Non l'avrei mai pensato ( seconda parte )

Scritto da , il 2020-03-26, genere trio



I giorni successivi furono davvero tremendi, decisi di smettere di andare in palestra e di tornare alla mia vita normale.
Tornai ad essere madre e moglie, e a svolgere le mie quattro ore di part-time nello studio dentistico dove lavoravo da più di tre anni.
All'inizio riuscii quasi a sorvolare su tutto, poi a distanza di due settimane le cose si complicarono e smisi di dormire, mi svegliai nel pieno della notte in preda a delle voglie sessuali allucinanti, e quelle poche volte che chiudevo occhio mi ritrovavo in quello che poteva essere paragonato ad un girone dell'interno dantesco.
Uomini con cazzi enormi mi scopavano selvaggiamente e io godevo con furia, piacere misto a dolore.
Mi svegliavo completamente bagnata e con una voglia di fare sesso oltremisura.
La situazione diventò seria, fino a che un giorno ebbi una vera e propria crisi, mi chiusi in bagno e iniziai a masturbarmi per circa tre ore.
La cosa preoccupante è che mi dimenticai di chiudere la porta, mio marito di rientro la sera mi trovò dentro la vasca nuda gemente con l'indice e il medio dentro la figa esausta.
Lì per lì sembrò contento, ma rimase male quando io scappai di corsa a rivestirmi per poi scendere giù da basso in cucina.
Ormai ero allo sfinimento, pensai di tornare in palestra o di chiamare Marty dirgli che volevo scoparmelo e poi ognuno per la sua strada, ma sapevo di mentire a me stessa, se me lo fossi scopato probabilmente sarebbe stata la prima di una lunga serie, io sarei diventata una donna disonesta che tradiva il marito, questa non poteva essere la soluzione.
Dovevo resistere sperare di dimenticarmelo, di scordarmi di lui e del suo cazzo, sì proprio così.
Alla fine cedetti è una sera raccontai tutto a Giada, la mia amica del cuore.
Lei rise, mentre io piangevo.
"Che cosa hai da ridere, per me tutto questo è un dramma, capisci che non so come uscirne." Le risposi io in preda ad una crisi di nervi.
"Ascolta, devi cercare di essere serena, io credo che una soluzione ci sia?"
"E cosa aspetti a dirmela!"
"Questa sera quando sei a letto con tuo marito e siete in intimità digli che ti piacerebbe avere un rapporto sessuale a tre, potrebbe essere qualcosa di stimolante, che potrebbe dare un giro di vite alla vostra relazione."
"Ma tu sei matta, mio marito e siciliano, credo che non accetterà mai."
Le risposi io molto sconfortata.
"Dipende come gliela metti, digli che tu sceglierai il partner. "
"E tu dici che lui accetterà?"
"Si, ma se lui dovesse dirti di no, digli che era uno scherzo e volevi vedere se era ancora fedele dopo tutti questi anni."
La proposta di Giada non mi abbandonó, per la settima successiva non feci altro che pensare a tutti i possibili scenari ed effettivamente avrei potuto metterla sullo scherzo, perché no, proviamo.
Decisi di proporlo a mio marito Antonio proprio mentre lui mi stava scopando da dietro.
"A che bravo che sei Antonio, mi piace quando mi scopi così selvaggiamente, chissà che bello sarebbe farlo in tre..."
Lui non si fermò, non ebbe la reazione che immaginavo, non mi disse né no né si, ma continuo a scoparmi.
Più tardi fu lui a riprendere il discorso.
"Questa sera mi hai proposto una cosa a tre, ho mi sbaglio."
"Ma si dai scherzavo, era eccitata." Per sminuire la cosa finsi un sorriso malizioso.
"Ma mi sembrava una cosa strana detta da te, non avrei mai immaginato che volessi farlo in tre."
"Ti ripeto che era uno scherzo.." Dissi io rimarcando la cosa.
"Sarà, ma io se vuoi non mi tiro indietro, potrebbe essere divertente, l'importante è evitare complicazioni."
"Che intendi per complicazioni?", gli chiesi io curiosa.
"Insomma dovremo scegliere una che accetti senza creare problemi in futuro."
Ecco cosa aveva pensato il furbo, lui sperava di farlo con due donne e non con un altro uomo.
"Sai che ti dico, per me infondo va bene, ma la scelgo io"
Vidi che era perplesso ma allo stesso tempo voglioso di provare.
"Sai che ti dico, anche per me va bene, ci sto." Mi disse lui sorridendo.
