La prima volta II

Scritto da , il 2020-03-24, genere incesti

Appena chiusa la porta alle nostre spalle, CRI mi guarda negli occhi, mi da un leggero bacio sulla guancia, mi strizza l'occhio e se ne va in camera sua. Il tutto in una manciata di secondi e sempre senza dire una sola parola.
D'improvviso mi sento agitato. Comincio a credere d'aver combinato la peggior cazzata della mia vita, della mia carriera di padre; ma se ho sbagliato perché mi ha tenuto permano lungo tutto il tragitto verso casa? Ed il casto bacio con occhiolino annesso cosa significavano? E, ancora, come diavolo dovevo comportarmi adesso?
Con queste domande in testa passo un'altra notte agitata.
Col caffè fumante sul tavolo mi accingo a digitare sul mio PC per sbrigare il lavoro giornaliero; con ancora i pensieri della sera prima mi sono vestito, comodo ma coperto da un paio di pantaloncini jeans ed una polo. Eccola che spunta in sala, splendida nella sua camicia da notte fatta di una leggerissima seta quasi trasparente e, ovviamente, nuda sotto; a pochi passi da me, in piedi si stiracchia, si stropiccia gli occhi coi pugni chiusi e dopo uno sbadiglio con la mano davanti alle labbra mi guarda e sorride, mi raggiunge al tavolo dove lavoro, mi butta le braccia al collo e mi bacia così appassionatamente che il mio cervello va in tilt.
-ciao papino, dormito bene?
-Cri, ma ier...
Non mi fa finire la frase mettendo nuovamente la sue labbra sulle mie e frugando la mia bocca con la sua lingua. Non so come comportarmi. Quasi con incertezza rispondo al suo bacio, la stringo sempre più saldamente a me accarezzando la schiena; in tutto questo lei si è seduta a cavallo delle mie gambe facendo risalire la camicia rimanendo con quella bella fichetta esposta mandando, nuovamente, tutto il mio sangue in trasferta verso la zona pubica. L'erezione è dolorosa per la costrizione dei jeans ma tanto potente che lei se ne accorge, mi guarda negli occhi con un sorrisetto birichino.
-adesso no, papà. Devo andare allo stage e tu, vedo, devi lavorare. Facciamo i bravi adesso.
Si alza dalle mie gambe, mi bacia la guancia e si ritira in camera a prepararsi per uscire.
Ed io lì inebetito e incapace di capirci qualcosa.
Finalmente è il momento di pranzare. Verso le due meno un quarto Cristina varca la soglia di casa, mi saluta e si siede a tavola proprio di fronte a me. Pasteggiamo chiacchierando della mattinata e dei rispettivi lavori ridendo e sorridendo alle reciproche battute.
-papino, è un problema per te se mi metto un po' in libertà anche se siamo a tavola?
-cazzo, tata, sei una testona. Che cosa ti ho detto? Ho detto che sei a casa tua? E allora fai ciò che vuoi, no?
In meno tempo che si possa dire è già in perizzoma e reggiseno, senza scarpe ed un sorriso particolare ad illuminare il volto. Non riesco a connettere. I miei occhi si posano a più riprese su quel seno da tachicardia; i pensieri tornano a quanto accaduto la sera prima, il cazzo mi duole come il mattino e per tutto questo unito alle domande che hanno agitato la mia notte mi sento un po' agitato.
Ci pensa Cri a farmi tornare presente; infatti quando abbiamo finito di pranzare mi dice:
-lo prendiamo in sala il caffè. Lo preparo subito, nel frattempo dimmi cosa stavi per dire stamane.
-stamattina? Aaaah, si.
Mi chiedevo il perché, ieri sera, alla fine hai avuto un atteggiamento contrastante da quelloche abbiamo fatto, tutto qui. Sai, credevo e credo che ho sbagliato qualcosa ma poi hai cambiato dinuovo e sono confuso.
-no, Papi, non hai fatto errori. Ero un po confusa. Ti ho detto di amarti ed è vero; è vero che voglio essere tutta tua ma è anche vero che il rapporto che vorrei con te non è proprio giusto né benvisto e tanto meno legale. Ieri dubitavo se proseguire la strada intrapresa ma adesso so di non poterne fare più a meno; finché potremo sarai l'uomo della mia vita e fica, dopo bho, vedremo.
Il caffè è usciti, le tazzine sul tavolo ma noi ci stavamo fissando negli occhi. Ha ricominciato a baciarmi con la passione di una amante insaziabile; rispondevo con eguale intensità e non smettevamo di toccarti. Mi ha spogliato completamente mentre le sfilavo l'intimo. Inginocchiata davanti a me imbocca il cazzo continuando a guardarmi. Ero talmente eccitato che dopo neanche trenta secondi mi obbligai a farla rialzare per non rischiare di sborrarle in bocca pregiudicando tutto il resto.
La faccio sdraiare sul divano con la testa sul bracciolo e partendo dalla fronte ho percorso tutto il suo corpo con le labbra a baciarle ogni cm della sua pelle. Dalla fronte fino alla bocca per scendere lentamente al seno; prima un capezzolo poi l'altro baciando e leccando tutt'e due quelle splendide tette. Arrivato al ombelico scivolo giù giù fino alle cosce senza sfiorare il pube. Bacini languidi fino alle caviglie e ritorno dirigendomi, assetato, verso il gioiello. Non ho fatto forza nel divaricarle le gambe e con lentezza raggiungo quelle labbra madide di umori pronte a sentirsi 'martoriate'. Una lunga, succosa e bollente leccata di fica la porta ad avere diversi orgasmi.
D'un tratto la mia 'patatina' si divincola, si tira un po' su col Busto e mi afferra per i capelli; mi lecca il mento e la bocca e, poi, mi rovescia al suo posto per ripetere la cavalcata della sera prima. Mi lascerà profondi segni con graffi e morsi. L'orgasmo premeva con forza dai mie coglioni e dopo averglielo detto mi sfilò e senza neanche sfiorarmi la cappella le svuoto una fantastica sborrata sul ventre. Un'ora di questa ginnastica mi ha sconquassato; mi arrendo; lei si sdraia su di me e comincia a coccolarti ed accarezzarti come faccio io con lei e, dolcemente ci assopiamo abbracciati sul divano.


