giorni in cui avrei dovuto in parte riprendere e in parte “recitare” poiché c’erano di nuovo Giada e Mila che mi avevano voluto. Avremmo girato e dormito in una delle tante ville della bassa, neanche troppo distante.
Così al mattino presto caricai il mio usuale mini-trolley in auto e partii spensierato. La sera prima avevo bisticciato con Angela quando le avevo detto che mi assentavo. Aveva continuato a chiedermi di portarla con me e non so come ero riuscito a mantenermi fermo nella mia decisione. Chiaramente niente sesso quella sera, però era un bene viste le “fatiche” che andavo a affrontare.
Avrei dovuto sapere che Angela non si arrendeva facilmente, avrei dovuto intuire che aveva qualcosa in mente. Nulla. Partii tranquillo senza accorgermi di avere una “coda”.

Arrivato sul posto il regista mi diede le prime istruzioni: il primo giorno avrei fatto l’operatore per un film del tipo “casalinghe”, quelli in cui diverse ragazze e non più ragazze, mascherate, si fanno sbattere davanti alla telecamera. Chi per denaro, chi per provare nuove emozioni, chi per compiacere il partner; non mancano mai soggetti disposti a farlo. Il secondo giorno avrei girato con Mila, Giada, Rick, Anna, Paolo, che conoscevo già, più un’attrice nuova e un attore americano, un nero superdotato che sarebbe apparso anche in un episodio del primo film.
Ero al lavoro da un paio d’ore, nella cucina della villa, riprendendo una biondina che allegramente coperta da una mascherina che secondo lei doveva renderla irriconoscibile si faceva scopare a pecorina, appoggiata al tavolo, da un tipo con un po’ di pancetta anch’egli mascherato. I gemiti mi parevano reali, le espressioni di goduria idem. Pareva proprio che se la stessero gustando e facessero fatica a seguire le indicazioni del regista. Questi diede lo stop con sommo disappunto dei due, occorreva trasferirsi in una delle camere. Ne approfittai per andare al bagno. Tornando un tecnico delle luci mi diede di gomito:

- Ehi, una delle nuove non ha saputo aspettare il ciack, appena ha visto il batacchio di Paul (l’attore americano) non ha resistito. -

Incuriosito mi affacciai nella stanza dove i protagonisti si preparavano e vidi, con intorno diversi uomini e donne nudi o quasi, che ridacchiavano, una ragazza in ginocchio davanti a Paul. Pareva strozzarsi, dai versi che faceva, nel tentare di prenderlo tutto in gola. Da dietro vedevo solo la testa riccia di questa ragazza quindi mi spostai di lato per vedere meglio. Subii due shock insieme: uno dovuto all’affare di Paul, in quel momento totalmente esposto. Doveva forse misurare 30 e più centimetri, circonferenza in proporzione. Nero, lucido della saliva di lei, sembrava più un’arma impropria che un cazzo. Il secondo shock fu riconoscere nella ragazza Angela.

Riuscii non so come a non gridare il suo nome. Angela stava provando a prenderlo tutto dentro. Si affannava, sbavava, riusciva a prenderne poco più della metà. Non desisteva, la bocca dilatata enormemente da quell’affare gigantesco continuava a provare fino a quando non era costretta a tirarlo fuori per respirare, e poi ricominciava. Sopra di lei Paul sorrideva facendo l’occhiolino ai presenti, ben conscio del furore erotico che aveva scatenato il suo affare in quella ragazza.
A un certo punto la fermò, vincendone la resistenza, dicendole in un italiano fortemente accentato che doveva girare e non poteva “sprecare cartucce”. Lei pareva non darsene pace, lo stringeva in mano intenzionata a non lasciarlo. Poi si quietò, girò la testa intorno e vedendo gli altri ridere si accorse di essersi resa ridicola. Mi vide e rimase attonita.
Paul e gli altri uscirono dalla stanza diretti al piano di sopra. Passandomi davanti ancora ridevano. Rimanemmo soli.

