La calda estate di Francesca 20

Scritto da , il 2020-05-20, genere incesti

Le vacanze volgevano al termine. Il giorno seguente sarebbero tornati a casa e così la libidinosa vacanza sarebbe terminata. Avrebbero dovuto abbandonare quell’appartamento testimone muto di amplessi e confessioni tremendamente eccitanti, osceni e colmi di sublime indecenza.
Nella sua stanza Francesca fissava il suo borsone già pronto per l’imminente partenza.
Conteneva poche cose, ma era pieno di ricordi indelebili.
Con un sorriso in volto si rese conto di quanta esperienza avesse accumulato da quel pomeriggio del primo giorno di vacanza quando, spiando Laura e Roby si era lasciata coinvolgere dalla foga dei due amanti in bagno tanto da eccitarsi e masturbarsi forsennatamente.
Adesso invece si sentiva dannatamente femmina in tutti i sensi.
Il suo ex fu il primo ad affollare la sua mente.
Scoppiò in una sonora risata ricordandosi così impacciata, così ingenua, così inesperta perfino nel fargli una sega più o meno decente per non parlare dei numerosi fallimenti provando a prenderglielo in bocca.
E ricordò anche di Lorenza, il suo cuginetto.
Tra lei e Lorenzo c’era sempre stata una forte intesa, lui aveva un carattere non dissimile dal suo, era quindi affettuoso, un po’ timido e molto sensuale.
Trascorrevano le vacanze estive in campagna, da una zia.
Per molti anni, soprattutto da quando lei aveva cominciato ad essere donna, Lorenzo l’aveva spiata mentre si vestiva o faceva la doccia.
La comparsa della peluria sul pube e la nascita delle tettine furono gli elementi che scatenarono la sua libidine.
Vedendola non poteva evitare di eccitarsi e di masturbarsi freneticamente.
Fu proprio durante la loro ultima vacanza che Francesca lo sorprese mentre se lo stava segando guardando una porno.
Voleva troppo bene al cuginetto per non capire le sue tensioni, così mentre lo sgridava per il video e per il fatto che non si fosse chiuso a chiave in stanza per evitare visite indesiderate, quasi istintivamente allontanò la sua mano per sostituirla con la propria.
Glielo prese con tenerezza perché per lei era proprio impossibile farlo diversamente.
Lui, pur se imbarazzato, lasciò a lei l’iniziativa: appoggiò il capo contro il suo seno e con una mano andò a palparle il culetto.
Malgrado la mano stretta attorno a quella verga calda e pulsante le desse una fortissima emozione accompagnata da una serie di brividi, si sentiva un’amica tenera ed affettuosa.
Lo segava eccitandosi nel sentire il suo cazzo tendersi sempre di più, ingigantirsi nella sua mano e muoversi sempre più impetuoso.
Lorenzo poco dopo gemette, la strinse a sé e le imbrattò di sborra ginocchia e cosce.
Questa cosa tra loro accadde ancora perché Lorenzo ne aveva bisogno e perché a lei non sembrava di fare nulla di male.
Lo aiutava, ecco tutto!
Se non ci si aiuta tra cugini, si disse, da chi ci si deve aspettare aiuto?
Quasi ogni giorno lui entrava in camera sua e si stendeva sul letto con i pantaloni già aperti ed il cazzo duro.
Lei glielo afferrava e si faceva toccare sotto le mutandine. I primi giorni lei si bagnava con il suo tocco ma andando aventi lei si trovò ad attendere con impazienza quel momento e quando il cugino arrivava lei si sentiva bagnata.
Si faceva toccare perché non solo sapeva che lui ne aveva bisogno, ma perché le dava anche un forte piacere.
Qualche volta la fece persino venire in piedi solamente strofinandole il pube mentre lei lo segava facendolo sborrare sulle sue cosce.
Poiché lei non si faceva scopare, e di questo non se ne parlava proprio, per lei non si trattava di qualcosa di peccaminoso o proibito. Lo percepiva come un “aiuto”, come la cosa più naturale del mondo.
Alzandosi dal letto, Francesca di promise di chiamarlo non appena giunta a casa e, nell’attesa degli altri andò in bagno a rinfrescarsi.
