Crociera cap.1

Scritto da , il 2020-05-19, genere tradimenti

Siamo una coppia di Roma, stiamo raccontando, in particolare la sottoscritta Carla le nostre trasgressioni, per un periodo di tempo ci siamo fermati perché rimasi incinta di 3 splendidi figli, poi abbiamo ripreso…
Prima di rimanere incinta abbiamo avuto altre esperienze senza fare sesso, non per questo non sono intriganti ed eccitanti, le racconterò dopo questa esperienza in crociera.

I bambini stavano crescendo, ci rendemmo conto che non avevamo più tempo per noi, le trasgressioni erano un ricordo lontano.
Un sabato sera dissi a mio marito che mi mancavano i giochi che facevano anni fa, lui fu d’accordo con me e decidemmo di andare prima in vacanza una settimana, scegliemmo una crociera nel mediterraneo e poi quando rientravamo, dovevamo lasciare 2 sabati al mese i bimbi dai nostri genitori.
Quella sera, dopo che i bambini dormivano iniziammo a giocare, Paolo mi ricordava gli incontri che avevo avuto con i vari amanti, in particolare usciva spesso Massimo il suo ex collega, si toccava come al solito il pisellino e mio toccavo nelle parti basse, la mia fichetta era stretta visto che i parti erano stati dei cesarei, poi gli dissi, e se in crociera ti mettessi un bel paio di corna? Visto che ho voglia di un vero cazzo? Si amore mi rispose se ci sarà l’occasione non facciamocela sfuggire….
Prenotammo la crociera, era la prima settimana di settembre.
Avevamo una bella cabina con balconcino, la prima sera ci fù la serata di presentazione con cena seduti, al nostro tavolo era presente una coppia di sposini e due attempati signori tedeschi che parlavano discretamente l’italiano, erano simpatici….scoprimmo che erano 2 avvocati scapoloni e che erano in crociera perché gli era stato fatto un regalo da una grande azienda tedesca.
Fisicamente avv.1 era alto, biondo con un po' di pancia, un bel tipo, l’altro avv.2 invece era alto quanto Paolo, calvo con una pancia notevole, sembrava un barilotto però molto simpatico.
Dopo cena la coppietta si alzò dal tavolo e rimanemmo noi 4, ci chiesero cosa facevamo nella vita, quanti figli avevamo etc.etc., passammo una bella serata, ad una certa ora li abbiamo salutati per andare nella nostra cabina.
Tralascio quello che facevamo il giorno e le varie escursioni, la terza sera il nostro tavolo era composto da noi e i due avvocati, gli sposini si erano spostati, probabilmente non gli piaceva la compagnia…i due avvocati iniziarono a farmi tanti complimenti, io e mio marito ci ridevamo, bevevano molto, dopo cena ci spostammo dove c’era un salone dove si ballava, io ero vestita con una gonnellina bianca e un top nero, a mio marito non è mai piaciuto ballare, soprattutto musica da disco, mi buttai e iniziai a ballare, i due avvocati si alzarono e vennero in pista con me, dopo 2/3 balli partirono i lenti, avv.2 mi prende una mano e mi invita a ballare e all’orecchio inizia a dirmi cose dolci io gli sorridevo….fece lo stesso avv.1, ballai poi con mio marito e gli dissi che ci stavano provando entrambi….mio marito mi chiese tu lo vuoi? Dissi amore sono 2 persone simpatiche gradevoli, non credo che siano dei portenti al letto, lui disse almeno avv.1 fisicamente mi sembra a posto….
Dissi a mio marito vado a fumarmi una sigaretta e avv.2 (il panzone mi segui), sul ponte iniziò nuovamente a farmi i complimenti, mise una mano sulla schiena e mi disse che ero una donna favolosa e che con il mio corpo e con quello sguardo avrei fatto felici anche i morti….nel suo italiano stentato….mi missi a ridere….
Tornammo dentro e mio marito che non regge l’alcol mi dice che non si sentiva bene e che doveva andare in bagno perché gli veniva da dare di stomaco, l’accompagnai in cabina ed effettivamente diede di stomaco, gli dissi rimango qui, lui no amore non voglio rovinarti la serata…
Pensai che lo aveva fatto apposta, invece si era sentito male davvero, mi accertai che il malore fosse passato e tornai nel salone dove si ballava.
Avv.2 mi chiese di Paolo e gli dissi che preferiva rimanere in cabina, mi disse allora ne posso approfittare…..sorrisi e mi portò a ballare nuovamente, mentre ballavamo mi teneva stratta la vita, sentivo il suo cazzo spingere sul mio ventre….mi disse che aveva voglia di me e mi ha invitato nella sua cabina, era molto diretto….non gli risposi….mi fece per ben 3 volte la stessa domanda e alla fine accettai.
Avevo voglia di cazzo, la mia fichetta era bagnata, normalmente è sempre umida….
Per non dare nell’occhio, mi disse di seguirlo, prima si fermò dal suo amico e in tedesco gli disse qualcosa….immaginai cosa…
Entrammo in cabina e subito mi prese da dietro e iniziò a baciarmi sul collo, mordicchiava i lobi delle orecchie, mi toccava il seno, poi mi girò e mi baciò con la lingua, nel mentre mi tastava il culo, spostò le mutandine e iniziò a mettere un dito sul buchetto, poi mi buttò sul letto, spostò le mutandine e iniziò a leccarmi la fica, ci sapeva fare, la punta della lingua roteava sul mio clitoride, poi mi fece leccare due dita e ne mise uno in fica e uno in culo, mentre con la lingua mi strapazzava il clitoride, poco dopo raggiunsi l’orgasmo…lo tirai su e ci baciammo nuovamente.
Volevo il suo cazzo….gli salii sopra, gli tirai giù i pantaloni e usci fuori un bel cazzo, venoso, di media lunghezza e bello largo, iniziai a fargli un pompino, profumava, iniziai con leccargli la cappella, poi con le labbra iniziai a ciucciare fino a farmelo arrivare in gola, lo sentivo pulsare, mi spostò mi fece mettere in ginocchio, mi tolse top e reggiseno e me lo rimise in bocca, ripresi a ciucciarlo fino a quando sentii che stava per venire, me lo tolse dalla bocca e iniziò ad insultarmi in tedesco, non capivo una parola, quando una quantità di sborra mi inondò faccia e seno, ero praticamente fradicia….
Mi disse che ero fantastica…..e che fossi stata una donna calda ne aveva avuto conferma.
Era tardi gli dissi che andavo da mio marito….lui mi chiese se potevo raggiungerlo la mattina in cabina che avrebbe voluto continuare…gli dissi se voleva venire lui da me….avevo una perfida idea…
Tornai in cabina e Paolo era steso sul letto, nudo con il cazzetto in mano, gli raccontai tutto e gli dissi che domani mattina avv.2 sarebbe venuto qui e che lui doveva stare in silenzio sul balconcino, gli toccai il cazzetto e raggiunse l’orgasmo.

