Mia moglie e il Bulletto

Scritto da , il 2020-03-23, genere tradimenti

Per la serie: "Non lo farei mai! Non sono il tipo! Certe cose mi fanno schifo!"
Ecco, così dicono tutte, ma come al solito pensano l'esatto contrario; o forse ne sono convinte, fino a prova contraria. E prima o poi la prova arriva.
Un giorno torna a casa e mi dice: "Oggi, uscita dal lavoro, entro in macchina e un folle con un macchinone colore argento, riflettente come uno specchio, mi si para dietro rombando che doveva passare, maleducato! Hanno i macchinoni e pensano di essere dei Dio in terra!"
Era infastidita alquanto, ma se ormai conosco le donne, e conosco lei, quando si incazzano così è perchè, in fondo in fondo, ne sono attratte. La macchina? l'affronto? L'arroganza? Non so, ma qualcosa le colpisce nell'animo e le si insinua come un tarlo.
Io la assecondo e cerco di sdrammatizzare.
Tre giorni dopo mi ripete la stessa cosa: "Sai, quello stronzo passa tutti i giorni allo stesso orario, sfreccia e strombazza. Tutto perchè hanno il macchinone e devono farsi notare... Chissà chi sarà, almeno si faccia vedere se ne ha le palle! La prossima volta scendo e lo affronto e gli dico prima di tutto di farsi vedere in faccia e non nascondersi dietro un bolide, e poi di darsi una calmata che le strade non sono sue"
Il tutto con fastidio, ma le parole non mentono! La curiosità si sta espandendo nella sua mente, nel corpo, nell'intimo.
Faccio una ricerca e scopro chi è quel tizio: "Sai quel tipo della macchina chi è? Un giovane calciatore di serie B, bosniaco, un pò tamarro, ma forte!" E le invio una foto. "Così almeno lo saprai riconoscere!"
Lei lo guarda curiosa, gli occhi non mentono... "Almeno è un bel ragazzo" dice.
Il giorno dopo, al ritorno dal lavoro: "Oggi l'ho fermato e gliene ho cantate quattro! E' andato via sgommando e infastidito. Che stronzo, mi ha chiamata puttana: "Non rompermi i coglioni, puttana" mi ha detto. Io lo faccio nero!"
Passa qualche giorno e lui si ferma: "Puttana sali che ti scopo un pò, così ti calmi!" Le ha detto! Lei è tornata a casa furiosa. "Bastardo, imbecille, figlio di p...!"
Allora intervengo io: "Sai che devi fare? Sali veramente con lui in macchina, vedi che fa e umilialo facendogli fare qualche figura di merda!" Ovviamente avevo il cazzo in tiro, gonfio e bagnato al pensiero che, invece, lei avrebbe ceduto e scopato davvero come una puttana con lui!
Lei mi ha guardato stranita: "Hai ragione, gliela faccio vedere io!"
"Non letteralmente, spero!" dico io; e scoppiamo a ridere.
Non passano due giorni, che accade. Torna a casa tutta rossa in viso, non mi guarda negli occhi, entra di corsa, fila in bagno, chiude la porta ed esce dopo mezz'ora fresca, profumata nel fisico, ma ancora imbarazzata nell'animo.
"Tutto ok?", le dico. "Si, tutto bene grazie, oggi ho sudato tanto a lavoro e non vedevo l'ora di fare una doccia", dice lei.
Mmmm, qui gatta ci cova. "Si, ho notato che hai fatto tardi". "Un problema a lavoro, briefing urgente per risolverlo, ma niente di grave. Solo due ore in più di lavoro..." ha risposto. DUE ORE.
"Quindi il tipo oggi non l'hai visto, immagino. Sei uscita tardi!"
Arrossisce... Tentenna: "Nnnn...no. Oggi... fortunatamente no!" dice balbettando.
"Va beh, lo affronterai un'altra volta!"
Trascorrono due giorni, il suo rimorso cresce sempre di più, finché la sera mi raggiunge sul divano: "Silver, perdonami. Devo confessarti una cosa. Abbiamo fatto il patto di essere sempre onesti e sinceri. Quel giorno che ho fatto tardi, in verità l'ho incontrato e ho fatto tardi per colpa sua!"
"Ah... E perché mi hai mentito! Sai che non devi farlo, cazzo! Ora ti metti, mi spighi e mi dici tutto!"
"Scendo da lavoro e vado verso la macchina. Sento un forte rombo, è lui che arriva. Faccio finta di niente ma si ferma."
"Allora, troia, hai finito di darmi fastidio? O vuoi che ti faccia calmare io? Se vieni con me non avrai più da ridire, te lo garantisco!"
"Stronzo, scommetto invece che ce l'hai piccolo, e non dureresti neanche tre secondi! Sei un ragazzetto, ci vuol ben altro per me!"
"Ahahah, sei simpatica! Io duro, duro tanto e ce l'ho duro! Vieni con me e non lo dimenticherai mai! Ti pago pure, se vuoi... Puttana!"
