Holly e Mark

Scritto da , il 2020-03-26, genere incesti

Era sempre stato un bullo, anzi uno stronzo se vogliamo essere sinceri, era di qualche anno più grande di me e si era sempre comportato male con tutti, faceva scherzi pesanti, rispondeva male ai professori, ed era un poco di buono.
Il padre era un farabutto, piccolo delinquente, sempre dentro e fuori dal carcere, la mamma era una dell’est, una troia sicuramente, che lo aveva lasciato per tornarsene in uno di quei paesi slavi o da qualunque altro posto fosse venuta, morale, il ragazzo era stato cresciuto dagli anziani vicini di casa, che non avendo figli loro, per pietà lo accolsero in casa.
Di sicuro non avevano fatto un buon lavoro con lui, che, alla soglia dei vent’anni era già un mezzo delinquente, io lo odiavo, lo vedevo per quello che era, e non mi piaceva per niente, ma dovevo essere l’unico a vederlo così, poiché tutti gli altri lo adoravano, a cominciare da mia sorella maggiore che se ne era innamorata perdutamente all’ultimo anno di liceo, stavano insieme da qualche mese, ed avevo il sospetto che lui si fosse fidanzato con lei solo per fare dispetto a me.
Mi presento, sono Riccardo, prossimo alla maggiore età e capitano della squadra di calcio del mio paese qui nel Sud Italia, anzi, uno dei due capitani delle squadre del paese, perché il capitano dell’altra squadra era lui, quel pezzo di merda di Marco, detto Mark, per la somiglianza con Mark Lenders, il giocatore dei cartoni animati, la sua squadra era la blasonata del paese, e la mia la cenerentola, sapete come vanno queste cose nei piccoli club e nelle piccole cittadine, le tifoserie sono nettamente divise in due, e il tifo è anche più violento che nelle squadre di serie A, i presidenti dei club sono i proprietari del supermarket del paese, o della fabbrichetta in provincia, tipi ignoranti e pure volgari che pagano ingaggi da fame e stampano il nome della loro ditta sulle magliette, nel nostro paese si vociferava che il presidente della squadra di Mark tenesse le corna, e il fatto che spesso e volentieri Mark fosse stato avvistato assieme alla presidentessa, di certo non aiutava a sminuire le chiacchiere, mah, cose che succedono quando un uomo di settan’anni si prende in moglie una donna trofeo di oltre trent’anni più giovane, il fatto è che Marco era un bel ragazzo, molti per offenderlo lo chiamavano “lo zingaro”, ma lui era orgoglioso di quel nomignolo, e bello era bello, alto, muscoloso e ben piazzato, con la pelle olivastra, il mascellone squadrato, gli occhi verdi, ed il cazzo asinino, sì, aveva un bel pisellone lo stronzo, se ne vantava e ne faceva sfoggio e menzione in ogni occasione, non so su quale sito avesse preso le misure del Rocco nazionale, ma lui si vantava di essere sia più lungo che più largo, e sotto le docce, e negli spogliatoi dei vari campetti impolverati e degradati, dove noi giocavamo, avevo avuto l’occasione di vederglielo spesso, anzi era impossibile non vederlo perché lui faceva di tutto per farsi notare, era sempre al centro dell’attenzione, sempre pronto allo scherzo, mentre facevi la doccia, si avvicinava e ti strusciava quel cazzone tra le chiappe, o lo infilava nelle orecchie di chi, distratto si stava cambiando sulle panche degli spogliatoi, nessuno gli diceva niente, i suoi compagni lo adoravano, e gli altri non avrebbero mai tentato una reazione, era l’idolo di almeno metà del paese, conosceva tutti e tutti conoscevano lui…
Almeno finché… finché non sono arrivato io a guastargli la festa.
Si perché da quando avevo quindici anni ed avevo cominciato a giocare nell’altra squadra, quella dei cenerentoli per intenderci, le cose si erano messe diversamente, in campionato, nelle amichevoli, in trasferta, in casa, iniziammo a fargli il culo a quegli stronzi, e, visto che il mio allenatore era uno sfigato l’avevo creato io un bel team, in due anni non solo risalimmo di categoria, ma quell’anno, l’anno del mio diciottesimo compleanno, se le cose fossero andate bene ci saremmo giocati la promozione nella categoria superiore, ed io davo il massimo, anche solo per fare dispetto a Mark ed a mio padre, si, mio padre, perché vedete, l’allenatore della squadra di Mark era mio padre, che anni prima, un po' perché non credeva nel mio talento, un po' per non far vedere al paese che metteva suo figlio in squadra, non mi volle con sé e mi spedì nell’altra squadra, quella perdente per intenderci.
Beh, vaffanculo a tutti e due! Col tempo ero diventato una forza, ero talmente bravo e la competizione in paese era talmente forte che venni soprannominato Holly, come il protagonista della serie giapponese. Procacciatori di talenti si erano già interessati a me, e se avessi vinto la promozione alla categoria superiore sicuro mi sarebbe arrivata una buona offerta da qualche team importante del Nord.
