Escort 16 - Il matrimonio di Lilli -

Scritto da , il 2020-03-25, genere etero

Una sera ricevetti una telefonata dalla mia amica Lilli. Ci sentivamo ogni tanto ma era da parecchio che non ci vedevamo. Avevo seguito la sua carriera vedendola in TV e, ogni tanto, sulle riviste di gossip. Aveva davvero fatto strada e adesso, notizia bomba, si sposava.

Lui era un VIP che abitava spesso le pagine delle riviste che tanto mi piacevano e, mi disse Lilli raccontandomi i dettagli della loro storia, era vero amore, non un flirt estivo o di facciata. Facevano coppia fissa da sei mesi, dribblando paparazzi e varie, ed ora uscivano allo scoperto.
Lilli mi voleva come damigella e mi diceva di prendere l’aereo il mattino dopo, il biglietto era già in aeroporto a mio nome, perché c’erano da fare le prove della cerimonia, dell’abito eccetera eccetera.

Facemmo tardi al telefono e quando presi l’aereo approfittai dell’ora di volo per fare un pisolino. Appena sbarcata a Roma fu il caos. Appena il tempo di scendere in hotel e venni sequestrata da Lilli e Ivana, che avrebbe fatto anche lei da damigella insieme a due starlette che non conoscevo. Giri frenetici, prove su prove, pochissimo tempo per rilassarsi. Purtroppo avevo perso l’addio al nubilato, fatto a sorpresa da alcune sue amiche, ma l’importante era essere alla cerimonia.
Cerimonia che si svolse in una villa romana con cappella privata, alla presenza di circa 200 persone quasi tutte del bel mondo. Vidi calciatori ed attori, attrici e starlette, politici e imprenditori. Non senza imbarazzo, da parte loro, vidi anche alcuni clienti del passato. Mi bastò fare l’indifferente e andò tutto liscio.
Solo con Gino non potei fingere di non conoscerlo perché mi prese lui sottobraccio come una vecchia amica portandomi via dal circoletto in cui mi trovavo. Sicuro di se, se ne fregava, e come poteva non farlo, delle chiacchiere. Lui era Lui e basta, e gli altri sapevano come buona parte della politica italiana passasse dal suo ufficio. Mi condusse poco lontano e chiacchierammo amabilmente per diversi minuti. Si confermò simpatico, istrionico, affascinante. Capii come Lilli gli dovesse molto riguardo la carriera ma lui non lo fece pesare, era una cosa normale mi disse, e si era veramente affezionato a Lilli.

La cerimonia fu fastosa, con orchestra e cori, militari in alta uniforme che formarono una galleria di spade per gli sposi. Lilli era bellissima e radiosa, suo marito simpatico e veramente figo.
Il ricevimento si svolse dentro la villa con compiti camerieri in livrea bianca a muoversi tra noi invitati che mangiavamo in piedi spostandoci da una parte all’altra degli immensi saloni. Efficienti come non mai, parevano leggere nel pensiero di chi desiderasse qualcosa.
Dopo poco la festa si animò con la musica. Già mezza ubriaca ballai, risi e chiacchierai praticamente con tutti, senza saper dire di no a un bel calciatore che da un po’ mi tampinava.
Mi lasciai condurre nei bagni, uno dei tanti bagni presenti, e limonammo di brutto per alcuni minuti. Spensieratamente permisi che mi infilasse in bocca due metri di lingua, che le sue mani percorressero tutto il mio corpo insinuandosi dove volevano, stropicciandomi l’abito di seta color pesca che indossavo. Io, rilassata e persa nei fumi dell’alcool, lo lasciavo fare. L’eccitazione che sentivo era più mentale che fisica, il sapere che il bel calciatore, fidanzato con una strafiga mondiale, mi stesse succhiando i capezzoli dopo averli fatti uscire dalla scollatura mi esaltava. Dopo poco smisi di essere passiva e allungai le mani anche io. Il pacco pareva consistente, duro al punto giusto, impaziente di uscire all’aperto. Pregustavo già il momento in cui avrei potuto constatare di persona quanto fosse ben fornito e all’improvviso... non so come non scoppiai a ridere. La mia mano infilata nei suoi pantaloni si ritrovò di colpo bagnata dal suo seme. Era bastato che lo stringessi appena, neanche a sentirlo per bene, e lui era venuto.

