La masturbazione di Giulia

Scritto da , il 2020-03-25, genere masturbazione

Giulia è una ragazza appena diciottenne che osserva il mondo annebbiata da una possente tempesta ormonale. Il suo corpo si è rapidamente trasformano in quello di donna: il seno definito, il bacino largo, un folto sottobosco pubico. Per il resto è una ragazza magra, dalle pieghe cutanee scavate nei bordi ossosi, i capelli lisci e neri che discendono sull’acerbo viso lentigginoso. Giulia, come ogni anno, trascorre l’estate con i genitori nei campeggi nudisti della Croazia settentrionale. Luogo di intersecate culture, dall’aspro temperamento teutonico e dal volto dolce mediterraneo. Nelle ultime estati per Giulia sembra tutto diverso. Quei corpi spogli che fino a qualche anno prima osservava come meri componenti della natura, di improvviso sollecitarono la sua curiosità e il suo sguardo si fece irreprensibile nel giudizio attento alle forme maschili. Indossava i suoi occhiali oscurati, abbassava sulla fronte un cappello di paglia e fissava attentamente gli uomini nudi che le passavano accanto o che sostavano vicino a lei sulla spiaggia. Tra questi c’erano due ragazzi italiani di poco più grandi, Marco e Matteo, che ogni giorno prendevano il sole pochi metri davanti a Giulia. Due ragazzi dal corpo atletico, per quanto dal tratto ancora immaturo e un atteggiamento sprezzante che brillava di giovanile vigore. Giulia lì osservava e soprattutto osservava i loro genitali al vento, i peni ben formati, i testicoli rigonfi di giovane seme. Quell’immagine la travolgeva in un vortice interiore, un abisso profondo che la spaventava, in quanto sconosciuto, ma nel quale avrebbe voluto immergersi. Un giorno i genitori di Giulia partirono per fare una passeggiata verso una spiaggia vicina. Una passeggiata che si sapeva sarebbe stata lunga e Giulia decise di non andare con loro, ma di restare a prendere il sole. Fu allora che Giulia fu attratta da un desiderio incontrollabile e sconosciuto, che si trasformò presto in pensiero nitido e segreto. Un pensiero che voleva affogare nel rumore del mare, ma a cui diede retta senza sapere nemmeno esattamente cosa stesse per fare. Approfittando dell’assenza temporanea dei genitori, Giulia tornò in appartamento, dove non c’era nessuno e dove anche i vicini erano partiti per giovarsi della giornata di sole. Arrivata a casa iniziò ad abbandonarsi ad un’idea: farsi penetrare da Marco e Matteo. Voleva nella sua solitudine dedicarsi totalmente a questa congettura e arrivare a comprendere cosa potesse davvero provare se quei due ragazzi la avessero posseduta. Allora ebbe un’intuizione, non spinta dall’esperienza, ma solo dal desiderio profondo. Prese il manico del suo spazzolino elettrico che usava per pulirsi i denti abitualmente, la spazzola elettrica della mamma e un vasetto di crema solare liquida. Si distese supina sul letto, già nuda, dato il luogo naturistico in cui si trovava. Divaricò le gambe, inarcò il bacino verso l’alto esponendo all’aria tutto il perineo. Fece passare la sua mano sul ventre, oltrepassò la vagina e iniziò ad accarezzarsi l’ano, massaggiando i contorni stretti dell’orifizio. Poi, la sua mente micidiale, la spinse a cospargere il manico dello spazzolino elettrico di crema solare, conferendogli un effetto lubrificante. Appoggiò quell’oggetto, anche abbastanza spesso, al suo orifizio posteriore e lo spinse dolcemente dentro. Avvertì un dolore sordo, unito alla sensazione di defecare, ma non si arrese e lo spinse ancora dentro quasi fino al fondo. Dopodiché compì lo stesso rituale con la spazzola della mamma, il cui manico era molto più spesso di quello dello spazzolino. Lo lubrificò con la crema e lento lo spinse nella sua vagina intonsa fino al punto in cui le setole si arenarono sul suo Monte di Venere. Ora il dolore stava quasi diventando piacere. Attivò il meccanismo vibrante dello spazzolino e della spazzola che iniziarono a muoversi autonomamente dentro di lei. Giulia rimase immobile a scoprire quella sensazione nuova, senza toccare i due oggetti. E la sua fantasia andava a Marco e Matteo, che figurava davanti e dietro a lei intenti a infiltrarsi in profondità. Soltanto a volte riposizionava la spazzola e lo spazzolino, dato che la vibrazione tendeva a trascinarli verso l’esterno. Lei li rispingeva dentro con un colpo deciso, quasi rabbioso, per paura di vedersi sottratti quegli strumenti di godimento. Soprattutto si accorse che la spazzola, quando affondava profonda nella sua vagina le provocava più piacere, dato che le setole le toccavano il clitoride. Il godimento iniziò a salire, come il caffè in una moka. Sapeva di essere sola e inascoltata e iniziò a verbalizzare. Pronunciava ad alta voce frasi sconce, inadatte alla sua tenera età: “scopatemi forte”, “sfondami il culo Marco”, “Matteo sborrami nella figa”. E in mezzo alle frasi c’erano i gemiti, i mugolii, le grida. Un piacere che cresceva spontaneo sotto il movimento autonomo dei due oggetti che la penetravano. Fino a quando una sensazione impetuosa la avvolse e iniziò a urlare. Urlare di gioia, una gioia nuova, ma che nello stesso tempo le ricordava qualcosa di ancestrale, di lontano, quasi di fanciullesco. Era una nuova nascita. Una donna nasceva quel giorno e il tempo più bello forse lo avrebbe speso a rivivere questa emozione.

Questo racconto di è stato letto 1 7 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconto erotico nonnamarito cornuto bisexa69 raccontiracconti erotici mmi fotto mia cuginaracconti erotickerorici raccontistorie erotiche moglieracconti gay illustratistorie porno italianoschiava aziendale 7racconti incesti amatorialiracconti pronoracconti couckoldracconti lesbo eroticifeticismo raccontiracconti incesto annunci 69racconti gratis eroticiracconti suoceremio marito e un cornutoorgia di piediracconto scambio coppiaesibizioniste in autostorie fetisheroticeracconti erotocieroticiraccontiracconti miuracconti di scambio di coppieracconti porno estremoracconti pormoforum al femminile racconti eroticierotociraccontitrav raccontiracconti porciraccpnti pornoracconti di sessracconti cornaracconti erotici immaginieroriciraccontircconti eroticierotciraccontiracconti porno di mogli troiestorie sexsiannuncio 69 ita69 racconti eroticiracconti porno i generistorie sesso incestoracconti erotici in autobusracconti addio al nubilatoa 69 racconti eroticitacconti eroticiracconti roticiracconti erotici castrazioneracconti picantiracconti erotici incesto gayracconti sesso animalistorie di mariti cornutiracconti erotickracconti hard nonneracconti trans attiviracconto porno gratisracconti gratis eroticiracconti erotici mia cuginasuocere raccontiraccontifetishnuovi racconti pornoracconi pornostorie erracconti erotici castrazioneracconti mikustorie eriticheracconti eroticiracconti erotici incestiracconti porno i generii generi raccontiracconti erotici la prima voltaracconti erotici club priveracconti poracconti erticiracxonti eroticiracconti erotici al mare