Quando mio padre cercò di riprendermi in squadra lo mandai a cagare, inoltre, mai il mio presidente mi avrebbe lasciato andare, e poi il legame che avevano creato Mark e papà mi infastidiva, certo lui era il suo miglior giocatore, l’attaccante migliore, il suo bomber, ma i loro modi mi innervosivano, erano complici, amiconi, il rapporto padre-figlio che papà avrebbe dovuto avere con me, ce l’aveva con Marco, e poi, come se non bastasse, ci fu il fidanzamento tra Leandra, detta Lea, mia sorella maggiore di due anni e quello stronzo, un vero colpo allo stomaco, già non lo sopportavo quelle volte che veniva a casa con papà, ora dovevo sorbirmelo quasi tutti i giorni, ed ovviamente la mia famiglia lo adorava, mia sorella non capiva che quello era uno stronzo che si fotteva almeno altre dieci donne in paese, oltre che la moglie del suo presidente, e ne era innamorata persa, eppure era una ragazza in gamba, ballerina classica, con un culo da paura, e due cosce che quando ballava faceva incantare la gente, molte volte quando in casa girava con il suo body rosa, o con i leggins, dovevo girare lo sguardo per evitare di fantasticare sulle sue forme perfette ed aggraziate, era molto magra e le tette in pratica, non le aveva, aveva due piccoli boccioli, ma per me erano fantastiche, ovviamente mai come quelle di mamma, che, a quarantacinque anni, era nel meglio della sua sessualità, aveva un seno prosperoso e sodo, che guardavo con malizia in estate, un culo che faceva girare i maschietti anche della mia età e soprattutto una faccia da troione di provincia che manco i migliori porno di internet potevano mostrare, d’altronde anche papà, oramai sui cinquanta, non era male, ex calciatore professionista era arrivato alla serie B e ne era orgoglioso, tuttavia non aveva mai raggiunto il top ed il vero benessere dei calciatori più titolati, ed era finito col fare l’allenatore nelle scuole calcio, e poi quello delle squadre di provincia, erano tutti tipi normali, persone regolari, almeno finché non avevano a che fare con Mark, in quel caso diventavano tutti deficienti, ogni volta che lo vedevano gli facevano le fusa, baci e abbracci a profusione, lui e papà ci davano sotto di birra davanti alla tivvù, commentando le partite della domenica, Lea gli si strusciava addosso senza pudore, e mia madre Annamaria si metteva sempre in cerimonia, e cucinava tutto quello che a lui piaceva, amavo la mia famiglia, ma quando c’era Marco diventavano tutti scemi, e lui da gran figlio di puttana qual’era se ne approfittava, non avendo una macchina sua si prendeva quella di mio padre, si faceva regalare i soldi e spesso si presentava a casa di sera tardi con i suoi amici e mamma gli doveva cucinare, e trattava mia sorella da schifo, manco gli diceva dove andava, e se lei tentava una reazione si incazzava pure, spesso davanti a noi la prenderla in giro per le sue tettine piccole, le tirava i capezzoli, fino a farla urlare, e faceva in continuazione battute sul suo cazzo, raccontando aneddoti su chi si era scopato in giro, il fatto è che, e devo ammetterlo, che lo stronzo ci sapeva fare, metteva le cose sempre dal punto di vista dello scherzo, così se qualcuno si innervosiva lui diceva che era solo uno scherzo, io non lo reggevo proprio, quando lui entrava in casa io uscivo, quando mangiava a tavola, io me ne salivo in cameretta, e neanche lì stavo tranquillo, avendo la stanza accanto a quella di mia sorella sentivo tutte le sue peripezie sessuali, e le sentivano di sicuro anche mamma e papà in fondo al corridoio, non era amore, era una sorta di violenza carnale, i colpi che infliggeva a mia sorella facevano sbattere il letto contro la parete, si sentivano le sculacciate, i mugolii ed i gemiti di soffocamento quando il cazzo è ben conficcato in gola, evidentemente però a mia sorella non dispiaceva, la sentivo fremere ed agitarsi, i suoi sospiri erano evidenti, ed i suoi gridolini preannunciavano orgasmi sconquassanti, quando usciva dalla stanza la poverina non si reggeva in piedi, e si teneva una mano sul culo andando in bagno, varie volte mi ero affacciato in corridoio per vedere se stesse bene, accorgendomi che aveva spesso, ancora il sorriso dell’orgasmo stampato sulla faccia, una volta, in piena notte uscì anche lui, completamente nudo, col cazzone penzoloni tra le cosce grondante sperma, lo vidi aprendo un angolo della porta della mia camera, non aveva un minimo di creanza, incontrò mia madre nel corridoio che gli disse ridendo: “Ragazzo mio copriti che sei pericoloso con quell’arnese”
E lui: “E che devo fare se sua figlia mi lascia insoddisfatto” poi afferrandosi l’uccello e puntandolo verso mia madre “questo qui ha bisogno di donne vere per essere felice, non di ragazzette”.
La cosa grave fu che mia madre si mise a ridere come una cretina, facendogli pure i complimenti per la dotazione, e quando lui mi vide esclamò: “Hei Ric, non fare il timido, c’è ne anche per te se vuoi, così stasera faccio felice tutta la famiglia!”.
Gli sbattei la porta in faccia, attizzando le orecchie per sentire cosa dicesse, e lui rivolto a mia madre. “lo vede signora Annamaria, suo figlio mi odia, io scherzo e lui si incazza!”
Era sempre nudo e se ne stava in mezzo al corridoio col cazzo in mano e secondo voi, mica mia madre gli disse di andare affanculo, no, quando mai, diede pure la colpa a me dicendo: “Vabbeh dai è l’età, e poi Ric, ha sempre avuto un carattere chiuso, dovresti portarlo un po' in giro con te, così si sveglia”
Ero nero dalla rabbia, si, un po’ era vero, avevo in pratica diciotto anni ed ero ancora vergine, storielle ed esperienze ne avevo avute in paese, ma nulla si era concretizzato nella classica scopata, e comunque nulla di paragonabile a quello che combinava lui in giro, ma figuriamoci se avevo bisogno di quello stronzo per svegliarmi, ero un tipo più serio, e cercavo una ragazza da amare, invece che di una troia da sbattere, infatti una ragazzina che mi piaceva sul serio c’era, ed era Flavia, di poco più piccola di me, era la sorellina della migliore amica di mia sorella, ed era un angelo, tutto il contrario dell’amica di mia sorella che invece era una zoccola, si chiamava Giuditta, Giudy per gli amici, e si era scopata mezzo paese, il sospetto che qualche bocchino lo avesse fatto anche a Marco era reale, lo avevo anche detto a mia sorella, che ovviamente non mi aveva dato minimamente ascolto. Sentii qualche altra parola di quello stronzo nel corridoio, finché finalmente intervenne anche quell’addormentato di mio padre: “Marco, cazzo fai con l’uccello al vento, copriti!”
E lui: “Eh Mister, ma il bagno è occupato, e poi che ne so, che ve ne andate in giro di notte nei corridoi in questa casa, non ci posso fare niente sto qui e aspetto”
E si mise con le braccia conserte appoggiato al muro con una gamba.
