Domino in pizzo

Scritto da , il 2020-03-02, genere incesti

Ho perso anche il lavoro del negozio di intimo al centro commerciale, è cominciata a sparire roba, io non c'entravo un cazzo, quello che prendevo lo poi sempre rimesso a posto, ma la responsabile che mi ha sempre tenuto sul culo, ne ha approfittato per farmi una scenata d'avanti a tutti e licenziarmi.
Come se non bastasse la mamma saputa la storia si è incazzata a bestia e ho rimediato un ceffone, il divieto di uscire se non per andare all'università, cercarmi un lavoro, per fortuna con la mediazione del babbo ,sono riuscita a tenermi internet, che la pazza voleva togliermi.
Per un pò ho cercato un lavoro e devo dire che molti in paese si sono mostrati disponibili ad assumermi, ma non mi va di lavorare nel bar in piazza, nella merceria sul corso, ne di svegliarmi alle 5:30 per vendere pizzette e brioches del fornaio vicino alla chiesa ,ne sopratutto di lavorare con la mamma al discount, ho una dignità io!
Poi per fortuna sento Ciro, mi fa sempre piacere parlare con lui, è divertente, ha una voce profonda, virile e quando comincia a dirmi certe cose finisco sempre per bagnarmi tutte le mutandine. Vorrebbe vedermi per passare un oretta insieme sul lungo lago offrirmi da bere e scoparmi sul cofano della sua nuova auto sportiva, quando gli racconto che sono in punizione e le sfighe che mi sono capitate negli ultimi tempi, lui si offre di darmi una mano. Cosi scopro che Ciro investe soldi nell'industria dell'intrattenimento ed è socio in alcuni locali notturni, strip club per esser precisi e mi dice che avrebbe giusto bisogno di una ragazza carina ,sofisticata ed intelligente come me per un lavoro molto semplice, devo essere gentile ,disponibile accogliere i clienti e accompagnarli al tavolo, anche se ammette che i soldi veri si fanno ballando e spogliandosi. Accetto, dico ai miei genitori e a Luca il mio ragazzo che non ama la vita notturna, che ho trovato un lavoro come PR in una discoteca e per quattro sere a settimana lavoro in un club nella parte nord del lago.
Lavoro bene ,l'ambiente è carino ed abbastanza elegante , il posto è a 40 km da casa, ci arrivo in corriera all'andata e al ritorno c'è sempre qualcuno dello staff che mi da un passaggio. Sembra tutto perfetto, lavoro 4 gg a settimana ,sono sempre in tiro , Ciro viene a trovarmi tutti i venerdì sera e ogni tanto a fine serata scopiamo sul divanetto mentre discute con gli altri soci, non mi da fastidio farlo con un pubblico. Un giorno mi riposo ,solo pieno relax, gli altri due esco con le amiche ,vedo Luca, faccio shopping, studio per l'università, ho sostenuto tre esami di seguito e la mia media si è alzata un casino. Poi visto il mio carattere comincio ad annoiarmi, le serate sono sempre uguali e uno dei barman ,Shimmy ,con cui sono entrata in confidenza, molto carino, ma decisamente Gay, mi convince a provare con lo strip, le doti non mi mancano. Parlando con alcune delle ragazze per avere qualche consiglio e saper quanto guadagnano, solo poche sono disponibili, le altre sono acide, gelose e stronze, scopro che lavorando bene anche solo tre sere a settimana, porterei a casa, più di quello che guadagna mio padre in ufficio da dirigente, anche se all'inizio devo farmi il culo, spero non in senso letterale.
Cosi mi decido, annuncio la mia intenzione a Ciro che ne è entusiasta, gli domando se posso celare la mia identità con una maschera e una parrucca, lui mi consiglia di esibirmi a viso libero, gli uomini o almeno i clienti del suo locare ,vogliono guardare in faccia la ballerina, corro il rischio di fare pochi prive che poi sono il vero guadagno delle ragazze, ma non me la sento, almeno all'inizio.
Dopo un mese ho una busta paga assurda, più tutti gli extra totalmente in nero, nonostante il camuffamento ,contrariamente a quello che diceva Ciro, sto ottenendo un discreto successo e capitano sere che dopo ogni mia esibizione arrivo a fare 2 o 3 prive, strofinare il culo sull'erezione di un estraneo dargli l'illusione che potrebbe succedere qualcosa e poi lasciarlo a bocca asciutta, senza che lui possa muovere un muscolo, ti da una sensazione di potere assoluto.
Ogni tanto mi lascio andare, quando il cliente in questione mi intriga parecchio, o sono troppo su di giri per darmi una controllata e ci scappa il bonus, una sega veloce, un pompino o mi concedo il piacere di un ditalino a vantaggio reciproco, mio e del cliente servito.
Durante un privè un cliente abituale si sega guardandomi, viene nel suo bicchiere di whisky on the rocks e dietro la promessa di una bella mancia ,mi chiede di berne il contenuto, lo faccio senza troppi problemi, l'alcol che resta e il ghiaccio copre il sapore dello sperma a cui da un po' mi sono abituata. Lo fanno tutte e di solito ci scappa un extra generoso che però devi smazzare con quelli della sicurezza per comprarti il loro silenzio, visto che la politica aziendale ufficiale vieta certe intimità tra ragazze e i soci del club.
di recente mi sono beccata un caziatone dal capo, ho portato un dildo sul palcoscenico e mi ci sono divertita d'avanti a tutti niente di estremo, i clienti hanno apprezzato, ma lui si è incazzato come una iena sostenendo che il suo è un locale di classe, quasi perdevo il lavoro, non mi ha buttato fuori solo perché sono la pupilla di Ciro.
Lavorando in quel night, ho scoperto che molte ragazze sono bisex o lesbiche, Rosanna, una delle ragazze colpita dal mio numero col dildo prima mi ha sedotto sotto la doccia nello spogliatoio, poi mi ha convinto ,una volta a settimana, quando il capo non c'è r visto che il resto dello staff non è cosi severo su certe cose, a fare un numero in coppia sul palco, cosi ho scoperto che non mi dispiace essere leccata da un altra donna e che il sapore della fica non mi rincresce affatto.
Una sera dopo essermi scatenata sul palco ed aver raccolto un botto di mance, Adam uno dei camerieri mi dice che mi vogliono ad un tavolo in uno dei salottini ,nuovi soci ed è gente che paga bene, quando arrivo scopro che nel gruppetto di tre uomini attempati e arzilli c'è un volto a me noto, il mio dolce papino.
Gli altri due sono due suoi colleghi d'ufficio, uno in particolare lo conosco da una vita andavo a danza insieme alla figlia, non sembrano riconoscermi con la domino in pizzo che indosso sul viso e ubriachi come sono, uno mi allunga una banconota da duecento euro e chiede di fare compagnia a lui e ai suoi amici che sono molto tristi, la cosa mi intriga sono simpatici allegri e un po' mi sento in famiglia, bevo e mi lascio andare.
Faccio il mio solito numero di lapdance fanno piovere banconote sul mio culetto e concedo anche il bis ma, non basta e dopo la terza bottiglia di Cristal e la seconda di Vodka mi ritrovo seduta sul divanetto presa tra i due focosi colleghi di mio padre ,ho le loro manaccie da per tutto, lui ci guarda in disparte mentre io ricambio le loro interesse, poi come mi ricorda uno dei due, è il suo turno.
Gattono fino da lui arrapata e completamente fuori di me, gli apro la patta e bramosa gli tiro fuori l'uccello già bello che in tiro, ridacchio pensando alla pazzia che sto per compiere e me lo metto in bocca ma, lui non sembra in grado di rilassarsi, forse sono troppo aggressiva.
Per tranquillizzarlo, come quand'ero bambina, mi metto a cavalcioni sulle sue gambe ,il suo cazzo mi batte contro la pancia, lo abbraccio ,lo bacio, lo coccolo tra le mie tette e lui si scioglie un po.
mettendomi le mani sulle natiche mi dice che ho il culo come quello di sua figlia, la cosa mi arrapa ancora di più, sposto di lato lo slip del bikini che indosso e prendo a strofinare la mia fichetta contro il suo uccello, sono cosi bagnata e dilatata che nemmeno mi accorgo quando il suo cazzo mi scivola dentro.
Gli altri due ci incitano e lanciano banconote verso di me, le mani del mio papino mi afferrano le chiappe mentre con movimento pelvico faccio si che il suo pisellone mi chiavi nel profondo della mia micia vorace.
Non trattengo più i gemiti, il suo cazzo ormai e completamente dentro di me, getto al testa indietro e lui mi tiene per i fianchi lentamente mi appoggia sul tavolini di cristallo e dopo essersi liberato dei pantaloni mi solleva le cosce e mi scopa d'avanti ai suoi amici entusiasti, ed arrapati.
Mi chiava per dieci minuti senza sosta poi mi avvisa che sta per venire, gli dico “vienimi dentro papino” e lui esplode riempiendomi fino all'orlo la fica
Paparino riprende fiato seduto sul divanetto mentre i due amici si complimentano con lui, io mi godo gli spasmi dell'orgasmo che mi ha regalato dalla fica borbottante colano rivoli di sborra, lui mi osserva sistemandosi la cravatta e mi dice quanto gli piaccio. lo faccio impazzire ,che tornerà spesso a chiavarmi e quanto è incredibile la assomiglianza con la sua dolce tatina. io non vedo l'ora...

