Paolo cap: VIII Thor, prima parte

Scritto da , il 2020-03-26, genere prime esperienze

Non so in quale settore, l'ho inserita qui.


Thor

Il signor Alberto aveva dato disposizione affinché il ristoro per tutti i presenti fosse organizzato e allestito sul pianoro retrostante lo chalet; dato che Il manto erboso, a quell’ora, sarebbe stato certamente asciutto sia dalla pioggia caduta il giorno prima che dalla rugiada, sempre abbondante a quell’altitudine. Un pic-nic su un prato, lontano dal chiasso, fra il verde di abeti rossi e di larici, con l’allegria che in simili momenti abbonda fra i partecipanti, avrebbe ridato in fretta energie e nuovi impulsi alla giornata dedicata all’ammissione e alla prima formazione del ragazzino.
“Carmela mia, percepisco le tue intenzioni e so che intendi realizzarle; ma, diabolica amante … depravata e scostumata donna, io in base alle teorie del circolo a cui abbiamo aderito, penso che si possa andare oltre i tuoi intenti; per cui ambisco che su quel giovane si esperimenti un rapporto completo.”
“Purché non si danneggi il fisico e l’entusiasmo con cui si dona: tuo padre non ce lo perdonerebbe, visto che solo con lui, dopo tanto tempo, è ritornato a fottere. Quello che tu suggerisci è una buona idea, che se riesce e ben documentata può, tramite la confraternita, farci entrare nei circoli più esclusivi anche della corona inglese; ma dobbiamo essere prudenti, pazienti, … non aver fretta perché presi dal pathos. … ma non so come tu possa lusingare Thor a bramare, ad invaghirsi … tanto da volerlo penetrare, come per ingravidare.”
“Questo problema lo dovrà risolvere il veterinario, che conosciamo, anche se gli dovrò un sostanzioso compenso. Da lui, dopo avergli posto il quesito, mi aspetto la soluzione, per cui, mentre tutti si stanno riposando e rifocillando, io andrò di nascosto e senza rumore in città a prenderlo. Gli si concederà di partecipare al baccanale pomeridiano. Bene, ora mi devo allontanare.”
L’amena, festosa cricca accolse con favore l’invito della Signora di riposarsi e ristorarsi su nel prato, dove nel frattempo la servitù aveva già predisposto in cerchio materassini impermeabili, attorno a vivande e bibite, atte a ridare energie e vigore. Il primo abbozzo di discorso verté sulla bellezza del luogo, territorio naturalistico prezioso alla comunità, delle attività che vari gruppi, compresi scout e allievi delle scuole locali, svolgevano a sua difesa. La discussione proseguiva a tratti, poiché sovente lo sguardo di tutti si posava sull’ultimo loro acquisto; per osservarne movenze, perdite da suoi anfratti o per ascoltarne emozioni, turbamenti, impressioni dal suo arrivo in quella casa e fra quella compagnia, amante dell’eros omosessuale nelle sua varie sfaccettature.
“Abbandonate per il momento l’idea di ascoltare le sue sensazioni, … permettergli di godersi le carezze del sole, … del verde che ci circonda, … il respiro del bosco, … le sue voci; … se fate silenzio avrà la possibilità di scrutare tra i rami, ricoperti di muschi, piccoli animaletti che amano saltare da un albero all’altro. Scoiattoli, passerotti, ghiandaie, e altri uccellini che amano in questo periodo cinguettare vivacemente. Ascoltate questo crepitare di rami spezzati, di sassi calpestati da un pesante incedere. Vedi Paolo quelle corna magnifiche che sfiorano i rami più bassi degli alberi, … le lunghe zampe, che non sfigurerebbero accanto a quelle di un cavallo. Sei stupito: quello è un cervo che non ha paura della nostra vicinanza. La tua attenzione è colpita dal suo sguardo intenso. Vieni e avviciniamoci un po’. Non temere, … non ci sono persone nella proprietà; per cui non preoccuparti delle nostre nudità.