Mio padre bofonchiò qualche cosa, e lui ribatté immediatamente: “E poi mica sua moglie si scandalizza, è abituata a buoni calibri, anche lei mister è ben dotato sa? È vero signora? Anche suo marito se la cava bene! Sa, dopo le partite, sotto le docce non ci sono segreti” e si mise a ridere come un imbecille
Poi continuò: “anche lo scontruosetto di suo figlio si difende bene, solo che col carattere che ha non so se riuscirà mai ad usarlo!” e giù altre risate, mio padre tolse la mamma dall’imbarazzo tirandola in camera per il braccio, e lui ne approfittò per entrare nella mia, non avrei mai immaginato che si permettesse così tanto, entrò nudo come se niente fosse, poi con quello sguardo da figlio di puttana mi disse: “guarda che non scherzavo stronzetto, se vuoi c’è ne anche per te, tutti questi anni a fare il campioncino di calcio ti hanno fatto venire su un culetto meglio di quella troia di tua sorella!”
Replicai all’istante: “Vaffanculo stronzo, esci immediatamente dalla mia stanza, qui l’unico che ha capito che razza di merda sei sono io, tra due settimane ci sarà l’ultima partita tra la mia squadra e la tua, ci saranno anche i talent scout della serie A, e tutto il paese starà a guardare, faresti meglio ad allenarti seriamente ed a fare poco il cretino perché se vinco, sarò io a farti il culo!”
“Si, ok, ok, vedremo, nel frattempo ritorno di la a scoparmi tua sorella, è andata in bagno a pulirsi la bocca dallo sperma che lo spruzzato in gola, anzi adesso che torna le sborro in culo, ahahahahahah, penserò a te mentre glielo sfondo ahahah”
Ridendo si allontanò dalla porta senza neanche chiuderla, promisi a me stesso che mi sarei vendicato.
Tuttavia vederlo nudo, sudato e con il cazzo ancora gonfio per la scopata mi aveva turbato, ancora una volta dovetti convenire con me stesso sul fatto che quel bastardo fosse proprio un bel ragazzo, mi misi la mano nei pantaloni per confrontare il mio pisello col suo, non c’erano paragoni, e dire che, col metro in mano ed in piena erezione avevo misurato quasi venti centimetri, e poi, il fatto che papà fosse di poco più grande del mio mi rassicurava sul futuro, dopotutto dovevo ancora crescere, mi misi sul letto e su questi pensieri mi masturbai, per un attimo la scena di Mark che sfondava il culo di mia sorella mi eccitò, ed ancora di più mi eccitai pensando a mia madre, che quella sera mai aveva distolto lo sguardo dal suo cazzo, facendosi portare via di peso dal marito, mi sborrai addosso, pensando quando fossero puttane le donne, in certe occasioni.
Qualche giorno dopo ricevemmo a casa un pacco, era per mia sorella, conteneva un completino intimo rosso, manette, un frustino ed una mascherina, non riuscii a vedere altro, il bastardo lo aveva regalato a Lea, in occasione di un mesiversario, l’imbarazzo era notevole, e mia sorella richiuse e riportò tutto in camera sua, mamma e papà avevano i volti arrossati, io mi lanciai nelle solite invettive contro di lui.
Finché la sera, venne a cena a da noi, aveva portato tre bottiglie di vino, e, me escluso, se le scolarono tutte, ad un certo punto, quando l’allegria iniziò a prenderli, Mark mise in mezzo l’argomento: “avete visto che bel regalo ho fatto a Leandra?”
L’imbarazzo dei miei genitori era evidente, ed io già stavo per lasciare la tavola
“Ma no, no, è tutta roba sexy” disse lui “presa dal marchio ufficiale di cinquanta sfumature, mi ha detto quello del negozio che vanno a ruba cose come le manette, le mascherine ed i frustini, anzi Lea, devi indossarlo subito, guardate che non c’è niente di volgare, anche io ho preso un completino, si indossano anche in coppia, alla fine è come un costume da bagno, vieni tesoro saliamo, dobbiamo assolutamente fargli vedere”
Mia sorella era titubante, ma lui in pratica la portò sopra in camera di peso, salendo in un baleno le scale che dal salone portavano alle stanze, io non dissi nulla, il mio programma era di uscire con gli amici in piazzetta evitandomi le scenate di quell’idiota, mamma e papà come al solito non riuscivano a contenere l’esuberanza di Marco, stavo per aprire la porta per andare fuori quando li vidi scendere dalle scale e… Assurdo…
Lui aveva un pantalone di pelle o latex aderente, aperto dietro, che gli lasciava scoperto il culo con una specie di perizoma, e stava a petto nudo, con delle cinghie di pelle che gli passavano sulle spalle e teneva in mano il guinzaglio che terminava al collo di mia sorella con un collare con la scritta “BITCH”, lei imbarazzatissima ma, incapace di contraddirlo, indossava quella vestaglietta trasparente in pizzo rosso, un tanga tipo brasiliano che a stento copriva qualcosa, e un reggicalze a rete, con tacchi a spillo di vernice rossa, la mascherina, ed in mano il frustino, ed era bellissima, cioè era una scena patetica, manco nei filmini erotici anni settanta si sarebbe mai vista una cosa del genere, eppure la cosa attirò subito la mia attenzione, il pizzo era praticamente fatto apposta per mostrare invece che coprire, e le tettine di mia sorella erano perfettamente visibili, con dei capezzolini rosa splendidi, che puntavano dritti e duri verso il leggero pizzo che li copriva, mia madre e mio padre erano come inebetiti dalla scena, lui accese lo stereo del salone ed abbassò le luci, se avessi potuto gli avrei tirato la bottiglia di vino appresso, lui tutto contento invece si lanciò nella descrizione dell’outfit, di dove l’avesse preso, della qualità della enorme quantità di gente che acquistava quella roba, poi prendendo il frustino disse:”questo è quello originale dei cavalli, si usa in equitazione, o quando qualcuno si comporta male, ed io devo dire che Lea, la vostra bella figliola non si è comportata bene, proprio così, non ci crederete, ma prima l’ho vista parlare con il capitano dell’altra squadra, per caso non avrai spifferato le nostre tattiche eh?... ti devo proprio punire” e spaff, le tirò una frustata bella forte sul culo scoperto, visto che quella specie di mutandina non copriva niente.