Dal lavandino osservò la doccia ed avvertì una sublime morsa alla figa ricordandosi con quanta foga Roby l’aveva scopata facendola godere come non mai.
Mai prima aveva provato un piacere così selvaggio.
Si ricordava anche quella selvaggia notte sul terrazzo con Sandro quando Laura le incitò di muoversi.
Già, Laura…
Nell’arco di quelle due settimane le due ragazze erano diventate tremendamente complici.
Nessuna traccia di rivalità o antagonismo, solo una forte intesa e voglia di divertirsi e godere delle gioie e dei piaceri della vita.
Facendo particolare attenzione ai piaceri legati alla sfera sessuale.
Durante la cena Roby disse che l’indomani avrebbe accompagnato le ragazze a Milano mentre lui avrebbe proseguito per Venezia in vista del suo meeting del giorno dopo.
Sandro avrebbe raggiunto casa sua, Roma, in treno.
Il viaggio fu snervante e noioso, le ragazze civettarono tra loro e nei momenti di particolare noia non esitarono a darsi piacere.
Questo non passò inosservato a Roby che fece diverse pause per saziare la voglia di cazzo delle due ragazze.
Durante una di queste pause Francesca chiamò Lorenzo lo invitò a casa sua per raccontarsi delle ultime vacanze, approfittando dell’assenza della sua famiglia causa vacanza.
Francesca era infatti un’universitaria al quarto anno, studiava a Torino ma per l’estate tornava a casa.
Lorenzo era di un anno più piccolo e poco prima dell’estate si era laureato triennale in ingegneria.
“Rientro a Milano sta sera. Che ne dici di venerdì prossimo, magari verso le 10? Magari poi andiamo a pranzo assieme” propose la ragazza.
“D’accordo. Va bene venerdì. Io ora sono a Rodos, atterro a Milano venerdì mattina poi vengo direttamente da te. Ti faccio uno squillo prima di salire, ok?”
“Perfetto! Mi raccomando non sciuparti…. Dicono che la a Rodos sia pieno di figa…”
Il cugino chiuse la chiamata ridendo.
Forse anche per l’ultima frase più spinta, ma lei dopo quella vacanza era così: spontanea.
Quella mattina Francesca fu svegliata dallo squillare del telefono.
“Dio, oggi è venerdì…” La ragazza si alzò e buttò alla rinfusa nel cassetto del comodino il dildo che giaceva ancora sul letto. La sera prima si era dedicata ad una lunga masturbazione assieme agli amici della vacanza. Si erano videochiamati essendo tutti abbastanza lontani. Sandro era a Roma, Roby a Trieste e Laura era a Milano ma i suoi non la facevano uscire causa temporale. La ragazza era un po’ dispiaciuta, le sarebbe piaciuto poter aiutare Francesca di persona ma non fu possibile.
Dopo aver riposto il dildo la ragazza sentì il campanello suonare e afferrata al volo una vestaglietta per coprire il suo corpo completamente nudo e se la stava ancora infilando mentre apriva la porta.
Lorenzo era lì, che le sorrideva con uno zaino in mano e una bottiglia di Ouzo nell’altra.
“Lorenzoooooo!” esclamò Francesca e, istintivamente gli balzò al collo.
Fece anche una cosa che non aveva mai fatto con nessuno: senza accorgersene sollevò i piedi e gli circondò la vita con le gambe e premendo i talloni sulle sue chiappe lo serrò a sé.
Questo senza fare caso alla sua vestaglietta che si era totalmente aperta.
Lorenzo, perplesso per quella irruenta, strana e inaspettata accoglienza, lasciò cadere lo zaino e adagiò la bottiglia per terra.
Strinse la ragazza al petto e la portò, appesa a lui, verso un divano su cui la voleva posare, ma quando ci provò lei non si staccò facendolo cadere su di lei.
“Lori...! Che gioia averti qui con me!” disse la ragazza.
Gli baciò tutto il viso con tanti bacetti mentre lui avvampava percependo la morbidezza del suo corpo nudo.
Non cerco però di evitare quel piacevole contatto.
Anzi le sue mani passarono sotto il tessuto della vestaglia e andarono a stringere il suo culetto sodo.
“Sei bellissima! Anzi più di come ti ricordavo” farfugliò senza trovare altre parole da dirle.
