Il ragazzo dal berretto rosso e l'uomo lupo

Scritto da , il 2020-03-25, genere gay

C'era una volta, un bellissimo ragazzo biondo, con gli occhi azzurri, la pelle bianca e glabra, un sorriso perfetto e un corpo molto tonico. Il suo nome era Gabriele ed era bello e raggiante proprio come un angelo. Aveva l'abitudine di indossare un berretto rosso, dono del padre sempre via per lavoro, ed era come se fosse con lui.
Un giorno Gabriele doveva recarsi a casa della nonna per innaffiare le piante dato che lei era partita per un pellegrinaggio con la parrocchia. La giornata era soleggiata ma l'aria di montagna era ancora fresca, perciò Gabriele aveva deciso di fare una bella passeggiata a piedi per raggiungere la meta, verso la periferia del paese.
Adorava quel tragitto perché doveva attraversare il ponte di legno e lui lo faceva camminando sulla balaustra mantenendo l'equilibrio, proprio come stava facendo in quel momento.
All'improvviso una voce gli urlò di stare attento.
Gabriele si spaventò e...purtroppo perse l'equilibrio cadendo nel fiume.
Raggiunse subito la riva e prese la mano tesa in segno di aiuto di colui che riconobbe come l'uomo lupo a cui aveva dedicato tantissime seghe: era conosciuto come quel bruttissimo nomignolo che gli abitanti del paese gli avevano dato per via della folta peluria che ricopriva il suo corpo.
Essendo un falegname stava sostituendo una piccola trave sotto il ponte e si era preoccupato che il ragazzo con quel bel culetto potesse cadere.
Gabriele non aveva molta confidenza verso di lui, ma sapeva che era un uomo gentile e generoso, aveva una bella famiglia ed era sempre ligio nel lavoro; perciò si sentiva di potersi fidare e poi ne era attratto fisicamente.
Dopo avergli detto dov'era diretto, l'uomo lupo si offrì di accompagnarlo e lo invitò a salire sul suo furgoncino.
Il ragazzo obbedì e si ritrovò tutto bagnato, dalla testa ai piedi, seduto accanto all'uomo lupo che così da vicino non l'aveva mai visto: aveva un odore forte di maschio, indossava una salopette di jeans con una bretella staccata che lasciava intravedere un grosso pettorale ricoperto da una folta peluria nera.
Gabriele si stava eccitando per quella situazione che aveva sempre immaginato mentre si masturbava e cercò di nascondere con le mani la sua erezione: ciò non sfuggì all'uomo lupo che sorrise beffardo mentre si toccò la patta, voltandosi nuovamente verso la strada.
Arrivati in casa, come prima cosa Gabriele si recò con permesso nel bagno, non chiudendo la porta perché sperava di farsi guardare dall'uomo lupo, si spogliò rimanendo completamente nudo e cominciò ad asciugarsi i capelli con il fon.
Dallo specchio, il ragazzo notò che l'uomo lupo si palpava il pacco alla vista del suo lato B in bella mostra e cominciò ad aprire sempre di più le gambe lasciando intravedere il suo buco voglioso.
L'uomo lupo cominciò ad avvicinarsi fino ad arrivare alle sue spalle: Gabriele spense il fon e sentì il respiro affannoso di quell'uomo che pareva essersi bloccato, non sapendo se fosse giusto o no andare oltre.
Nello specchio l'uomo lupo vide Gabriele leccarsi le lebbra con la lingua e questo lo mandò così tanto in estasi che le sue possenti mani ruvide dal dorso peloso cominciarono a palpare quel corpo giovane e candido, in attesa di essere profanato.
Nessuno aveva mai toccato in quel modo Gabriele che si calò nelle vesti della preda lasciandosi alla mercé del suo predatore: aveva bisogno di sentirsi desiderato da un uomo, di essere un bocconcino per sfamare le voglie sessuali maschili e soprattutto aveva bisogno di un cazzo in culo.
Non potendo più aspettare, Gabriele prese per mano l'uomo lupo e lo guidò verso la camera da letto della nonna. Una volta dentro, il ragazzo staccò l'altra bretella della salopette che strisciò lungo quel grosso corpo villoso con addosso solo un paio di slip bianchi che facevano fatica a contenere un enorme cazzo.
Gabriele sniffò quegli slip avvertendo un leggero sentore di piscio e cominciò a muovere le labbra lungo tutta quella lunga asta per poi liberarla completamente dal tessuto bianco e infilarsela in bocca.
Quanto gli stava piacendo: succhiava avidamente afferrando le cosce muscolose e molto pelose del suo uomo che gli aveva cinto la testa con mani cercando di farli arrivare il cazzo in gola.
Godevano entrambi fino a quando l'uomo lupo non decise che era arrivato il suo turno: lo posizionò alla pecorina sul letto, gli aprì per bene le gambe e cominciò ad esplorare quel buchetto glabro e voglioso con la sua lingua.
Gabriele si sentì paralizzato dal piacere e la sua eccitazione cresceva ancora di più sentendo l'ispida barba pungergli le chiappe.
Dopo averlo lubrificato per bene, l'uomo lupo cominciò a spingere la sua enorme cappella nel buco di quel fantastico culo, usando allo stesso tempo molta accortezza.
Il ragazzo vide le stelle dal dolore ma non volle che l'uomo si fermasse perché stava subentrando un piacere immenso: il cazzo era tutto dentro e l'uomo lupo alternava momenti di penetrazione veloci ad altri più lenti.
Entrambi godevano come maiali perché finalmente uno aveva l'enorme cazzo in culo dell'uomo a cui pensava mentre si masturbava e l'altro poteva scopare quel culo così voglioso non immaginandolo più al posto della fica di sua moglie.
Il tutto andò avanti per una buona ventina di minuti nei quali più e più volte l'uomo lupo aveva cercato di contenere il suo orgasmo perché voleva continuare a godere di quel momento senza che finisse mai, ma non ci riuscì più...
Getti caldi di sborra inondarono l'interno del buco mentre quel grosso corpo peloso cadde sulla schiena del ragazzo costringendolo a giacere inerme sul letto.
Ansimavano entrambi pur avendo goduto allo stesso tempo ma non allo stesso modo e dopo aver incrociato gli sguardi, si scambiarono un profondo bacio appassionato.
Furono interrotti dal bussare di una mano sul vetro della finestra: era un cacciatore di ritorno dal bosco che aveva assistito alla scena.
Chissà se avrà o no partecipato subito dopo.

