Il falso appuntamento ( racconto completo)

Scritto da , il 2020-03-25, genere prime esperienze

Questo e un racconto lungo perchè completo, scritto di getto senza rileggere senza badare a nulla. Leggetelo con calma navigando con la fantasia e poi se vi va commentate. Buona lettura


Ciò che vi sto per raccontare. è accaduto l'anno scorso verso la fine di Giugno, ma incominciamo dall'inizio.
Io mi chiamo Luca e ho 45 anni, un fisico normale, un lavoro da impiegato, pratico sport; mia moglie 40 anni alta 1,70 fisico normale, curve al posto giusto anche se di seno ha una seconda abbondante; devo dire che si presenta molto bene.
La storia è questa, noi ci siamo conosciuti sui banchi della scuola, siamo stati fidanzati per anni, tanto io che lei non abbiamo mai fatto altre esperienze. Lei perché di natura molto chiusa e riservata da sempre, io più di socievole sicuro, ma comunque si stava insieme e quindi va bene cosi.
La nostra situazione sessuale, procede abbastanza bene, nonostante gli anni forse perché comunque c'è sempre stata molta complicità.
Nel tempo abbiamo aggiunto dei toys hai nostri rapporti, da i più normali a quelli più fantasiosi, rispettando sempre i limiti che ci eravamo prefissi.
lei come dicevo molto timida è riservata, sempre titubante, pur essendo una persona curiosa. Sono riuscito sempre nel tempo a convincerla ad andare a far cena in un ristorante senza mutandine ne reggiseno e nella vagina avevamo messo un vibratore wireless con il quale abbiamo giocato molto quella sera, ma ci si limitava a quello e qualcosa dal?altro.
Spesso quando facciamo l'amore si gioca ad essere in tre, lei si fa bendare e legare al letto a pancia molle, dopo essersi messa un vibratore nella vagina e vuole che il la prenda di dietro ovviamente tutto fatto con sensualità, passione e complicità.
Capitava spesso di parlare ma se ci fosse un uomo o una donna con noi, ti piacerebbe cosa vorresti fare. Lei è sempre stata contraria, perché la sua timidezza non le permetteva di fare cose del genere.
Un giorno mi disse, che doveva andare a fare la solita visita di controllo dal ginecologo, mi chiese quindi di accompagnarla.
Durante il tragitto mi misi a scherzare con lei, dicendo:
Ecco l'occasione, adesso che sei dal dottore facciamo finta che sia uno che ti voglia palpare, che voglia giocare con te in mia presenza, cosi vediamo cosa proviamo entrambi, tanto la visita la devi fare.
Arrivati dal dottore ci accomodiamo in sala d'attesa, passano due donne, una copia di futuri genitori poi tocca a noi.
Il medico esce e ci chiama.
Noi entriamo e continuiamo a sorridere e parlare del nostro gioco.
Solita procedura, ci accomodiamo, il dottore fa le solite domande, poi invita mia moglie a spogliarsi e mettersi sul lettino.
Quando il dottore incomincia a visitarla, toccandole i seni, la pancia io incominciai ad avere una vistosa erezione che coprii prontamente con la giacchetta.
Mentre mia moglie si trovò molto impacciata, lo speculum le fece male e si sentiva stranamente a disagio, cosa che non era mai successa prima. il dottore stesso le chiese se andava tutto bene, che la trovava in perfetta forma ma un pò nervosa.
Tornando a casa discutemmo dell'accaduto e lei mi fece notare come una situazione normale, fatta e vissuta mille volte, svolta in un contesto diverso aveva creato un problema.
Appresi il suo punto di vista, dicendo che aveva ragione, che anch'io la avevo vista molto impacciata, ma le dissi che al contrario a me la situazione aveva ecitato molto.
Arrivati a casa lei si andò a fare una doccia, nel preparasi mi disse, allora se sei cosi ecitato perché non mi raggiungi in doccia?
In un attimo mi spogliai e la raggiunsi sotto la doccia, incominciammo a fare l'amore come non mai, tanto da uscire dalla doccia e finire in camera da letto.
I giorni a seguire trascorrevano con un'unica immagine nella mia testa, mia moglie con le gambe aperte e il dottore che cercava il modo migliore per infilare il suo grosso dito nella sua vagina.