In compenso iniziò a ricambiare tutti i bacetti che aveva appena ricevuto: prima sul viso, poi, preso dall’emozione e dal sentimento d’affetto che lo legava ala cugina sul collo e, per finire, sulle tette.
Lei felice lo lasciò fare, ma quando lui le strinse fra le labbra un capezzolo e iniziò a succhiarlo smise di ridere.
Non lo respinse, ma serrò il capo contro la tetta accarezzandogli i capelli con una mano, permettendogli di succhiarle anche l’altro capezzolo teso e turgido.
Continuò a stringerselo contro con le gambe ancora serrata attorno alla sua vita da lui pur sentendo già contro la figa, sempre più bagnata, la sua erezione che si era fata imponente dentro al leggero tessuto dei pantaloni.
“Ehi, non ti eccitare troppo” ridacchiò la ragazza “Non siamo più dalla zia”
Per tutta risposta lui sollevò il volto dal seno e la baciò sulle labbra, affondò la lingua tra le sue labbra e le leccò lascivamente il palato mentre con le mani sempre strette sul suo culo iniziò a strofinare contro la figa la sua erezione ancora imprigionata nei pantaloni.
Francesca pur continuando a baciarlo senza interrompere quel loro lento e appassionato gioco di lingue, si stava rendendo conto che le cose stavano ormai prendendo una piega diversa da quella che lei aveva pensato.
Si, era vero che lei nel suo entusiasmo dettato dalla gioia di vederlo si era gettata tra le sue labbra praticamente nuda, trasformano in qualcosa d’altro un abbraccio che voleva essere solo innocente e affettuoso, ma mai avrebbe potuto supporre che lui potesse reagire in quel modo.
Pensò che anche il cugino segaiolo di allora ne aveva fatta di strada. E di esperienze.
Continuava con insistenza a strusciare contro la figa, ormai zuppa quel cazzo duro e teso. Quel cazzo era del cugino e lei non avrebbe mai dovuto sentirlo in quel modo.
Pur con la mente affollata da questi pensieri, non era riuscita a sottrarsi a quel loro bacio così intenso e caldo.
Lorenzo le tolse una mano dal culo e la portò tra i loro corpi.
“Ora tira fuori il cazzo e mi scopa” pensò la ragazza, ma non ebbe la forza di impedire quel gesto che avrebbe inevitabilmente cambiato il loro rapporto di cugini-amici.
Improvvisamente si sentì pervasa dal desiderio incontrollabile di essere scopata da quel maschio che allora stringeva tra le cosce e che baciava così deliziosamente in bocca.
Scacciò il pensiero che fosse il cugino, il ragazzo che doveva “proteggere e aiutare”.
Intanto lui malgrado l’aderenza dei loro corpi riuscì a raggiungere la zip dei pantaloni.
Nel tirarla giù sentì sul dorso della mano la calda e umida figa della cugina e questo gli procurò un lungo fremito che lo eccitò ancora di più.
Dopotutto, si disse la ragazza, se doveva davvero proteggerlo ad aiutarlo, tanto valeva iniziare così, nel modo più intimo e completo.
Come sottrarsi ora che sentiva il cazzo teso e duro premere sul suo pube, ora che sentiva sulla pelle il colore di quella verga che la pervadeva tutta e la stordiva, togliendole ogni forza.
Lorenzo, alquanto impacciato nei suoi movimenti, continuò a strusciare il cazzo sul suo pube senza riuscire a penetrarla, eccitandola ancora di più: così fu lei che dovette afferrare quel cazzo e dirigerla tra le sue labbra gonfie di desiderio.
“Spingi” gli disse, e dalla sua bocca uscì un lungo gemito che accompagnò l’immergersi di quella verga nella sua giovane e vogliosa figa.
Oh, era bello sentirsi dentro quel cazzone duro che subito cominciò a muoversi con la fretta dell’improvvisa passione, come temendo di poter essere fermato troppo presto. Così lei usò i talloni e i muscoli delle gambe per imprimerli un ritmo regolare mente continuava a dirsi “Si, lo sto aiutando, deve imparare anche questo se vuole avere successo nella vita”, ma quasi subito questi pensieri si dissolsero nella sua mente e tutto il suo essere si concentrò sulle sensazioni ed emozioni che scaturivano prepotentemente dalla sua figa in fiamme, stordendola e inebriandola.