Non riuscivo a capire se stesse scherzando o fesse serio, decisi di sorridere e di fare la finta scema.
"Comunque per me hai carta bianca, vediamo cosa riesci a fare." Aggiunse .
Si lo so starete pensando che ho fatto il suo gioco e sono caduta nella rete, ma non è così, conosco mio marito.
Per prima cosa chiamai Giada e gli raccontai tutto.
"Ma così facendo ci guadagnerà solo lui" mi disse lei in tono severo.
"Non credo proprio, forse è quello che lui pensa, e io glielo lascio pensare, se davvero vuole andare fino in fondo allora lo farò anche io."
"Ma hai pensato a chi proporgli ?", mi chiese lei.
"Certo, ho pensato di fargli il tuo nome" le dissi spudoratamente a bruciapelo.
"Ma cosa dici. Sei impazzita forse?". Replicò Giada quasi farfugliando al telefono.
"Senti un po' cara mia, in questa situazione mi ci hai messo tu, è stata una tua proposta, adesso cosa vorresti fare tirarti indietro?"
"Ma io non pensavo di essere trascinata dentro.."
"È invece ci sei dentro completamente. Sappi che sono a conoscenza che mio marito qualche tempo fa ti ha fatto della avance e dubito che tu ti sia tirata indietro, so bene che prima di conoscere me avete avuto una storiella insieme." Dissi io seccata.
"Ma cosa dici Flo, non mi ha fatto nessuna avance, e poi non puoi rinvangare il passato così."
"Senti cara, farò il tuo nome e se dirà di sì, tu accetterai altrimenti dirò a tuo marito che durante il matrimonio di Carlo e Francesca tu ti sei assentata dieci minuti per fare un pompino a mio marito."
"Ma che stai dicendo, non è vero." Giada aveva una voce terrorizzata.
"Si ho le prove, devi sapere che mio marito parla nel sonno e la notte stessa a pronunciato il tuo nome e ha aggiunto che sei brava a fare i pompini nei bagno del ristorante."
Giada era in silenzio mistico.
"Ora tocca a me, sinceramente se non avessi conosciuto Marty forse avrei lasciato stare, ma adesso è il mio momento è me lo voglio gustare".
"Ok come vuoi, ma non dire nulla a Gianni, ti prego."
La sera stessa proposi Giada a mio marito che finse di essere stupito della mia proposta.
"So bene che smani per lei, mi hai fatto notare più volte che ha due belle tette e che ti piace il suo sorriso."
"Si ma era per dire.."
"Insomma cosa fai ti tiri indietro o vuoi ancora farlo. Forse non hai il coraggio di scoparti la moglie con l'amica",dissi io cercando di colpirlo nell'orgoglio di maschio.
Lui mi fissò incredulo.
"Ok va bene, non mi tiro indietro, ma basta che non ci siano complicazioni, e soprattutto io non credo che accetterà." Mi replicò lui.
"E invece lei non vede l'ora di farti un pompino, mi ha detto che è un suo sogno ricorrente".
Mio marito rimase impietrito, sapevo di averlo colto in fallo.
Devo ammetterlo non era vero che aveva parlato nel sonno, ma ero sicura che qualcosa avevano fatto, erano spariti nel medesimo momento durante il matrimonio, e sono tornati entrambi silenziosi come se si sentissero colpevoli di qualcosa.
Non sono mica nata ieri. Adesso ne avevo la certezza, la sua espressione impacciata e schiva non lasciava dubbi.
Telefonai a Giada e organizzai tutto per venerdì sera, lasciai le bambine da mia madre e preparai tutto per bene, ero intenzionata a far una cosa a tre in doccia.
Dissi a Giada di venire a casa verso le diciotto e lei arrivò puntuale, la accompagnai su in bagno e le chiesi di spogliarsi con me, entrammo insieme nella doccia.
Lei era incredula per quello che stava facendo, ma sapeva che era in debito nei miei confronti.
"Ora oscaltami bene, soddisfa mio marito e fai quello che ti chiede, fallo felice e nessuno a parte noi tre saprà di questa cosa, e sopratutto saremo pari."
"Ok come vuoi tu" mi disse lei.
Mio marito entrò in bagno qualche minuti dopo e si unì a noi nella doccia.
Quello che successe dopo fu quasi scontato.
Io cominciai a baciare mio marito e a massaggiargli il cazzo.
Lui non ci mise tanto ad eccitarsi.
Giada si masturbava, in disparte, io la tirai subito dentro e la baciai.
