Vecchie emozioni che ritornano

Scritto da , il 2020-03-24, genere tradimenti

Mi chiamo Lavinia, ho 45 anni e convivo con il mio compagno Armando, 57. Ci siamo conosciuti 8 anni fa quando i nostri rispettivi matrimoni erano ormai naufragati e da allora stiamo insieme. Armando è sempre stato un gentiluomo e non ci ho messo molto ad innamorarmi di lui, ma negli ultimi due anni il mio sentimento si è affievolito, soprattutto perché lui ha perso lo smalto che lo contraddistingueva diventando sempre più indolente e pigro. E me ne sto accorgendo sempre di più in questi giorni in cui non si scolla dal divano e in cui non riusciamo a condividere alcuna attività insieme. Per fortuna con noi adesso c’è suo figlio Marco, 25 anni, studente universitario, che a causa del brutto momento che stiamo passando in Italia è rimasto ‘’bloccato’’ da noi. Di questo sono molto contenta, Marco è un ragazzo davvero speciale, gentile, premuroso, che mi ha accolta subito come un’amica, accettando con grande maturità la separazione dei suoi. Abbiamo anche una grande passione in comune: il running, entrambi, seppur in categorie e comuni diversi, partecipiamo spesso a delle gare amatoriali. Per questo, visto il divieto di attività all’aria aperta, il giorno, dopo che ha finito di seguire le sue lezioni online, ci mettiamo in salotto, dove abbiamo creato la nostra ‘’zona fitness’’. Ci alleniamo, parliamo e scherziamo, cose che con succedono più col mio compagno.
È iniziato tutto poche sere fa. Erano le 21:30 e Armando già si era addormentato sul divano, così passando davanti la camera di Marco vidi che stava guardando una serie tv. Gli chiesi se potessi mettermi lì con lui a guardarla visto che suo padre era già nel mondo dei sogni e lui accettò più che volentieri. La trama era talmente avvincente che finita una puntata ne iniziammo subito un’altra. Quando cambiai posizione mettendomi su un fianco lui fece lo stesso, i nostri corpi erano a contatto. In poco tempo il suo pacco iniziò a premere contro il mio fondoschiena. Ce l’aveva duro.
Mi voltai verso di lui. ‘’Che sta succedendo Marco?’’ gli chiesi sorpresa. Lui mi fissò, afferrò la mia mano e la portò sul suo pacco. Non riuscii a opporre resistenza.
‘’Lavi non riesco più a nascondermi..’’ disse prima di poggiare le sue labbra sulle mie. Iniziammo a scambiarci dei baci, senza lingua, ma le nostre labbra non ne volevano sapere di staccarsi le une dalle altre. La sua mano continuava a tenere la mia bloccata sul suo pacco gonfio.
‘’Lo senti quanto ti desidero?’’ mi chiese. E come se lo sentivo. La sua erezione era notevole. E me ne resi conto ancora di più quando lui si calò gli slip e mi ritrovai a stringere il suo arnese. Non riuscii ad oppormi e iniziai a fargli una sega.
‘’Marco è una follia..’’ l’unica cosa che riuscii a dirgli senza riuscire a fermare la mia mano.
‘’Non ti fermare..’’ sussurrò lui.
Mi voltai verso di lui e cambiai mano. Era davvero dotato, il paragone con suo padre o anche il mio ex marito era imbarazzante. Poi inutile nasconderlo, Marco non era solo il figlio del mio compagno, tra noi col tempo si era creato qualcosa anche se non immaginavo che potessimo giungere a questo punto. Ma adesso tutto era uscito allo scoperto.
Entrammo dentro le coperte e continuai a fargli una sega. Gli feci degli apprezzamenti sulle dimensioni che lui gradì. Di solito preferisco non dare queste soddisfazioni agli uomini ma in questo caso non potei farne a meno. Per circa dieci minuti la mia mano non si fermò e quando lui fu sul punto di venire, scostò le coperte e schizzò prepotentemente più volte. Il suo sperma finì sul letto, sulla sua maglia e infine ricoprì tutta la mia mano.
Andai in bagno a pulirmi, lui mi raggiunse e mi abbracciò da dietro.
’’Dimmi che non finisce qui..’’ mi disse.
‘‘Dobbiamo stare attenti Marco..’’ gli risposi, era salita in me molta ansia e paura.
Lui mi portò verso di sè e stavolta ci scambiammo un bacio con la lingua lungo e intenso.
Quella sera non riuscii ad addormentarmi, troppi erano i sensi di colpa. Avevamo commesso un errore enorme ma ormai non si poteva tornare indietro. Decisi che l’indomani avrei messo in chiaro le cose e avrei stroncato sul nascere questo rapporto.

