Accadde in Sicilia VIII (Peter lo prende e lo da)

Scritto da , il 2020-05-19, genere incesti

ACCADDE IN SICILIA VIII (Peter lo prende e lo da)
Appagati di quell'amplesso, Rusina e Peter si alzarono e si vestirono anche se Peter pregò Rusina di non mettersi le mutande.- Rusina si dedicò a controllare la lievitazione del pane mentre Peter accese il fuoco nel forno.- Nel mentre erano affaccendati Peter le disse che, ormai nel paesino dove abitava, si era già diffusa la voce che lui fosse frocio e ciò lo aveva emarginato e fatto soffrire la madre.- Rusina, riflettendo, pensò che il guaio ormai era fatto, ma che forse esisteva una soluzione per riparare il danno sfruttando quella voce ormai nota a tutti,- Si ricordò che poco tempo prima aveva parlato con Don Petru, il prete del paese, per chiedergli di trovare un posto, diverso dalla miniera, ad Accursio, vantandone sia il carattere che le doti fisiche, insomma di un giovanotto nel pieno della sua vigoria fisica.- Rusina era rimasta sbalordita nel sentire il prete che le diceva che c'era un posto disponibile come factotum, per una persona che sapesse leggere e scrivere e facesse anche da conduttore di carrozza, che sembrava fatto apposta per Accursio ma, che proprio per quelle sue doti fisiche che non lo poteva occupare.- Don Petru spiegò a Rusina che il giorno prima aveva avuto un colloquio con il Barone di Roccapinnuzza, che abitava a Caltanissetta e che in quel periodo era in paese, in merito alla esigenza che aveva il barone di assumere una persona che avesse quelle caratteristiche .- Il barone quasi settantinu, aveva sposato una donna, popolana, di età manco trintina, della quale era gelosissimo per cui assumeva solo donne e, quando, gli servivano, uomini ma anziani.- Rusina pensò che il fatto che Peter era ormai considerato un finocchio avrebbe tranquillizzato il barone e in più avrebbe soddisfatto tutte le sue esigenze lavorative.- Peter fu entusiasta di quella possibilità e pregò Rusina di intercedere con Don Petru.- Rusina andando oltre, discusse pure con Peter la possibilità di sfruttare le preoccupazioni e le mortificazione che subiva sua madre nell'avere un figlio frocio e tranquillizzarla facendole constatare, se era il caso, di persona che popò di cazzo aveva Peter e di quale uso ne sapeva fare.- Peter passò tutta la giornata in uno stato di gioia ed esaltazione sia per le possibilità proposte da mamma Rusina che dalla visione del suo culo che lei mostrava, con piacere, ogni volta che si chinava.- Al rientro, verso l'ora di cena, Accursio avvertì che qualcosa era cambiato tra Rusina e Peter.- Peter aveva una espressione felice e Rusina un'espressione, tipo quella di un gatto dopo aver mangiato un topo, un po' sorniona e contenta come se avesse avuto una gradita sorpresa.- Accursio rimase sorpreso nel vedere la madre, chinata a raccogliere qualcosa che le era caduto, mostrare il sontuoso culo senza mutande, attardandosi in quella posizione e contemporaneamente vedere Peter, dimentico della presenza di Accursio, che non toglieva gli occhi da quell'eccitante spettacolo mentre si toccava il pene attraverso i pantaloni.- Peter comunicò ad Accursio della possibilità di lavoro che gli aveva prospettato mamma Rusina la quale, già nel pomeriggio l'aveva proposta a Don Petru.- Don Petru l'aveva ritenuta fattibile, però desiderava che appena possibile, Peter si recasse da lui per “verificare” di persona se era il caso di proporlo al Barone.-
La cena si protrasse con estrema lentezza sia per Accursio, che non vedeva lora di appartarsi con Rusina, sia per Peter che sperava nell'esaudire, come gli aveva fatto sperare Rusina, di far sesso con Accursio e Rusina.- L' unica, a conoscenza dei pensieri dei due, era Rusina la quale, con un po' di malizia femminile, si attardò nel rigovernare e sistemare la cucina, e finalmente accompagnò Peter nella stanza da letto che, ormai, lei non adoperava più e gli raccomando di aspettare una eventuale chiamata.- Ritornata in cucina, vide che era vuota, infatti trovò Accursio nell'altra camera da letto, già nudo e con il pene in mano.- Rusina ebbe appena il tempo di togliersi il vestito che, fu afferrata da Accursio e trascinata sul letto.- Il desiderio che Accursio aveva represso tutto il giorno, si manifestò con baci, carezze e palpeggiamenti così inebrianti, che Rusina appena Accursio le sfiorò il clitoride ebbe un primo orgasmo.- Si disposero quindi a 69 con bramosia imboccando il cazzo che sembrava scoppiare, Rusina, lo leccò dalla punta ai coglioni e viceversa, accogliendo nella bocca, quando poteva anche i coglioni mettendo a dura prova la resistenza di Accursio che dopo averle inserito due dita nella vagina titillava il clitoride e strusciava il naso nel buco del culo.- Come era prevedibile, e come Rusina, quella sera aveva programmato, ebbero subito un orgasmo.- Mentre si rilassavano, anche se le mani non stavano ferme, Accursio potè chiedere alla madre: “Rusina cosa è successo oggi?.- Ho visto Peter che ti guardava, come un assatanato, il culo che tu gli mostravi con piacere e non ho capito più nulla.- Insomma Peter è finocchio o no?”