Osserva, caro ragazzo, la bellezza delle cime, percepiscine la maestosità; … e il volo dell’aquila, … ascolta il concerto delle marmotte o dei rapaci o il canto dell’acqua che salta verso valle da un masso all’altro, … aspira il profumo del sottobosco e quello del fogliame marcescente, … del musco, delle piantine di liquirizia, del finocchietto selvatico: le rive del ruscelletto sottostante ne sono piene. Vedo che ti sei rinfrancato. Ti piace questo posto?”
“Sì, tantissimo, e mi attira il passeggiare in questa foresta, cullato dalle voci dei suoi abitanti, dalle carezze dei suoi arbusti e delle sue felci, dai leggeri aliti di vento che accarezzano il mio fisico e poi … essere tra voi. Mi sono riposato. Da un po' non vedo suo marito. L’ho stancato o forse offeso?”
“Sono contenta che questo luogo sia di tuo gradimento, che ti piaccia camminare sui suoi sentieri per conoscerne il tamburellare dei suoi polmoni. Potrai farti il bagno nelle fresche, limpide acque che alimentano il ruscello, per ritornare fra le braccia di un uomo ad accenderti di nuovo. Spero che tu possa essere ospite di questa famiglia per molto tempo: il Signor Nicola ti vuole come compagno di letto e noi per i giochi a cui parteciperai. Andiamo a risederci e in attesa che ci raggiunga anche il Signor Alberto, che di te è entusiasta, ci farai partecipi delle emozioni, … delle sensazioni vissute con Alberto, con Federico o con me. A tutti noi interessa ascoltarti sull’esperienze fatte. Nicola ti vuole accanto.”
“L’essere stretto, bloccato mi piaceva sino a che gustavo il nettare di Cesare che fluiva lento o con trombetta dal suo anello, ma, poi, rinserrato fra le chiappe con tutto il suo peso è stata una tortura, una violenza inaudita. Per respirare ero costretto ad aprile le labbra, non potendo farlo con il naso avendolo otturato dei suoi umori, per cui lei, percependo la mia urgenza, sfruttava quel momento per riempirmi la bocca di umori che a me non attraggono, anzi mi nauseano. Ho avuto sotto le sue natiche sforzi di conati, ma con il signor Alberto che tamburellava, picchiava, sbatteva, sculacciava le mie nacchere o tritava, pestava, batteva le mie pareti interne con quel strumento gonfio, indeformabile, rovente, forte, mai stanco, io stavo sulle ali dell’estasi; per cui, senza rendermene conto, ingoiavo i suoi umori, che scendevano copiosi dal suo antro. Godo succhiare, spazzolarmi il volto, ungermi naso, gote, ciglia con un membro che gocciola in continuazione, ma che il mio viso debba servire per la masturbazione di una femmina … ohh, … lo aborrisco, lo detesto con tutto il mio essere. L’avere le sue labbra vaginali sul volto, sulla bocca, … ohh, ancora adesso mi provoca nausea e … poi, quell’untume odioso, da …”
“… ma a letto con il signor Nicola, ti piaceva?”
“Sì, il pisciarmi da seduta sul mio corpo dava brividi e bellissime sensazioni, ma non era in bocca … e poi ero accovacciato, steso accanto al gerarca, per cui il suo contatto mi dava benessere, appagamento …”
“Riproveremo e sono certa che gusterai, ti divertirai e avrai piacere.”
“Uhm, … mm!
