La scommessa

Scritto da , il 2020-03-25, genere etero

titolo: La scommessa


Siamo al bar centrale, io te e Lucio. È inizio estate e ci prendiamo il caffè delle 10. 00
Discutiamo sul valore del franco svizzero. Lui sostiene che vale più dell'euro mentre io e te siamo convinti del contrario: lo so bene perché li avevo cambiati per mia sorella il giorno prima e te lo avevo scritto per messaggio.
"Scommettiamo? Chi perde paga la pizza stasera."
Controlliamo su internet e vinciamo la scommessa.
Non contenti gli facciamo pagare anche il caffè.
Ho il pomeriggio libero e appena staccate dal lavoro partiamo.
Arriviamo presto troppo presto per mangiare e allora ci prendiamo un aperitivo sul lungomare e
come se ti aspettassi di non dover trascorrere una serata in paese indossi un vestitino leggero senza calze, con ai piedi sandali di cuoio e un giubbotto  jeans.
Hai  le gambe abbronzante e sei molto carina
Andiamo in un posto che conosco proprio sulla spiaggia
È carino, c'è musica e gente ma riusciamo comunque a trovare un tavolo all'aperto con dei bei divanetti comodi comodi.
Prendiamo tre bicchieri di vino e brindiamo alla salute di Lucio che offre per tutti.
Lo sfottiamo un po' perche' dovrà pagare anche l'aperitivo e chissà quanto gli costerà caro.
Sono solo le 18.30 e la serata è lunga
Il primo bicchiere se ne va così.
Lucio si alza per ordinare ancora.
Se ne va  ma tu  ti giri di scatto  ti sporgi  sul divano  e lo chiami per dirgli di farsi dare le patatine.
Io seduto a fianco a te in quel momento mi ritrovo il tuo culo di fianco e il vestito che salendo ti scopre le cosce
"Ma sei pazza? Così mi fai sentire male"  dico ridendo.
"Zitto va!! Ho una voglia che mi scopi che non ti dico!!!
Sentirtelo dire mi genera una botta di eccitazione incredibile... E come un lampo mi vedo alzarti il vestito sbattertelo dentro e sbatterti su quello stesso divanetto.
Torno alla realtà. "Non dirlo a me" ti rispondo.
Mi hai fatto arrapare semplicemente voltandoti.
E ti faccio notare il pisello che mi scoppia nei pantaloni.
Ci guardiamo complici e ci facciamo una risata, tanto Lucio sta tornando.
Riprendiamo a chiacchierare,a scherzare.
Mi sieto difronte a te sperando di calmarmi un po'.
Funziona ma ogni tanto mi scopro a fissarti le gambe sperando  di vedertele accavallare.
Te ne accorgi e mi guardi divertita mimando il gesto di scoprirle in segno di intesa.
Finiamo anche il secondo giro e sfottiamo Lucio perché, va bene che paga lui, ma non per questo dobbiamo morire di sete.
Si alza brontolando ma va a prenderci da bere.
Fai la stessa mossa di prima restando in piedi però e sporgendoti in avanti per farmi ammirare le gambe tese e il vestito che a fatica le copre!!
"Lucio mi prenderesti anche l'acqua?"
"Ma allora lo fai apposta!! Vuoi farmi diventare scemo?"
"Sono bagnatissima sai?!! Ho paura che mi coli lungo le cosce! "
"E me lo dici pure?"
"Certo,almeno soffri insieme a me"
"STronza! So io che ti farei per farti soffrire "
"Lo immagino". Lucio arriva e ci insulta un po' perché  ci approfittiamo di lui.
Continuiamo a chiacchierare e lui descrive quanto gli piace la pizza e minaccia di mangiarne fino a scoppiare. Io invece riesco a pensare solo agli umori della tua fica che colano!
Ti guardo  con desiderio e penso a come sarebbe meglio prenderti per soddisfarlo.
I nostri sguardi si incrociano e mi domando cosa pensi e quali fantasie  scaturiscano dalla tua eccitazione.
Sentir parlare della pizza ci ha messo fame e decidiamo di andare. Alla cassa facciamo la solita scena per chi offre. Approfitto del trambusto per poggiartelo sul fianco e fartelo  sentire.
Non soffri solo tu.
Andiamo verso la pizzeria, ti guardo camminare da dietro e vorrei tanto cingerti con un braccio e poggiarti una mano a metà strada tra il culo e la schiena!