Questo racconto di è stato letto 2 4 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


racconti erotici papasesso estremo con animaliblog racconti pornoracconti massaggiraconti sexracconti porno amatorialiracconti ereoticierotici racconti 69porno racconti gratisla porca di mia ziaracconto erotracconti di incesti realiracconti erotici slavestorierotichemamma troia raccontiracconti gay gratismilù raccontiporno racconti animalracconti erotiviracconti e storie eroticheracconti hard gratuitiraconti hotstorie di milùiincesti italianibello sticchioracconti adultimia suocera che troiaracconti oornogang bang raccontiracconti feticismoracconti sesso gratisracconti di donne troieracconti scambistiraconto pornoracconti prime esperienzeracconti eoritciracconti zia troiasorella esibizionistaracconti erpticierositalia raccontimassaggi erotici raccontiracconti matureracconti di erosracconti cuckold realimariti cornuti e mogli troiespanking raccontiscovolinaraccnti pornostorie di sesso veroracconti erotici ricattatastorie hotrecconti eroticistorie di orgegeniv racconti eroticiraccontipornograficiracconti porno genivstorie zozzeracconti prima volta sessoracconti piccanti gratisraccontisexiracconti erotici infermierarecconti eroticiracconti anzianestorie di mogliracconti feticismoracconti erotici i generiracconti mamma e figlioracconti porno anzianiracconti hard verifaccio sesso con mia cuginachiavare la cognataracconti porno incestuosiracconti porno scritti da donneerotici racvonti