Incomincia a documentarmi sul web, trovai massaggiatori, disperati, dottori improvvisati di ogni ordine un tumulto di idiozie e proposte di ogni genere.
Un giorno navigando sempre nel web, feci la conoscenza di una persona veramente a modo, all'inizio mi diede dei consigli, ma nonostante tutto era quasi impossibile riuscire ad organizzare un incontro dove mia moglie era al centro dell'attenzione, ma soprattutto che andasse tutto bene, anche perché non avevo intenzione di creare problemi fra noi.
Un giorno questo ragazzo mi disse, dai ti va se prendiamo un caffè insieme?
Così ci conosciamo e se posso ti aiuto.
Accettai e lo incontrai in locale in centro città.
Era un persona sui cinquantanni, alto, fisico asciutto con un volto piacevole, portava occhiali da intellettuale, un vistoso foulard al collo e scarpe molto buffe.
Ci accomodammo e dopo ordinato da bere, incominciammo a parlare. Gli spiegai un pò tutto
cosa avevamo fatto, quali furono le reazioni, come l'aveva vissuta mia moglie e ditto quello che era successo, che prima di entrare era favorevole poi il carattere ha preso il sopravvento e il risultato che ne abbiamo ottenuto.
Lui mi disse che potevamo provare ad organizzare un incontro, mi propose di dire a mia moglie che in città era arrivato un mio vecchio amico, che ci eravamo incontrati per caso. Di dirle che lui era un medico ma non dire di cosa perché a quello avrebbe pensato lui, ma la cosa importante era che sarebbe stato pochi giorni in città poi sarebbe dovuto andare via. Cosi con questi accordi e molti altri ci salutammo prendendoci come appuntamento il venerdì della stessa settimana per rincontrarci con mia moglie al'indirizzo che mi aveva dato.
Tornai a casa, da li a poco rincaso anche lei. le feci trovare come faccio molto spesso un bel aperitivo e un bagno pronto. Mentre lei si lavava le comunicai che avevo incontrato un vecchio amico e mi aveva chiesto se lo andavamo a trovare, perché si fermerà in città pochi giorni poi deve ripartire.
Mi disse si certamente, mi fece mille domande alle quali non io risposi, giustificandomi con il fatto che era moltissimi anni che non lo vedevo.
Veneri senza annunciare nulle uscito dal lavoro la chiamai.
Ciao amore come va'
Mi ha chiamato quel mio amico e mi ha chiesto se passiamo sa lui per un aperitivo e due chiacchiere, se mi dici si lo confermo.
Certo mi rispose, avevo voglia di andare in giro un pò.
E mi chiese anche cosa mi metto visto che non so dove andiamo?
Pantaloni, jeans, vestito, abito comodo.............
Le proposi un vestito che sapevo che a lei piaceva molto, un vestito lungo scollato dietro, a tubino sui fianchi. A lei piaceva molto, sopra tutto sapevo che l'avrebbe indossato senza reggiseno.
Arrivai a casa un saluto due parole e una doccione veloce, lei era già pronta bellissima e sensuale come sempre, con i suoi lunghi capelli che le coprivano la schiena nuda, un decolté tacco dodici che le sfinava la caviglia.
Da li poco, partiamo per recarci dal mio "amico", durante il percorso ovviamente continò l'interrogatorio, chi è, cosa fa, che carattere ha ecc., ma io rimasi sempre sul vago.
Arrivati sul posto ci trovammo davanti ad una villa stile liberty molto bella.
Suonai il campanello e una voce ci disse di accomodarci all'interno.
Giunti nel salone di ingresso, trovammo lui ad aspettarci, indossava un abito quasi indiano, una casacca con un paio di pantaloni di lino bianco.
Ci invitò ad accomodarci sulla terrazza dall'altra parte della villa, perchè molto più fresca e accogliente, poi ci disse:
E li c'è anche l'angolo bar per berci qualcosa.
Ci recammo quindi in terrazza, lui un ottimo padrone di casa, di fece accomodare su questo terrazzo attrezzato con dei mobili in vimini molto belli.
Ci preparò dei drink e incominciammo a chiacchierare del più e del meno.
