''Dàlla'' dalla vetrina (2)

Scritto da , il 2020-02-26, genere esibizionismo

Mi accomodo sul letto a gambe incrociate, con ancora i seni all’aria e le mutandine ormai fradice. L’attesa non fa altro che far aumentare il mio desiderio. Ho troppo voglia di essere scopata da quel ragazzino, di avere la sua testa tra le cosce e stringere tra le mani i suoi ricci. Chiudo gli occhi e immagino la sua bocca sulla mia figa, le sue labbra che baciano le mie e i suoi denti che mordono il clitoride e lo tirano. La sua lingua che lecca la mia apertura e che entra violentemente, e poi esce, e ancora di nuovo dentro e fuori, più velocemente, e ancora, fino a bagnarsi barba e a bocca dei miei liquidi che continuano a sgorgare senza ritegno.
Senza rendermene conto ho cominciato a palpare i miei seni, stringo i capezzoli tra le dita e li tiro; gemo. Appoggio la testa al muro e spalanco le gambe. Gli slip sono fradici e sto per bagnare anche le lenzuola. Mi ritrovo a pregare che quel ragazzetto arrivi presto o non riuscirò a trattenermi dal masturbarmi pensando alla sua lingua che mi scopa la figa, che succhia il mio clitoride. Gemo ancora, non riesco a resistere.
Mi abbasso gli slip fino alle ginocchia e comincio a massaggiarmi il clitoride. Sto per infilare un dito dentro quando sento il materasso abbassarsi e una mano afferrarmi per i capelli e tirarmi la testa indietro.
Apro gli occhi e vedo davanti a me un viso squadrato contornato da una leggera barba bionda e sormontato da una massa di ricci ben definiti.
-Hai detto che mi avresti aspettato-
La sua voce è acuta, non di certo una voce da uomo, eppure il tono con cui l’ha detto e quel mezzo sorriso sghembo mi provocano una scossa proprio in mezzo alle gambe.
-Ci hai messo troppo tempo, non ho resistito- gli dico, e poi cerco di spingermi verso il suo corpo ma lui me lo impedisce, tirandomi i capelli e mettendo una gamba piegata in mezzo alle mie. Sento il suo ginocchio premere contro la mia figa, e la stoffa dei sui pantaloni solleticarmi il clitoride. Muovo il bacino per strusciarmi contro la sua gamba; gli bagnerò i pantaloni, sono eccitatissima.
Con l’altra mano afferra le mie e le blocca sopra la mia testa. Avvicina il viso al mio orecchio, mi morde il lobo e poi mi sussurra –dovrò punirti per essere stata cattiva, lo sai-. Gemo sentendo il suo ginocchio premere di più tra le mie gambe. In un attimo mi solleva e mi fa sdraiare con la testa penzoli fuori dal bordo del letto e le gambe piegate coi piedi appoggiati alla parete per sostenerle. Lui è in piedi davanti alla mia faccia, lo vedo abbassarsi boxer e pantaloni e afferrare il suo cazzo duro in mano. È messo bene il ragazzino. Comincia a segarsi avvicinandolo alla mia bocca. Vedo la cappella già umida dei suoi umori e mi lecco le labbra, vogliosa di assaggiarlo. Lui appoggia la punta sulle mie labbra e mi spalanca le gambe. Senza esitazione mi infila tutto il cazzo in bocca, ed io la allargo per farne entrare il più possibile. Lo sento grugnire, e sento una sua mano poggiarsi sulla mia figa, la accarezza con tutto il palmo e poi, d’improvviso, la schiaffeggia. Io gemo con il suo cazzo che mi arriva fino alla gola e lui continua: un altro schiaffo, un po’ più forte di prima, ed ancora un altro, più forte ancora. Sento le gambe tremarmi mentre lui gioca con la mia intimità e muove il bacino facendo entrare ed uscire il cazzo dalla mia bocca, spingendolo sempre più dentro ad ogni affondo. Stringo le labbra ogni volta che entra e lo succhio forte. Poi smette di muoversi e sono io a fare su e giù con la testa. Ne voglio ancora non può fermarsi. Gli succhio forte la cappella passando la lingua sulla punta e poi tutt’intorno. Un altro schiaffo più forte degli altri arriva ma dopo anziché allontanare la mano infila due dita dentro di me che scivolano all'interno senza esitazione. Si piega leggermente su di me e comincia a muovere velocemente la mano. Mi spinge il cazzo così a fondo nella gola che quasi mi soffoca. Un rivolo di bava mi cola dalla bocca lungo la guancia. È estasiante avere un cazzo in bocca mentre con le dita ti scopano. Comincio ad ansimare, un po’ per il suo cazzo che mi blocca il respiro, un po’ per le ondate di piacere che mi pervadono. E sento lui fare lo stesso, sento il suo respiro farsi pesante e lo vedo gettare indietro la testa in preda al piacere. E quando infila un altro dito dentro di me allargo la bocca più che posso per gemere vergognosamente nonostante il suo membro me la stia scopando selvaggiamente. Sto quasi per venire sulla sua mano quando si allontana bruscamente da me, sfilando dita e cazzo dai miei buchi. Io mi tiro su, e cerco di prendere aria, il respiro è affannoso e la voglia non fa altro che aumentare. Ci guardiamo per qualche secondo, fin quando lui a grandi passi si avvicina alla tenda e mi trascina con sé.
Siamo in piedi, uno davanti all’altro, ed è lui a parlare per primo: -che ne dici di aprirla?- chiede indicando la tenda. –non possiamo, è contro le regole- mi sento in imbarazzo, è la prima volta che qualcuno mi propone di mostrare al pubblico fuori ciò che succede qui dentro.
Lui mi si avvicina e mi gira di spalle, cominciando a baciarmi il collo. Sento le sue mani stringermi i fianchi, la sua bocca baciare la mia schiena e i suoi ricci solleticarmi la pelle. –vuoi farmi credere che non ti ecciterebbe essere scopata mentre decine di sconosciuti guardano le tue tette muoversi su e giù- e dicendo questo mi stringe forte il seno tra le mani –non vuoi fargli vedere la tua faccia da porca mentre godi?- sento il suo cazzo farsi strada dal mio sedere alla mia figa, sento la sua cappella bagnarsi mentre sfrega contro il mio buco –dillo che non aspetti altro che farti guardare da tutti mentre un uomo ti sfonda-
Questa frase arriva al mio orecchio come un sussurro, non finisce neanche di parlare che infila il suo cazzo dentro di me, mi spinge la testa in avanti facendomi piegare a 90, e tenendomi per le spalle comincia a spingere il suo cazzo nella mia figa. Lo sento duro, grosso, sento le pareti della mia vagina allargarsi per adattarsi al suo membro, lo sento entrare e uscire velocemente, con forza, e questo mi annebbia il cervello.
Come se le mie mani avessero vita propria afferrano la tenda e la spalancano.
La luce che proviene da fuori mi abbaglia e sono costretta a chiudere gli occhi per un momento. Quando li riapro di fronte a me ci sono meno di una decina di persone che mi guardano stupefatte. Le vedo avvicinarsi e il loro sguardo diventa man mano più scuro, più voglioso.
Il ragazzo dietro di me continua a scoparmi selvaggiamente mentre mi sussurra, tra un gemito e l’altro, che sono la sua porca, ed io mi sento sopraffatta dal piacere.
Il piacere di avere un grosso e duro cazzo che mi penetra brutalmente, provocando tremori in tutto il mio corpo. Il piacere di essere ammirata in un momento così intimo, il momento in cui esplodo in un orgasmo tanto travolgente da lasciarmi bagnata e senza forze. Il piacere di poter mostrare finalmente tutta la mia devozione e la mia passione verso il sesso che si traduce in una me, in ginocchio, con il viso sporco di sperma dopo che il ragazzo uscito dalla mia vagina si è apprestato a venirmi in faccia, svuotandosi completamente. Il piacere di assaggiare il sapore di un altro sconosciuto, diverso da quelli provati finora ma altrettanto buono, altrettanto cremoso. Il piacere di vedere un cliente sorridente, soddisfatto che prima di uscire da quella porta mi implora di poter provare di nuovo la sensazione delle mie labbra sul suo cazzo, ormai privo di vigore. Il piacere di sapere, che la serata non è ancora finita, e che mi aspettano altri clienti, altrettanto vogliosi e altrettanto pronti a farmi godere.