Ma non fu così e il giorno dopo ci cascammo di nuovo.
Ero appena uscita dalla doccia, coperta solo da un asciugamano, Armando stava facendo dei lavoretti in giardino e Marco era in camera sua. Iniziai ad asciugarmi i capelli e il rumore del phon non mi permise di sentirlo quando entrò in bagno. Quando lo vidi ebbi un sussulto. Posai il phon sul mobiletto.
‘’Che ci fai qui?’’ gli chiesi stizzita.
‘’Lo sai..’’ mi prese per la nuca portando il mio volto contro il suo. Ci baciammo di nuovo. Dopo che le nostre lingue si furono intrecciate per un po’ interruppi quel bacio.
‘’Se arriva tuo padre siamo morti, basta così’’ gli dissi.
‘’Vieni con me’’ afferrò la mia mano e mi portò in camera sua.
Ci sedemmo sul bordo del letto e riprendemmo a baciarci. In poco tempo il suo arnese fu di nuovo nella mia mano e iniziai a fargli una sega come la sera precedente. Stavolta però lui non rimase passivo, allentò la presa dell’asciugamano con cui ero coperta e scoprì il mio piccolo seno (ho una seconda). La sua lingua fu presto sui miei capezzoli. Li leccò con maestria fino a farli indurire: non sentivo quei brividi da tempo e lo esortai a continuare. La sua mano poi risalì sulle mie cosce sotto l’asciugamano arrivando fino alla patata. Poco prima in doccia avevo sistemato i peli, togliendo con la lametta la ricrescita e lasciando il solito triangolo. Le sue dita iniziarono a massaggiarla e non riuscii a nascondere i miei gemiti di piacere. Mi sentivo una ventenne.
‘’LAVINIA!’’ proprio sul più bello sentii la voce di Armando chiamarmi dalle scale. Mi risistemai in pochi secondi e presa dall’agitazione uscii dalla stanza di Marco e gli risposi. Aveva bisogno di un aiuto in giardino ma vedendomi in asciugamano mi disse di dire a Marco di andare ad aiutarlo. Non si accorse di nulla. Tornai in bagno e finii di asciugarmi i capelli.