Ovviamente il capitano dell’altra squadra ero io, e mia sorella dopo un forte “ahi!”, rispose:”è ovvio che ci ho parlato è mio fratello! Che dovrei fare, togliergli il saluto, viviamo sotto lo stesso tetto!”
“ah, osi anche controbattere, brutta monella, allora ci devo andare pesante con te!” E spaff, spaff. Altre due frustate sul culo. Lui rideva come un matto, ma, mia sorella si contraeva dal dolore perché le scudisciate erano forti, e schioccavano nella cucina, allora intervenne mio padre:”Marco ma sei impazzito, così le fai male!”
“Ma no mister”, disse lui ridendo “è tutto uno scherzo, un gioco, mica si fa male per davvero, è solo per ridere guardi qui, e tirò una frustatina sul culo di mio padre, che come al solito indossava la tuta anche in casa, non gli fece nulla e mio padre la prese a ridere, ed anche mia madre si rassicurò, a me invece pareva che il culo di mia sorella fosse rosso, altro che per ridere, a lei aveva riservato dei colpi molto forti, ma Mark continuò: “e poi se le merita le frustate forse è per questo che perdiamo le partite, abbiamo una talpa in casa, anzi mister, un paio di colpi li deve dare così la figlioletta impara che non si fa la spia”
“Figuriamoci, mia sorella che mi passa informazioni, ma chi vi caga” cercai di intervenire io.
“Sicuro qualcosa ti è stato trasmesso” disse Marco stoppando il mio tentativo di porre fine a quella scena ridicola
“Su Mister, con decisione, tanto è solo per ridere” mio padre imbarazzato e su pressione di Marco prese il frustino, ovviamente non caricò il colpo, dando solo un leggero buffetto sul culetto della figlia, naturalmente Mark, il bastardo, lo incoraggiò a fare di meglio, “eh no Mister, così non serve a niente, la ragazzina deve sentirlo il colpo altrimenti è inutile” disse mentre prese la mano di papà guidandola verso le natiche di Lea, e spaff, un bel colpo di frustino che fece sobbalzare la figlioletta.
“Oh scusa piccola, ti ho fatto male?” chiese papà
Marco non gli diede neanche il tempo di rispondere: “ma che male e male, su dai ancora, questa volta forte e deciso mi raccomando” papà cercò di non incrociare gli occhi di mia madre, né tantomeno i miei che assistevo alla scena indignato, spaff, spaff, spaff furono i colpi, seguiti da altrettanti gemiti di mia sorella, marco continuò “ecco Mister, bene così, ma bisogna distribuire bene il carico, su anche sull’altra chiappa” stavolta papà non se lo fece ripetere, e diede dei bei colpi anche sull’altra chiappetta.
Marco era al settimo cielo, con gli occhi pieni di lussuria ed una mezza erezione in quel suo coso di pelle “si Mister così, il culetto deve diventare bello rosso!”.
Guardai mia mamma con disapprovazione, lei capì ed intervenne: “Vabbeh adesso basta però!”
Sembrava che Mark avesse la risposta pronta: “Basta, che Basta, guardi che ce n’è anche per lei, lei è la mamma del nemico! Su mister è arrivato il momento di vendicarsi!”
“Ma te sei scemo, ma che ti salta in mente!” disse mamma lamentandosi
“Suvvia signora deve provare, è proprio un bello scherzo, si alzi e non faccia la guastafeste come suo figlio che se ne sta lì senza neanche un sorriso, si cretinetti, dico a te, mamma mia come sei antipatico, ma uno per coinvolgerti in qualcosa che deve fare!” disse mentre prendeva mamma di peso dalla sedia facendola piegare a novanta gradi con i gomiti sulla tavola, guardi è tutto un ridere, le faccio vedere, prese il frustino da papà e diede una scudisciata sul culo di madre, come se niente fosse, ma dovette essere dolce, perché mamma si mise a ridere.
“Ha visto, che le dicevo!” disse lui dando altri impercettibili colpetti
Mamma ovviamente cadde nella sua trappola: “Ehhh ma se fai così è ovvio che non sento niente!”
“Allora lo vede che le piace, ci vado giù più pesante”, e diede un colpo che ancora non era forte abbastanza da farsi sentire
Mamma se la rise che ancora una volta non aveva sentito niente, e fu allora che arrivò una bella frustata seria, spaff… “ahia!” disse lei, inarcandosi e mantenendosi il culo con le mani “questa l’ho sentita bene!
E lui malefico: Ah, adesso non si lamenti, non vorrà mica essere da meno di sua figlia, e spaff, spaff, spaff diede una serie di colpi ben assestati che mammina dovette mantenersi alla tavola.
Intervenni io “la finiamo con questa pagliacciata!!”
“Si, hai ragione cretinetti” disse lui, questo è un lavoro che spetta al marito, Mister venga qui e faccia il suo dovere con la signora, che una moglie va educata per bene, in tutto questo, a lui gli montava l’eccitazione, ed a me il nervosismo.
Ma papà gli diede man forte: “E’ vero però, una volta tanto che posso usare un frustino ne approfitto!” le risate dei due echeggiavano nella stanza, e papà diede un paio di belle frustate sul culo di mamma che a quel punto si ribellò.
“Oh ma siete impazziti!” ma sembrava che Mark avesse previsto anche questo e si lanciò in mille scuse: “ha ragione signora Annamaria, se perdiamo le partite forse è solo colpa nostra, la punizione la meritiamo noi!”