Con il signor Alberto, … ohhhh, … prima la sua lingua che trivellava, penetrava, tormentava, tappava; le sue grosse mani che si muovevano sul mio corpo danzando, lisciando, stringendo, impastando, graffiando, tirando e pizzicando per trasmettere contrazioni, distensioni, inarcamenti e desiderio di concedersi, di essere posseduto, otturato, conosciuto a fondo nei più nascosti ed intimi anfratti e poi quel fungo rosso, bollente, possente … che non riuscivo ad imboccare interamente, … che vellicavo e titillavo, … che mi regalava di continuo gocce di fresca, trasparente, oleosa dolce rugiada che mi prendeva eccitandomi come un indispensabile insostituibile allucinogeno, … che lentamente si apriva la strada nelle mie viscere, … e il mio intestino che, gioioso ed esultante, si schiudeva, distendeva, collaborava a riceverlo, godendo sulle pareti del colon del suo passaggio; … ed io che l’aiutavo aspirandolo, come si fa con le supposte, … che godevo con i miei Ummmmmmmmmhhhhh, … mordendomi le labbra o emettendo interminabili monosillabi, sino a quando lui, persa la pazienza o sul punto di non ritorno, con colpi bruschi, risoluti, violenti facendolo entrare sino ai testicoli, … con quel ciac-ciac sulle mie chiappette, … mi fece gioire dei suoi versamenti, prima forti e abbondanti e poi amabili … scivolosi, con quel profumo sensuale, afrodisiaco, eccitante; … che fluirono all’esterno con delicate lascive trombette. Non conosco liquido eguale a quello, energetico, avvincente, inebriante.”
“… e con mio nipote?”
“Quando suo nipote si avvicinò mi diede da odorare la sua lunga rosea asta ponendomela sul naso. Il suo profumo mi sedusse immediatamente, sapeva di precum; infatti dalla sua sommità colava una lacrima trasparente, lievemente biancastra e viscosa. Gliela presi, osservandolo in viso, con la punta della lingua: era dolce; ne avrei voluto ancora e, allora, scesi con la lingua sulla sua sacca per risalire verso l’alto, schiacciandogli dolcemente il condotto urinario: ne ottenni delle altre con sua e mia immensa felicità. Godevo di quel fallo liscio, vellutato, leggermente ricurvo verso il suo ombelico, con quella prugna imporporata, infiammata, lucente, soda che volentieri tenevo sotto le narici per aspirarne il profumo e per ungerlo; lo muovevo sulle gotte e sulle palpebre venerandolo e poi ritornavo con la lingua sulla sua piccola apertura. L’olfatto, il tatto, il gusto, la vista, per i piccoli movimenti delle mani, che scendevano e tornavano in su per altre emissioni, erano in forte agitazione; riuscivo a percepire il piacere che stava lievitando sino al punto del non ritorno. Tra lingua e palato Federico emise più fiotti di nettare caldo, squisito, dal sapore leggermente fruttato, stimolante; … e poi, in estasi per i succhi ricevuti, con ancora quel suo membro fra le labbra, un piccolo rivolo fuoriuscì, colandomi verso il mento. … e perfino quelle gocce mi procurarono appagamento. Che bello avere tra le mani un pene, spazzolarlo, accarezzarlo, levigarlo con la lingua e percepirne i sussulti, le oscillazioni e il suo desiderio di possederti per ringraziarti dell’atteggiamento di omaggio, … devozione che, persone come quelle che conosco, hanno verso di lui. Che cosa magnifica, quando ne abbiamo uno fra le labbra ed osserviamo il volto a chi stai eseguendo un coito orale, avvertire delle mani che ti pressano contro il pube, sino a bloccarti le vie respiratorie o ricevere l’eiaculazione nel profondo della gola, … avvertire lo sperma, che ti cola dal mento, fluire verso il petto e l’addome e poi mani, … e mani, … mani.
Ohh, … quando Federico mi presentò il suo cerchietto, invitandomi mutamente a violarlo, io ero ancora nel mondo dei sogni, per cui vedendolo oliato, … che boccheggiava, … che si apriva per rinchiudersi, facendomi intravedere degli umori di coiti precedenti, … io accolsi la sua silenziosa richiesta e … senza sforzi, il mio mingherlino pistolino entrò, trovandosi subito a suo aggio, fasciato e strizzato dalla sua muscolatura. Mi sembrava di essere munto, spremuto, succhiato. Appagai nuovamente i sensi. Fu un’esperienza diversa, stupenda, bellissima per la succhiata e per la spremitura a cui ero soggetto.”
