Viaggio a cap d'agde - CAP. 4

Scritto da , il 2020-05-19, genere scambio di coppia

4 CAPITOLO
5 GIORNO
La mattina ci svegliamo molto tardi, io sono di pessimo umore, mentre facciamo colazione sul terrazzo, i nostri vicini, salutano con l’intento di attaccare bottone, io rispondo a monosillabi, Irene è di buon umore e molto loquace, chiacchierano un po' e quando alla fine Irene lancia l’invito per una spaghettata io ho una stizza di nervosismo, lei se ne accorge ma fa finta di nulla, poi quando restiamo soli mi chiede spiegazioni
- Cosa ti è successo? Cosa c’è che non va? Non eri tu fino a ieri che volevi organizzare con loro.
- Scusami, mi sono svegliato di pessimo umore, oggi avrei voglia di non vedere nessuno
- Dimentichi che avevamo appuntamento con i francesi per gita in barca?
- Possiamo dargli anche buca, non penso che li rivedremmo ancora
- A me non piace fare bidoni alla gente, e poi mi piacerebbe fare il giro in barca.
Dicendomi questo Irene rientra in casa un po' incazzata, mi rendo conto che il mio umore ci sta portando quasi a litigare, ma resto seduto in silenzio ed imbronciato, mi scoccia anche il fatto che per colpa del mio umore, rischiamo di litigare e rovinare gli ultimi 2 giorni di vacanza. Per fortuna Irene è di ottimo umore e riesce a contagiarmi e quando avvicinandosi guardandomi con un sorriso e baciandomi mi aiuta a rilassarmi
- Amore io lo dicevo anche per te. Non sei stanca? Non ti va di passare una giornata di relax?
- Ho dormito bene non sono affatto stanca, il relax lo avrò quando rientreremo, stanno succedendo tante cose nuove e mi piacerebbe approfittarne, il giro con una barca del genere è una esperienza che mi manca, mi piacerebbe molto farlo. Per la cena di stasera non dovremo uscire, è solo una cena lo hai detto sempre tu che nulla è obbligato.
- Scusami, amore hai ragione, approfittiamo e viviamo intensamente questi 2 giorni divertendoci.
Essendoci svegliati tardi non andiamo in piscina, stiliamo il programma per la serata ed una volta messo a punto il menù per la sera e controllato di avere tutto l’occorrente usciamo a fare un giro per cap in attesa dell’orario dell’appuntamento. Mangiamo un toast al bar del porto, in lontananza vediamo la barca ormeggiata, quando abbiamo finito di prendere il caffè intravediamo Maurice sulla barca ed allora, anche se manca 1 ora all’appuntamento decidiamo di raggiungerli. Ci accolgo con un abbraccio e visto che anche loro sono pronti decidono che posiamo partire, vogliono portarci a fare il bagno in una caletta lungo la costa, mentre Maurice fa manovra per uscire dal porto noi ci sdraiamo su dei materassini, il sole è già alto e molto caldo ma c’è una bella arietta che rinfresca. Mentre Maurice è al timone, Aline è seduta davanti a noi, ha sempre stampato sul viso quel sorrisetto della sera prima che la rende molto eccitante, forse ha questo modo tutto particolare di approcciare, perché non passano nemmeno 10 minuti e come era successo la sera prima, mi fissa con uno sguardo molto eloquente ed incurante di tutto inizia a toccarsi. Non posso fare a meno di osservarla, ed osservandola anche il mio sesso si sveglia raggiungendo una piena erezione, Irene non può fare a meno di notare il tutto, Maurice è al timone e siamo solo noi tre, mi guarda sorridendo e mi dice:
- Cosa aspetti perché non ne approfitti?
- E tu? Giochi anche tu con noi? Visto che Mauricè è impegnato?