Questo racconto di è stato letto 6 1 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconto erotico gayracconti porno di donne maturerotta in culo raccontiracconti erotici gloryholestorie bisexracconti porno estremoraccontii eroticiracconti porno orgequella porca di mia cuginaracconti erotici cognatilettere incestoscopate storieraccontierticiraccontieroticoracconti roticiracconti tradimenti eroticiracconti incincesti veri raccontistorie eroricheracconti femdomracconti erotici gay incestoracconti tettonaracconti mamma e figliotacconti eroticiraccontj eroticiracconti porno suocerezia troia raccontiracconti porno anzianiracconti di sesso incestoracconti erotici-annunci69.itracconyi pornoi raccomti di miluracconti erotici con vecchieracconti erotici di milùracconti erroticiracconti erotici giochiracconti:eroticiracconti erotici zoofiliaracconti di scambio coppiaracconti porcelliracxonti eroticii racconti di milu'storie pornperotici raccpntiracconti gay camionistiracconti sesso con animalile tette di mia cuginaraccoonti eroticischiavo di mia ziaracconti porno scambio di coppiaa69 raccracconti erotici bendataeroticiracconti.itforum al femminile racconti eroticiracconto erotico ziaracconti erotuciconfessioni eroticheracconti icestoracconti erotici verginestorie cucksesso di gruppo raccontiseghe tra cuginiraccontierotici 69mamma mi fai un pompinoracconti piediniracconti con donne maturerracconti eroticistrorie pornoracconti erotici vecchialetture erotiche gratisracconti erotici di transerotici raccomtistorie eroricheracconti suocerorqcconti pornoracconto massaggiovideo racconti hardracconti animal sexpiccanti raccontitacconti eroticiracconti porno analiracconti porno sottomessaracconti porno mogli troiesesso con mio zioracconti erotici con nonna