Nonne vacche 4

Scritto da , il 2020-03-25, genere incesti

Dobbiamo agire con astuzia.
Zia Olga, come mi aveva promesso, ha invitato per una sana lesbicata la “Ciuciu”, vero nome Agostina, 55 anni, perpetua del parroco per lavoro e porca per vocazione.
Nonna ci ha lasciato la casa vuota e ha detto che andava a casa della sua amica Alma, immagino a fare sesso, visto quanto sono porche. Io mi sono imboscato in camera mia perché è necessario che Agostina pensi di essere sola con zia.
Sento aprire il cancello quando arriva e sbircio dalla finestra. Agostina ha i capelli grigi, bassina, praticamente un tronco con le tette e il culo. Il vestire da maschio non aiuta molto a immaginarla come oggetto sessuale ma poco importa. Forse è più la soddisfazione di poterla trombare che il gusto di farlo.
Faccio silenzio, la lascio parlare con zia fin che non le sento salire le scale. La porta della camera di Olga si apre e subito si richiude.
Aspetto ancora un attimo immaginando che le due si stiano spogliando poi, nudo, esco e piano piano sbircio dalla serratura.
Come immaginavo sono sul letto. Non vedo gran che ma basta per ammirare Agostina a pecorina e mia zia dietro che la monta col suo straphon.
La sento genere. “Porco d.... Porca mad.....”.
Mi viene quasi da ridere. La perpetua quando gode bestemmia. Chissà se il prete lo sa.
Mia zia ha i suoi anni e la sua stazza ma devo dire che il maschio lo fa davvero bene. Col suo straphon la monta che è un piacere e sento i sonori schiaffi che le da sul culo di tanto in tanto “Godi troia.... godi....” mugugna zia.
Si sentono altre bestemmie accompagnate da urla acute e sono quasi certo che Agostina è venuta.
Zia si alza dal suo culo, sfila lo straphon e si avvicina alla bocca. Ora vedo la Ciuciu succhiare distintamente il cazzo di lattice. Zia le tiene la testa salda e sembra che le dia il ritmo muovendo avanti e indietro la sua testa.
Come sempre, nei rapporti saffici, zia è una dominatrice e devo dire che la cosa mi eccita molto.
Quando decide che è abbastanza si alza e da uno schiaffo ad Agostina. “Resta ferma così vacca!” ordina.
La donna obbedisce senza fare obiezioni. È davvero la sua schiava.
Lesta zia si avvicina alla porta, la apre già sapendo che sono lì pronto e duro. Non dice nulla ma fa solo un cenno con la testa di avvicinarmi. A me tanto basta per capire che posso passare all’azione. Silenzioso mi avvicino al letto e prima che la donna capisca che non sono più sole sono già alle sue spalle. Giusto uno sputo di saliva sul cazzo e sono operativo.
Sento la fica della befana aprirsi al mio cazzo. Lei percepisce il calore di un pene vero e capisce. Prova a balbettare “Ei ma cosa....” ma zia le ha già afferrato i capelli con la mano “Zitta porca... zitta e godi”.
Io incentivato da zia spingo fin che non sento i coglioni sulle labbra della vagina di Agostina. Certo di averlo tutto dentro prendo a montarla come un pazzo quasi dovessi farlo uscire dalla bocca.
“Ti pace il cazzo di mio nipote porcona?”.
“O si, o si è bellissimo, si mi piace” risponde sommessa Agostina.
Quando sono soddisfatto lo sfilo e senza troppi preamboli cambio buco.
Il culo un po’ peloso di Agostina non è certo una bellezza ma il sonoro SPRONG! quando glielo sfondo è davvero una soddisfazione. Non era propriamente vergine ma diciamo che larghi come il mio non ne ha presi tanti...
“Aia.... Porco D. che male, Porca Mad... mi spacchi in due bastardo di D.” urla la vecchia.
Zia la guarda, le accarezza il viso e se la ride divertita.
Agostina quasi piange dal dolore ma io non mollo e la sbatto forte in equilibrio sulle ginocchia cingo al suo culo come se montassi una mucca.
“Non resisto.... non resisto.... esci per favore.... non resisto” urla a un certo punto.
“Meglio che esci” dice zia guardandomi.
Io obbedisco e faccio appena in tempo. Tanto che ho levato il cazzo che un sonoro trombone tuona dalle sue chiappe.
La guardiamo. Non ha solo scoreggiato, si sta cagando addosso....
Si mette una mano sul culo mentre quella schifosa roba marrone le cola molle e puzzolente dal culo. Cerca di alzarsi. La merda le cola sulle gambe e fa davvero schifo.
“Il bagno e di la scoreggiona” dice zia.
La vacca cerca di arrivarci a passo lesto mentre altre trombette le escono dall’ano facendo da colonna sonora alla camminata.
Zia mi guarda, io guardo lei e ridiamo. “Meglio aprire una finestra e cambiare le lenzuola. Io ci devo dormire in questa stanza” dice zia.
In effetti c’è una puzza di merda che sembra una stalla.