Si staccò scusandosi, dando la colpa al vino, imbarazzato oltre ogni limite. Mi lavai le mani e lo lasciai a rimediare al disastro fatto con poche parole di consolazione: che poteva capitare, che non importava, che ci saremmo rivisti dopo.
Riuscii non so come a resistere fino a quando non vidi Lilli, poi scoppiai. Ridendo le narrai il fatto facendo ridere anche lei proprio mentre lui usciva dal bagno. Ci lanciò un’occhiata cattiva facendoci ridere ancora di più e poi scomparve.

La serata proseguì e mi trovai costantemente addosso un attore che non perdeva occasione per strusciarmisi addosso. Intuivo che era ben dotato e rigido, soprattutto quando me lo puntava da dietro, ma il suo modo di fare era così plateale, così da cafone col suo sorriso arrogante, che evitai di dargli uno schiaffo ma feci in modo di far ben notare a tutti, così come avevano notato le sue mosse, che la mia risposta era un due di picche.

Arrivò l’annuncio che Lilli aveva un contratto prestigioso per un programma televisivo. Tutti sapevano che era il regalo di nozze di Gino ma, ovviamente, nessuno lo fece notare. Io mi sentivo felice per Lilli e volevo ringraziare Gino. Lo feci nell’unico modo che conoscevo: proponendogli un pompino. Si dimostrò rammaricato perché doveva recarsi con urgenza a un famoso palazzo della politica e, quando gli chiesi se l’avrei rivisto al party notturno, mi rispose che non era il caso, sapendo come sarebbero andate a finire le cose, che si facesse vedere a festini di quel tipo.
La mia testa, perennemente leggera per alcool e atmosfera, mi fece capire quante cose erano sottese quella sera ma, molto velocemente, me le fece dimenticare
Alla fine la festa scemò. Era previsto continuasse a casa degli sposini, un sontuoso attico al centro, solo per pochi intimi, una quindicina compresi gli sposi.
Continuammo fino al mattino e se non degenerò in un’orgia fu solo perché gli sposi novelli avevano fatto capire chiaramente ai presenti, tutti amici intimi, che non volevano. Per il resto lasciavano campo libero a qualsiasi cosa. Così musica e alcool ci accompagnarono per ore con intermezzi erotici occasionali. Nell’ordine: feci un pompino a un calciatore compagno di squadra del marito, appartandoci sul terrazzo con una splendida vista sulla Capitale. Mentre lo succhiavo lui mi riprendeva col telefonino e, quando venne, volle farlo sulla mia faccia sporcandomi tutta e filmando anche la mia espressione un po’ brilla. Ogni tanto riguardo il filmato, che mi ero fatta inviare, e rido di me stessa. Al bagno dove ero andata a pulirmi una attrice televisiva abbastanza nota, che avevo sorpreso con un altro invitato, mi coinvolse in una cosa a tre leccandomi la figa mentre lui la prendeva da dietro. Un orgasmo frettoloso che mi lasciò con la voglia. Ero completamente partita, non so proprio quanto avessi bevuto, e migravo da un gruppetto all’altro senza posa, ballando senza coordinazione, buttandomi addosso a questo o quello. Un imprenditore rampante mi scopò vicino all’ingresso, io appoggiata a un mobile e lui da dietro che mi pompava come un ossesso. Sul divano masturbai un personaggio della TV mentre lui mi masturbava a sua volta, senza godere nessuno dei due, prima di dividerci e andare ognuno per il suo destino. Il mio mi portò a fare un altro pompino a un conduttore di una TV locale abbastanza grande.
Ebbi modo di notare anche un’inviata di un tg presa in mezzo tra il compagno di squadra dello sposo e un altro tipo che non ricordo. Eravamo ancora sul terrazzo dove ero andata, da sola, in cerca di un po’ d’aria. Li osservai con curiosità fottere la tipa come se avessero premeditato ogni mossa, e lei che con l’abito intorno ai fianchi, praticamente nuda, si contorceva tra i due gemendo in continuazione.
Anche le starlette si diedero da fare ma non ricordo bene con chi si accompagnarono, la mia testa girava troppo in quel momento.
Tutto ha un termine e così fu per quella nottata. Il sole era già alto e con gli sposi rimanemmo solo io e Ivana che avremmo dormito in un’altra stanza. Ero abbastanza stanca e sarei andata volentieri a letto ma accettai con gratitudine la colazione sul quel terrazzo che, di giorno, mostrava una veduta affascinante con il cupolone sullo sfondo.
Avidamente mangiai una brioche appena sfornata accompagnandola con due tazze di caffelatte bollente che mi ritemprarono. Commentando i vari episodi della notte appena trascorsa ridacchiammo tra di noi e alla fine andammo nelle camere per, finalmente, riposare.
Mi stavo concedendo una doccia bollente sentendo scivolare via la stanchezza, per lasciar spazio a quel rilassamento che è perfetto per dormire, quando Ivana aprì il vetro della cabina:

- Dai asciugati e vieni di là –

- Che succede, cosa c’è? –

Sorpresa mi asciugai, vedendo che lei era completamente nuda e batteva il piede impaziente aspettando che finissi.