Tolse il frustino dalle mani di mio padre e lo costrinse a mettersi a pecorina mantenendosi sul tavolo della cucina, poi si piegò in avanti anche lui ed incitò le donne affinché gli riservassero lo stesso trattamento, ovviamente la risposta di mamma e Lea non si fece attendere, …spaff, spaff, spaff, le stesse frustate ora le ricevevano loro, all’inizio anche i maschi ridendo, poi mano a mano contorcendosi e mordendosi le labbra per le fitte di dolore ”Ohhh signore, non ci andate truppo duro, così ci rompete i culetti” diceva Marco, ma alle ragazze il gioco piaceva, “Ora te lo faccio rosso io questo culetto” diceva mia madre a Marco, “così impari a fare certi giochetti” anche mia sorella diede dei bei colpi a mio padre, e mi invitò a fare altrettanto contro Marco, incitandomi alla vendetta.
Non avevo nessuna intenzione di dare corda a quello stronzo, tutta la scena mi sembrava già pianificata nella mente di quello stronzo, evidentemente voleva che le cose andassero a quel modo, ed io mi sembravo l’unico ad averlo capito, scossi la testa e mi alzai da tavola, tra l’altro avevo detto agli amici che ci saremo visti in paese, quindi feci per allontanarmi, ma lui mi fermò: “che fai vai via, lo dicevo che eri un incapace non riusciresti manco a passare la sfida del palloncino!”
Mio padre chiese cosa fosse, e lui tirando da quel suo pantalone dei palloncini spiegò mentre li gonfiava: “si tratta di provare il gioco di anche, chi fa più punti vince!”
Mi fermai sotto l’uscio della porta chiedendomi cosa avesse ancora in mente…
Lo Stronzo, oramai lo chiamavo solo così, gonfiò il palloncino poi prese mia madre, la fece nuovamente piegare a pecora, mantenendosi con i gomiti sul tavolo, poi prese il palloncino e glielo mise dietro al culo, e fece avvicinare mio padre con il pacco, facendo pressione, così il palloncino si trovò schiacciato tra i due, e lui spiegò: “la sfida consiste nel fare scoppiare il palloncino schiacciandolo con i colpi pelvici, la coppia che fa più punti vince, la coppia che perde punti paga pegno” gonfiò il suo palloncino e lo mise tra lui e mia sorella, poi diede il via…
“Forza, forza, forza, spingere, spingere, spingere, il gioco, degno di un villaggio vacanze degli anni ’80, consisteva nel simulare la scopata alla pecorina, cercando ovviamente di rompere la palla, chiaramente Marco, più abituato a trivialità del genere, fece scoppiare quasi subito il suo palloncino.
“Olè, un punto per noi ed una penalità per voi” e prese non so da dove una molletta per i panni, da dove cazzo li tirava fuori certi oggetti, prima i palloncini, poi le mollette, ma se aveva uno di quei pantaloni aderenti tipo latex dove aveva lo spazio, nelle mutande?
La cosa ovviamente mi incuriosì e dovetti tornare sui miei passi, mi affacciai, alla porta della cucina per vedere quali altre volgarità avesse in mente, ed infatti…
“Mister via la maglietta, è ora di pagare pegno” disse lui mentre in pratica costringeva papà a stare col villoso petto di fuori, si inumidì il pollice a l’indice portandoseli alla bocca ed inumidendoli di saliva, e poi andò a tirare leggermente l’areola di papà e… zac! Gli chiuse la molletta sul capezzolo, papà ebbe un sussulto.
“Cazzo fa male!” disse il pover’uomo
“Suvvia Mister un po' di resistenza, e la prossima volta ci metta più impegno, signora Annamaria, glielo dica anche lei!”
Mamma sorrise, un po' imbarazzata, ma prima che potesse aggiungere qualcosa Marco gridò: “ Secondo Round” e le due coppie si misero a pompare come cani in calore, “pompa pompa” incitava mamma, ma non ci fu niente da fare… Spoppete! Ed anche il secondo palloncino lo ruppero Mark e Lea, “Penalità, penalità disse Marco ed applicò la seconda molletta al capezzolo di povero papà, che sobbalzò di nuovo imprecando e facendola saltare, Marco, stavolta indugiò nel mettere la molletta, carezzando per qualche secondo con le dita umide di saliva sul petto del suo allenatore, poi disse.” Questo capezzolo è un po' timido” si avvicinò con la bocca e tirata fuori la lingua glielo inumidì, non ero sicuro di aver visto bene, e quindi mi avvicinai alla cucina rinunciando ad uscire, per capire cosa cazzo stesse succedendo.
Via al round tre, e manco a dirlo scoppiò il terzo palloncino a favore dei fidanzatini, “ora a pagare pegno deve essere lei signora Annamaria” disse lui avvicinandosi con la molletta al seno di mamma, che ovviamente protestò ma Marco fu inamovibile, dopo aver giocato un po' col seno di mamma sotto lo sguardo attonito di tutti aggiunse, “Anzi, ringrazi che ha il reggiseno ed il vestitino, secondo le regole dovrebbe stare a petto nudo, invece sono costretto ad appuntargliela sulla stoffa questa molletta e poi dovrebbe prendersela con suo marito che non sa spingere bene… Mister allora, che si fa!” disse con tono canzonatorio, alchè io, rotto le palle da questi giochetti, intervenni per fermare il tutto, vedere mia madre trattata come una cagna e mio padre umiliato mi stava facendo andare su tutte le furie, ma Marco mi afferrò per il braccio e disse; “Tu hai deciso di fare l’antipatico e di non partecipare, ma non te ne eri andato? o stai qui e giochi o è meglio che vai dai tuoi amichetti”, cercò di tirami un capezzolo ma riuscii a divincolarmi e lui tornando verso mio padre, “guardi Mister le faccio vedere come si fa, sembra che sia l’uomo a spingere, ma in realtà è un gioco di squadra, anche la donna deve fare la sua parte”, gonfiò un altro palloncino e lo mise tra le chiappe di mamma, “Signora Annamaria, facciamogli vedere come deve fare un vero uomo per rompere una donna… cioè il palloncino”, disse ridendo sguaiatamente, mamma, era rossa in viso, e sembrava non voler partecipare ma lui la tirò a se. “Vedete, anche la donna deve spingersi all’indietro così il palloncino non ha scampo, il movimento deve essere fatto all’unisono, ecco, così, brava signora, spinga le cosce verso di me, che lo distruggiamo questo palloncino, così, così” diceva il porco facendo scorrere le mani sui fianchi di mamma, “Su, spinga il bacino verso di me, si faccia afferrare per i fianchi, brava, mammina, brava!” e Spoppete! Il palloncino esplose, Marco però con la scusa di ulteriori spiegazioni, se ne rimase incollato al culo di mamma, con tutto il pacco, che ora stava prendendo ancora più vigore, può stare anche meno piegata in avanti disse facendola alzare un po’ aderendo anche con la schiena, oppure se le è più comodo stare bene bene piegata in avanti così da farsi afferrare per le spalle, le sue mani strusciavano sui fianchi, sulla pancia e sotto il seno, fino ad arrivare ad afferrarla duramente per la nuca, sbattendola su e giù, impossibile che mamma non se ne accorgesse, e la cosa che più mi mandava in bestia, è come se lei ci stesse, o non aveva ancora capito le intenzioni di quel bastardo?