Quando Agostina torna dopo una doccia completa noi abbiamo pulito e deodorato tutto per bene.
Zia ha ancora lo straphon legato sulla figa e io il cazzo parecchio duro.
“Allora scoreggiona hai fatto?” chiede secca la zia.
Lei annuisce.
“Quando si fanno certe cose meglio essere a stomaco vuoto” dico io.
La donna annuisce. È la prima volta che mi guarda in faccia da quando l’ho scopata. Ora che vede coi suoi occhi che cazzo le ho messo nella pancia e nel culo sgrana gli occhi.
“Madonna che attrezzo!” sbotta.
“Adesso vedrai cosa ti fa con l’attrezzo” ridacchia zia.
Zia la fa sdraiare su di me. Ho a portata di mano le sue piccole tette che comunque strizzo con piacere mentre sento la sua fica avvolgere la mia cappella vogliosa.
“Ummm così lo sento tutto. O si...” geme.
Ma non è finita perché subito zia si mette alle sue spalle “Hai lavato bene il culo cagona?”.
“O si, si” geme Agostina.
“Col dito ben bene insaponato nel culo spero. Non voglio sporcarmi con la tua merda capito!” dice zia mentre le da altri sonori schiaffi sui glutei.
Noto che ad Agostina piace molto perché ad ogni colpo contrae la fica dandomi lunghe e piacevoli scosse che mi fanno godere ancor di più.
Senza perdere altro tempo zia, come fosse una spada, le pianta lo straphon in culo e spinge. Un unico colpo secco.
Agostina caccia un urlo che forse si sente fino in chiesa.
“Porco D. mi apri in due!”.
“E non è quello che vuoi baldracca” dice zia mentre inizia a muoverglielo su e giù dentro al culo dando il ritmo alla nostra chiavata.
Agostina con quei due attrezzi nei buchi sta godendo come una pazza e più gode più bestemmia.
Zia gli da degli schiaffi sul culo sempre più forte e alla fine la donna si ritroverà col culo rosso come un pomodoro ma non sembra che le spiaccia, anzi, sembra che adori il dolore tanto che a un certo punto sentendo che le sto leccando i capezzoli mi dici “mordimi”.
“Cosa”.
“Mordimi le tette porcodd....” blatera.
Io lo faccio, mordicchio un po’ ma a lei non basta “Staccamelo a morsi, staccamelo” mi incita lei.
Non riesco ad arrivare a tanto e poi il sangue mi fa pure impressione, si deve accontentare dei miei pallidi morsetti e degli schiaffi sui glutei.
Quando ha più o meno tirato giù tutti i santi del paradiso venendo un numero incommensurabile di volte mi svuoto anche io.
Speriamo sia in menopausa penso prima di aprire i tubi e allagarla ben bene.

Una volta rivestita con pantaloni cachi e una felpa sembra di nuovo il maschio inchiavabile che ho sempre visto in chiesa. Ora però zoppica e sembra quasi faccia fatica a stare seduta.
Si massaggia vistosamente il culo mentre io ancora nudo mi rinfresco bevendo una birra.
“Ti faccio un caffè?” chiede zia che sta lavando il suo straphon nel lavandino.
“No, no meglio che vado. Tra un’ora ho le prove del coro” e subito le scappa ancora una scoreggia.
“A devi suonare il trombone” ride zia.
Agostina arrossisce “Scusatemi. Forse non ho digerito” balbetta.
“Bisognerà cambiarti il soprannome da Ciuciu a Scoreggiona” ride ancora zia.
La donna mortificata abbassa la testa poi si avvicina a mia zia, la bacia in bocca con affetto. “Grazie” sussurra e se ne va.