- Intanto iniziate voi, c’è tutta giornata per giocare
Sono semisdraiato accanto a Irene, ed è Aline che prende iniziativa, alzandosi per poi venirmi sopra ed impalarsi al mio sesso, tengo per mano Irene che si avvicina a baciarmi, dalla sua espressione non mi sembra particolarmente eccitata, non voglio forzare per farla partecipare e ad un certo punto mi bacia dolcemente sulle labbra e poi si alza e raggiunge Maurice. Con Aline facciamo l’amore a lungo ma non smetto mai di perdere di vista Irene temendo che possa essere gelosa, lei al contrario, chiacchiera con Maurice e quando ogni tanto mi guarda mi sorride serena. Arriviamo alla caletta e ci fermiamo, è un posto fantastico con un mare stupendo, approfittiamo subito per tuffarci e fare il bagno, Aline mi sta sempre addosso, ma stavolta anche Irene fin da subito ha le attenzioni di Maurice che ricambia con molto piacere, oltre a nuotare tutti quanti continuiamo a baciarci ed accarezzarci poi risaliamo di nuovo a bordo. Maurice non perde tempo ed inizia ad accarezzare e coccolare Irene con suo grande piacere, mentre Aline non si vuole staccare da me nemmeno di un millimetro, siamo abbastanza vicini e facciamo l’amore a lungo senza venire a contatto diretto, Irene ha trovato un ottimo feeling con Maurice e gode parecchio, lui dal canto suo sembra molto bravo a farla godere dal canto suo, quando infine la penetra analmente, assume una espressione estasiata e gode in modo molto intenso. Aline porta da bere e restiamo a lungo a chiacchierare, prima di rientrare Maurice si avvicina a Irene con il chiaro intento di far ancora l’amore, io stavolta sorridendogli gli dico che resterò io a guardarla, presumendo che durante navigazione Aline tenterà di nuovo l’approccio. A differenza di prima stavolta sono accanto a lei, e quando ritorna anche Aline si stende vicino, mentre Maurice la penetra noi continuiamo ad accarezzarla e baciarla, anche Aline la bacia un paio di volte e lei risponde con piacere. Ormai Maurice, al momento di godere desidera sempre penetrala da dietro, quando Irene capisce le sue intenzioni, lo prega di fermarsi un attimo, lui resta meravigliato e deluso, pensando ad un rifiuto, ma Irene guardandomi mi fa capire il desiderio che gli è venuto lo spiego a Maurice che ci guarda molto eccitato. Irene mi viene sopra ed approfittiamo per scambiarci un lungo bacio. Maurice per un po' ammira il suo sedere accarezzandolo e baciandolo poi è Irene stessa che girando la testa lo invita a penetrarla, e quando lui infine è tutto dentro iniziamo a muoverci facendola godere in continuazione fino a che Maurice, urlando gode e Irene si accascia sul mio petto a riprendere fiato. Durante il ritorno Aline non rinuncia a farlo con me ma stavolta Irene resta accanto a me e, sapendo che la cosa mi eccita moltissimo scambia spesso baci con Aline che dal canto suo gode parecchie volte, io stavolta, pensando alla cena con vicini mi trattengo. All’arrivo al porto ci salutiamo calorosamente, loro sono molto dispiaciuti che partiamo presto ci dicono che con noi è stato fantastico e sarebbero stati felici di rivederci ancora ci congediamo e ritorniamo a casa soddisfatti. Mentre iniziamo i preparativi per la spaghettata, mi preoccupo di chiedere a Irene se eventualmente si sente stanca, ma lei con un sorriso disarmante mi risponde che non è affatto stanca e che al contrario l’intensa attività sessuale che stiamo vivendo in questa settimana non la stanca affatto ma che al contrario la tiene sempre in una costante eccitazione. Scherziamo con delle battute spinte, concordando che purtroppo alla fine della vacanza saremo obbligati al riposo forzato ma realisticamente ci troviamo d’accordo che una settimana con questa intensità và bene in casi eccezionali. Una volta controllato di avere tutto l’occorrente per preparare la cena, essendo ancora presto, sediamo sul terrazzino a bere un aperitivo, l’appartamento