La sera stessa, durante la cena, io e Marco ci scambiammo degli sguardi maliziosi e entrambi già pensavamo al dopo, ma Armando mi propose di guardare un film con lui e non potei dirgli di no. Ovviamente Armando fu preso dal sonno e a metà se ne andò a letto lasciandomi sul divano. Dopo circa mezzora il mio telefono vibrò.
era Marco che mi aveva scritto dalla sua stanza.
Lasciai il televisore e la luce accesa, attraversai la casa fino alla camera di Marco. Era illuminata solo dal paralume del comò e lui era sotto le coperte. Quando mi vide, tirò giù il piumone per farmi entrare. Non indossava niente sotto e il suo arnese era già in tiro.
Entrai nel suo letto e non perdemmo tempo. Lui mi sfilò i pantaloni del pigiama e le mutandine, andò sotto le coperte e la sua bocca fu presto sulla mia patata. Nessuno mi praticava il sesso orale da anni e mi bagnai in men che non si dica.
‘’Oddio Marco sei pazzo..’’ gli dissi.
Sentivo la sua lingua muoversi in tutte le direzioni. Scostai il piumone del letto, volevo vederlo. Le sue mani tenevano ben salde le mie cosce e la sua lingua non accennava a frenare. Beati i giovani.
Quando il mio ansimare si fece più intenso lui si alzò ad accostare la porta, tornò sul letto e si mise in ginocchio accanto a me. Iniziò a giocare con le dita con la mia patata e il suo membro era davvero vicino al mio volto. Sapevo quello che voleva. Gli baciai la zona addominale scendendo lentamente. Quando fui vicina al suo cazzo sentii la sua mano poggiarsi sulla mia nuca delicatamente.
‘’Si Lavi si..’’ sussurrò a bassa voce.
Le mie labbra furono a contatto con la sua grossa cappella e tirai fuori la lingua. Mi lasciai andare definitivamente. Mi gustai ogni centimetro con la lingua e quando sentii la sua mano premere leggermente sulla mia nuca accolsi il suo membro nella mia bocca. Lui si lasciò andare sul letto ed io mi misi nella posizione della pecorina per fargli un pompino.
Sentire quel cazzo nella mia bocca mi provocò delle sensazioni incredibili e a lui stava piacendo da morire. Alzai lo sguardo e vidi che si era abbandonato sul cuscino guardando il soffitto con la bocca aperta dal godimento. Vederlo godere così mi soddisfò lo ammetto: non mi ero dimenticata come far godere un uomo. Continuai a succhiarglielo. Me lo gustavo tutto ma mi era impossibile farlo entrare tutto in bocca, in ogni caso lui continuava a godere.
Ad un certo punto lo sentii cercare qualcosa nel comò. Tirò fuori un preservativo.
‘’Lo voglio Lavi..’’ mi disse.
Non gli dissi di no. Se lo mise, spense la luce del comò e io salii sopra di lui. Presi il suo cazzo e lo indirizzai sulla mia patata. Lui iniziò a spingerlo piano piano e presto fu dentro di me.
‘’Ahhh Marco.. Marco…’’ una goduria incredibile.
‘’Sei mia Lavi.. sei mia’’ mi disse dopo avermi afferrato per i fianchi e aver aumentato il ritmo.
Non riuscivo a nascondere i miei gemiti e avevo paura che Armando apparisse da un momento all’altro. Ma Marco era troppo bravo e lasciai andare i miei pensieri.
‘’Quanto sei grosso Marco’’ gli dissi mentre mi penetrava intensamente.
‘’Lavi così mi fai venire..’’ mi disse.
‘’E te fai venire me..’’
Adesso iniziai io a dettare il ritmo, lo cavalcai godendomi ogni centimetro del suo arnese. Andai avanti per circa dieci minuti fino a quando lui esplose. Gli tolsi il preservativo, glielo presi in mano e lui schizzò arrivando fino al mio seno. Il suo sperma scese lungo tutto il mio addome.
Ero sfinita e mi sdraiai di fianco a lui. Ci facemmo dei complimenti reciproci, scherzando maliziosamente.

E questo è stato solo l’inizio della nostra avventura.

Questo racconto di è stato letto 1 5 6 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti gay stuproracconti maritoracconti incestoracconti sodomiaeroticiraccontiracconti gay pornracconti sex 69storie erticheesibizioniste al ristoranteracconti erotici bullstorie ornostorie di mogli che tradisconomamma guardonaurgulonracc erotracco.ti eroticistorie di sesso in ufficioracc0nti eroticiracconti erotici dominazionecornuti e guardoniracconti sexiracconti deflorazionestorie fetish piediraccobti eroticiracconti erotici anzianoracconti umiliazioneracconti sesso animaliracconti erotici sesso analestorie erotiche miluracconti incestuosi veriracconti eccitantiracconti erotici generestorie porno a fumettiannunci incestosottomessa raccontiracconti pprnoraccontieroticidiguzzon59racconti erotici.comstorie ornoracconti genivdottoressa vogliosaracconti sexracconti erotcieros raccontiracconti zoofiliaracconti eros gratisracconti incrstiracconti erotici mammeracconti cuckholdracconti erotocoracconti mogli porcheprima esperienza con transgeneri dei racconti eroticistorie di sesso con suoceramoglie e marito bisexracconti erotici fumettiracconto cuginatorie pornoracconti erotici sorellaracconti roticimilf racconti eroticierotici raccontoraccontiscambistiracconti sexy gratisstorie erotiracconti sculacciataracconti con la ziaerticiracconticrossdresser storiezie incestuosea 69 racconti eroticiracconti erotici gay prima voltagisella donadoni sposataerositaliaracconti erotici onlineraccontihot