Scopata nel treno

Scritto da , il 2020-05-19, genere prime esperienze

L'estate era ormai prossima,il caldo gia' faceva sentire i suoi effetti,e cosi' decidemmo di andare al mare per un week end,e per andarci scegliemmo di non prendere l'auto,ma di andare in treno.Io e mio marito,da soli,il luogo che avevamo scelto era una localita' del Cilento,e il treno ci avrebbe fermato poco distante,evitandoci lo stress dell'auto,ma non avevamo calcolato che come noi,tanta gente aveva optato per la stessa soluzione.Quando arrivammo in stazione,il convoglio era gia' pieno come un uovo,a stento riuscimmo a salire e ci sistemammo nel corridoio,in piedi,uno accanto all'altro.Eravamo stipati come le sardine(altro che distanziamento sociale),faceva un caldo bestiale,e per fortuna che alla partenza entro' in funzione l'aria condizionata.Appena partiti,cominciai a sentire dietro di me il solito tizio che approfittava della calca,per strusciarsi addosso,indossavo un vestitino leggero con le spalline,il tizio alle mie spalle sicuramente indossava un pantaloncino,sentivo le sue gambe nude sui polpacci,e il suo attrezzo,invece,lo sentivo distintamente premere sul mio culo.Ribellarmi?avrei provocato un parapiglia,e non mi sembrava il caso,di spostarmi neanche a pensarci,ero prigioniera,non potevo muovermi,e quello dei miei movimenti ne approfittava per spingermi sempre di piu' quell'arnese contro il culo.Doveva essere di dimensioni notevoli,e allora tanto valeva stare buona.Ad un certo punto il treno entra in una galleria dove viaggia almeno per una mezz'ora,prima di arrivare a Salerno,appena entrati in galleria,le luci non si accendono se non lievi e soffuse.E' un attimo,sento qualcosa di caldo tra le gambe,mi aveva leggermente alzato il vestitino,e il suo cazzo me lo ritrovai tra le cosce,sotto tra il culo e la figa,ebbi un sussulto,era un cazzo di dimensioni notevoli,sentivo quel glande che mi strusciava tra le gambe per entrarci,lo accettai,e comincio' a muoverlo,poi sentii appena per un attimo le dita sue,che mi scostavano lo slip,voleva penetrarmi,accettavo,o facevo succedere una guerra?Accettai,mi alzai leggermente sulle punte e inarcai il culo per permettere al cazzo di penetrarmi.



Sentii nettamente quel capocchione enorme farsi strada,entrare,riempirmi la figa.Mi reggevo forte al corrimano,strinsi le labbra per non urlare,non mi poteva chiavare con forza,ma si muoveva cosi' bene,e leggermente dentro di me,e io lo aiutavo muovendo il culo,alzandomi sulle punte,inarcandomi per farlo entrare tutto, fu coinvolgente al massimo,mi sentivo piena e mi stava piacendo da morire.Cercavo in tutti i modi di non fare capire quello che stava succedendo,lui intanto aveva preso ad accarezzarmi una gamba,e la mano che tenevo penzoloni lungo il corpo,la strinsi forte alla sua mentre continuava a muoversi per chiavarmi,strinsi forte con la mano dove mi reggevo, la poltroncina di stoffa, infilando le unghie.Poco prima di uscire dalla galleria,diede due colpi piu' profondi,il cazzo pulsava dentro di me,stava arrivando,me lo piazzo' tutto dentro,e tutto dentro di me svuoto' le palle,mi sentii inondata da quel seme caldo,che spruzzava nella mia vulva ormai fradicia,lo tiro' fuori strusciando sul mio culo come per pulirsi delle ultime gocce di sperma,e io subito con la mano che avevo penzoloni lungo il corpo riuscii ad afferarequel cazzone,stringendolo,per un attimo,era una matterello nel vero senso, presi il glande con la mano stringendolo forte.Intanto fu il parapiglia.Persone che dovevano scendere cominciarono a spingere,mi girai per vederlo almeno in viso,a chi apparteneva quel cazzo che mi aveva chiavato in quel modo,non ci riuscii,scesero tanta gente,cercavo di guardare attraverso il finestrino,e vidi uno che si avvicinava ai finestrini,come se cercasse qualcuno,si fermo' davanti a quello dove ero io,mi guardo' e mentre il treno ripartiva,si succhio' un dito,mandandomi un bacio.Era un ragazzo di colore,forse un sudamericano,era lui,mi aveva cercato,e in un certo modo ringraziato,con quel bacio.Mio marito non si era accorto di nulla.Non potevo dirgielo,forse dopo a casa avrei fatto finta di fantasticare, a lui piace quando invento storie dove altri mi chiavano avremmo goduto poi insieme,a letto,stanotte,sarei stata sua.Cercai di aggiustarmi lo slip e come aprii un po' le gambe,lo sperma che avevo dentro comincio' ad uscire,bagnandomi le cosce,chiusi gli occhi e cominciai a godere del ricordo di cio' che mi era successo quella mattina.





Questo racconto di è stato letto 8 0 2 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti incesto padre e figliafumetti porno incestoracconti a69erotici racconti i generiracconti a 69racconto piccanteracconti di scambiowww raccontimilu comraccotni eroticiracconti erotticiracconti scambio di coppiaracconti giantessraccontihardil culo di mia suoceraracconti dominazione miluporno italiano raccontiracconti erotociho inculato mia mammaschiavo di mia suoceraracconta eroticiraccontifetishnonna culo rottocuckold confessioniracconti fetishracconti eroticheracconto prima volta gayracconti casalinghestorie sesso gratisstorielle hotconfessioni pornoracconti erotici generiraccconti eroticiracconti erotociracconto cuckstorie ardstorie di sesso con la ziaracconti porno di stupristorie potnocognata provocantewww.eroticiracconti.itracconti erotici gratisclitorodepiedi racconti eroticiracconti porno con vecchieracconti lesbichefottimi porcosesso di gruppo raccontiracconti sesso veristorie di e per adultiracconti erpticiracconti porno nonnomoglie femdomracconti zia troiaincestoxxx.comuna zia porcaraconti erosstorie eroticheeroticiracconticonfessioni cuckstorie di scambistiracconti zoofiliami sono scopato mia suoceraracconti porno per donneracconti milyracconta eroticiracconti erotcicognata provocanteracconti di coppie bisexmaritobisexracconti diincestosuocera raccontiracconti erotici per adultircconti eroticimoglie ricattatastorie sculacciateracconti hard sexracvonti pornoracconti erotiiavventure cuckoldcognata provocanteracconti mariti guardoniracconti porno genivracconti di cornutiracconti fetish piediracconto xxx