- Non te l’ho detto prima perché è un’idea che ci è venuta in mente stanotte, a me e Lilli, per finire la festa in bellezza. Dobbiamo farle il regalo di nozze, quello che lei veramente vuole da noi. –

Ci rimasi male. Senza dire cosa, mi ero spremuta le meningi, e le tasche, per trovare un regalo adatto nel poco tempo che avevo avuto. Credevo che Lilli l’avesse apprezzato e ora Ivana mi diceva che non le era piaciuto? Espressi il mio malumore e Ivana si affrettò a spiegarmi: il mio regalo era piaciuto e molto…….. ma c’era ancora una cosa che potevo fare, insieme a lei, per rendere quella giornata veramente speciale per Lilli.
Nuda anche io, e da come Ivana mi aveva impedito di prendere l’accappatoio avevo iniziato a intuire di cosa si trattasse, mi feci tirare per mano verso la stanza degli sposi.
Dentro c’era lui, che chiamerò Marcello, disteso sul letto nudo come Lilli che, accoccolata al suo fianco, gli carezzava pigramente il sesso eretto nella nostra attesa.
Come entrammo venne verso di noi e ci baciò entrambe con passione:

- Grazie –

Ci disse.
Avrei scoperto poi che aveva voluto regalare al marito un incontro a quattro, su cui avevano fantasticato, con lui unico maschio.
Incredulo della fortuna che gli era capitata, lui ci guardava dall’alto, e noi lo guardavamo dal basso leccandogli asta e cappella, testicoli e interno cosce, alternandoci a succhiarlo e passandocelo di bocca in bocca come un calippo.
Iniziò così una nottata in cui dimenticai ogni stanchezza e persi ogni nozione di tempo e luogo.
Il triplice pompino si protrasse a lungo. Ogni volta che lui sembrava sul punto di venire Lilli lo pizzicava in un punto sensibile retrocedendogli l’orgasmo, e lui si dimenava pregandoci di farlo venire, di farlo godere sui nostri visi, di smettere quella tortura che lo stava facendo impazzire.
Niente da fare: Lilli decideva e noi la seguivamo, anche quando a turno ci adagiammo sopra di lui in senso inverso porgendogli le micine da leccare. La stessa Ivana godette della sua lingua se pur maschile, e lui era un fascio di nervi.
Finalmente Lilli decise di interrompere il supplizio e mi fece segno di salirgli sopra e impalarmi mentre lei lo reggeva. Duro come una sbarra di ferro lo sentii entrare mentre scendevo lentamente; mi mossi piano gustando la sensazione di sentirmi completamente riempita e lo cavalcai sentendolo bestemmiare quando Lilli lo pizzicò ancora. Venni così, l’uccello ben piantato in me e le dita di Ivana sul clitoride. Senza nemmeno il tempo di un respiro Marcello si ribellò afferrando Lilli e sottomettendola sulle lenzuola.