dei nostri vicini è chiuso e di loro non c’è traccia, quando dopo una oretta non c’è ancora anima viva, ci rendiamo conto che forse avranno trovato di meglio da fare, a questo punto decido di preparare una bella cenetta solo per noi due, ce la prendiamo comoda e quando è pronto sta per fare buio, Irene apparecchia a lume di candela e con in mezzo alcune rose prese dal giardino del residence, abbiamo anche una bottiglia di vino bianco ghiacciata. Tutto è molto romantico, pranziamo chiacchierando sulle avventure avute in questi giorni, lei si sente molto soddisfatta della vacanza ed in generale il posto piaciuto abbastanza, ormai si è fatto buio, decidiamo di sistemare e poi approfittando che non c’è nessuno di andare a fare un bagno in piscina. Fa una strana impressione la piscina deserta ed il bar chiuso, è aperto l’armadietto che contiene i teli da mare, ne prendiamo uno a testa in più per asciugarci, mentre un altro lo usiamo per stenderci sui materassini. L’acqua è ancora molto calda, facciamo una breve nuotata, restiamo un po' a galleggiare in acqua scambiandoci baci, ma poi usciamo essendo da poco che abbiamo finito di cenare temiamo qualche congestione. Anche i fari che illuminano la piscina sono spenti, siamo rischiarati sono dal chiarore della luna, siamo sdraiati abbracciati ed iniziamo a scambiarci coccole, non è voglia di far l’amore ma desiderio di scambiarci tenerezze, chiacchieriamo ci baciamo, ci accarezziamo godendoci il silenzio. Stiamo troppo bene per rientrare nell’appartamento, è passata quasi un’ora quando ho la sensazione di una presenza, lo dico a Irene che fa spallucce come a dire fregatene, non ci spostiamo, restiamo abbracciati, in modo furtivo l’uomo lentamente si avvicina, adesso riesco a vederlo, è un signore maturo forse nostro coetaneo si è fermato a non più di un metro da noi, alle spalle di Irene, io posso vederlo lei no, ci osserva ma presumo che a breve si avvicinerà
- Amore, ci spostiamo e vediamo se và via?
- No! restiamo così se fa qualcosa decidiamo.
- Come vuoi tu, ma adesso è vicinissimo, con buio non riesco a vedere
- Mi sta accarezzando la gamba ed il piede
- Desideri gli dico di andare via?
- Va bene così continua a tenermi abbracciata
Ci stringiamo come prima e continuiamo a baciarci, l’uomo continua ad accarezzare i piedi e le cose di Irene, lei mi conferma che è molto delicato e le carezze sono piacevoli, dopo le carezze inizia a baciare i suoi piedi, le succhia le dita mentre le mani accarezzano la sua gamba quasi massaggiandola, fa tutto con molta lentezza sembra che non abbia fretta di provare altro. Il respiro di Irene cambia quando la bocca dell’uomo inizia a salire dal piede lungo la coscia, quando Irene mi conferma che vuole continuare, la faccio stendere sulla schiena ed io sposto le mie gambe mentre continuo a baciarla. Quando lei divarica le gambe l’uomo ha via libera per raggiungere il suo sesso, ma non lo fa, non subito almeno, continua a baciare ed accarezzare le cosce di Irene per tutta la sua lunghezza, io inizio ad accarezzargli e baciargli il seno, inizia a emettere gemiti di piacere, mi sussurra che è dolce delicato ed esperto, lo lasciamo fare fino a quando con grande piacere di Irene la sua lingua non raggiunge il sesso. La bacia e la lecca molto a lungo, ormai Irene è un lago di umori, continua a godere, ma l’uomo non prova ne chiede di penetrarla, lei è eccitatissima e quando sente quasi il bisogno fisico di un sesso che la penetri mi attira sopra di se, scivolo dentro di lei, la sento calda e bagnatissima, l’uomo continua con le sue carezze e quando godo anche io, sentendo i miei schizzi caldi, gode anche lei lanciando piccoli urli. Facciamo un altro tuffo in acqua poi torniamo a sdraiarci sui materassini, l’uomo è sparito nel nulla, non ci diamo peso e restiamo a lungo sdraiati a coccolarci, poi quando la temperatura scende rientriamo ed andiamo a letto.