I discorsi andarono avanti, incomincio ad esserci armonia e ci si sentiva tutti a proprio agio, quando io come da accordi le chiesi:
Ma tu mi hai detto che sei un medico ma di cosa?
Scusa la mia curiosità
Lui sorrise e mi disse si è da anni che sono un medico specializzato in chirurgia plastica, rifaccio un pò tutto nasi, seni, glutei, zigomi ecc.
Io sorrisi e gli dissi che faceva un lavoro interessante.
Mi moglie, come da copione disse che lei invece ne aveva bisogno.
Lui sorrise e le disse che era perfetta così.
lei ribatté che voleva rimpicciolire il sedere e aumentare il seno.
Lui si alzo e con fare molto mobile e disinvolto le prese una mano e la fece alzare.
Le ordinò di fare un giro su se stessa, poi le disse che il sedere era perfetto al massimo una leggera ritoccatina al seno.
La invitò a seguirlo, si voltò verso di me e mi disse vieni anche tu.
Lo seguimmo in uno studio molto simile ad uno studio medico.
All'interno cerano molte protesi mammarie, altre protesi, una scrivania, un lettino, delle poltrone e un divano, sui muri dei quadri d'epoca meravigliosi.
Ci fece accomodare alla scrivania, poi prese delle protesi e le appoggiò sopra.
Si rivolse a mia moglie chiedendo, posso darti del tu?
Lei rispose certo
Cosi e più facile spiegarti le cose.
Lei era esterrefatta e completamente presa dalla situazione.
Vedi le disse:
Le nostre protesi mammarie sono fra le più evolute al mondo, noi non tagliamo più le nostre pazienti ma facciamo solo dei piccolissimi fori.
Poi le chiese quale ti piace? e incominciarono a scherzare sul fatto che una era troppo grande l'altra troppo rotonda per il suo corpo e via dicendo, fiche convenirono una che andasse bene.
Lui si alzo, prese la protesi e le disse, vado a prendere l'altra tu togliti il vestito che arrivo subito .
Lei a quel punto mi guardò con il viso angosciato dicendo : e adesso?
Le dissi dai è una vita che dici che vuoi i seni più grandi provare non costa nulla.
Si alzò dalla sedia e si si sfilò il vestito, rimanendo solo con le mutandine e le scarpe. Le guance arrossirono, ma vidi immediatamente che i capezzoli si inturgidirono.
Lui la chiamò, vieni togli le scarpe e sali sulla bilancia.
Obbedì senza molti problemi, poi le tastò la gola, la osservò un una luce. Prese le protesi e le appoggiò sul suo petto. Si la misura e giusta direi disse guardandomi.
Invitò lei a sdraiarsi sul letto, poi sorridendo mi disse dai fammi da aiutante.
Mi avvicinai al lettino lei rossa in viso mi guardò e mi sorrise. Lui incominciò a toccarle i seni ormai con i capezzoli turgidi, poi le appoggiò le protesi e convennero che erano perfette. Poi lui riprese a tirare e ad allungare i seni i capezzoli con molta delicatezza. Si girò verso di me e disse, sfila le mutandine e appoggiando una mano sulla pancia di lei le disse:
Tu metti le gambe a ranocchia.
Fece un sospiro e chiuse gli occhi, mentre distese un braccio e con l'altro afferrò la mia mano. Lentamente le sfilai le mutandine mentre lei fletteva le gambe, mettendo in evidenza la sua vagina perfettamente depilata come sempre. Vedevo il suo corpo che si rilassava, mentre la sua mano non mollava.la mia.
Lui si avvicinò e passò il dito indicine fra le grandi labbra, lei sobbalzò; lui le disse:
Adesso rilassati, devo sentire l'elasticità del tuo corpo, lei fece si con la testa, tenendo sempre gli occhi chiusi e la mia mano serrata nella sua.
Allora lui accarezzandole nuovamente il ventre le disse:
Facciamo così, io ti tocco lentamente, tu quando ti senti pronta me lo dici, prenditi tutto il tempo che ti serve, in tanto riposizionò il dito sulle ladra della vagina, massaggiando delicatamente il clitoride.
Dopo qualche minuto sentii la sua mano che strinse più la mia, un sottile filo di voce uscì dalle sue labbra, dicendo entra pure.