“Pazzesco zia. L'hai insultata, scopata, inculata e menata e lei ti dice pure grazie”.
“Le masochiste sono così. Godono se le tratti male” dice lei.
“Non so. Io non riesco tanto a dare dolore. Al massimo un po’ nel culo quando le apro ma non so se riuscirei a menare una donna”.
“Meglio per te” annuisce lei “comunque con Agostina resta sempre tutto a livello di gioco. Probabilmente il suo essere così superba e dominante in chiesa ha bisogno di essere compensato facendosi sottomettere nel modo peggiore”.
“E hai sentito quante bestemmie. Dovrà dire rosari per dieci anni mi sa”.
Ridiamo di nuovo.

Proprio in quel momento arriva mia nonna Norma. La guardo. È in gonna nera e camicetta bianca con le calze color carne e un minimo di tacchi ai piedi.
Vede che io e Olga siamo nudi e vede anche il cazzo di gomma lavato e pulito che asciuga sul lavello accanto alle tazze da caffè.
“A bene, avete fatto una bella festa alla Ciuciu immagino”.
Io mi avvicino, allungo una mano e vado dritto sotto alla sua gonna. La fica è bella umida”.
“Anche tu mi sembra. Qui c’è ancora la saliva di Alma secondo me”.
Nonna ride e non nega. In fondo è giusto cosi. Tutti dobbiamo godere”.
“A proposito, Alma ha chiesto quando vai a dormire da lei”.
“Ha sempre voglia quella maiala” mormora Olga.
“Solo lei?” ribatte nonna. Le due sorelle si guardano e ridono a tutta bocca.
“A proposto di voglia di cazzo. Ieri ha chiamato tua madre. Dice che ora convive con un Australiano e forse più avanti lo sposerà” mi dice nonna.
Non riesco a dire se parlare di voglia di cazzo parlando di mamma mi dia fastidio, rabbia o piacere. Certo mi sento sempre più abbandonato da lei e questo mi fa male, molto male.
“Scusa caro ma dovevo dirtelo prima o poi” mi accarezza nonna.
“Si, si non preoccuparti sto bene”.
Lei approfittando che sono nudo mi mette una mano sul cazzo e inizia a segarmi “Su stai tranquillo che adesso ci pensa la tua nonnina a ridarti il buon umore” dice mentre sapientemente si fa indurire il mio attrezzo fra le mani.
Ci spostiamo sul divano in salotto, mi sdraio e nonna levata la camicetta e liberate le tettone inizia a farmi un pompino alla spagnola che è la fine del mondo.
A un certo punto alzo la testa. Sopra alla porta è appesa una foto di nonna con mia madre e le altre sue sorelle abbracciate nel cortile di casa. Guardo la foto, in particolare il viso di mia madre e il piacere del cazzo fra le tette di nonna aumenta.
Lei sente che la cappella si sta gonfiando e con una mano mi stringe i coglioni massaggiandoli un po’.
Di nuovo guardo il viso di mia madre Angelica nella foto e godo...
“Eccolo che fa la sua bella sborratona” sorride nonna e si da da fare a leccare tutto.
Guardi ancora la foto di mamma e, forse, adesso, mi sto vergognando anche un po’....

Questo racconto di è stato letto 1 6 4 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti sesso sfrenatoracconti erotici nonna e nipoteracconti fetisherotici racconti 69eroticiracontiracconti di culi sfondatistorie erotichgeniv raccontimi sono scopato mia figliaracconti di mia moglieracconti oornoracconti a luci rosseracconti di mariti cornutilettere di coppieincesti nonne nipotiscanbio coppieracconti eteroracconti spankingannunci 69 racconti gayracconti erotici con cognataraccobti eroticiracconti eoriticraconti erotici 69racconti inculataracconti sesso cognataracc pornoculo di mia suoceraraccontierotimilf racconti eroticistorie feticismocane inculatoracconti dal dottoresito racconti eroticistorie femdomsensualissima passionestotie pornoracconti veri di tradimenti coniugaliracconti padrona schiavoracconti veri gayconfessionale eroticoraccontini eroticistorie hot gratisstorie potnoracc di miluraccont eroticraccontu eroticiracconti erotici in busracconti veri di sessoraccomti eroticiracconti di minuracconti eroticviracconti 69 eroticiracconti reoticiracconti puttaneracconti molto pornosrorie pornorqcconti pornoracconti di bullmia figlia mi fa un pompinoracconti di moglistoria porno italianoraccontini eroticiracconti erotici sui piediracconti eroticvistorie suoceraarrizzacazziracconti piedi femminilistorie cukoldavventure matureracconti tradimenti annunci 69