Era trascorso troppo tempo per lei, abituata dai ritmi giornalieri della vacanza, sentì così che già volava verso l’orgasmo, se lui fosse stato così bravo da durare ancora un po’ sarebbe sicuramente stato il primo di una lunga serie.
“Ah…si…si… più veloce, più forte! Chiavami, sbattimi! Si, cooosì! Ancora, ancora, non fermarti siiii…ecco..Ohhh…siii…Loriiii!”
In quel momento un suono giunse alle loro orecchie. Quel suono fu subito annullato dal grido di Francesca che, con voce roca e affannata urlò il suo orgasmo accelerando il movimento dei talloni sulla schiena di Lorenzo e le spinte contro suo cugino che le facevano sentire in profondità quel cazzo che la stava riempendo in modo stupendo.
Il suo corpo vibrò ed ebbe una serie di guizzi violenti mentre l’orgasmo le scoppiò nel ventre sommergendola in un’ondata di puro godimento.
Sentendola godere così sfrenatamente, Lorenzo non riuscì a resistere oltre e anche lui giunse all’orgasmo e con un lungo gemito le inondò la figa accasciandosi poi sul corpo della cugina.
“Avete finito?” chiese allegramente una voce.
Era Laura!
“Avete lasciato la porta aperta. Fortuna che sono arrivata io e non uno sconosciuto. Si sarebbe goduto un gran bello spettacolo! Mi presenti il tuo amichetto?”
Solo in quel momento Francesca si rese conto del rumore che aveva sentito era quello di una porta che si chiudeva.
Era ancora a cosce spalancate e per di più con il cazzo di Lorenzo ben piantato in figa.
Riuscì a sgusciare da sotto il corpo del ragazzo che, imbarazzatissimo non sapendo che fare rimase disteso sul ventre.
Francesca frappose il suo corpo nudo tra lui e Laura, dandogli il modo di infilarsi il cazzo bagnato di succhi e sperma nei pantaloni e richiudersi la zip prima di alzarsi impacciatissimo.
“Laura ti presento Lorenzo, mio…” stava per dire la parola “amico” ma poi si rese conto che non c’era bisogno di nascondere la verità, “cugino. Lori questa è Laura una mia cara amica”
“Piacere di conoscerti Lorenzo” disse Laura sorridendo ad entrambi
“Siete stati fortunati che sia arrivata io e non qualche malintenzionato!”
“Lieto” farfugliò il ragazzo sempre più imbarazzato.
Laura vestiva una corta minigonna a vita bassa, una giacchetta chiusa da un bottone posto all’altezza dell’ombelico. Ad ogni movimento quell’ampia scollatura scopriva buona parta delle sue tette e Lorenzo noto con piacere i grossi e turgidi capezzoli contornati da ampie aureole.
Apprezzò molto quella visione e non poté che rammaricarsi d’essere appena venuto nella figa della cugina.
Almeno per il momento i suoi sensi erano più che appagati.
Laura intuendo il suo pensiero gli sorrise e continuò, prima di lasciarla, a trattenergli la mano più di quanto fosse necessario.
“Credo proprio che tu abbia bisogno del bagno” gli suggerì Laura e lui, dopo essersi scusato chiese alla cugina dove fosse. Lei glielo indicò e lui si avviò a passo spedito.
“Lo so, lo so, può sembrare strano fare sesso con il proprio cugino. È una storia lunga, poi non lo vedevo da anni” disse Francesca. “Beh dai, diciamo che in vacanza abbiamo fatto di peggio, poi chi sono io per giudicare la tua sessualità, ognuno è libero di fare quello che vuole. Solo non ti pensavo così intraprendente, nonostante ti abbia visto in vacanza!” disse Laura. Dopo scoppiarono a ridere.
“Ho assistito alla parte finale della vostra scopata e vederti e sentirti proprio mentre godevi è stato molto eccitante. Stai attenta però ti sta colando sborra dalla figa! Ti ha proprio inondata!”
Francesca si portò una mano tra le cosce richiudendo nel palmo della mano la figa e si diresse nell’altro bagno per darsi una lavata.