Dal sentiero serpeggiante, tortuoso, ridotto e contornato da ciuffi di gramigne, di felce dolce e da cardi di montagna, che dalla casa conduceva verso il bosco di larici e rare betulle, spuntavano due montanari, di cui uno con una valigetta. Discutevano animatamente con gestualità e a voce alta. Erano tallonati da un cane di grossa taglia dal manto argenteo
“Buon giorno! Osservo che alcuni di voi, che riconosco, sono un po' arrossati per troppa esposizione al sole, mentre altri si stanno chiedendo chi sono. Sono un medico che va per gli alpeggi a visitare mandrie, greggi o … e sono qui, chiamato e invitato dal signor Alberto e dalla sua signora, per esaminare … testare, … valutare, uno di voi, se può essere adatto ad un esperimento …; ma, ora, sia io che il signor Alberto abbiamo fame. Subito dopo esserci ristorati in mezzo a questa straordinario angolo delle Alpi, conoscerò, controllerò e verificherò le reazioni ad eccitazioni risvegliate da altri verso colui per il quale sono qui; ma ora lasciatemi saziare e mettermi a mio aggio fra codesta ghibellina, indipendente confraternita, amante della lascivia, della libidine e della perversione più sfrenata e scabrosa. Ho la sensazione di trovarmi fra un gruppo di Eugéne_Jansson o di ammirare dal vivo dei nudi di Wilhelm von Gloeden tra queste vette, … in mezzo a questi boschi con l’aria di valle che invita ad osservare, a contemplare, a correre, … ad incontrarsi per sfidarsi in lotte focose, passionali come l’istinto più animalesco, più folle suggerisce e provoca. … Sono qui anche con Thor, il mastino inglese di casa, che con il permesso della signora e del consorte utilizzerò per veder affermate delle mie teorie, condivise anche da colleghi d’otre alpe. È mia convinzione che, negli spasmi del piacere, qualsiasi essere accetta individui, anche di specie diversa, pur di saziare, appagare la sua fame di voluttà, di passione, di godimento; purché non si ricevano lesioni. Ora, visto e constatato che il novello giovane Ganimede non sa adoperare, bene e a dovere, lo strumento che si ritrova nella cavità orale, con la Signora si ragionò di iniziarlo ad una esperienza, forte, ma molto formativa; mentre suo marito avrebbe espresso anche il desiderio di oltrepassare i limiti che voi già conoscete. Non subirà danni, anzi … probabilmente diventerà per i piaceri provati una puttanella, mai sazia. Nel regno della perfida Albione questi avvenimenti sono organizzati e noti come cacce, in cui la preda, una femmina, dopo un logorante e lungo inseguimento, è posseduta … goduta dal cane che l’ha trovata; ma io penso che simile esperienza, … simile evento possa essere effettuato anche con un maschietto, per cui … tu, piccola troietta, ancora lordata dei succhi dei presenti, per entrare in questa piccola confraternita di omosessuali dissoluti e perversi, devi accettare il rito e copulare con la bestia, seguendo con slancio e partecipazione l’istinto. Abbandonati al piacere per essere pronto, dopo, a proseguire con noi l’orgia da te provocata, … ad essere nuovamente inculato, sodomizzato, goduto, fottuto. … e, Lei, signor Nicola, non deve preoccuparsi per il suo ragazzo: sarà sfinito, snervato, spossato dal piacere, ma senza danni fisici, … per cui lo potrà riavere indenne, con maggior esperienza e abilità, sano e salvo nel suo letto.
Thor, Paolo, è una bestia di notevole stazza e peso, ben tenuto e ammaestrato … bestia tranquilla, possente, potente, maestosa. Sarà per te in questa famiglia un ottimo, docile compagno e, percepita la tua disponibilità al gioco, sarà sempre pronto e deciso. È da tempo addestrato e sa cosa deve fare; solo che con te, oltre a spazzolarti … pulirti … raschiarti, cercherà e vorrà anche il coito. Tutto sarà documentato, come per quello che hai già sostenuto e passato.”