- Mauro, io……. Io….. non so cosa mi abbia preso -

Mi raccontò brevemente che mi aveva seguito contro le mie indicazioni, che era entrata dentro per chiedere di me e mettermi di fronte al fatto compiuto sperando di poter restare. Vedendola guardarsi intorno spaesata qualcuno le aveva detto:

- Ehi, le nuove in quella stanza in fondo, sbrigati che stiamo per cominciare -

Lei era entrata in quella stanza per curiosità, eccitata dall’atmosfera, dai corpi nudi che vedeva. In quel momento Paul si stava spogliando e quando lo aveva visto lei non era riuscita a trattenere un’esclamazione:

- Oh MAMMA! -

Paul ridendo le aveva detto che non mordeva, di avvicinarsi e di toccarlo.
Era in posizione di riposo ma faceva impressione lo stesso. Lei si era avvicinata, aveva allungato la mano esitante afferrandolo e…….. non sapeva cosa le fosse passato per la testa, era caduta in ginocchio portandoselo alla bocca, sentendolo gonfiarsi fino a non riuscire quasi a tenerlo. Aveva dimenticato dov’era, chi era, sapeva solo che voleva sentirselo in gola.

- Mauro, non ho mai visto un affare del genere. Provavo a spingerlo dentro e più entrava più mi bagnavo. Anche ora sono un lago solo a pensarci -.

In quel momento entrarono Mila e Giada. Mi feci avanti per salutarle velocemente e mi scusai di non poter parlare perché avevo una cosa da fare, che le avrei salutate meglio dopo. Tornando verso Angela sentii gli occhi di Giada inquisitori su di me ma volevo solo allontanare Angela. Era mia intenzione di portarla verso la sua auto e farla andar via, però venimmo ancora interrotti da una assistente:

- Mauro. Sbrigati, è quasi tutto pronto. E tu veloce a spogliarti e metterti la maschera. Hai firmato la liberatoria? Se no fallo subito e sali sopra, a momenti iniziamo -

Anche lei aveva preso Angela per una nuova attrice.

- Flavia, aspetta, ho bisogno di un minuto per una cosa -

- Ma che minuto e minuto. Sbrigati o il regista s’incazza e poi la fa scontare a tutti -

Se ne andò. Angela mi guardò dubbiosa:

- Mauro, che devo fare? -

- Fai quello che ti pare, tanto lo faresti lo stesso. Io vado che non voglio altri guai a causa tua -

Ero arrabbiato con lei. Presi la telecamera dove l’avevo lasciata e salii sopra.
Mi concentrai sulle riprese seguendo le indicazioni di massima del regista. Il farlo mi permise di calmarmi, cercavo la luce migliore, l’inquadratura giusta prima ancora che il regista me la dicesse. Conoscevo il mio mestiere e ormai sapevo le cose che preferiva.
Col distacco che avevo imparato ad avere ripresi una donna di forse 40 anni fare numeri con un coetaneo, poi una ragazza alle prese con un giovane e un anziano. Più lavoravo e meno pensavo a Angela, fino a che non la vidi contro la parete. Nuda, solo la mascherina con le piume a coprirla, meno sciolta delle altre ragazze in attesa. La riconobbi da questo e dai capelli. Non la guardai nemmeno.
Il trio davanti a me concluse con una doppia sborrata in faccia a cui feci un primissimo piano. Allo stop mi rilassai cercando un po’ d’acqua. Faceva caldo in quella stanza.
Cambiai il supporto di memoria alla telecamera e mi riavvicinai al letto. Qui Paul era seduto beato. Il regista chiamò tre ragazze, tra cui Angela, invitandole a inginocchiarsi davanti a lui per un pompino collettivo.
Al ciack ripresi tutto cambiando le angolazioni. Vedevo le tre lingue, una la conoscevo bene, leccare l’asta per tutta la sua lunghezza. C’era spazio per tutte su quel bastone. Angela sembrava aver perso ogni titubanza. Leccava il cazzone lasciando fili di saliva, senza curarsi se ogni tanto toccava la lingua di un’altra ragazza. Esitò solo una frazione di secondo quando il regista chiese un bacio saffico prima a due e poi a tre, poi si lasciò andare a quell’esperienza che penso fosse nuova per lei.
Io riprendevo e mi stupivo della naturalezza con cui Angela ingoiava quel bastone di carne, cercando ancora di prenderne il più possibile, e poi lo passava alla vicina, a come intrecciava la lingua con quella di un’altra ragazza, all’espressione estatica che aveva sul viso mentre lo faceva. Notai anche che con una mano aveva preso a toccarsi. Stava vivendo in pieno la situazione, dando e prendendo piacere, senza remore, senza limitazioni.
Il regista ordinò un cambio di posizione. Scelse Angela come prima ragazza a farsi scopare, facendola distendere sul letto, le gambe fuori, Paul in ginocchio.
Vidi il suo cazzo avvicinarsi a quella micina che conoscevo tanto bene, spingere, farsi strada tra le lebbra, nelle mucose.