- Adesso basta. E’ questo che vuoi? E’ questo che vuoi? DIMMELO! –

Lilli, aperte le braccia e le cosce lo accolse in sé e mentre lui colpiva come una furia insultandola in modo dolce ma deciso e dimenò le anche sospirando.
Era proprio questo che voleva: farlo scatenare e scoparla come forse mai aveva fatto prima.
Io e Ivana ci mettemmo ai lati dispensando carezze ad entrambi, succhiando i seni di lei, baciando ora uno ora l’altra con lui che la fotteva con forza inchiodandola al letto e facendola godere a ripetizione.
Finalmente Marcello ebbe il suo premio e venne riempiendo la vagina allagata di lei prima di accasciarsi sul suo corpo.
Io e Ivana, eccitate, ci buttammo l’una nelle braccia dell’altra: le lingue intrecciate, le dita che frugavano. In ginocchio sul letto limonammo sopra i due corpi distesi abbracciandoci strettamente.
Lilli uscì dal torpore del godimento e prese in bocca l’uccello di Marcello che, magnificamente, sembrava non aver perso nulla della propria rigidità.
Poi venne da noi, ci separò (a fatica devo confessare, era troppo bello limonare con Ivana). Negli occhi le vidi una luce strana. La mia amica aveva le idee ben precise su come si doveva svolgere la nottata. Fece distendere Ivana e mi fece sedere sulla sua faccia.
Così era ancora meglio per me, la sua lingua mi frugava dappertutto e mi faceva bagnare a profusione; poi tirò fuori da qualche parte un lungo fallo bicefalo, penetrando Ivana con un’estremità e, cavalcioni, penetrandosi con l’altra.
Lei scopava Ivana e questa, mugolando, muoveva ancora più velocemente, più in profondità la lingua dentro di me. Stavo per godere ancora quando Lilli mi guardò strizzandomi un occhio e, voltata la testa, invitò Marcello:

- Vieni amore, prendimi così –

L’uomo non se lo fece dire due volte: si mise dietro di lei e, lentamente, centimetro dopo centimetro, la penetrò nell’ano.
Vidi distintamente tutta la gamma di emozioni che passò sul viso di Lilli: l’attesa, il contatto, il respiro trattenuto quando il piccolo anello venne forzato, la smorfia indecifrabile tra gioia e dolore quando lui penetrò più a fondo, il mugolio quando se lo sentì tutto dentro. Poi non vidi altro: Ivana si appiccicò con la bocca al mio clitoride e succhiò mentre con le dita mi penetrava la micina. Dietro di lei Marcello spingeva con forza ed ogni colpo nel culetto di Lilli si propagava alla micina di Ivana e la sua bocca riverberava su di me quei colpi. Godetti mugolando con forza, sentendo loro gridare ognuno il proprio piacere mentre io, la testa che girava, mi accasciavo di lato sul letto senza più forze, percorsa in tutto il corpo dagli spasimi dell’orgasmo come una scossa elettrica.

La notte fu lunga, Marcello dimostrò una resistenza eccezionale. Dopo il primo orgasmo resse fino a che tutte e tre non dicemmo basta. Ebbe modo di passare per tutte e tre le nostre micine, per tutti e tre i nostri culetti prima di godere una terza volta (la seconda fu nel culetto di Ivana che, pur non gradendo troppo le carezze di un uomo, assecondò l’amica traendone piacere) sulle nostre facce. Come era iniziato finì: noi tre chine su di lui, leccandolo e succhiandolo fino a quando non eruppe in due o tre schizzi densi, anche se non abbondanti, sulle nostre facce pronte a riceverli.

Questo racconto di è stato letto 1 3 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


letture erotiche gratisracconti porno tradimentoincesto gifracconti erotici mia ziaracconti veri sexstorie vere cuckoldracconti di spankingracconti erotici scambioracconti di zoofiliazia vergineracconti.pornoracconti veri sexracconti di ricatti sessualieroticiracontiracconti erotici in famigliai generi dei racconti eroticiracconti erotici lesbiciracconto lesbicheracconti porno zoofiliaspompinamentoracconti di giovani gaystorie di sesso gratisrcconti eroticiracontieroticigeniv forum raccontistorie di sesso realmente accaduteracconti erotici giochiracconti incesto miluracconti di sesso analegeneri racconti gaystorie porno bisexi generi dei racconti eroticierotici raccpntiraconti hotracconti incetononna viziosastorie porno dominazioneracconti erotici mamma figliaracconti di zoofiliaracconti veri sexscritti eroticiracconti reali di incestiracconti erotici nel culoracconti mariti guardonistorie erotiche cuginaesperienza safficaracconti esoticisesso porno raccontistorie porno bisexarchivio racconti eroticistrapon raccontiracconti donne matureraxconti eroticiraccontini eroticiio milùho voglia di inculartiracconti porno suoceraracconti di mogli porchestorie gay gratisstorie di sesso gayeroticiracconti.iterotic raccontiracconti erotici cinemaracconti eros gayeroticiracontiracconti erotici gay giovaniracconti erotci 69racconti eros gratisracconti erotici categorieracconti di dominazioneracconti eroticheracconti ricattatala prima volta con mia cuginaracconti erotici gay e bisexracconti erotici annunci 69racconti incentuosiracconti porno casalingheracconti erotici scambio coppie