Fortunatamente la scena durò poco, io già stavo per saltargli al collo ma lui: “Allora quarto round!” e via di bacino, anche e bacino, spingere, spingere, su, su, ma non ci fu niente da fare, scoppiò prima il palloncino di Mark, mamma era sfinita, e papà accusava dolore ai capezzoli, ma lo stronzo insistette per la penalità, ancora una volta si tenne le tette di mamma in mano, stavolta andò a cercare il capezzolo, che si inturgidì attraverso la stoffa, mamma protestava debolmente ma lui disse che se neanche con le istruzioni andavano bene allora una piccola punizione ci stava, continuò a fare il pervertito finché mio padre non disse: “vabbeh dai basta, avete vinto voi!”
“Ma come Mister, a noi dice sempre di non mollare e lei neanche un punto vuole fare stasera, guardi per forza dobbiamo provarci ancora”, gonfiò l’ennesimo palloncino, ma stavolta lo mise tra le cosce di mia sorella, “Venga qui che le mostro io”, mio padre era evidentemente imbarazzato con i capezzoli stritolati nelle mollette per i panni ed il pacco quasi a contatto con il culo di sua figlia, “Guardi le faccio vedere bene, Lea sa già come muoversi, vero Lea? Fai vedere a mamma e papà come fare, come si deve muovere bene il culo, che io mostro a papà come muovere le pelvi”
Si mise dietro mio padre, che era parecchio in impacciato con il culetto della figlia che gli si mostrava nudo sotto i suoi occhi, Marco ebbe l’ardire si appoggiarsi con il pacco sul culo di papà poi gli accompagnò le mani sulle cosce della figlia, che sotto ordine perentorio di Marco si piegò in avanti come una cagna in calore, la situazione era delicata, evidentemente anche quello stronzo di Marco se ne rese conto, perché il suo respiro divenne affannoso, ed il tono di voce divenne calmo e solenne: “Così, guardi Mister, con calma, come fa con noi calciatori, le mostro io, si faccia guidare, ecco così, le mani, bene bene sui glutei, si deve artigliare, i piedi così, con i talloni alzati, impuntati a terra e poi ecco una bella spinta, siii profonda, una stoccata, dai Lea, avvicina quel culetto a noi, vieni dai, spingilo verso di noi, avanti, avanti, AVANTI CAZZO! Siii così, lo vedi che ce la fai, lo vedi? Andarono avanti per qualche secondo, Marco aveva le mani su quelle di papà, e gliele teneva ferme sul culo della figlia, mio padre che simulava una scopata dietro la sua bambina e lui che in pratica aderiva al corpo del suo allenatore, “Deve tirarla, per il culo, per le cosce, si lasci guidare ecco metta le mani meglio, si qui, verso l’inguine, le afferri bene l’interno delle gambe” una scena assurda, le dita di mio padre strisciavano lascive vicino alla fica di mia sorella, quasi a vellicare quel minuscolo triangolino di stoffa, guidate dalle dita di quel pervertito che le spingeva in avanti, ad osare lì dove un padre non dovrebbe mai allungare le mani, verso la fica della sua piccolina! mia mamma era atterrita, ma guardava muta senza la forza di reagire quella scena che sapeva di incesto, io avevo gli occhi iniettati di sangue, papà aveva lo sguardo perso, quasi non sapesse cose gli stesse succedendo, solo Mark, si, solo lui, era lucido, perversamente lucido, come se la cosa rispondesse perfettamente alla sua volontà, stava dietro mio padre e lo pompava come si fa con una donna, una cosa assurda! Come poteva mio padre non sentire il suo pacco tra le chiappe, il suo non era uno scherzo, aveva il cazzo duro tra i suoi glutei punto, e premeva forte senza sosta a scavare un solco tra i suoi indumenti, andando a cercare la carne di quell’uomo adulto che avrebbe potuto essere suo padre. La cosa si stava spingendo troppo oltre, non era più un gioco, ma una simulazione di amplesso che mi stava facendo veramente incazzare, mi avviai verso di loro, con l’intenzione di dargli un calcio come si fa con i cani quando restano avvinghiati durante l’amplesso….
Maaaa….SPLOPPETE!.... il palloncino esplose prima che io arrivassi a tiro, rompendo quella strana perversione che si stava consumando sotto il mio tetto.
“Olè, ole”, disse Marco, lanciando un applauso, seguito da mia sorella, riprendendosi come se nulla di grave stesse accadendo, mentre mio padre si asciugava la fronte, sorridendo rosso in volto per il risultato ottenuto.
Notai, e sicuramente lo notarono tutti, che quel bastardo aveva una piena erezione adesso, contenuta in quello stretto perizoma di latex nero, gli dava un’aria minacciosa, e sicuramente conturbante, anche io che lo odiavo, dovetti ammettere che quel bastardo era splendido, e con un cazzo così per forza riusciva a far fare alla gente quel che voleva lui, era deciso e sicuro nei suoi modi, tutto il contrario di me che ero timido e incerto fuori dal campetto di calcio
“Bene un punto per voi”, disse “ma adesso mi tocca pagare pegno, le mollette erano finite, così mio padre si tolse una delle sue e la mise a Marco, che si lamentò di avergliela messa senza neanche un po' di saliva.