Mio marito non perse tempo e le toccò i seni stringendoglieli forte.
Vedovo il suo pene sobbalzare, era chiaro che le piacevano, sono nettamente più grosse delle dei mie.
Poi lei si avvicinò a lui e iniziò a leccargli le labbra a quel punto eravamo tutti presi.
Lei gli prese per mano l'uccello iniziò a segarglielo piano poi si chinò e glielo prese in bocca.
Glielo succhiava con gusto, era chiaro che lo desdiereva tanto.
Andò avanti almeno un paio di minuti spingendoselo in gola, vedevo le sue labbra affondare nelle sue palle.
Mentre lei glielo succhiva avidamente, io gli leccavo le labbra e lo mordevo, so che a lui piace tantissimo.
Giada si alzò in piedi e si girò mostrando il suo bel culo tondo e grande.
Mio marito era ormai preso, glielo picchietto sulla natiche prima di penetrarla da dietro.
I due ansimavano e godevano, erano totalmente coinvolti, si vedeva che aspettavano questo momento da tempo.
Lui la cavalcava con impeto, era violento nei colpi, e lei ad ogni colpo urlava sempre di più, non nego che la cosa mi eccitò davvero a tal punto che ripresi a masturbarmi velocemente ed ebbi un orgasmo.
Giada esausta e con il volto sofferente e pieno di goduria si rimise in ginocchio prese il cazzo di mio marito e lo immobilizzò tra i suoi grossi seni.
Vedevo scorrere su e giù la sua cappella grossa e rossa, emergeva da quelle due boe, e finiva a sfiorare il suo mento.
Da lì a poco mio marito raggiunse l'orgasmo e il suo seme ricoprì le labbra e il volto di Giada che non si scansò ma anzi avida apri anche la bocca per accogliere la su sborra calda.
Lui rimase immobile mentre lei glielo ripuliva con la lingua.
Poi lui uscì dalla doccia riprese i vestiti e se ne uscì di casa.
Io rimasi un pò con Giada che mi guardava allibita in attesa che io dicessi qualcosa.
"Complimenti hai fatto davvero un bel lavoro."
"Non dirai niente a Gianni, vero?", mi chiese speranzosa.
"No, stai tranquilla sono tua amica nonostante tu ti sia scopata mio marito questa volta è forse altre, per me è stata solo un avventura non ha compromesso nulla è solo una scopata e basta.
La abbracciai e lei fece lo stesso.
Ora avevo un pretesto per andare avanti con il mio piano, ero consapevole che il gioco lo conducevo io.
Per una volta in vita mia ero padrona davvero di me stessa e delle mie decisioni...

(TO BE CONTINUED ....)











Questo racconto di è stato letto 2 6 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti moglie zoccolaerotici racconti gratisracconri eroticiracconti cukracconti erotici italiaracconti hard matureracconti eroticiiincrstistorie di sesso gratisraccontiporacconti veri di tradimenti coniugalierotiraccontizie incestuoseio mia moglie e un transracconti ricattoporno raccontigeneri dei racconti eroticistorie vere incestiracconti ingoiostorie trioracconti sesso oralequella porca di mia ziaincesto annunciracconto sexyracconti trasgressioniracconti erotici suoreracconti sesso gratisracconti erotici ufficioscopata raccontimoglie e marito bisex69 racconti eroticiracconti erotici sui piediracconti incesti eroticiraccontti eroticistorie erotsesso anale storiezia perversaracconti lesbo incestoracconti erotici estateiomilustorie di troiescambio di coppia raccontiracconti eroticiincestofoto di trans superdotatiracconti poenowww.racconti-erotici.itracconti prime esperienze gayultimi raccontiraconti pornoraxconti eroticimia moglie raccontiracconti erotici suocera e generoracconti di rapporti sessualiraccomti eroticiracconti erotici zieracconti erotici di mogli infedeliracconti erotici migliore amica69 scambio coppiaho fatto un pompino a mio fratellofidanzate esibizionistemia zia in perizomaracconti erotici in pubblicostorie porracconti di sesso incestuosoracconti erotici fetishraconti sexstorie e racconti eroticimia moglie dal ginecologoracconti di donne inculatespulpho inculato mia mammami inculo mia suocerastorie di collantraccontierotracconti pprnoracconti inculateracconti eeoticinon c'è cosa più divina che scoparsi la cuginaracconti erotici forumracconti erotici moglie infedelericattata e inculatayouporn clisteriracconti di chiavatestorie di adulti