Mio cugino: incontro con Ahmed e Omar

Scritto da , il 2020-03-24, genere bisex


Quella notte dormimmo profondamente, dopo le cavalcate del pomeriggio eravamo entrambi stanchi, mi risvegliò al mattino Giorgio, “dai che a momenti arriva l’idraulico” ci lavammo insieme nella doccia scherzando con i nostri sessi, non ci fu tempo di poter scopare perché era arrivato il tecnico, riuscimmo ad asciugarci e vestirci e poi mi avviai verso la fattoria. Vi giunsi dopo circa 20 minuti di camminata sotto il primo sole che già picchiava forte, non vedevo nessuno in giro ma sentivo voci provenire dal corridoio della scuderia dove vi erano i box con i cavalli, dalle aperture del box i grossi stalloni mi fissavano incuriositi, chiamai Ahmed senza risposta poi sentii dei rumori come di attrezzi in un box in fondo, mi avvicinai e nella penombra scorsi il mio amico Ahmed a torso nudo insieme ad un ragazzone di colore molto più scuro di pelle, quasi ebano che spalavano letame, l’odore mi prendeva alla gola ma ero li per incontrarli ed ero soprattutto curioso, i due staccarono dal lavoro fissandomi Ahmed in controluce non mi aveva riconosciuto poi sorridendo mi venne incontro “ecco arrivato” disse “ è da stamattina alle 5 che siamo qui al lavoro e abbiamo bisogno di riposarci” mi prese per il polso presentandomi “Omar questo è Tony, cugino di Giorgio, è un amico!”, Omar mi guardava fisso mentre con una mano si aggiustava il “pacco” nei pantaloni, questo gesto mi spinse a fissare il grosso bozzo che appariva nella patta, Ahmed si accorse del mio sguardo e rivolto a Omar disse delle parole in arabo che non capii ma intuii perché Omar rise forte fissandomi, cosa che mi fece arrossire ma nello stesso tempo eccitare. Si scambiarono ancora delle parole e poi Ahmed mi spiegò che dovevano preparare una cavalla alla monta, mi avrebbero fatto vedere cosa avrebbero fatto e poi potevamo fare una pausa tutti insieme. Sul significato della pausa non avevo dubbi poiché i due si scambiarono uno sguardo malizioso. Il mio amico mi condusse in uno spiazzo adiacente alla scuderia dove si affacciavano dei box vuoti, mi guidò in uno di questi pregandomi di restare li a guardare perché lo stallone sarebbe stato nervoso e rischiavo di potermi fare male, Omar aveva portato nello spiazzo una giumenta e la legò ad un grosso anello, poi rientrò nella scuderia per condurre fuori uno stallone dal manto nero, alto e imponente, le narici aperte ad annusare l’odore della cavalla in calore, appena lo percepì in mezzo alle zampe posteriori si materializzò un batacchio enorme lungo e umido, Ahmed venne dentro il box dov’ero io mentre Omar con maestria guidava lo stallone nella monta. Ero così preso dallo spettacolo per me inusuale che mi accorsi dopo che Ahmed era dietro a me con le braghe calate e il suo membro che in rapporto non aveva nulla da invidiare a quello dello stallone in tiro, “che fai?” chiesi in tono debole più per contegno che per convinzione “stallone monta cavalla fuori e stallone monta troietta qui”, gli sorrisi mentre mi calavo i calzoncini mostrandogli le terga, Ahmed si insalivò le dita per saggiare la dilatazione del mio ano, soddisfatto appoggiò la cappella ma non mi spingeva, io intanto mi ero appoggiato alla porta del box e guardavo fuori: Lo stallone era salito sulla cavalla ma il grosso cazzo non aveva ancora trovato la figa, Omar con una mano lo guidò dentro e il grosso cavallo spinse cominciando a scopare la giumenta, contemporaneamente Ahmed si spinse dentro di me tutto il suo enorme e mostruoso pisello, me lo sentii arrivare fino agli intestini, gemetti di piacere “mmmmm…. Fottimi” dissi, e lui “si troietta, ti fotto il culo” e stantuffò dentro tutta la sua carica erotica, fuori lo stallone dopo una serie di spinte aveva eiaculato, soddisfatto smontò dalla giumenta con il grosso membro che sembrava un trombone gocciolante di sperma, Omar lo