Rusina:” Hai capito tutto, invece.- A Peter piacciono le donne, eccome, però c'è una parte di lui che preferisce gli uomini, ma non tutti, solo qualcuno e questo lo ha scoperto oggi con me”.- “Si abbiamo fatto sesso e con piacere reciproco e mi ha detto che gli piacerebbe farlo con te, ma solo se tu lo desideri”,-
Accursio: “Rusì, ormai con te non ho più segreti e ti dico che ciò che mi hai detto mi ha fatto un po ingelosire, anche se rientra nei nostri patti, ma ti amo troppo per non accettarti per quella che sei.- Per quanto riguarda Peter, devo riconoscere, che, quando l'ho visto manifestare goduria, mentre veniva inculato, volevo essere al posto del sorvegliante.- D'altronde, poiché, in quel periodo mi ammazzavo di seghe sarebbe stata una manna del cielo avere un buco in cui scaricare.-
Rusina: “Hai mai provato a chiederglielo?”,.
Accursio:” inizialmente ci ho pensato ma da quando mi ha salvato la vita, mi sentivo un vigliacco solo a pensarlo”.-
Rusina:” e se te lo avesse chiesto lui?”.-
Accursio:” lo avrei fatto con piacere e, ti dico, lo farei oggi solo se ciò fosse un desiderio sincero e non una forma di ringraziamento per quanto ho fatto per lui nel difenderlo”.-
Rusina:”mi sa che questa sera tutti e due realizzerete ciò che desiderate, ora mettiti sotto che riprendiamo ciò che abbiamo fatto prima”.-
Rusina, rivolta verso la porta, riprese in bocca il cazzo di Accursio sempre svettante e gli poggiò la fica sulla faccia.- Dopo un po' si tolse il cazzo dalla bocca e, sollevandosi, ma senza gravare troppo sul viso di Accursio che continuava imperterrito a leccare la fica grondante di umori della madre e sfregare il naso nel buco del culo, fece cenno di entrare a Peter, che non aspettava altro.- La prima cosa che si presentò a Peter furono le procaci mammelle e il viso quasi stravolto di Rusina, ma ciò che più l'attirò, come una calamita, fu il cazzo, meraviglioso, impregnato di saliva che superbo svettava tra le cosce di Accursio.- Peter afferrò quel cazzo tanto desiderato con le mani e, con delicatezza poggiò la bocca sul glande paonazzo come una ciliegia matura.- Accursio, impegnato nel leccare la fica di Rusina, inizialmente non avvertì la presenza di Peter, ma si accorse che la madre adesso era seduta sulla sua faccia e non distesa sul suo corpo e che la mani sul suo corpo erano quattro.- Subito gli vennero in mente le parole della madre, la quale cominciò ad incitare Peter e Accursio a realizzare il loro desiderio.- Peter continuò a leccare il cazzo di Accursio non trascurandone nulla, dalla punta, da dove uscivano delle gocce di liquido pre-spermeatico, ai coglioni, che reclamavano di essere svuotati.- Accursio avvertì che stava esplodendo ed ebbe come risposta un accelerazione da parte di Peter che fu gratificato da fiotti di sperma nella sua bocca.- Rusina anche se non era arrivata all'orgasmo si girò e, dopo aver sollevato Peter dal cazzo di Accursio, lo baciò sulla bocca ancora colma dello sperma facendolo travasare in quella sua e poi restituirlo.- Il bacio continuò finchè tutti e due se lo divisero equamente inghiottendolo.- Accursio ancora illanguidito dal pompino di Peter, rimase ancora eccitato da quello scambio ed intervenne con decisione facendo mettere Peter carponi sul letto con il culo in alto.- Rusina capì che ormai nulla avrebbe fermato Accursio ma lo pregò di attendere qualche minuto, quindi si dedicò al buchetto di Peter, introducendogli prima un dito, poi due ed infine tre non prima di averli lubricati con i suoi umori e con saliva.