Arriviamo per le 20.00, ci sediamo ed ordiniamo pizza e vino per passare poi a prendere in giro Luca sul suo debole per proprietaria, aiutandolo ad architettare più improbabili tecniche di rimorchio.
Mi guardi per un attimo e allora faccio finta di far cadere il mio tabacco dal tavolo. Mi chino per raccoglierlo, tu capisci al volo e subito ti vedo spalancare le gambe. In quel momento penso che non esiste invito più bello! Mi rialzo e ci guardiamo sorridendo con gli occhi.
Usciamo tutti nella stradina laterale per fumarci una sigaretta ma appena accesa vediamo che portano la pizza al tavolo". Tranquilli:tanto è bollente, abbiamo tempo!! "
Lucio entra comunque, dice di andare a lavarsi le mani e che non gli importa se di ustionarsi il palato..la vuole da morire.
Rianiamo soli , nascosti d a tutti gli sguardi. Sei appoggiata al muro. Mi avvicino e ti chiedo" Sei ancora bagnata? "
Nel farlo allungo la  mano sotto il vestito e ti  poggio le dita sulla fica.
" Senti qua!! sei zuppa!!! ""
Sorridi.
Spingo leggermente  la mano sul tuo sesso e afferro e ne afferro le labbra. Poi la tiro via e nel farlo mi asciugo le dita sul tuo interno coscia!
Ti afferro la mano e la faccio scorrere sul mio cazzo duro. Mi avvicino e sfioro le mie labbra sulle tue.
"Che fatica !! Andiamo a mangiare va..."
La pizza è buonissima e per un po' ci distrae da altro.
Lucio straparla e mi rompe le scatole, così scherzando gli dico " Oh attenzione che ti lascio qua! Ti fai accompagna a casa dalla proprietaria?"
In realtà sto parlando con te per farti capire che vorrei tanto rimanercene da soli.
Mi guardi e dici " Sai che pace al ritorno!"
Faccio cadere ancora il tabacco mi abbasso per prenderlo e stavolta non ti limiti a spalancare le cosce ma tiri l'elastico delle mutande e lo fai scorrere tra le labbra.
Vederla anche solo per un attimo mi fa salire una gran voglia di leccarla con gusto!
Ordiniamo un altro pezzo di pizza, vino basta: ci siamo gia' fatti un'altra bottiglia e siamo tutti e tre sufficientemente brilli.
Mangiamo e chiediamo il conto. Lucio si alza e va a pagare. Io ti guardo e ti dico " ohhh non mi deludere in macchina!"
Mi guardi con aria interrogativa e ti rassicuro: "Non ti preoccupare..Te lo faccio capire io" .
Fumiamo una sigaretta e ci dirigiamo alla macchina. Nell'aiutarti ad entrare ti appoggio una mano sul culo e ti spingo  un dito tra le chiappe!
Ti siedi al centro del sedile, entro anch'io, ti lancio uno sguardo e sposto lo specchietto retrovisore.
Capisci e ti sistemi lateralmente al riparo dagli sguardi di Lucio.
Punto lo specchio proprio in mezzo alle tue cosce e parto.
Cominci a commentare quanto sia più buona quella pizza caldissima con la mozzarella che fila.
Mentre parli con naturalezza del più e del meno allarghi le gambe e fai scorrere le mani tra le cosce.
Faccio una fatica a staccare gli occhi dallo specchietto.
Ma c'è traffico e devo concentrarmi sulla guida per uscire dal centro.
Appena in autostrada riprendo a fissare lo specchietto.
E' buio e non  riesco a vedere bene ma le luci dell'autostrada ti illuminano ad intermittenza..
Ma che davvero? Penso stupito tra me e me. Ti sei tolta le mutande? Quando l'hai fatto? Wow!!!
Sai che ti sto osservando,ti bagni un dito e inizi a farlo scorrere sulla fica. Mi  guardi e con la testa mi fai segno di sbrigarmi.
Guido veloce ma ogni tanto non  riesco a fare a meno di lanciare uno sguardo dietro.
Ne sei consapevole cosi' ogni volta mi regali qualcosa... O Ti allarghi le labbra o ti stuzzichi il clitoride...
Finalmente arriviamo.
Accompagniamo Lucio alla macchina e lo salutiamo di fretta.
Risaliamo e ti siedi al mio fianco.
"Mica vorrai portare anche me al parcheggio?" "Certo che no"
Nel dirlo allungo la mano e ti tocco proprio lì:sei ancora bagnata e ti metto subito un dito dentro.