6 GIORNO – ULTIMO
La vacanza è giunta alla fine, siamo ormai all’ultimo giorno, dopo colazione decidiamo di fare le valigie tenendo fuori l’occorrente per il viaggio, non facciamo nessun programma per la giornata, quando abbiamo sistemato tutto è ormai ora di pranzo, mangiamo finendo le scorte che abbiamo in frigo poi decidiamo di andare in piscina. Quando cerchiamo il posto riparato dove ci sistemavamo di solito lo troviamo occupato, ci sono i posti subito accanto e decidiamo di sistemarci in quelli, solo quando ci sdraiamo, ci sembra di riconoscere l’uomo della coppia come quello della sera prima, rispondono al nostro saluto in italiano, sono una coppia forse leggermente più matura di noi, molto piacenti ed abbronzatissimi, e sono italiani. Veniamo a sapere, che sono Armando ed Armida italiani 2 anni in più di noi, che di solito trascorrono 2 mesi a cap, sono molto socievoli simpatici e colti, quando Irene gli dice che di solito lei sceglieva il posto dove da un lato era coperta dal muro, Armida gentilmente fa scambio. Durante la chiacchierata, chiediamo ad Armando se la sera prima era lui che aveva giocato con noi, lui conferma ed Armida aggiunge che lui gli ha raccontato tutto specificando che eravamo una coppia molto dolce, dalla chiacchierata veniamo a sapere che sono scambisti da molti anni, ma soprattutto che sono tutte e due bravi massaggiatori, particolare che in parte Irene aveva sperimentato, dal modo in cui ci guardano capiamo che vorrebbero non solo massaggiarci ma andare anche oltre, quando infine sono loro a proporsi di massaggiarci è Irene che gli propone di fare il massaggio nel nostro appartamento e loro accettano subito, dicendo che ci avrebbero raggiunti a breve:
- Che ne dici? Ti va di andare oltre?
- Ieri sera è stato molto delicato e dolce. Per me va bene.
- Sembrano persone molto esperte, nonostante l’età sono molto carini
- Come dicevi tu, è ultimo giorno, altra vacanza così sarà difficile, approfittiamone fino in fondo.
Quando ci raggiungono, non perdiamo tempo e ci sdraiamo subito sul letto, ci massaggiano a lungo, portandoci ad uno stato di eccitazione estremo, ma non si limitano solo a questo, Irene è molto soddisfatta dalla dolcezza e delicatezza di Armando, ma anche dall’educazione quando gli chiede di aiutarlo con la bocca per avere il massimo dell’eccitazione. Ci “scopano” in un modo che non avevamo mai provato, giocano con i nostri corpi ed i nostri sessi facendoci provare un piacere nuovo, non hanno nessuna fretta e ci fanno trattenere l’orgasmo a lungo interrompendo spesso l’amplesso per pochi minuti e poi ricominciare, usano i loro sessi come delle macchine, riescono a fargli avere delle contrazioni che ci trasmettono un piacere mai provato, alla fine li imploriamo quasi a farci godere e quando infine godiamo non possiamo fare a meno di urlare tutto il nostro piacere. Siamo spossati completamente e ci serve un po' per riprendere fiato e rimetterci in sesto, prima di lasciarci, sapendo che è ultima nostra serata ci invitano a cena in un locale caratteristico fuori dal villaggio, accettiamo con piacere non avendo visitato nulla al di fuori del villaggio, ci diamo appuntamento per la sera e ci salutiamo.
- Mamma mia! È bravissimo, mi ha fatto avere un sacco di orgasmi
- Anche lei mi ha fatto impazzire, si vede che sono molto esperti
- Sono contenta di andare a cena fuori dal villaggio, vedremo qualcosa di diverso
- Non penso si vogliano limitare solo alla cena
- E’ l’ultima sera, meglio approfittarne non credi?