"Ma vaffanculo, figlio di puttana che non sei altro! Andiamo che ti faccio vedere io quanto sei coglione. Fammi vedere che sai fare!"
Beh, questo è ciò che è accaduto:
Lui l'ha portata a casa sua, sono saliti, le ha aperto la porta e l'ha sbattuta al muro, con la faccia, i seni il pube premuti verso il muro e lui poggiato col cazzo rivolto al culo. Con il corpo la copriva tutta e la premeva forte. Lei si sentiva dominata, impotente, sottomessa ma al sicuro. Lui ha cominciato a baciarle la nuca mentre con le mani le prendeva le mani e la teneva sempre ferma in quella posizione. Lei sentiva il suo cazzo crescere nei pantaloni... Lo sentiva... Lo sentiva bene! Non era per niente un cazzetto...
Lei si divincola di scatto e o guarda negli occhi con aria di sfida: "Tutto qui?"
Lui la prende in braccio e la porta nella stanza da letto, la butta lì sul suo letto e le si butta sopra immobilizzandola. Le ferma le mani sulla testa con una delle sue, mentre con l'altra comincia a palpare il seno furiosamente. Lei fa per resistere, ma il corpo va per le sue, gli occhi si chiudono, la bocca si schiude e dalla gola esce un primo gemito di piacere... La sicurezza mostrata prima di affrontarlo vacilla sotto gli assalti ai suoi seni, ai baci sul collo, al tocco delle dita sulla pelle della pancia mentre comincia a sfilarle la maglia.
Le alza la maglia e sfila i seni, lasciandoli liberi di mostrarsi imperiosi, turgidi, gonfi di desiderio di essere baciati, leccati, succhiati, straziati.
La libera dall'ingombro degli indumenti e il suo tronco si erge in tutta la sua bellezza. Scende ai piedi del letto e con un colpo le sfila la gonna, poi le mutandine, annusandole godurioso. La lascia in autoreggenti e le lascia le scarpe a spillo ai piedi, proprio come una vera puttana.
Le apre le cosce e si fionda a baciare, leccare e succhiare tutto ciò che usciva liquido dalla sua fica "profumata", come profumata può essere una fica alle tre del pomeriggio, acida ma lubrificata...
Lui mostra di apprezzare il suo sapore, Lei sente la lingua fin dentro...
Lui si alza in ginocchio sul letto, si toglie la camicia mostrando il suo fisico possente, muscoloso, a cui Lei non riesce a dire di no. Si toglie, poi, i jeans assieme alle scarpe e agli slip e lì lei ha un sussulto! Vede quel cazzo in tiro, grosso, dritto! Lui le si avvicina alla bocca, le alza la testa da dietro la nuca e glielo infila in bocca! Lei è in balia, esterrefatta, sbalordita mentre glielo succhia avidamente. Lui le infila tre dita di una mano nella fica e lei mugola di piacere.
Lei non si riconosce: proprio lei che fino a mezz'ora prima peste e corna... Lei, mamma, moglie, donna in carriera, tutta d'un pezzo, lì! con un cazzo in bocca in un letto non suo, in una casa sconosciuta, con le cosce aperte e la mano di un Bulletto che le scopa la vagina e sgrilletta la clitoride...
Lui le tiene la testa con la mano sinistra assecondandole il movimento di un pompino lussurioso, finché, dopo qualche minuto, la lascia, si sposta indietro, la volta di spalle e ficca la lingua tra le natiche, le lecca la fica e il culo alternativamente, le apre la fica con due dita e affonda, poi, il cazzo tutto dentro!
Lei ha un sussulto, emette un gemito strozzato, ma è fradicia e accoglie quel cazzo tutto dentro. Si sente riempita, colma, e lui inizia a scoparla regalandole un vortice di sensazioni dovute alla potenza dei suoi movimenti, al volume e alle dimensioni di quel cazzo che entra ed esce forsennato, alla situazione paradossale, eccitante, erotica che sta vivendo, tra l'altro con un bulletto di almeno venti anni più giovane.
Lui continua scopandola forte... ad ogni movimento in avanti il cazzo le sfonda la cervice, entra nell'utero e lei sussulta... il suo pube sbatte sul culo forte scandendo ogni colpo col classico rumore delle chiavate, accompagnate dal rumore della fica bagnata che gli inonda il cazzo depilato.
Lei ha un orgasmo forte, potente, le tremano le gambe ad ogni colpo, non sa se è il primo, il secondo o cosa... ma viene e gode come una cavalla in calore posseduta dal suo stallone da monta!
Lui non è ancora pago, si toglie e si butta sul letto, facendola salire su di lui. Le ficca dentro il cazzo ancora, facendolo scomparire nella sua pancia attraverso la fessura materna. Lei, inginocchiata, si erge divina, inarca la schiena indietro e offre alla vista di lui un corpo femmineo raro, una pancia sensuale e materna, un seno ancora turgido ma di una quarantenne che ha allattato. Che goduria immaginarla così, mentre comincia a saltare, stavolta lei, su e giù da quel palo infilato nel suo corpo.