"Sì sì `!! Finalmente! Non vedevo l'ora" .
Allarghi le gambe ancora di più e le dita diventano due. Il tuo respiro si fa profondo e ti agiti sul sedile.
Parcheggio davanti casa e faccio tutte le operazioni per aprire la porta con una mano mentre l'altra la tengo fissa sul tuo culo.
Appena dentro ti giro e comincio a baciarti avidamente, spingendo la lingua più in fondo possibile!!
Le tue mani scendono e armeggiano con i miei pantaloni.
Tieni il pisello stretto ed inizi a strusciartelo sulla fica.
Fai un passo indietro e ti appoggi al tavolo.
"Dammelo per favore! Fammelo sentire!"
Ti sollevo, ti metto seduta sul tavolo, sistemo in fretta le sedie per farti appoggiare le gambe e ti penetro. Era così tanta la voglia che mi paralizzo: non riesco a muovermi, voglio solo assaporare la sensazione di dartelo tutto.
Ti scopro i sensi e ci gioco. Li lecco
,li strizzo, stringo e succhio i capezzoli duri.
Finalmente mi muovo!E ti scopo con movimenti lunghi e lenti. Appoggi le mani e ti butti indietro per prenderlo meglio.
Ti sbatto più veloce continuando però ad entrare e uscire quasi completamente
"Soffri ancora?"
"No adesso no"
"Volevi solo che ti scopassi allora".
"Si'! Scopami! Scopami per bene !"
Ti lasci andare e ti sdrai sul tavolo.
Ti prendo  le gambe, le sollevo ed aumento il ritmo ancora di più.
"Va be così?"
" Sii! Dammelo così!!" Sbattimi " fammelo sentire".
Ti tocco il clitoride
"Ohhh!!! Non fermarti!
" Ti faccio godere? "
" Siii!!! "
" Fammi sentire come godi allora"
Sii!!!"
"Eccomi!!! Mi tiri verso di te ed espoldi in un orgasmo  lungo e potente.
Mentre vieni te lo pianto tutto dentro ma faccio fatica:voglio muovermi e venire.
Riprendo quasi subito a scoparti e dopo pochi colpi sento che sto per esplodere.
"Prendilo prendilo."
Lo stringi forte e in un attimo godo facendoti schizzare lo sperma fino alle tette.
Con una mano continui a segarmi e con l'altra ti spalmi il mio seme caldo sulle tette.
Mi butto su di te esausto ed alleggerito.
Appena mi riprendo mi sollevo un po', ti guardo e ti dico "La prossima volta sia chiaro: trombiamo prima di andare a cena... Ok? "
Ridiamo e mi lascio cadere di nuovo sopra di te.

Questo racconto di è stato letto 2 7 5 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti reali di incestiporno italiano raccontierticiracconticlisteri raccontiracconti erotici la prima voltaracconti di massaggistorie porniraccontiosepadrona piscia in boccaraccontieroticoracconti omosexmoglie inculata da amantei generi di racconti inceatoracvonti eroticisesso a tre raccontiracconti sesso animalieroyici raccontiracconti di suocereracconto safficoerotici racconti gratisracconti brevi di sessoracconti eros miluincesti familiari gratisracconti erticiiracconti di milustorie di suocereinculata raccontoi racconti dimiluraccontipornograficiracconti trasgressioniracconti sesso animaliracconti erotici cuckoldracconti di una moglie troiaracconti erotici gatstorie hard gratisraccinti eroticiracc erotzia footjobannuncio 69 itmammatroia.comraccontierticirracconti eroticiracconti gay incestoracconti incesto padre figliaeroticiraccontil cazzo di mio nipotesesso estremo con animaliincesti nonnestorie di adultiraccontisessualiracconti erotici con maturegeneri dei racconti eroticiracconti erotici in busracconti miliracconti incesracconti erotici gratisracconti di escortracconti aroticistorie sessstorie porno filmsexi raccontiracconti reali incestiracconti erotici confessionipipparolominidotatiracconti erotici signoraracconti sesso analeracconti erotciracconti porno itsesso anale raccontomia moglie esibizionista al mareracconti incetoesibizionismo in spiaggiaracconti milfcognate lesbicheracconti picantiorge familiari69raccontistorie di e per adultitorie pornowww.eroticiraccontiracconto pornoracconti gay cuginonero per mia mogliescovolinaerotci raccontiracconti erotici estremierotici raccontiracconti ero