“Ma …”
“Non temere. Conosco molto bene la sua lingua e … urlerai, implorerai, piangerai di piacere, ma non farai nulla per mandarlo via. Ti rivolterà sino a sfinirti, … la tua vescica si aprirà … il tuo intestino danzerà, vibrerà, ondeggerà per consegnargli quello che contiene, … e tutto sarà liquido. Il suo peso ti impedirà di muoverti; il suo profumo sarà un allucinogeno, … vedrai il suo rosso, forte, granitico strumento e non farai più distinzione tra quello di un tuo simile e il suo. Ti sarò vicino e ora lasciati preparare dal medico veterinario. Thor deve odorare il tuo profumo, … sapere che quello che lo attrae è per lui, … che lui è venuto qui per te, … che lo vuoi, … brami, … che desideri la sua lingua, … che gli unguenti essiccati gli hai conservati per lui, … che il continuo grondare dal tuo buchetto è per chiamarlo a limarti, snervarti, illanguidirti, … Sarai per lui un’altra cagna, … ti annuserà, … ti scaraventerà per terra, … steso, … per salirti sopra e ti guarderà con i suoi occhi infuocati di desiderio, … ti leccherà, ti sbaverà ovunque e, se ti muovi, ti morderà per bloccarti senza ferirti … cercherà la tua apertura, muovendosi e strusciando … sino a che … per l’acme del piacere non trovando quello che cercava, … ti bagnerà, ti inonderà dei suoi abbondanti umori … e sono tanti, … abbondanti; … e poi, pago, ma non esausto, asporterà con la lingua il suo piacere versatoti sull’addome, provocandoti nuove strepitose, immani ondate di godimento sino a far defluire dal tuo anello liquidi, come emissioni continue, placide perché ti avrà spossato, … fiaccato, … sfibrato, … sfinito, … tanto che la tua muscolatura non farà più resistenza anche agli stimoli più leggeri. … ma ora il medico è pronto e in mano tiene i suoi unguenti. Disponiti gattoni con il sedere in alto e la testa in basso. Tutti i presenti saranno spettatori della tua prima docile remissiva unione con un cane.”

Questo racconto di è stato letto 4 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti sroticiracconti gay realiracconti mogli infedelistorie di sesso 69racconti porno maturaracconti erotici lesbicheracconti annunci69i generi raccontiracconti sesso analeracconti eccitantiracconti erotici fotograforacconti erotocoraacconti eroticiracconti milúracconri pornoracconti esperienze erotichestorie milfracconti oornoerotci raccontiracconti brevi eroticiletture erotiche gratisstorie gay erotichesesso porno raccontistorie d'incestiracconti erotici suoceromariti bsxracconti sroticivogliadipornoraccnti pornoracconti di mogli esibizionisteracconti transracconti dal dottoreracconti erotici suppostaracconti di cazzi in culoracconti erotici estetistaracconti eriticiracconti 69 gayracconti porno sexracconti erotici di miluincesto con la ziaracconti erotici guzzonstorie incesteracconti piediracconti pornracconti zia troiaporno milustorie vere pornoeroticiraccontincesto storiecconti eroticistorie ornostorieroticheesibizioniste in luoghi pubbliciil mio cane mi lecca la figaracconti erotici moglie infedeleracconti erotici gay papàracconti erotici migliorigeniv racconti eroticistorie eromi sono scopato mia cognatastorie di donne inculatemariti cornuti raccontiracconti erotici canerqcconti eroticistorie erticheracconti sroticiracconti suocereracconti sexsiwww.racconti eroticistorie eoticheracconto erotico 69raccnti eroticistorie eroticeerotici racontimoglie racconti pornoracconti gay rumeniracconti.pornoracconti eroticviil culo di mia suoceraraccontii eroticistorie sesso incestodominazione femminile raccontiracconti di bullracconti eroticiraccontizoofiliala vicina tettonaracconti erotixiracconti suocerestorie di dominazioneracconti di bdsmracconti eriticiracconti incesto annunci 69raccontti eroticimariti bsxstorie erotiche moglieracconti erotiicstorie clistereannunci racconti 69i generi racconti erotici