Vidi il dito sprofondare lentamente, falangia per falangia nella vagina di mia moglie, il dito entro e uscì molto lentamente per tre quattro volte.
Poi all'indice si aggiunse il medio, lentamente incominciarono ad entrare nella vagina allargando un pò più il buco, quando entrarono all'altezza della seconda falangia, mia moglie fece una piccola smorfia, allentando leggermente la presa della mia mano, mentre le dita scivolavano sempre più al suo interno. Io incominciai ad avere un'erezione folle. Le dita entravano e uscivano con molta delicatezza, ma aumentando il ritmo, finché, osservandole non le vidi bagnatissime dagli umori di mia moglie.
I capezzoli erano sempre più turgidi, il suo bacino assecondava le dita che con grande maestria continuavano a solcare il suo ventre.
Lentamente tolse le dita fradice di umori, bagnandosi le altre con umori che erano finiti sul lettino, fece scivolare le dita le une con le altre per lubrificarle bene, mise la mano a cucchiaio e mi guardò, io annuii in silenzio con la testa.
Incominciò quindi a penetrare mia moglie con tutte e quattro le dita.
Mentre le dita entravano in lei, lasciò la mia mano per appoggiare i palmi sul lettino, muovendo il bacino per accogliere le dite dentro di lei.
Incominciò a gemere mentre la mano le dilatava il buco come non avevo mai visto, a metà mano senza aprire gli occhi disse basta mi fame con voce stridula.
Lui le chiese: La tolgo ? no no fai solo piano.
Continuò a masturbarla con delicatezza facendola squirtare più volte.
Poi mi fece cenno di prendere un foulard di seta che avevo al mio fianaco.
Chiese a mia moglie se andava tutto bene e lei sorridendo disse di si.
Allora lui le disse ancora un pò di pazienza e ci siamo, le rispose sempre sorridendo che andava dutto bene.
Le sfilo la mano dalla vagina invitandola a tenere gli occhi chiusi, poi le prese le mani e aiutandola a sedersi sul lettino, me la fece bendare.
Mi disse di accomodarmi sulla poltrona, che avrei dovuto continuare ad aiutarlo.
Mentre mi avvicinavo alla poltrona mi fece cenno di togliermi i pantaloni.
Lo feci velocemente, tante che ero già senza mutande.
Prese la mano di mia moglie e con molta attenzione perchè bendata la accompagno verso di me facendole evitare gli ostacoli.
La girò di spalle rispetto a me e le disse:
Adesso tuo marito te lo mette nel sedere, così controlliamo anche la sua dilatazione.
Lei rispose, si si va benissimo.
Mi fece scivolare un pò avanti sulla poltrona e allargare le gambe, io presi il mio pene in mano e lo indirizzai verso di lei.
La fece sedere lentamente su di me mentre il pene scivolava fra le sue chiappe piene di umori. Arrivai velocemente al suo buco e sentivo la mia cappella entrare in lei, sentivo il suo calore come non mai avevo sentito. Quando il pene aveva trafitto il suo corpo completamente lei si distese con la schiena sul mio petto e incominciammo a limonare.
Lui si spostò e sfilò pantaloni e casacca. Aveva un pene scuro, molto grosso come una bottiglia di acqua da mezzo litro, quello mi ricordava e le arrivava oltre metà coscia.
A quel punto capì cosa voleva fare e sopratutto perchè aveva dilatato così tanto mia moglie.
Si avvicino a noi, che mentre limonavo mia moglie la stavo inculando alla grane e disse continuate pure non fermatevi e tu , riferendosi a mia moglie sei sempre rilassata?