Questo racconto di è stato letto 2 0 2 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti di esperienze sessualiracconti erotici donne incinteprima esperienza cuckoldracconti pornograficii racconti di mikuracconti erotici vergineracconti cuckholdraccoti pornoracconti erotici bondageracconti erotici travestitosverginamento vaginalestorie vere di donne che tradisconoraccontizoofiliaraccontisessotrav raccontimilf raccontiho chiavato mia madregeneri raccontiracconti eroticiidonne che scopano con i canimia suocera che troiaeroticiraccontiracconti eroticiùstorie di figaporn raccontistorie erotic eracconti poenozia troia raccontiincesti freestorie porno tradimentoracconti erotici idraulicoracconti erotici gay fratelliinculo mia suoceraerotici gayquella porca di mia cuginai racconti erotici di miluracconti erotici itar acconti eroticistorie erotiche piedila zia raccontiguzzon59racconti erotici incesti gayracconto erotracconti oornostorie erstorie sesso realipompino a mio figlioracconti sexiracconti hard bisexstorie ponomoglie scopata dal ginecologoracconti zozziraccontiscambistiracconti erotici mogli infedeliracconti erotici fratello e sorellaracconti porno trenoracconti di sesso gratisstorie e racconti eroticigenere racconti eroticiracconti eraticistorie erotiche piediracconti erotici gayerotociraccontimasturbazione femminile yahoostorie ornoracconti arrapantiracconto erostorie sculacciateracconti erotocoracconti piediniracconti erotici generiracconti incetuosiracconti erotici fotograforacconti hot gratisracconti erotici nataleracconti sex gratisracconti-eroticiracconti porno mia suoceralesbo storieracconti erotici nudistiracconti in cestoracconti hard bisexstorie etoticheracconti erotici masturbazione femminilemasturbazioni violenteballbusting storiera cconti erotici