Fra lei e Laura ormai non c’erano più segreti.
Lorenzo uscì dal bagno per primo e fu colpito dalla visone delle tette di Laura che aveva slacciato la giacchetta.
“È molto che scopate assieme?” chiese Laura.
Lorenzo arrossì e arrossendo rispose “N..no..non molto”.
“Tranquillo mi ha detto che sei suo cugino. Penso che non me ne volesse parlare di te, perché ormai ci diciamo tutto. Siamo molto amiche e fra noi non ci sono segreti. Se non fosse così non sarei mai entrata in casa dopo aver sentito e visto quello che stavate facendo…” mentre parlava si tolse la giacca che buttò su una sedia restando con naturalezza a dorso nudo.
Disse che si sentiva meglio così e Lorenzo si sentì sempre più impacciato, sperava che la cugina tornasse al più presto per porre fine a quella imbarazzante situazione.
Di li a poco Francesca tornò con la vestaglia ancora completamente aperta e svolazzante.
“Avete parlato un po’?” chiese curiosa “No, ho parlato solo io” le disse l’amica ridendo “Gli ho chiesto se scopate da molto e ha avuto qualche difficoltà a dirmi no, la sola parola che ha pronunciato”
Francesca si sedette accanto alla ragazza invitando Laura a fare lo stesso
“Ti piace mio cugino?” le chiese Francesca. “Direi proprio di si, almeno fisicamente perché per il resto non ho ancora elementi. Suppongo vi conosciate da molto, no?”
“Esatto, ci conosciamo da sempre. Quando eravamo piccoli passavamo le vacanze in campagna da una zia e, quando ho iniziato a sviluppare le tettine e il culo, il mio caro cuginetto ha iniziato a spiarmi per segarsi su di me. Un bel giorno l’ho beccato a menarselo su un porno e ho deciso di aiutarlo, perché usare un porno quando c’ero io? Io lo segavo e lui mi stimolava il clitoride. Da zia però non mi sono mai fatta scopare, oggi è stata la prima volta!”
“La prima scopata? Allora bisogna festeggiare” si alzò e andò a prendere tre bicchieri e la bottiglia di Ouzo. Dopo averli riempiti li offrì agli amici, risedendosi accanto al ragazzo.
“A tante altre ancora!” brindò. Dopo aver svuotato il bicchiere Francesca riportò le mani sui pantaloni di Lorenzo che sobbalzò. Sorridendo la ragazza li aprì e infilò dentro la mano massaggiandoli il cazzo che, prontamente, ricominciò subito a gonfiarsi.
Lorenzo non abituato alla loro spontaneità e naturalezza si sentì ancor più in imbarazzo e non seppe cosa fare.
“Me lo fai vedere?” chiese Laura. Senza attendere una risposta aggiunse la mano a quella dell’amica e l’aiutò a tirarglielo fuori.
Francesca lasciò che l’amica lo prendesse in mano e mentre Laura lo saggiava bene disse:” È una bella bestia! Davvero notevole, me lo presti qualche volta?” “L’ho appena provato, lasciamelo conoscere a fondo prima” rispose Francesca riprendendo possesso del cazzo che però gli occhi di Laura non riuscivano ad abbandonare. “Sii buona, fammelo sentire un attimo in bocca…” si chinò e dopo avergli baciato la cappella lo prese fra le labbra e lo fece scomparire lentamente nella sua bocca succhiandolo dolcemente lasciando il ragazzo senza fiato.
Lui cercò l’aiuto della cugina che però non fece nulla e anzi mentre si sorrideva di aprì maggiormente la vestaglia.
“Che bello! Adoro sentirmi un bel cazzo che mi scivola in gola!” disse Laura non appena lasciò libero l’uccello.
Francesca lo riprese in mano, serrandogli attorno le dita in un chiaro gesto di proprietà. “Certo cara, quando e se lui vorrà potrai gustarlo meglio” Francesca lo disse con un tono serio. Era una cosa strana per lei non condividere un uomo con l’amica ma quello era il cugino, era una cosa diversa.
Riconobbe che in teoria non dovendo essere amanti se a lui fosse piaciuta Laura lei non avrebbe dovuto far resistenza ma invece erano nati in lei dubbi e timori traducibili in un sentimento di gelosia.