“Col cazzo che ora ti lamenti, disse papà anzi ora mi tolgo pure quest’altra che mi sta uccidendo”
“Eh no! Mister ora deve mettere in pratica l’insegnamento, con sua moglie,vediamo se riusciamo a raggiungere almeno un pareggio! .. e tu scansati, ma sempre tra i coglioni stai!” disse rivolgendosi a me che lo guardai con odio, ma rimasi fermo per vedere fino a che punto si fosse spinto, e per vigilare sulla mia famiglia oramai incantata da quel serpente.
“Dai Lea”, disse lui “Diamo una mano ai tuoi, mettiti vicino alla mamma e dalle una mano a spingere, e noi Mister, come prima”
Mio padre non era molto d’accordo, ma quando lui gli si posizionò dietro fece finta di nulla, ed invece io lo vedevo cazzo, quella cosa non mi piaceva per niente, lo stronzo si aggiustò pure il pacco per farlo aderire allo spacco del culo di mio padre, mi vide che lo guardavo, e mi fece cenno di andarmene, gli feci il dito medio, ma non si curò di me, aveva ben altro a cui pensare infatti disse: “Signora Annamaria, non stia appoggiata al tavolo, abbiamo visto che non va così, piuttosto si mantenga a Lea, si Lea, mettiti davanti a mamma e tienile le braccia, così, bene, forza, e lei Mister stavolta più deciso con i colpi, lo vede questo, lo deve mettere in avanti così” e gli afferrò il cazzo, mio padre sobbalzò, non se lo aspettava, ma Mark insistette nella sua manovra posizionando il pisello barzotto in verticale, quasi facendo uscire il glande dalla mutanda, “OK! Cominciamo!” ero fuori di me dalla rabbia, com’era possibile che un uomo di cinquant’anni accordasse tanta confidenza ad un ragazzino di venti me lo avrebbero dovuto spiegare, ma dovevo ancora vedere.
Iniziarono quella strana danza, con mamma che in pratica abbracciava la figlia, sporgendo il culo all’indietro come una puttana e lui che da dietro si stringeva a mio padre, era una cosa stranissima, Marco avrebbe dovuto spingere forte come prima per rompere il palloncino, ma ora ci andava piano, si stava letteralmente godendo il culo di papà, fortunatamente con i vestiti addosso, mio padre di certo lo sentiva nettamente tra le natiche ma sembrava non accusare, anzi, sembrava che quello strusciamento gli piacesse, ma com’era possibile? Erano entrambi senza maglietta, Mark si tolse la molletta dal capezzolo e disse a papà che avrebbe dovuto rimetterla, lui era contrariato, ma il suo caposquadra lo rassicurò. “Tranquillo Mister faccio piano, ecco mi dia un po' saliva” gli passò l’indice in bocca, raccogliendo dalle labbra di papà un po' di sputo, “Si, così vede, tranquillo che gliela metto bene questa molletta” papà ebbe un nuovo sobbalzo ma lui gli carezzò la pancia fino a raggiungere il bassoventre, quasi a sfiorare l’elastico della tuta e l’erezione, erano schiacciati ora uso all’altro, i pettorali muscolosi di lui sulla schiena pelosa di papà, le loro mani una sull’altra vagavano sulle cosce e sul culo di mamma, che stimolata da quattro mani, oramai mugolava, e si stringeva la figlioletta al petto, che a stento riusciva a tenerla in piedi, guardando stralunata quella scena, ma com’era possibile tutto ciò, come mai solo io avevo capito dove la cosa stesse andando a parare, era ora di intervenire e lo feci: “Adesso basta, siete ridicoli!” sentenziai, Marco mi guardò aveva la testa appoggiata alla spalla di papà, le sue labbra sul suo collo a dargli impercettibili bacetti e lo sguardo perso, mi disse: “Ma fatti i fatti tuoi, noi stiamo giocando qui”
Stavo per alzare le mani quando anche mio padre mi rivolse la parola: ”Figliolo hai rotto i coglioni, sto cercando di pareggiare il conto, sai quanto è importante per non perdere mai una gara, fatti da parte”
Quelle parole mi riempirono di rabbia, se mi avessero dato uno schiaffo mi avrebbero fatto meno male, disperato afferrai papà per un braccio come per destarlo da quell’incanto malefico, Marco lo capì, e si svegliò dalla sua lussuria e disse:”E va bene Mister, rompiamo sto palloncino prima che questo rompa le palle, su diamoci dentro” e cominciò a spingere forte, con una mano raggiunse mio padre al collo, incastrandosi dietro di lui, con l’altra passò sotto il vestitino e afferrò per bene il culo di mia madre, scivolandogli sulle mutandine, e spinse con tutta la forza che aveva, teneva la fronte appoggiata alla nuca di papà e spingeva furiosamente la sua erezione sul culo del mio papà, che per riflesso la spingeva sul culo di mamma, “Su forza, forza, dai, dai, avanti, avanti, siiii!....” vidi mamma dare un morso sul braccio di Lea, e Marco dare un bacio dietro l’orecchio a papà e finalmente… SPOOOPPETEEE.. il palloncino esplose, ma il quartetto si trovò sbilanciato in avanti ….Ohhh… Attentiiii… eeee… SBAMMM!! Tutti e quattro si trovarono per terra, mia sorella cadde a cosce aperte, attenuando la caduta di mia madre che le cadde sulla figa, mio padre per cercare di prendere la moglie, si tirò appresso mezza tovaglia con annesse posate e bicchieri, Marco cadde con il cazzo tra di chiappe di papà che se non avesse avuto i vestiti addosso, se lo sarebbe ritrovato in culo fino alle palle, il vino colava sui quattro congiurati ed il casino in cucina era terribile, ma loro iniziarono a ridere come mentecatti;…. Loro… perché io ero incazzato nero.