Continua………

Questo racconto di è stato letto 3 8 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


zia racconti eroticiracconti porno freeracconto erottesti eroticiracconti/eroticiracconti schiavo gayracconti video pornoracconti porno masturbazionela vicina maturaraccontihotgenitori che scopano con i figliracconti cinema luci rossegeneri eroticiraccinti eroticistorie di sesso incestoracconti sesso gayracconti icestoracconti sroticiculo di mia cognataraccont eroticstrorie pornoracconti schiavi gaymoglie racconti pornoracconti porno a scuolaeroticiracontiracconti eroticcistorie fetishracconti erotici italiani gratisracconti porno sessoracconto hardracconti erotici la professoressaimcestoracconti nuoramasturbazioni violenteracconto miluracconti mamma padronastorie feticismoanale raccontiletture eros on lineragazza scopa con canestorie vere di incestiracconti prnolesbo raccontiracconti proibitiraccoti pornoracconti veri tradimentimoglie scopata dal ginecologostorie fetish piediracconti prime esperienzeracconri pornoracconti sexsistorie vere lesbosuocera troia raccontiracconti pororacconti porno italiani gratisraccon ti eroticiracconti suocereracconti luci rosseracconti porno ragazzistorie vere cuckoldracconti porno mammeracconti erotici annunci 69erotciraccontiraccontieroticoerotici raccomtiracconti straponracconti di sesso e tradimentiprima esperienza bisexracconti-eroticimilfomaneracconti eroticoracconti erotici animalracconto gayracconti erotici piediracconti erotici generi