Lui le prende i seni e li preme forte, li strizza, li succhia mentre lei ad occhi chiusi si prende tutto quel piacere e viene ancora...
Lui ancora resiste, altro che pivello, la mette giù e si pone sopra di lei, entra ancora e ricomincia a stantuffare su e giù. Lei ora se lo gode anche guarandolo, osservando i suoi giovani muscoli tendersi ogni volta che si allontana e ritorna all'assalto, i suoi pettorali tesi, gli addominali duri e definiti. Con le mani lei gli prende il culo e gli apre le gambe sempre di più, se lo spinge dentro forte. Lo sente sempre più gonfio, vede il suo volto soffrire, lo sente gemere, aumentare il ritmo dei colpi... lo sente dentro, sente il suo odore, sente nelle orecchie il tonfo del corpo di lui sul suo pube, un crescendo di piacere, di calore finché lui caccia un urlo animalesco, e continua a sbattere sempre più forte mentre le sborra nella fica quanta più ne ha. Lei è accalorata in volto, sudata, ma ancor più caldo sente nell'utero, sente il suo seme caldo dentro di sé. Si, perché in tutto questo di preservativi non se ne è vista l'ombra, né sono stati cercati o chiesti dall'uno o dall'altra.
Continua a starle dentro per qualche minuto, buttato su di lei respirando forte. Lei si sente intrappolata, piacevolmente costretta sotto di lui, con ancora le cosce strette al suo corpo e il suo cazzo dentro, che pian piano diventa meno duro, anche se ancora voluminoso.
Finalmente lui si discosta, le restituisce i vestiti prendendoli da terra e: "Ora te ne puoi andare, puttana! E torna quando vuoi essere scopata, tanto lo so che non aspettavi altro, che ti è piaciuto! Lo so, ritornerai!"
Lei si alza, offesa, gli volta le spalle, si rimette le mutandine con ancora la sborra che le cola dalla fica, si riveste e si volta verso di lui: "Vaffanculo stronzo! E impara a scopare prima, che sei una mezza sega!"
Esce sbattendo la porta, chiama l'ascensore, entra, preme "T", le ante si richiudono e finalmente si accoscia mettendosi la testa tra le mani. Piange per essersi sentita offendere in quel modo. Era stato straordinario, una scopata come mai prima, da ripetere più e più volte. Ma perché si è comportato così da stronzo? Si riaprono le ante e scappa verso la macchina. Per fortuna abita a 300 metri dall'ufficio, ecco perché passa sempre da lì.
Torna a casa e il resto è storia.

Finito il racconto lei è in lacrime, la prendo tra le braccia e stringo a me: "Tranquilla amore, non preoccuparti. Può capitare di sbagliare, ti capisco. Ora però fa che non succeda più. Io ti avevo detto di provocarlo, non di andarci a letto! Comunque me la sono cercata anche io. E' anche colpa mia. Dimentichiamo tutto, ti va?"
Lei mi guarda con gli occhi umidi e mi bacia dolcemente. Dimentichiamo tutto e facciamo l'amore, io pensando a lei sottomessa e posseduta da quel bulletto, e sono sicuro lei ripensando a quei fantastici momenti di sesso, puro e semplice sesso!

Questo racconto di è stato letto 3 8 7 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti coppie cuckoldracconti erotici caneracconti amatoriali per adultiracconti erotixiracconti erotici confessioniracconti erotickmarito porta moglie alla montastorie xxxho scopato la nonnanonno superdotatoraccontii eroticiracconti hard tradimentosexi raccontiracconti di orgestorie feticistestorie porno gratisracconnti eroticiracconti erotici di donne anzianeraccontitransracconti sexnonno superdotatoincesto nonna e nipotei raconti di miluracconti gay pelosiracconti erotici amiciracconti erotici tra suocera e generoracconti porno cuckoldracconti eoricistorie di adultiracconti di milu dominazioneracconti erotici caninel culo di mia suoceraracconti milunudaerotiraccontiracconti dominazionestorie porno gratisracconti erotici animalisiti racconti pornoracconti donne troiedonne che fottono con animaliracconti posculacciate erotichemilù raccontistorie di sottomissioneforum al femminile racconti eroticiracconti di suocerawww.eroticiracconti.itracconti erotici con animaliracconti erotici tutto in famigliaracconti erotuciracconti erotici gay gratisracconti erotici pulpstorie vere incestiracconti erotici mracconti porno italianoraccontieroticnuovi racconti eroticiracconti pompinoporno racontistorie di sesso gratisstorie porno gratisstorie lesboracconti animal sexincesti lesbicitrans eroticiracconti eroticracconti erotici ewritersraccontiereacconti eroticiracconti prime esperienzeracconti erotici.comravconti pornoracconti erotici estate