Lo stronzo aveva una erezione talmente forte che l’elastico del perizoma non riusciva a tenerla a cuccia, si vedeva chiaramente lo spazio tra la pancia ed il pisello teso che faceva quasi da tenda, ma di lui sapevo che era così, porco ed esibizionista era ovvio che stesse in tiro, mi stupii invece di mio padre, dalla tuta si vedeva chiaramente stagliata la forma della sua bella verga, sapevo che papà era ben messo là sotto, ma in erezione non l’avevo mai visto, ma la cosa che mi dava maggior fastidio era il fatto che anche mia sorella ce l’avesse sotto il naso, ed invece di mettersi vergogna, quei quattro screanzati ridevano beati, come se ci fosse qualcosa da ridere. “Mister, ha ancora la molletta sul capezzolo, ecco gliela tolgo” poi si passò un po' di saliva sui polpastrelli e gli andò a massaggiare il petto, papà sospirò di gratitudine, “Si ha ragione, ci vuole un bacetto” glielo diede facendolo gemere, “Questo povero capezzolo qui è quello che ha sofferto di più”, tirò incredibilmente fuori la lingua e gli diede due pennellate da film porno omo, poi si girò verso mia madre e tolse anche a lei una molletta, dandole un bacio attraverso la stoffa, sulla tetta, che la fece arrossire ancora di più, infine si chiese dove fossero finite le altre mollette che avevano messo, poi guardò mia sorella e le disse: “Ehi, tu non hai proprio avuto nessuna molletta, rimediamo subito” tirò un capezzolino rosa di Lea fino a farla lanciare un gridolino e poi le mise la molletta per i panni sulla tenera carnina, il tutto sotto il nostro sguardo. Iniziò a toccarsi il cazzo, che ormai non poteva fare altro che saltare fuori, riuscivo a vederlo. Grosso, carico di eccitazione e nodoso come quello di un film, ed era chiaro che l’avrebbe sbandierato davanti a tutti. Ora aveva veramente passato ogni limite.
Vedevo che i miei erano in imbarazzo, e stavo per fargli il discorso più offensivo della storia, quando Marco mi anticipò: “Vi amo” disse, “Vi amo davvero tutti, non pensate male di me, è che io sono solo, una vera famiglia, io non ce l’ho, io ho solo voi, e vi adoro tutti, grazie per tutto quello che fate per me, grazie davvero, siete voi la mia famiglia, ed io vi ringrazio di avermi accettato, vi voglio bene!”
Si gettò in lacrime tra mamma e papà, che immediatamente lo accolsero a braccia aperte, mio padre gli accarezzava amorevolmente la testa, mia madre aveva le lacrime agli occhi e mia sorella gli si stringeva al collo come la più devota delle compagne, rimasi con le mie parole di fuoco in bocca, e dovetti ammetterlo, il figlio di puttana ci sapeva proprio fare, in un attimo la perversione e la malizia erano sparite, lasciando il posto ad una scenetta degna della miglior tv spazzatura italiana, la scena da filmetto erotico stile anni ’70 aveva lasciato il posto ad un dramma tipo “Povero Orfanello Bamby”, ma per un attimo il mio sguardo si incrociò con quello di Mark, e gli vidi in faccia tutta la falsità di cui era capace, aveva lo sguardo del farabutto che l’aveva fatta franca, i suoi occhi mi dicevano, anzi mi urlavano: “Ti ho fregato” l’avrei ucciso in quel momento, ma era vero, mi aveva fregato, e qualsiasi cosa avessi detto in quel momento si sarebbe ritorta contro di me, dovevo solo battere in ritirata, mi sarei vendicato in un altro modo e in un altro momento, per ora trovai necessario solo girare i tacchi ed andarmene, sbattendo la porta. Solo quando fui in strada realizzai che lasciare la mia famiglia nelle mani di quello stronzo non era stata una buona idea, lui e mio padre erano a terra seminudi e dopo quello che avevo visto avrei dovuto vigilare sulle distanze, feci per tornare indietro, ma per strada incrociai gli amici di Marco e Lea, mi chiesero dove fossero finiti, gli dissi che li stavano aspettando a casa, e loro li andarono a prendere, in questo modo, mi rassicurai che niente più di sconveniente sarebbe successo quella sera… ma mi sbagliavo.

Questo racconto di è stato letto 4 7 2 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti eorticiracconti erotici collantracconti erotici suoceratrio raccontierotici racconriracconti porno veriracconti pornostarporno racconti veriracconti erotici gratuitiracconti erotici bendataporno racconti italianistorie erotiche transmio marito e cornutostorie di culi rottiracconti erotici incesto gayracconti erotici mia suocerastorie pronoraccontieriticistorie feticismo piedilibri erotici lesboracconti veri sessoracconti erotici zoofilimia moglie è una zoccolacconti eroticistorie erotmariti bsxracconti di una troiaracconti por nomilu storiestorie feticismo piediwww.racconti-erotici.itracconti erotici nipotinagiochi erotici raccontiracconti di pissingscanbio coppieracconto miludonna si scopa un cavalloracconti erotici di zoofiliatacconti miluracconti erotichestorie ornostorie sesso gratislista racconti eroticiracconti di pornoracconti erotciracconto incestoracconti erotici di donnewww.racconti-erotici.itraccontihotstorie hot gratisannunci 69 raccontiracconti erotici incestuosiracc di milur acconti eroticiracconti trasgressionidonne che fanno seghe ai cavalliracconti nonno gayscambio di coppia sessoracconti gay bearsstotie pornoaddio al nubilato orgiaraccondi erotici69 racconti eroticiesibizioniste in luoghi pubbliciracconti erotici madre figlioracconti di sesso con donne maturemoglie persa a pokerstorie erotiracconti erotici annuncio 69storie feticistestorie eccitantiracconti erotici filmsex raccontiracconti erotici animaliracconti erotici di sessoraccontini eroticiracconti erotici gay e bisexracconti erotici generiracconti eoticiracconti erotiviracconti intrigantiracconti erotici zoofiliracconti erotici suppostesorie pornoracconti eroticiù1001 raccontiracconto porno gratisschiavo di mia suoceraracconti erotici gay giovaniracconti sesso con animaliracconti eroticiracconti moglie porcatracconti eroticicuginetta pornostorie sesso con animaliracconti erotici trav