Lei rispose si con un cenno della testa ma continuando a limonare avidamente la mia bocca.Dunque si avvicino e prese prima e poi l'altra gamba di mia moglie e le appoggiò sui braccioli della poltrona,mettendo nuovamente la sua vagina al vento, poi prese il suo enorme pene, lo scappello e usci una cappella scura e venosa, vedevo tutto perfettamente, quella cappella scura stava per entrare nelle vagina bianca di mia moglie. Si avvicinava sempre più, finchè incominciò a penetrala, li per li mia moglie continuò a baciarmi, poi quando quel pene fu per metà nella sua pancia, appoggiò velocemente le braccia sulle sue gambe e smise di baciarmi. Lui incominciò a penetrarla sempre più velocemente ma sempre con metà pene, lei afferro le mie braccia per tenersi. A quel punto lui la penetrò completamente, battendo con le sue palle le mie, vedevo il pene di lui nelle pancia di mia moglie, vedevo la pancia gonfiarsi e sgonfiarsi mentre lui entrava e usciva. A quel punto io non ho più resistito e le sono venuto nel culo copiosamente. Lei sembrava sfinita, lui le tolse il pene da dentro e prendendola letteralmente in braccio, la riporto, sul lettino a pancia molle. Poi si avvicino a me e mi disse visto che è ancora cosi duro perchè non te lo fai succhiare?
Salii su lettino davanti a lei e incomincio a succhiarmi il cazzo. Lui le chiese se poteva continuare a scoparla e lei senza tirare il cazzo fuori dalla bocca disse di si. La fece mettere a pecora e incomincio nuovamente a masturbarla con le dita, facendole credere che da li a poco avrebbe continuato a scoparle la figa, lei succhiava il mio cazzo mettendolo tutto completamente in bocca. Ad un certo punto senti la cappella entrare nel suo buchetto del culo. Lasciò il pene immediatamente, poi incominciò a dire basta, piano, piano mi fa male, basta, ma quel trave entrò inesorabilmente tutto. Dopo qualche colpo riprese a succhiare il mio cazzo. Da li a poco lui ci chiese se mia moglie prendeva la pillola e mia moglie le disse si. Allora lui tolse il suo cazzo dal culo per penetrarla in vagina e al secondo terzo colpo la riempi completamente.
Poi si tolse e andò a vestirsi nuovamente, io in tanto avevo nuovamente voglia di venire ma volevo venirle nella vagina. Chiesi a mia moglie se ce la faceva ancora a farsi montare, e lei con voce fievole mi disse fai cosa vuoi sono esausta.
Scesi da lettino per penetrarla e la trovai in un bagno di sperma, la penetrai anch'io svuotandomi nuovamente le palle. Lui arrivò con dei fazzolettini intimi e la pulimmo e notai che aveva sia il buco della vagina che il culo sfondati.
Mia moglie dormì per un'ora buona mentre noi ci mettemmo in terrazza a chiacchierare.
Quando si svegliò andammo a casa e strada facendo mi disse che al di la del dolore è stata l'esperienza più bella della sua vita.


Questo racconto di è stato letto 1 3 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


guzzon 59racconti erotiiracconti amatoriali per adultiracvonti pornoannunci 69 tradimenticinema porno raccontiracconti gay ragazzistorie porno di tradimentisesso con mio zioincesti gay raccontiracconti schiavo gayracconti vecchie troieraccontieroticimoglie esibizionista raccontimi sono scopato mia sorellaracconti lesbo gratisracconti erotici castrazioneracconti zoofiliamia moglie in toplessgay porno storieracconti car sexincestoxxx.comerotico storiestorie sessracconti porno cornaracconti amatoriali eroticiracconti erotici cornacon mia moglie al cinema pornosi fa scopare dal caneracconti sex gayracconti porno mogli troiestori pornoero raccracconti inceracconti erotici generoeroticraccontistorie di coppiaracconti esibizionistiracconti fendomstorie etoticheinculo mia suoceraracconti hard matureero raccforum femminile raccontistirie pornoincesti familiari gratisracconti cornutierotici raccoracconti erotici trioracconto erosnonno racconti eroticiraconti xxxmasturazioneracconti di coppieincesto con la ziaerotici raccontostorie hot gratisracconti d'incestiracconti etoticiragazza si fa inculare dal caneracconti analracconti eoritciracconti erotici gay eteroracconti car sexracconti dal ginecologoracconti erotici visitalesbiche storieporno molto eccitantistorie porno analespiando mammaracconti hard transracconti erotici pulpracconti erotici di moglii racconti pornoracconti hot gratisdonna scopa un cavallopicchiamelo nel culosuocere che scopano generiracconto incestuosoracconti erotici orgestorie fetishracconto lesbicoracconti di donne inculate