- Aaaaahhhhhhhhh, ODDIO E’ GROSSO, E’ GROSSOOOOOOOO -

Angela urlò mentre Paul la penetrava. Il nero non spingeva con molta forza ma immaginai come le carni tenere si dilatassero a fatica per contenere quello che sempre più mi pareva un siluro anziché un pene.
Io, da sopra, inquadravo sia l’inguine che il viso di Angela, per mostrare pienamente le sue smorfie man mano che Paul la penetrava.
Entrò per tre quarti prima che lei parlasse ancora, per fermarlo.

- Basta, basta mi fa male -

E dopo poco:

- Prova a muoverti, piano, non spingere troppo -

Paul si ritrasse e poi spinse ancora. Doveva essere abituato a vedere le ragazze soffrire per le sue dimensioni e si dimostrò delicato per quanto possibile.
Le altre due ragazze, una per parte, leccavano i seni di Angela, Paul si muoveva avanti e indietro, più liberamente di prima, e Angela parve impazzire. Si contorse come percorsa da una scossa elettrica, inarcando le reni, mulinando le braccia senza coordinazione, squassata da un orgasmo eccezionale.

- SIIIIIIIIIIIIII, SIIIIIIIIIII, VENGO, OH CAZZO STO VENENDOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO. SCOPAMI, SCOPAMI, STO VENENDOOOOOOOHHHHHHHHHHH -

Mi preoccupai quando si accasciò, tanto era profondo il rilassamento del suo corpo. Solo il seno che si alzava e abbassava al ritmo del respiro spezzato mi tranquillizzò. Smisi di riprendere allo stop del regista.
Le ragazze dovettero aiutare Angela a muoversi sul letto, farsi da parte per cedere il posto a una delle due, una bionda finta di forse 30 anni. Lei si mise a quattro zampe sopra il letto. Paul era in piedi pronto a penetrarla.
Il regista si avvicinò al suo viso e le disse qualcosa che non compresi. Lei rispose:

- Proviamo -

Capii poco dopo cosa le avesse chiesto, quando diedero di nuovo il ciack e l’altra ragazza si affondò in gola il cazzone di Paul tirandolo fuori lucido di saliva per poi accostarlo all’ano della bionda.
Non credevo ai miei occhi, mai avrei pensato che un affare del genere potesse entrare nell’ano di qualcuno, mai avrei pensato che una ragazza fosse anche solo disposta a provare. Dovetti ricredermi. Per quanto difficoltosa, costellata di urletti, stop, piccole spinte, nuova saliva, la punta entrò in quell’ano dilatandolo a dismisura.
La ragazza soffriva evidentemente ma non mollava, pregava di far piano ma non si sottraeva. Ripresi tutto col cuore in gola, mi pareva di assistere a un evento assurdo e incredibile. I gridolini di dolore divennero gemiti, non so quanto spontanei o recitati; seguendo le istruzioni riprendevo una volta il volto della bionda e le sue smorfie, una volta le natiche spalancate, con la testa dell’altra ragazza appoggiata sulle reni, gli occhi sgranati che osservava quell’affare mastodontico entrare e uscire.
Sempre dietro le indicazioni del regista allargai la ripresa, inquadrando la scena complessiva, con Paul che era uscito e si masturbava per venire, l’ano dilatato che pareva una voragine, la faccia della ragazza che attendeva gli schizzi e, dietro, Angela che si era ripresa e masturbandosi freneticamente mentre guardava la scena, godeva nel preciso istante in cui Paul eruttava sul viso della ragazza schizzi e schizzi di sperma, in quantità tale da quasi coprirla totalmente, e questa che imboccava il cazzone ingoiando gli ultimi schizzi.
Allo stop mi resi conto di essere sudato e eccitato. Guardandomi intorno vidi che anche il regista, gli altri addetti, chiunque fosse presente pareva nelle mie condizioni. La scena era stata veramente forte e il - Bravi - detto con entusiasmo dal regista lo confermò.