- Certo che sì, lasciati andare stasera, faremo follie ahahahha
Come sua abitudine Irene cerca di essere sempre elegante, riapre la valigia per trovare ed indossare un vestito da sera molto sex, con generosa scollatura ed un ampio spacco che arriva quasi all’inguine, sotto indossa solo un piccolo perizoma, quando saliamo in macchina Armando la invita a sedere davanti lato passeggero mentre io ed Armida siamo dietro. Mentre guida verso il ristorante Armando accarezza le gambe di Irene, quando arriva al perizoma ne sembra meravigliato e le chiede di toglierlo, con mia grande meraviglia lei lo toglie senza indugiare, anzi sorridendo, sembra quasi soggiogata dalla personalità di Armando, resto ancora più sorpreso quando lui gli chiede di fargli un pompino mentre guida e lei ubbidisce subito. Non mi capacito del comportamento di Irene, normalmente avrebbe rifiutato in modo secco a queste richieste adesso invece sembra divertita, quando anche Armida inizia a palparmi siamo già al ristorante quindi ci ricomponiamo. La cena, in un ristorante etnico marocchino, era stata ottima, avevamo bevuto anche del vino ma Irene solo assaggiato, durante la cena Armando aveva tentato di accarezzarla sotto il tavolo ma lei con fermezza lo aveva stoppato dicendogli chiaramente che non gradiva certe effusioni in luoghi pubblici, questo suo appunto aveva fatto raffreddare un po' l’atmosfera fino a quando risaliti in macchina era stata Irene ad accarezzare il sesso di Armando facendo ritornare l’atmosfera iniziale. Arrivati a casa, visto che non volevamo fare nemmeno tardi, non perdiamo tempo e siamo subito a letto, attendiamo come il pomeriggio che si prendano cura di noi, lo fanno, ma non come avevamo pensato. Con meraviglia mia e di Irene, Armando si avvicina al mio sesso prendendolo in bocca, mentre Armida inizia ad accarezzare Irene, restiamo per un attimo perplessi, ma anche in questo caso riescono a farci provare un estremo piacere. Come al solito sono molto delicati e ci baciano ed accarezzano a lungo, fino a che tutti eccitati allo stremo facciamo l’amore io con Armida ed Irene con Armando, la loro esperienza ed i loro modi, come già successo il pomeriggio ci fanno provare un godimento molto intenso, alla fine ci lasciano stremati e soddisfatti. Prima di addormentarci restiamo a lungo a chiacchierare sulla nostra vacanza sperando che un giorno possa ripetersi

Questo racconto di è stato letto 1 4 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti moglie infedeleamoreinfamiglia.blogspot.it.vogliadipornoerotici racconti gratisle tette di mia cuginami sono scopato mia cognatait.sesso.raccontiracconti sessualiuomini che leccano i piedi alle donnegenere dei racconti eroticiracconti brevi pornoracconti scatracconti scopataracconti erotici annunci 69racconti di culi rottistotie pornozoofilia raccontiracconti erotici donna maturaincesti veri raccontiracconti erotivstorie erotistorue pornoracconti ereoticiracconti zie troieerotici racconti.itrocconti eroticiporno racontiracconti annuncio69come praticare il fistingsesso con incestiracconti porno freedonna scopa col caneracconti erotici nipotemilf racconti eroticiho rotto il culo a mia suoceraracconti erotici di ziemia cognata porcaracconti erotici gratismamme racconti eroticiracconti wrotici69raccontizia sporcaccionaerotici 69racconti erotici mistressracconto erotico mammaracconi pornosuocera eroticaamoreinfamiglia.blogspoterotici raccontiracconti-eroticierotociraccontiraccoti pornoracco ti eroticiracconti incesto madre figliaracconti zoofiliafotoromanzi eroticiraconti incestoincesto storie vereinculata involontariaracconti erotici fumettiracconti erotici traveroticoraccontisesso con la cognataperizoma raccontiracconti erotici famosinel culo raccontistorie di sesso gratisscopare con cavalloeroticiracconti gayracconto eccitanteballbusting raccontiracconti porno per donneracconti zoofilirecconti eroticiracconti erotici enemaraconti eroticoracontieroticicognata vogliosamoglie porca al marestorie pronoracconti di sesso gay