ricondusse verso il box e lanciò uno sguardo verso di noi, si scambiò un cenno con l'amico che stava ancora scopandomi e scomparve nella scuderia. Ahmed aveva rallentato il ritmo, di tanto in tanto si fermava, lo tirava fuori e poi di nuovo dentro, era un supplizio piacevole, vidi di nuovo Omar uscire nello spiazzo per prendere la giumenta e lasciarla libera in un recinto li vicino e poi avvicinarsi a noi. Mi dimenavo sotto le spinte del mio amante mentre Omar entrava anche lui nel box, non mi sentivo imbarazzato forse perché troppo eccitato dalla situazione. Avvicinandosi si tolse i pantaloni e rimasi sorpreso della misura del suo grosso cazzo ancora a riposo: più che lungo era grosso con enormi coglioni pelosi che pendevano sotto, la sua pelle ancora più scura, ne accentuava la dimensione, si toccava mentre guardava l’amico che mi scopava, mi accarezzò le chiappe con fare lascivo, poi la sua grossa e ruvida mano mi toccò un capezzolo, lo strinse provocandomi un lamento di piacere, si abbassò a mordicchiarlo, la ruvidezza delle sue mani mi eccitava, mi passò la mano sul viso, con un dito mi forzò la bocca a farselo succhiare, ero preso dai loro odori forti misti a quelli della stalla, mi salivano alla testa eccitandomi più che disgustarmi. Succhiai avidamente il suo pollice, li sentii scambiarsi ancora delle parole in arabo, Omar rise mentre Ahmed tirò fuori il suo cazzo ancora duro, non aveva goduto ma gli lasciò il posto. Omar mi prese per la vita e mi fece mettere a pecorina sulla paglia fresca, davanti a me Ahmed mi porse il suo grosso arnese “tu succhia che adesso ti fotte Omar e poi sarai la nostra puttanella”, non avevo tempo di reagire che mi trovai la bocca piena di quel cazzo meraviglioso, Omar intanto esplorava il mio ano, prima un dito poi due, soddisfatto della mia dilatazione appoggiò il glande e spinse forte, provai dolore perché era grosso, poi spinsi anch’io come per cagare come mi aveva insegnato Giorgio e percepii la grossa cappella che si faceva strada, si fermò mentre lo sfintere si dilatava come non mai, avevo la sensazione di aver dentro un braccio umano, non riuscivo a muovermi stretto fra quei due cazzi che mi occupavano uno la bocca fino in gola ed uno il culo, Omar si assestò dentro di me per fottermi meglio, le sue spinte si fecero sempre più forti e quasi rabbiose, lo sentivo mugolare forte e anche Ahmed si unì a lui entrambi infoiati di potermi scopare, sborrò per primo Omar che continuò a spingere come se volesse farmi uscire lo sperma dalla bocca poi anche Ahmed mi inondò la bocca e il viso con la sua calda crema, il massaggio prostatico del cazzo di Omar mi provocò un orgasmo e cominciai anch’io a sborrare piccoli schizzi di seme “guarda” disse Ahmed “ la troietta sta godendo tanto con nostri cazzi”, finii di ripulire il membro di Ahmed per poi dedicarmi a quello di Omar, nel passaggio di bocca da un cazzo all’altro ne percepii la differenza sia di volume che di sapore, quello scuro di Omar aveva un afrore ancora più forte ed eccitante, lappai avidamente tutto il loro seme, mentre dal mio buchetto sfondato scorreva un rivolo di sperma misto i miei umori anali. Omar prese una coperta agganciata alla parete, la gettò su delle balle di paglia e mi fece sdraiare sulla schiena, mi allargò le gambe montandomi sopra così che il suo cazzo ancora barzotto si strofinasse al mio “ora io scopare come marito con la moglie” disse ridendo, non era ancora soddisfatto o forse era troppo in astinenza di sesso perché lo strofinio dei due membri lo eccitò di nuovo così che lo aveva nuovamente grosso e duro. Aprii quanto più possibile le gambe così che il mio culetto fosse ancor più aperto, Omar si spostò indietro per assestarsi su di me il cazzo lucido puntato sul mio culo “spingi” gli dissi “vienimi dentro di nuovo” non se lo fece ripetere che mi sfondò ancora una volta, il grosso palo di carne venoso mi