Ci fu una pausa. Occorreva preparare un’altra scena, mettere a posto il letto sconvolto da quei quattro.
Scesi di sotto alla ricerca di un caffè e mentre lo sorseggiavo si avvicinò Giada:

- Chi è lei? -

Capii subito cosa intendesse e dopo un attimo di silenzio le dissi tutto, istintivamente mi fidavo di lei.
Alla fine fece solo un commento apparentemente insensato:

- Quindi non è la tua ragazza ………. anche se state insieme - .

Annuii.

- E oggi ha dimostrato di essere una troia come poche -

Un po’ mi disturbò l’insulto di Giada a Angela, anche se non potevo negare l’evidenza, prima di capire che lei non l’intendeva come un insulto. Giada venne chiamata e mi lasciò con un’ultima frase:

- Ci vediamo stasera - .

Tornai al lavoro e mi concentrai sino alla pausa pranzo. Angela si sedette accanto a me, la busta del catering in mano, e mangiammo lentamente senza parlare per qualche minuto. Ruppe lei il silenzio:

- Sai, il regista mi ha chiesto se voglio restare e lavorare anche domani -

- Domani lavoro anche io -

- Lo so: io, te e altri che non conosco. Mi ha detto che è un lavoro importante -

- Lo è, e perché ha scelto proprio te? -

- Mi ha detto che gli sono piaciuta per la spontaneità, e poi l’attrice prevista non è più disponibile -

Fece una risatina.

- Ha avuto un incidente ihihihihih -

- Cioè -

- E’ quella bionda che l’ha preso in culo. Alla fine perdeva anche un po’ di sangue e s’è tirata indietro, però sono indecisa. Dovrei girare senza maschera e non so se mi va - .

Lasciai cadere l’argomento e andai verso il thermos del caffè prendendolo per entrambi.
La pausa finì e mi ritrovai al lavoro, senza conoscere nessuno dei protagonisti, fino a sera.
Decisi di parlare al regista dei rapporti tra me e Angela, tanto avrebbe scoperto presto che ci conoscevamo. S’informò solo se avessi problemi a recitare con lei e avuta risposta negativa mi batté una mano sulla spalla e andò verso non so quale occupazione.
Per cena andammo tutti a una pizzeria nel paese vicino. Regnava l’allegria, quel giorno si era lavorato bene, il regista era soddisfatto. Tornammo presto alla villa perché il giorno dopo sarebbe stato impegnativo per tutti.
Nel dividerci per le stanze mi dissero che Angela avrebbe dormito con me. Non c’era problema e mi avviai senza aspettarla. Mi spogliai, mi lavai e mi addormentai tranquillo. Durante la notte mi svegliai, la sensazione che qualcuno fosse nella stanza. Il letto accanto a me era vuoto, Angela non era venuta a dormire. Accendendo la abat-jour scorsi ai piedi del letto Giada.

- Vieni con me -

mi disse, e attese che mi alzassi, mettessi i jeans e, a torso nudo, la seguissi.
Mi prese per mano e mi portò con se lungo il corridoio alla porta accanto, la stanza che divideva con Mila. Appena aprì la porta udii dei gemiti provenire dall’interno. Entrammo, Giada chiuse la porta e mi fece sedere su una poltrona vicino al letto. Su questo, ampio, a baldacchino, vidi Mila e Angela unite in un sessantanove. I gemiti provenivano da loro. Vedevo la testa riccia di Angela, affondata tra le cosce di Mila, sollevarsi ogni tanto con un’espressione di godimento per mugolare, e poi chinarsi ancora a leccarle la micina.
Angela mi impose di sedere e di guardare.

- Abbiamo parlato di te con la tua ragazza. Ti vuole bene sai? Però è curiosa, eccitata. Sai che non aveva mai fatto l’amore con una donna prima? Ci abbiamo pensato noi a insegnarle. Ora guardaci, toccati se vuoi -

Salì sul letto togliendosi la vestaglia e si prodigò in carezze a entrambe le tribadi, chinandosi su di loro, contendendo a Angela la micina di Mila, accogliendo con gioia le carezze che entrambe presero a farle.
Ebbi un’erezione che mi costrinse a sistemare i jeans. Le vedevo muoversi, toccarsi, leccarsi come al rallentatore, ero lo spettatore privilegiato di qualcosa che, mi parve, andava oltre il sesso, oltre la bellezza.
Avrei voluto unirmi a loro e nello stesso tempo non volevo interromperle. La mia eccitazione cresceva acuita dai gemiti delle tre.
Si sciolsero dall’abbraccio e mi guardarono tutte contemporaneamente, Mila tese il braccio verso di me in un invito che mi affrettai a accettare togliendomi precipitosamente i jeans e salendo nudo anch’io sul letto.
Le labbra di Mila catturarono le mie con dolcezza, fremevano. La sua mano si chiuse sul mio uccello carezzandolo. Mi sussurrò all’orecchio un:

- Ciao -

con voce roca e eccitante.
Sentii una bocca impadronirsi del mio affare, scostare la mano di Mila. Poteva solo essere Angela perché Giada era di fronte a me, in ginocchio, pronta a baciarmi a sua volta.
Presi l’iniziativa e con le mani andai a cercare i loro sessi, trovandoli umidi e accoglienti per le mie dita. Ricordavo come avevo già scopato con loro eppure ora mi pareva diverso, ben oltre la presenza anche di Angela.
Questa si sollevò abbandonando il mio uccello all’aria e mi baciò a sua volta. Tutte e tre mi spinsero a distendermi, evidentemente avevano concordato ogni cosa, e mi trovai a avere tre bocche su di me: quella di Mila sul mio cazzo, quella di Angela sul mio addome e quella di Giada sui miei capezzoli.
Ero eccitato al massimo, avevo già scopato con più donne ma solo recentemente e davanti alla macchina da presa; qui era tutto più…intimo. Non era "lavoro" ma voglia di godere, di dare e ricevere piacere.
Angela mi salì a cavalcioni e aiutata da Mila si fece penetrare.

- Aaaaahhhhhh, ti sento Amore, ti sento….. -

Era la prima volta che mi chiamava amore, qualcosa era cambiato. Riposi l’informazione in un angolo del mio cervello e mi occupai di lei stringendole i seni, titillandole i capezzoli mentre Angela si agitava sopra di me.
Stavo godendo da impazzire, vicino a noi Mila e Giada si carezzavano vicendevolmente le micine; vedevo le dita scomparire dentro per riuscire bagnate di fluidi, vedevo i loro corpi vicini stringersi l’uno verso l’altro, le bocche incollarsi gementi e Angela che si muoveva sempre più veloce sopra di me.

- Sto per venire Mauro. Vieni con me ti prego, vieni dentro di me, fammi godereEEEEEEE EEEEEHHHHHH -

Angela raggiunse il climax mentre mi incitava e anche io non potei trattenermi godendole dentro la micina, allagandole l’utero. Poco dopo Mila e Giada godettero a loro volta, abbandonandosi sul letto vicino a noi.
Eravamo una ben strana composizione per un osservatore esterno: immobili, Angela sopra di me, le due ragazze a contatto con le teste, allacciate a loro volta in un abbraccio, tutti stanchi ma appagati.
Non era finita però. Poco dopo Mila si sciolse dall’abbraccio di Giada dandole un bacio e rivolgendole un sorriso furbetto. Spinse Angela fino a farla scendere da me e si chinò con la lingua sul mio cazzo.

- Ti voglio anche io Mauro. Vieni Angela, aiutami a farlo tornare duro -

Angela accorse subito e sotto gli occhi di Giada, i soliti occhi enigmatici che tanto mi piacevano e mi impaurivano, si prodigò con Mila. Era forse un po’ presto per me, subito dopo il primo orgasmo, ma la loro opera magistrale sortì presto l’effetto e mi ritrovai teso, turgido, pronto nuovamente.
Mila fece come Angela: mi salì sopra prendendolo lentamente dentro di se, sospirando piano mentre si faceva penetrare.
Mi cavalcò a lungo, stringendosi i seni tra le mani. Io la tenevo per le anche accompagnandola nei movimenti e guardavo Giada e Angela che si baciavano.
Mila godette, io ero ancora abbastanza lontano dal mio secondo orgasmo. Appena Mila si staccò Angela prese il suo posto:

- Ti voglio dietro, devi riempirmi anche lì -

Si mise a pecorina e mi porse le sue natiche. Come resistere? Mi inginocchiai dietro di lei e fu Giada a prendermelo in mano e guidarlo sulla rosetta che vedevo contrarsi nell’attesa.
Spinsi e fui subito dentro di lei, come un coltello nel burro, più facilmente di come ricordassi. La mano di Giada stringeva ancora la parte rimasta fuori, non so se per impedirmi di entrare tutto o per incularla lei usandomi come un dildo. Credo la seconda ipotesi perché il suo viso era terribile in quel momento: le labbra semiaperte, lo sguardo eccitato, mi spingeva dentro e fuori lei, con forza, un gesto di amore misto a rabbia.
Angela non si accorse di niente, a lei bastava sentirlo dentro di se, e poi c’era Mila che aveva allungato una mano sotto di noi stuzzicandole il clitoride.
Ben presto si dimenò in un altro orgasmo, gridato nella bocca di Mila, dimenando i fianchi.
Anche io c’ero quasi. Spinsi con forza gridando e Giada tolse la mano permettendo al mio cazzo di entrare fino in fondo, di colpo, la pelle delle natiche attaccata al mio pube, e subito mi riafferrò per i testicoli tirandomi indietro. La pressione fu sufficiente per indurmi a ritrarmi, a uscire da quell’ano accogliente, a imbrattarle la schiena mentre in me si confondevano dolore e piacere.
Ci staccammo stanchi.
Guardai sconsolato Giada:

- Mi dispiace, non credo di averne ancora a breve -

- Non importa, mi è piaciuto lo stesso. Ora andate a dormire -

Mi baciò con tenerezza in contrapposizione col suo fare sbrigativo che mi sembrò un cacciarci dalla stanza.
Io e Angela tornammo nella nostra e ci addormentammo subito, abbracciati.
Al mattino dopo mi svegliai stanchissimo avendo dormito poco.
A colazione il regista mi guardava con disappunto.

- Sei uno schifo, ce la fai almeno a farlo venir duro dopo questa notte? -

Pareva sapere tutto. Beh, non è che eravamo stati discreti e nel silenzio le urla viaggiano lontano.
Gli confessai di non essere del tutto sicuro e lui, con la faccia disgustata e borbottando qualcosa sulla mancanza di professionalità, mi indirizzò dall’assistente, Flavia, per un “aiutino”. Che poi consisteva in una pillola di eccitante, non ricordo il nome ma non era viagra, che talvolta usavano gli attori in defaillance.
Flavia mi chiese se avessi problemi di salute e alla risposta negativa mi diede la pillola indicandomi di prenderla mezz’ora prima. Mi prese anche in giro ridacchiando:

- Forse dopo stanotte dovresti prenderne due -

- Ma non dormiva nessuno qui? -

- Con il casino che avete fatto chi vuoi che dormisse? Però, tre in un colpo solo non è proprio da tutti -

M’incamminai verso la sala a cercare un po’ d’acqua per la pillola incrociando lo sguardo ironico persino di Paul.

Questo racconto di è stato letto 9 6 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti porboracconti di sesso lesboeroticaraccontiracconti erotici gay gratisracconti hard sexstorie sesso lesboracconti erotici tettonearchivio racconti eroticiseghe raccontistorie di culi rottigeneri di racconti eroticiracconti piccantissimierotici racconti.itracconti doggingcontatti eroticiracconti erotici ziaracconti incesti realiracconti erotici di mogli infedeliracconti erotici primo pompinoracconti di suoceraracconti eroti iwww.eroticiraccontiracconti eroti cistorie di inculateracconti sculacciateracconti erotici a69eroticiracconti gratisracconti eoriticracconti cuklodracconto erotico professoressaracconti porno anzianercconti eroticistorie sesso gratiszie troie raccontiincesto confessionimamma ti sborroracconti etoticiraccontipogeneri dei racconti eroticiracconti erotici trenoconti eroticigeneri dei racconti eroticiracconto eroticiwww.raccontimilu.comracconti sex gratisracconti hard realiraconto pornostorie erotiracconti di sesso incestuosoraccont eroticracconti di milracc eroticiracconti erotici gang bangracconto incestoracconti/eroticiacconti pornoracconti erotici in autobusvideo racconti eroticiracconti porno gay gratisraccontieroracconti erotici ditalinoracconti pornperotici raccoraccontii eroticiracconti dottoreracoonti eroticistorie etoticheracc milùracconti porbocome scoparsi la vicinaracconti 69 lesboracconti hard freemi sono scopato mia cognataio milùracconti erotici zoofiliai piedi di mia suocerastore pornoracc erosstorie incestiraccolta racconti eroticisesso con suocera raccontiracconti erotici veriracconti erotici bbwracconti porcellieroticaraccontistorie pornostorie di sesso con animalisesso estremo con animalicugina zoccolaracconti erotici vecchiostorie di trans