- Ultimato il compito, prese in bocca il cazzo di Accursio per umidificarlo con la saliva, quindi lo indirizzò verso il culo di Peter che lo ricevette con gioia anche con un pò di dolore.- Accursio cominciò ad andare avanti indietro, prima lentamente, poi incitato da Peter, più velocemente e con più vigore.- Rusina anch'essa eccitata dall'inculata, si masturbava ma, vedendo che il cazzo di Peter era eretto e paonazzo, pregò Accursio di fermarsi e si posizionò a 69 sotto Peter imboccando il suo cazzo e offrendogli la fica .- Il godimento avvenne quasi simultaneamente e fu appagante per Rusina che aveva visto godere fra loro i suoi figli, per Accursio che aveva goduto del culetto di Peter ma l'appagamento maggiore era stato di Peter che era stato inculato da chi aveva sempre desiderato e contemporaneamente avuto un pompino e leccato una fica.- Sfiniti e paghi si addormentarono. Rusina si svegliò trovando stavolta due cazzi svettanti e pensò di realizzare qualcosa che rendesse tutti partecipi.- Imboccò alternandoli i due magnifici cazzi, quindi dando le spalle a Peter lo invitò a leccargli il culetto e lubrificarlo con la saliva e se gradiva ad incularla.- Peter non se lo fece dire due volte e dopo aver leccato il buco del culo di Rusina che già palpitava la penetrò senza troppe difficoltà.- Rusina, che nel frattempo aveva in bocca il cazzo di Accursio, se lo tolse ed invitò il figlio ad approfittare, finchè poteva, del culetto di Peter.- Accursio non perse tempo e dopo essersi dedicato con lingua e dita al culo di Peter lo inculò.- Godettero tutti e tre in maniera spasmodica e specialmente Peter che gli sembrava di essere in paradiso.-
Con grande rammarico Accursio e Peter si staccarono da Rusina, si vestirono e si diressero verso la miniera.- Peter aveva avuto in regalo da Rusina due perette una per se ed una per sua madre.-

Questo racconto di è stato letto 2 7 1 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie di zoofiliaracconti cuckoldracconti storie erotichestorie hot gayracconti gay bsxracconti hard maturesesso fra parentistorie eroticeho fatto un pompino a mio fratellomi inculo mia suoceraracconti anzianeesperienze con superdotatiracconti piedi femminiliracconto erostorie di donne maturesex raccontimarito cornuto raccontiracconti trasgressioniracconti feetracconti erotici la professoressaracconti erotici latteracconti sex gratisstotie pornoracconti clistereraccontimilracconti porno+racconti eropticiracconti 69 lesboraccondi pornoracconti crossdresserraccontii eroticidonne che si fanno inculare da animaliracconti aroticiracconti porno mogli troiestoriw pornoracconti zozziracconti feticismo piediracconti erotici di ragazzeracconti sexy gratisstore pornoracconti sexitracconti eroticieroticiracconti.itracconti mogli troieracconti erotici di incestoracconti eroticracconto incestuosoracconti eroticheracconti di incestiracconti erotici incestiracconti bisexracconti erotici zooracconti porno+storie erorichecollant raccontiporno incesti raccontistorie etoticheracconto di un tradimentoho scopato mia nuoraraccinti eroticiraccontierstorie hard vereracconti erotici in spiaggiaracconti gratis eroticiracconti erotici matureracconto scambio coppiaracconti schiavo padronaracconti di miliil culo di mia cognataracconti erotici xxxracconti erotici mamma e figliastorie di zoofiliastorie hard gratisracconti lesbo bdsmmia suocera è una troiaertici racconti