arrivò tutto dentro fino a sentire il pelo dei suoi coglioni sulle terga, lo avevo di sopra, con le mani mi immobilizzò le braccia mentre con furia taurina mi montava, mi leccai le labbra e fu per lui come un invito: mi baciò lingua a lingua, di lato a noi Ahmed in piedi che si masturbava “che vacca che sei” mi disse. Avvinsi le gambe al torace di Omar così da sentirlo ancora più dentro, il culo mi bruciava ma era più la goduria che il dolore. Ansimavo forte “siiii, siiii, siiiii, ancora …..” , Omar grugniva, il torace possente sudato per lo sforzo, Ahmed si sistemò meglio sulla balla di fieno trasversalmente al mio viso così che potessi leccargli il cazzo per tutta la lunghezza. Il mio pisello si era ammosciato, capii dopo che era per via del massaggio prostatico, ma sentivo montare il godimento, la situazione di sottomissione poiché ero tenuto bloccato con il grosso Omar sopra e Ahmed che impegnava la mia bocca con il suo membro mi piaceva e eccitava, godetti così di nuovo, cono piccoli schizzi sul mio ventre mentre Omar mi sbatteva sempre più forte, prima di venire, stavolta lo tirò fuori, se lo menò un attimo per schizzarmi sul viso e sul petto, Ahmed si comportò allo stesso modo riempiendomi di calda sborra sulla bocca, tirai fuori la lingua leccando quella crema calda e piacevolmente salata.
Mi lasciarono andar via con la promessa che ci saremmo rivisti presto, per fortuna che dovevano tornare al lavoro perché mi avrebbero tenuto sotto i loro cazzi per tutto il giorno …. E non mi sarebbe dispiaciuto.
Tornato a casa di Giorgio, l’idraulico era già andato via e lo trovai disteso su un lettino prendisole nella veranda, mi buttai sfinito accanto a lui “visto che non c’è nessuno prenderei una tintarella integrale” suggerii e Giorgio mi seguii restando entrambi nudi e distesi a farci accarezzare dai caldi raggi di sole. Giorgio era curioso di saper cosa avessi combinato e appena capì che ero stato una gran maiala mi incitò a raccontargli tutto per filo e per segno, il suo cazzo si eccitò subito e mentre raccontavo se lo menava. Ad un certo punto mi fece mettere a pancia in giù, si posizionò a gambe aperte su di me all’altezza del mio sedere e continuò a masturbarsi eccitato dal mio racconto che finì per schizzarmi anche lui sulle chiappe ……



Questo racconto di è stato letto 1 0 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti anzianeracconti zozzistorie di sesso al cinemaracconti hard con animalierotici raccla monta delle vacche gayracconti erotivistorie di sesso sfrenatoerotociraccontiracconti erotici cunnilingusstorie di mariti guardoniraconti incestostorie feticisteraccontieroa69 raccontifilm porno storie vereracconti eoriciracconti di masturbazionei generi di racconti inceatoiomiluraccontiracconti erotici estremiracconti porno con vecchiestorie vere di incestiracconti porno di mogliracconti porno cuckoldracconti erotici allattamentoragazza scopa con caneerotici raracconti eroticiiracconti gratis gaytacconti gaystorierotichegeneri racconti eroticiracconti erotici cornutiracconti gay stuproracconti gratis eroticiracconti erotici universitaraccontierotmeccanici gayracconti porno freeracconti sottomesso69 raccontistorie eroricheavventure cuckoldincesto 69storie collantracconti eroricistorie vere di sessoracconti erotici sexstorie di mariti guardoniannuncio 69 itracconti erotici zooorge raccontisesso hard con animaliracconti erotici con caniconfessioni cuckletture pornograficheprima volta gay raccontiracconti erotici incesto gayschiave sadomasostorielle pornoporno raccontiannunci 69 tradimentisega al cinema pornomi presti tua moglienonno incula nipote gayesibizioniste in luoghi pubbliciracconti milracconti erotici gratisracconti mogli porchela suocera troiaracconti erotici gay prima voltameccanici gayracconti sex gratisraccontihotscritti pornopiccole trasgressioni storie di vitaconfessionale eroticocerco cazzi