Galeotto fu il libro e chi lo scrisse

Scritto da , il 2020-03-26, genere sentimentali


Oggi è un giorno speciale per Bea: il 25 Marzo, giornata dedicata al Sommo Poeta, il Dantedì. Da mesi si prepara l’evento, in Accademia non si parla d’altro. Il giorno è arrivato, e ancor prima del trillo della sveglia, Bea inizia a stiracchiarsi nel suo letto come una gatta, scivola fuori dalle coperte senza fare rumore e si avvia verso la libreria della sala, da cui estrae un vecchio tomo rilegato in pelle nera, ricco di elaborati ghirigori dorati: li percorre con le dita delicate, prima di portare il libro davanti al viso per inspirarne l’inebriante profumo di lignina che solo i vecchi libri possiedono. Si avvia verso la cucina, e immersa nel silenzio inizia a preparare il caffè: l’aroma della bruna polvere arriva a pizzicarle le narici.

L’olfatto, si sa, stimola i ricordi, e in quel momento di pace mattutina la sua mente come una macchina del tempo la riporta a ben vent’anni prima.

Aveva 21 anni, un viso pulito e due occhi marroni languidi e leggermente all’ingiù, lunghi capelli castani che ricadendo sulle spalle formavano onde brillanti e piene di sfaccettature, un fisico minuto e ben proporzionato, fresco e ricco di quella giovanile sensualità quasi inconsapevole.

Le lezioni di Letteratura che quell’anno accademico ebbe in sorte di frequentare si svolgevano al mattino presto, e la giovane studentessa avvertì nettamente una sensazione di fastidio mentre prendeva posto, ancora assonnata, fra i primi banchi dell’aula in cui si svolgevano le lezioni. Quale sottile perfidia celava la decisione di programmare un corso a quell’ora?

Era una sua abitudine presentarsi sempre un po’ prima dell’orario d’inizio per riuscire a prender posto nelle prime file, più avanti possibile, la sua postazione preferita era proprio quella al centro della prima fila, per poter sentire e vedere meglio di chiunque e poter quindi assimilare ogni parola, ogni alito di conoscenza provenisse dal docente.

Il corso monografico quell’anno verteva sulle Malebolge dell’Inferno dantesco, e non era propriamente un argomento che trovava eccitante, data l’esperienza su Dante avuta al liceo con un professore che leggeva Dante come fosse l’elenco del telefono, e più noioso non avrebbe potuto essere neppure mettendosi d’impegno. Ancora non sapeva che quel fastidio per l’alzataccia avrebbe lasciato il posto ad una assai diversa sensazione per tutta la durata dell’anno accademico.

Quando il docente entrò in aula, neppure si prese la briga di presentarsi o salutare gli astanti: con gli occhi affondati sul libro che teneva aperto con una sola mano, iniziò a leggere:

Luogo è in inferno detto Malebolge,
tutto di pietra di color ferrigno,
come la cerchia che dintorno il volge.

Nel dritto mezzo del campo maligno
vaneggia un pozzo assai largo e profondo,
di cui suo loco dicerò l'ordigno.

La sua voce echeggiava maestosa e profonda nell’aula improvvisamente silenziosa.
L’incipit da consumato teatrante aveva avuto il suo effetto. Ormai erano già tutti catturati.

Alto, longilineo, indossava un completo Principe di Galles grigio, come grigio argento erano i suoi capelli che ricadevano folti con onde eleganti sulla sua fronte. Avrà avuto 48, forse 50 anni.

Proprio davanti a lei, ritto e solenne con ancora il braccio teso davanti a sé, i suoi occhi acuti scrutarono con un solo sguardo tutta l’aula, infine incontrando i suoi, e lei avvertii una scarica elettrica pervaderle tutto il corpo, dalla nuca fino al fulcro della sua intimità.

Chiuse il libro, sorrise all’aula e infine si presentò, raccontando con enfasi del viaggio che avrebbero fatto insieme a Dante e alla sua guida Virgilio attraverso le bolge dell’Inferno.

Il suo sorriso gli illuminò il volto e Bea pensò che quell’uomo avrebbe potuto trascinarla all’inferno con sé e lei avrebbe corso nuda sferzata dai demoni solo per riuscire a sedurlo.

Il gorgoglìo del caffè risveglia Bea dall’ondata di ricordi, rapidamente estrae dalla credenza due tazzine e le posa sui loro piattini sopra il vassoio, insieme alla piccola zuccheriera dai bordi dorati, qualche biscotto, e infine il vecchio libro, e si avvia verso la camera da letto.

Nella penombra due occhi luminosi la scrutano, e ancor prima che possa dire “buongiorno” la voce profonda di suo marito la avvolge:

Mostrasi sì piacente a chi la mira
che dà per li occhi una dolcezza al core,
che 'ntender no la può chi no la prova

“Buongiorno a te, Professore”

“Buon anniversario, amore”.

Questo racconto di è stato letto 3 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


masturbamila sorellina della mia ragazzaracconti hard incestieroticestorie erotiche videoracconti erotici dal dottoreracconti a 69racconti erotici d'autoreracconti porno i generistorie eroticestorie vere di sessoavventure eroticheracconti erotici madre e figliostorie di e per adultiracconti erotici romanticiracconti erotici storie verepiedi femminili raccontiraccinti pornostorie etotichestorie porno videoracconti amatoriali eroticiracconti erotici ingravidataracconti erotici safficiporno racconti hardracconto scambio di coppiaho rotto il culo a mia suoceraraccontizoofiliaacconti pornostorie eroticracconti pprnomoglie inculata raccontiracconto moglie troiageneri racconti eroticicornuto umiliatoracconti pirnoracconti erotici cuckoldavventure maturei racconti di miluracconti erotici con sorellaeroticiracconti.itracconti erotici in autoerotici racconti 69racconti feticismoracconti erotici estremiracconti guzzonstoriw pornoracconti erotici mracconti erotici con il caneporno storie vereracconti incesto ziaraccont eroticierotciraccontiracconti eroticissimiracconti erotici con suoceraracconti veri tradimentimogli troie in spiaggiaracconti erotici di mogli troieracconti erotico incestoracconti porno mammestorie di mogli che tradisconoeroticiracconteracconti eroticistorie con donne maturerqcconti pornostorie di sesso incestimoglie scopa al cinemaracconto xxxerotciraccontibello sticchioracconti erotici incestoracconti sexsitrav raccontiracconnti eroticizia porcellonadonne che scopano con i caniracconti scambio di coppiaracconti erotinculata dal suo canestorie di sesso realmente accadutestorie sissyracconti erotici mogli infedeliracconti figaraccontie rotici