Lorenzo non era uno da condividere, non aveva nulla a che fare con Roby e Sandro. Lorenzo aveva bisogno di lei. E lei aveva accettato questo impegno nel migliore dei modi.
“In poche parole mi stai dicendo che non me lo vuoi prestare?” “Non ho detto questo!” “No, ma me l’hai fatto capire. Dimmi Lorenzo sei mais stato con un’altra ragazza?”
“Sinceramente…no!” “Non sai cosa ti sei perso allora!” esclamò Laura ridendo.
Si sollevò quel tanto che le permettesse di strusciare sul volto di Lorenzo le sue tette e lui reagì nell’unico modo in cui un maschio avrebbe reagito: schiuse le labbra e iniziò a succhiare una tetta di Laura, come aveva fatto poco prima con quelle della cugina.
Il capezzolo gli si inturgidì contro il palato, era duro e grosso. Lui lo succhiò e mordicchiò finché percepì una forte stretta al cazzo che gli ricordò che era sua cugina la sua amante e non Laura.
Abbandonò subito la stretta della tetta e sospirando si sedette.
Francesca nel frattempo gli aveva tirato fuori dai calzoni anche le palle ed ora era chinata a succhiarglielo fino in fondo.
Lo succhiò dolcemente mentre il ragazzo metteva una mano sulla coscia nuda risalendo con le dita fino a giungere al punto che più gli interessava e con fare incerto iniziò a toccarla tra le labbra gonfie e umide.
Francesca dopo essersi tolta dalla bocca il cazzo del cugino e con uno sguardo sensuale gli chiese se volesse scopare ancora. Lui le fece capire che era d’accordo. “Bene cosa aspetti allora amore? Chiavami, fottimi come piace a me, ma prima spogliati, mettiti nudo anche tu. Non essere in imbarazzo: Laura ci ha già visto scopare e certamente non le darà fastidio rivederci. Vero cara?” “Certo! Lo sai che vi guardò con grandissimo piacere!” le rispose l’amica mentre Lorenzo, ormai tranquillizzato si spogliò completamente mentre Francesca si liberava della vestaglia.
Quando furono nudi Francesca afferrando il cugino per il cazzo e rivolta anche all’amica disse “Venite, non stiamo qui! Andiamo nel letto, staremo tutti più comodi!”

CONTINUA…

Questo racconto di è stato letto 4 5 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raccontieriticiracconti porno analeroticiracconti.itstorie milfracconti icestiesperienze scambio di coppiaerotici rccontileccamelaracconti prime segheracconti erotici adultistirie eroticheracconti veri incestiracconti erotici moglie troiaracconti eoricitracconti eroticistorie di scambio di coppieracconti erotici mamma e figliocamionisti arrapatiraccontu pornostori pornoracconti erorticiho inculato mia nonnaracconto scambio coppiascoparsi la vicinaracconti erotorie pornostorie postorie eroricheracconti/eroticiracconti erotici italiani gratisracconti erotici per donneracconti erotic istorie di sesso al cinemaracconti erotici gay fratelliracconti porno genivlesbo raccontistorie vere piccantiracconti reoticila mia vicina troiastorie porno di tradimentiinculata da cavallostorie fetish piedisesso raccontiracconti zoofiliamaria teresa ruta cosceracconto cuckoldla prima volta racconti eroticistorie pormotravestiti raccontisito racconti eroticiracconti eoritciracconti erotiicistorie di scopateracconti masturbazione femminilecornuti e guardoniwww racconti itracconti safficiracconti erosmogli esibizioniste troieracconti erotici realimamma troia raccontii racconti dimilustorie potnofoto incestozoofilia cavallirocconti eroticiracconti trioracc69racconti scambi di coppiaraccontiincestiracconti erotici suorescambio fidanzateracconti sverginatacugina zoccolaracconti eros gratisracconti erotici con animalisculacciato dalla ziaracconti moglie al cinemastorie erotichincesti racconticar sex raccontimasturbazioni violenteracconti erotici diracconti pprnovogliadipornoeracconti eroticimiluraccincesti gay raccontiracconti di porcheraconti eroticiracconti eroiticiracconti porno masturbazioneerotcistorie vere lesbostori porno