Continua, sempre forse.

Questo racconto di è stato letto 4 9 4 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


erositalia raccontistorie di culoracconti gay sverginatoracconti gratis eroticiracconti porno seghewww iomilumilfomaneracconti erotici coppieracconto erotracconti erotici gay & bisexracconto transracconti lesbo 69mio marito bisexstrorie pornosesso con mio ziogiocare con la sexy sorellastraeracconti eroticiracconti orgasmoracconti mogli pornomariti bsxsesso gay storieracconti di tettonedonne e animali xxxerotici racconti.compompino ad uno sconosciutoragazza scopa col caneracconti lesbo matureracconti erotici per adultistorie di e per adultiracconti erotici adultiracconti erotici xxxracconti d'incestiracconti erotivcistorie di adultiraccnti eroticiracconti gay realistorie di miluracconti erotici nonnastrorie pornoracconti lesbiciracc di miluracconti erotici suoreertici raccontistorielle pornoracxonti eroticiracconti erotici incestuosiracconti erotici generiraccontti eroticirscconti pornoracconti gay la prima voltastorie eroticemilf storiestorir pornoracconti di cuckoldracconto porno gratisstorie per adultistorie analeraccontiscambistiracconti erotici con animalisexi storieracconti primestorieroticheracconti erotici milfracconti muluracconti erotici la prima voltaracconti porno con vecchieracconti di mistressracconti erotici la ziahard raccontiracconti milula moglie eroticaracconti teenracconti erotici fantasyracconti eroticjscopate da canistorie porno di tradimentiracconti erotici vergineracconti umiliazionedottoresse sexracconti trans attivierotici racconti.itracconti erotici chaterotici incestiracconti erotici per tuttidominazione femminile raccontimarito porta moglie alla montaracconti incetuosiracconti erotici zoostorie e racconti eroticiracconti erotici.it